Articoli marcati con tag ‘trasporto pubblico’

Riflessioni a Tastiera Aperta – 5 aprile 2014

sabato, 5 aprile 2014

La Casta è unita in abbraccio mortale per la sopravvivenza.
La loro.

Quanto mi piacerebbe vivere in un paese in cui i candidati alla poltrona di sindaco concorressero sulla base di una analisi del bilancio comunale e nella proposizione di programmi di governo cittadino che ristrutturino e riorganizzino i servizi comunali (è questo il primo dovere di un comune) proponendo una gara in cui il rapporto tra qualità, fruibilità, accessibilità, efficacia ed efficienza dei servizi si intersechi con una diminuzione dei costi di questi servizi.
Ma assistiamo a spot elettorali che ignorano questo tipo di competizione.
Per carità, validi e importanti i motivi a difesa della vita umana e della vivibilità della città.
Ma nei paesi virtuosi si concorre ai municipi nei termini che io indico.
Qualcuno ha voglia di provarci?

A partire dal minuto 26 intervengo proponendo il concetto di controllo di prossimità. #anticorruzione.
clicca qui

In momenti di crisi la ricchezza si racchiude in poche mani.
Politica debole non difende ricchezza del popolo usurata da furbi.

Moda, musica, spettacolo: l’evasione fiscale è tendenza universale.
Non viene mai punito nessuno e senza danno

Questo paese ha bisogno di essere governato.
Governare gli italiani non è impossibile, è inutile.

La lunga serie di terremoti che scuotono la crosta terrestre da un paio di anni fanno riflettere negli effetti endogeni:
cause antropomorfe?

L’eurozona dei paesi virtuosi non ha bisogno alcuno di essere salvata.
In pericolo sono i paesi viziosi.

Leggo di alcuni giovani che hanno implementato gli effetti della #marijuana usando #ecigs.
Penso invece a uso #ecigs per assunzione #farmaci

Il costo del lavoro bisogna abbatterlo.
Giù cuneo di 160mld da ripartire 50/50 tra lavoratori e aziende, solo settore privato.

Se fosse ancora in vita Guglielmo Giannini, qualcuno dovrebbe dirgli che aveva ragione.
Welfare Addio

Gioco della matrioska:
chiudo ma non chiudo le #province, però sposto il loro debito alle #regioni, così potranno indebitarsi ancora di nuovo

Negare la realtà non serve a diminuire il danno

L’attacco alla democrazia è progressivo e costante.
Preoccupazione elevata contenimento indignazione.

118 Foggia: automedica+ambulanza. Automedica guasta: ambulanza+ambulanza.
Soccorsi con ambulanze Lucera x penuria ambulanze Foggia con soccorsi non effettuabili in meno di 30 minuti primi.

In Italia esiste crisi indipendentismo veneto:autodeterminazione dei popoli è diritto inalienabile?
E allora? Costituzione sopra diritti fondamentali e inalienabili dell’umanità?

Vorrei sapere come fanno a governare e riformare il lavoro se non hanno mai lavorato un solo giorno della loro miserabile vita di parassiti.

#PIL italiano in caduta libera La cosa peggiore è #mafia primo agente economico italiano che fattura, nel solo caso della mafia storica calabrese ‘ndrangheta, più di McDonald e Deutsche Bank messi insieme.
PIL mafioso impone legge mafiosa. #democrazia kaput

66 anni, 3 repubbliche e 27 governi di impero della corruzione e delle mafie che hanno preso possesso di tutto il paese.
Scappano tutti.

Il consumo lo fa chi lavora. ma i politici italiani non lavorano ed hanno dimenticato il valore del lavoro per vivere.

La trattativa stato-mafia ci fu. I traditori ci furono. E hanno fatto carriera. Sono ai massimi vertici dello stato.

La vera libertà, la vera rivoluzione, il vero cambiamento è non votare.

