Articoli marcati con tag ‘strage di capaci’

Pena di Morte : dalla parte di chi ha subito violenza e morte

martedì, 4 dicembre 2012

Decenni di benessere eccessivo han distrutto ogni orientamento civile, ogni senso della equità e della giustizia, della corrispondenza e della deterrenza.

Oggi in Italia, si ammazza, si uccide violentemente con una ragionevole certezza di evitare la giusta punizione.

Nove anni di reclusione per un uomo che uccise una donna con un pugno in stazione a Roma, poi diminuiti in secondo grado a soli otto anni.

Non è giustizia questa:

quell’assassino uscirà presto, molto presto, pagherà poco e niente per il suo gesto e sarà indotto a reiterare l’omicidio, visto che lo stato non lo punisce affatto per il suo gesto assassino.

E di questi casi border line della legalità, della sicurezza dei cittadini e della giustizia, di reiterazioni innumerevoli di gravi reati che potevano essere impediti, dei rom ubriachi che uccidono al volante di un’auto e poi tornano da uomini liberi ad uccidere ancora ubriachi alla guida di un’auto, di violentatori malpuniti o mai puniti che tornano a violentare ancora donne e bambini, ne sono pieni i tribunali, le pagine dei giornali e le vite assai abusate e violentate dei cittadini italiani, affatto difesi e tutelati da “questo stato”, di fatto e di diritto.

E quale pietà dovremmo consegnare a portatori di morte come gli spacciatori di droghe?

E perché mantenere a vita in un costoso carcere i boss ed i killer della mafia?

Quale etica e quale morale, quale stoffa umana credete abbiano persone che hanno commissionato e realizzato centinaia e centinaia di omicidi, incaprettamenti, ferimenti, atti intimidatori, incendi dolosi, estorsioni, atti di infiltrazione usuraia, ecc, ecc?

Qual’è il principio secondo il quale dovremmo perdonare un pluriomicida, un soggetto mafioso, un elemento socialmente pericoloso come un grosso evasore fiscale ovvero un usuraio o un corrotto?

E visto che la normativa attuale e le punizioni inflitte non fanno altro che garantire uno stato di insicurezza e di ingiustizia fatale al sistema paese, perché dovremmo perdonare e, nella pratica, non punire reati così socialmente, economicamente e politicamente diffusi e pericolosi per la vita stessa dello stato democratico?

Viene il momento in cui occorre difendersi dal mare di violenza gratuita e di sopraffazione da parte delle corporazioni dei corrotti e dei corruttori e da parte delle organizzazioni mafiose.

Giovanni Falcone, eroe italiano dell’Anti-mafia insieme al collega giudice ed amico Paolo Borsellino ed al Generale dell’Arma dei Carabinieri Carlo Alberto dalla Chiesa, e grande esperto del fenomeno mafioso, così definì la mafia:

La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine

E come ognuno di noi sa benissimo, la fine di ogni fenomeno umano, di ogni essere umano, di ogni essere vivente, è la morte.

Ed è solo la Pena di Morte per i comportamenti mafiosi e non solo per l’associazione mafiosa, che consegnerà all’Italia un Paese normale, un paese finalmente libero da ogni mafia, che sia interna e/o esterna al corpo dello stato, infiltrata o ricattatrice delle sue istituzioni.

Infatti, proprio in questi giorni, veniamo informati dal Pubblico Ministero Anti-mafia Nino (Antonino) Di Matteo che:

La strage di via D’Amelio fu fatta per proteggere la trattativa dal pericolo che Borsellino, venutone a conoscenza, ne denunciasse pubblicamente l’esistenza”.

La trattativa fra stato e mafia fu invece prefigurata dal Paolo Borsellino:

Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio:
o si fanno la guerra o si mettono d’accordo
“.

Lo stato democratico fondato su di un eccesso di benessere che non c’è più e non tornerà per molto tempo sì è quindi piegato al ricatto mafioso, è sceso a patti, condizioni e trattative con le organizzazioni mafiose, ha svenduto e tradito il popolo sovrano ed il giuramento di fedeltà allo stato, quella fedeltà e quella lealtà che sono costate la vita ai veri servitori dello stato, ai veri eroi italiani:

quelli fatti ammazzare dalle mafie.

Non è possibile ed è inumano ed è incivile che il reato di strage derivante dal disastro ambientale che ha ucciso ed uccide nella campania con la diossina della monnezza napoletana e che ha fatto strage e fa e farà ancora strage e per molto tempo di uomini e donne, bambini ed anziani innocenti, non venga punito con la Pena di Morte:

questo è incivile e desta dubbi atroci di posizionamento dello stato, delle sue istituzioni e dei suoi apparati.

Non è possibile ed inumano ed è incivile che il reato di strage derivante dal disastro ambientale che ha ucciso ed uccide nella città di taranto con la diossina propagata dalla industria ILVA della famiglia Riva e che ha fatto strage e fa e farà ancora strage e per molto tempo di uomini e donne, bambini ed anziani innocenti, non venga punito con la Pena di Morte:

questo è incivile e desta dubbi atroci di posizionamento dello stato, delle sue istituzioni e dei suoi apparati.

E non è possibile vedere costantemente lo stato, i suoi uomini, i suoi apparati, il potere esecutivo, il potere legislativo e la presidenza della repubblica rendersi artefici e carnefici continui e costanti di una prevaricazione del potere giudiziario, come appare molto più che evidente nel caso della “trattativa stato-mafia” e nel caso di annullamento degli effetti delle sentenze della magistratura, come nel caso dell’IVA di Taranto, la cui famiglia Riva sia finanziatrice del Pierluigi Bersani, papabile premier italiano nel prossimo anno.

No, tutto questo non è possibile.

No, tutto questo, va punito duramente ed in modo esemplare.

Occorre urgentemente adottare la Pena di Morte per i seguenti reati di :

pluriomicidio
violenza sessuale
abuso d’ufficio
concussione
corruzione
evasione fiscale
usura
associazione mafiosa
strage
alto tradimento
concorso esterno in associazione mafiosa
comportamento mafioso.

In sub ordine si può solo prevedere l’ergastolo fine vita in regime di carcere duro per chiunque commetta reati grazie alla funzione od al potere pubblico rivestito ed abusato o evada il fisco, lasciando l’adozione della Pena di Morte per tutti i reati mafiosi, di grave pericolosità sociale, usura compresa.

E chi difende “certo garantismo” e “certa moderazione”, è