Nei 20 anni in cui la mafia imperava incontrastata, 6 di 8 ministri dell’interno erano campani.
1 di quei 6, è capo dello stato, per due volte consecutive. #trattativastatomafia
Domanda Intelligente

Per cambiare sistema va eliminata questa casta, tutta. in un modo o nell’altro.

Popolo sovrano esautorato, democrazia ostaggio maggioranza paese mafiosa, illegalità principio fondante.
Sistema va sostituito.

Opinionisti dicono #Renzi ultima speranza x paese. Si parla apertamente di #fucili in caso di fallimento.
Se sn come carro armato veneto siamo a posto.

Mah, qui continuano a far finta di non capire. Secondo me, finisce male.

Tesi: anche oggi non hanno tagliato nulla.
Antitesi: perché domani sì?
Sintesi: né tagli né licenziamenti daranno continuità tra ieri e oggi.

Domanda: il reato mafioso è punito in Italia?
Risposta: No, solo in fattispecie associativa.
reato comportamento mafioso

la casta non può fermare la mafia di cui è complice, anche solo per omissione

Sin quando la casta gira in auto blu, non capirà mai il disagio di vivere e spostarsi in questa Italia.

mal comune, mezzo gaudio: se la mafia è anche al nord, tutti sono mafiosi, nessuno è mafioso.
Maggioranza paese mafiosa è stato mafioso.

Siamo di fronte a troppi tradimenti di uomini nelle istituzioni del giuramento di fedeltà allo stato.
Pena adeguata per il Tradimento? La fucilazione.

Non può una casta politica accusata di essere mafiosa e corrotta punire corruzione e mafia adeguatamente.
Impunità garantita.

Ha perso la casta politica, come al solito. Ha vinto la casta burocratica,
Come al solito, anche x province e senato. Dittatura burocratica.

In democrazia non esiste un concetto di legittimità formale dello stato. La legittimità o è formale e sostanziale ovvero non è. #democrazia

Il Sud trascina l’Italia nella crisi del vizio. Ma questo non si può dire.
Classe dirigente meridionale scandalosa. Anche questo non si può dire.

Benvenuti nella #crisi. Dopo un periodo di #recessione la crisi inizia, non finisce.
Non ve l’hanno detto? #sapevatelo

L’irrisolta questione dello smaltimento e del riciclo rifiuti si trasforma in aumento dei metalli pesanti nel sangue.

Abbiate pazienza, ma se la sinistra non c’è, la destra non è mai pervenuta.
Il sistema è corrotto e mafioso: deve finire.

Trattativa stato-mafia: un tradimento che va duramente punito.

Chi comanda in Italia? Un ex fascista ed ex comunista e un ex socialista, ex liberale ed ex riformatore
La strana coppia degli ex sempre al potere.

Che Dio abbia pietà dei pietosi e di chi ha bisogno.
Non della elemosina, ma salvaguardia della vita e dignità umana.

L’Europa è solo lo spauracchio per celare colpe delle classi dirigenti italiane.
Lo scarica-barile sposta mirino indignati.

Dopo taglio a #sicurezza ecco taglio a #sanita :
la forbice è quella giusta, la stoffa da tagliare è quella sbagliata. #spendingreview

Io non sono un fazioso. Io, sono un senza fazione. Io sono #divergente .
Se non possono inquadrarti, non possono controllarti. Non mi avranno.

Stamane sono transitato nella zona pedonale di Foggia, pareva “Jurassc Park”:
dinosauri politici che credevo estinti erano a caccia di voti.

Metti una democrazia in mano ai viziosi e ti ritrovi un gran bordello aperto a tutte le ore

Ricchi porci approfittano di prostitute minorenni: niente carcere,solo una multa.
La legge è uguale solo per i poveri.

Dedicato a chi crede uno scherzo l’indipendentismo veneto: Secessione del Veneto: 24 arresti.
Arrestato carro armato travestito da trattore agricolo.

Corsa ai seggi europei per un popolo di candidati anti-europeisti.
Non gli farà mica schifo se Unione Europea li paga e li rimborsa in Euro?

Chissà perché aspettano sempre la morte di qualcuno per dichiararsene discepolo postumo.

L’alternanza della #casta : chi vara le riforme oggi le ha impedite ieri. E viceversa.

Non state lì a criticare, niente dietrologia: il popolo soffre e voi avete il dovere di muovere il culo per aiutarlo.
In tutti i modi.

Un virtuoso governa, un vizioso cerca consenso.

Continua l’isolamento globale della Russia. Nato: “reagiremo a ogni minaccia”
Si scalda la guerra fredda.

Le opinioni personali non sono contemplate in atti dovuti:
nostro rammarico avervi a comando e governo del Paese.

Contratti lavoro dipendente e contratti erogazione servizi devono essere mensili:
soddisfazione cliente corrisponde a rinnovo contratto. #x

Classe politica italiana distrugge economia e paese reale, erode diritti, libertà, democrazia.
Casta è crisi, non e mai soluzione alle crisi.

Il governo governa e impone indirizzo politico o raccoglie consenso?
In paese vizioso pensa a consenso, in virtuosi governa.

I #cristiani sono ammazzati brutalmente nei paesi #mussulmani.
Una micidiale #guerra non dichiarata di cui #occidente pare non interessarsi.

Avere 627.689 visualizzazioni su #googleplus e solo 167 follower.
Tanti quelli che non vogliono rendere nota la provenienza dei loro post.

Questa giustizia è amministrata per classi sociali: chi esce pagando lecitamente e chi illecitamente.
Poi c’è la prescrizione.

La #leganord passa da qualunquismo e rivendicazione territoriale ad una appartenenza dichiaratamente berlusconiana, di destra, nazionale.

Le PMI (90% delle aziende italiane) sopravvivono esclusivamente perché alle aziende come meno di 16 dipendenti (PMI) è consentito licenziare

Quanta paura fa un uomo morto 70anni fa?
Quanto doveva essere grande quell’uomo?
E quanto piccoli i suoi avversari?

La casta politica ha perso al senato e nelle province. La casta burocratica ha vinto al senato e nelle province.

I potenti, i ricchi e gli intoccabili in Italia godono di un procedimento giudiziario personalizzato: la prescrizione.

Eurozona problema? Come se fosse questo il problema. Crescita ostacolata da condizioni endogene.

“In Congress, Democrats Are The Party Of The Rich.”

Ogni volta che una parte politica governa lamenta cattiva politica UE.
Ogni volta che cambia governo in Italia popolo perde.

Siamo al’ultima spiaggia per salvare ‘questo sistema assai corrotto e mafioso’.
Ma un altro sistema sorgerà, come il sole ogni giorno.

Quando l’Africa camminerà sulle proprie gambe? Dobbiamo pensare sempre noi a loro?
Stampella o bastone? Quale Africa vogliano?

Popolo italiano impreparato a stress test bancarelle idagliane Stop Informate BCE Stop
Vogliamo banche tedesche Full Stop

Non può un sistema autoreferenziale come questo essere cambiato dal suo interno, osservando le sue regole.
Arrendetevi.

Al senato come nelle province si salva la burocrazia, non la politica.
Chi esercita il potere pubblico?

Di fronte al blocco politico-burocratico che impedisce le riforme da sempre, anche Gesù Cristo potrebbe diventare un Mussolini.

Quando avrete finito di fare politica con il terrorismo e il fantasmismo in Italia, lanciate il messaggio in una bottiglia

La chiamano #spendingreview ma non la fanno all’inglese: 90mld di tagli e 400.000 licenziamenti settore pubblico.

In passato troppe finte riforme hanno spezzato speranza, disilluso i sogni, rovinato il presente.
Fatti, non parole.

Metti un pallone e ventidue paperoni ignoranti in una nazione intera con 60milioni di ignoranti ed hai disegnato l’idaglia degli idagliani.

Si buttano i richiami al gioco di squadra, alla appartenenza. In Italia vogliono tutti essere allenatori o punte e son buoni neanche a vivere

In Italia #sindacatolavoratori pretende di condizionare #strategieaziendali per ricattare #imprenditori a fini che definirei anti-sindacali.

Per non dimenticare perché siamo in Afghanistan con truppe: per impedire finanziamento signori guerra con proventi droga.

Via segreto stato #sciechimiche per sapere chiusura #bucoozono con anti-alogenuri?
Via segreto stato da mandanti terrorismo politico/mafioso!

Il bicameralismo perfetto è impedimento puro alla democrazia repubblicana e costituzionale.
Tagliare il senato non farà che bene

fatturato berlusconiano sale con b al governo e scende con b a casa.
L’errore di b è vivere di Stato invece di diminuirlo.

L’indirizzo politico è del potere esecutivo, non della prima, della seconda né della terza carica istituzionale.

Le riforme a metà. Via la politica da province. Resta la burocrazia. Idem per senato e cnel.
Altrimenti chi vi vota?

La verità è sempre scomoda : è anche vero che, quando non si gestiscono milioni di euro, essere onesti è più facile.

Un conflitto origina da ragioni, premesse, pregiudizi propri. Nessun accordo pacifica senza soluzione delle origini.
Così x tutti conflitti.

Il destino dei democratici è sempre quello di non rispettare le regole ed accusare gli altri di averle infrante.

Fisco:metà italiani dichiara meno di 15 milaeuro.Un attimo, guardo fuori.
No,qui passano solo auto di italiani con reddito superiore a 15000

Forse, quando non si è Dio, è un male gettare la croce sulle spalle di Cristo

Berlusconi: «Non abbandonate gli animali» Citazione autobiografica.

Mentre la #Russia sovietica torna un pericolo comunista, #Cuba apre al #capitalismo.
Non tutti perseverano negli errori commessi in passato.

Unificare contratti lavoro dipendente pubblico e privato è atto di giustizia sociale, economica, umana:
lavoratori comparto privato indifesi, privi di tutele e umiliati.

Se un ministro espone forme femminili è perché manca forma mentale adeguata al ruolo, manca altro e di meglio da esporre.

Stato spacciatore monopolista sigarette da combustione tassa #ecigs per mantenere alto fatturato sanità pubblica x tumori derivanti da fumo.

Sono miope ed anche diabetico, ma non sono scemo. Renzi non farà quello che deve, farà ciò che gli porta voti.

Io non perdonerò mai berlusconi di aver rappresentato interessi mafiosi e personali sovrapponendoli agli interessi di stato.

Se licenziate dipendenti pubblici, fucilate mafiosi, incarcerate corrotti e togliete il diritto di voto a evasori e corrotti, chi vi vota?

In una democrazia bloccata piegata in trattative traditrici con le mafie l’opposizione viene sospesa dal parlamento. Inaudito.

Anagrafe civile, tributaria, sanitaria, previdenziale. Dopo unificazione polizie dovremo pensare a unificazione anagrafica.

La virtù è amara,il vizio dolce.

Parità dei diritti.
Ok, fuciliamo un uomo e un gay per ogni donna o bambino uccisi, violentati, stuprati, dimenticati dall’egoismo sessuale.

Perché il 90% delle imprese italiane è #PiccoleMedieImprese.
Perché sotto la panca dei 16 dipendenti i parassiti non campano. #PMI #articolo18

Se non riparte l’economia,è stallo finanziario.I governi possono rompere stallo liberando risorse con #spendingreview

cercano la guerra tra poveri, per creare disordini e imporre stato di emergenza: così la casta resta al potere per sempre.

Meglio aspirapolvere che far carriera sulle disgrazie, le miserie e le guerre altrui.

Perché ammassate truppe al confine ucraino? 50.000 soldati non sono un esercito di invasione?
O temete che l’Ucraina vi invada?

I missili americani non sono sempre armati con testate nucleari.

“La cosa più triste nella vita è il talento sprecato” Cit Twitter

Prendi la Crimea con la forza? E perdi la Siria con la forza.
Prendi il Mar nero con la forza? e Perdi il Mediterraneo con la forza.

pensa a te, figliolo, che io invece di andare a messa, controllo di essere umano

La sinistra europea è caduta. Le destre montano in Europa. Il potere in Europa è in mano alle donne:
Angela Merkel e Marine Le Pen.

Cronaca di un viaggio nei (dis)servizi italiani

venerdì, 3 febbraio 2012

Un tempo non lontano, la stazione di Foggia veniva considerata il secondo snodo ferroviario dopo quello di Bologna, con molteplici collegamenti ferroviari quotidiani con Milano e Torino.

Oggi invece, i collegamenti della stazione di Foggia con Milano sono ridotti ad un solo treno Frecciabianca che parte alle 16:45 ed arriva a Milano poco prima della mezzanotte.

Cosa ci faccia un viaggiatore catapultato alla mezzanotte in una città come Milano, è un dilemma che nessuno dei grandi poppieri e comandanti di trenitalia e di rfi pare si sia posto.

In effetti, l’esclusione volontaria della direttrice da nord a sud adriatica dall’alta velocità, fa intendere il favore di cui godano città come salerno e napoli, raggiunte e coperte da un servizio di alta velocità pagato da tutti gli italiani, ma rivolto solo a loro.

Evidentemente poppieri e comandanti di rfi e di trenitalia vengono anch’essi dalla ormai famigerata terra di produzione dei campioni comandanti idagliani come Stecchino e Che falco.

Così, dopo un viaggio per le nevi italiane partito con un ritardo annunciato in 30 minuti, arriviamo in stazione centrale con un ritardo analogo, o giù di lì.

Via di corsa attraversando la stazione centrale di milano in direzione stazione porta garibaldi, da dove partono i treni per Varese, la mia destinazione finale.

Scendo dalla Metro e scopro che la mia coincidenza per Varese è già partita.

Troppo tardi.

“Mannaggia, che sfortuna,” dico fra me e me, mentre chiedo quando parte il prossimo mezzo per Varese.

Un colpo di tosse susseguente ad una extra sistole accoglie la notizia che, prima delle cinque e mezza del mattino seguente, nessun mezzo era previsto in partenza per Varese.

Che Dio strafulmini la dirigenza ferroviaria italiana e le loro coincidenze:

ma non conoscevano le condizioni in cui si viaggia in questi giorni di freddo e di neve?

Ed il giorno seguente devo anche lavorare!

Ok, organizziamoci e cerchiamo di sopravvivere sino al mattino.

Esco dalla stazione e mi rendo conto che Milano è una specie di cella frigorifera dove ghiaccio e neve condizionano pesantemente le condizioni di vita.

Tento di riprendere la metro per tornare nella più accogliente stazione centrale, ma la metro ha chiuso le sue corse e le sue entrate.

Ok, vediamo di non perdere la pazienza e cerchiamo un luogo caldo che ci accolga per un po, nonostante l’ora tarda.

Attraverso un Corso Como pieno di giovani con tanta voglia di divertirsi e di locali colmi di divertimento e musica.

Mi fermo in una pizzeria, l’unica che offra ancora un pasto caldo a quell’ora.

Una pizza in solitudine mangiata fra le urla divertite e divertenti di un gruppo di giovani americani, ragazzi e ragazze che sembrano festeggiare un evento, forse, un compleanno.

Guadagno tempo ed esco per ultimo alla una e trenta, accolto dal solito frigorifero ghiacciato che è divenuta l’atmosfera milanese.

Mi dirigo in stazione porta garibaldi e scopro che è ormai chiusa anche quella.

Il panico mi sorprende:

ed ora, dove vado, cosa faccio sino alle cinque e trenta?

Riesco a rientrare in stazione attraverso un accesso utilizzato dai clochard che lì trovano un luogo caldo e riparato per dormire.

All’interno, un tizio mi avverte che sarebbe meglio per me raggiungere la stazione centrale, per trovare riparo da una notte che si preannuncia piuttosto freddina.

Mi spiega come raggiungere la centrale a piedi e mi avvio.

Arrivo completamente ghiacciato (il mio abbigliamento era da viaggio in treno invernale, non da scalata dell’Everest) e con sorpresa trovo alcuni viaggiatori all’esterno della stazione che è invece chiusa.

Busso, mi apre una guardia giurata:

la stazione è chiusa, riapre dopo le quattro, mi dice.

Con una improvvisa quanto giustificata collera protesto e contesto tale situazione, spiegando le mie ragioni derivanti da una mancata coincidenza e da un ritardo ferroviario di loro competenza.

Scriva una lettera di protesta ai giornali, mi risponde melliflua la signora guardia.

Il mio vaffanculo più caloroso per trenitalia, rfi e signora guardia non ha mai varcato la mia arcata dentaria, ma lo si è letto distintamente nei miei occhi, vista anche la fretta con la quale la guardia richiude la porta.

Ma insomma, in giornate di emergenza neve come queste, questi idioti mai puniti non hanno nemmeno previsto che qualche viaggiatore potesse perdere una coincidenza e restare tutta la notte all’agghiaccio?

Lasciare aperta la stazione ed una sala d’attesa riscaldata per chi avesse un titolo valido ed un buon motivo per star lì in attesa del prossimo treno in partenza è veramente chiedere troppo in un paese di deficienti trogloditi sempiterni aspiranti cittadini?

Idioti da passeggio noleggiati come cani per ciechi:

questi sono i dispensatori di (dis)servizi pubblici a pagamento in italia.

Sconsolato, riprendo la strada ghiacciata che mi riconduce alla stazione di porta garibaldi.

Entro dalla solita porticina per gli esclusi dalla residenza italiana e mi dirigo verso i binari, in cerca di non so cosa, forse, un miracolo.

Sono completamente ghiacciato e mi dirigo alla macchina distributrice di bevande calde.

C’è già un altro passeggero sperduto come me, modello Peter Pan.

Prende una bevanda calda in silenzio, senza salutarmi.

Mi guardo intorno, ed il mio spirito di osservazione individua ben quattro pantegane all’opera fra i rifiuti dietro la macchina da caffè.

Avviso l’altro passeggero sperduto che le guarda incredulo.

Ci guardiamo per la prima volta negli occhi e ci raccontiamo le nostre reciproche vicende di sprovveduti fruitori di disservizi italiani.

Cerchiamo un luogo meno esposto al freddo e lo troviamo in basso, verso la rete ferroviari passante, fra le proteste dell’addetto alle pulizie che è appena passato con la macchina idropulitrice:

ma è tutto ancora bagnato!

Capirai:

piove sul bagnato dopo aver nevicato ….

Il viaggiatore è un ragazzo con una chitarra a tracolla, vuole sposare una ragazza brasiliana e cerca un lavoro e una casa.

Passiamo il tempo tentando di sfuggire al freddo, cercando di pensare ad altro.

Liberalizzazioni, governo Monti, entrata nel mondo del lavoro, informazione controllata ed illiberale, politici corrotti, figli di papà politicanti encefalo-privi sistemati alla grande con stipendi da 12.000 euro.

Questi ed altri argomenti ci hanno consentito di raggiungere l’orario sperato.

Partiamo, finalmente.

Arrivo a Varese veramente stanco.

Faccio colazione pensando alla previdenza con cui il mio capo aveva cambiato il mio turno di lavoro facendolo iniziare dalle 14 anziché dalle 10, proprio in virtù di quel viaggio fulmineo di andata e ritorno per correre al capezzale di un padre ottantaquattrenne da operare chirurgicamente con una certa urgenza.

Potrò dormire alcune ore, grazie a lui, prima di iniziare la mia giornata di lavoro.

Forse sarà passato anch’egli sotto le forche caudinee dei (dis)servizi italiani.

L’esperienza spesso fa la differenza.

Ma al prossimo che mi decanta l’efficienza lombarda e milanese, gli tiro un gran cazzotto, dritto dritto nei denti.

Buona notte a tutti.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X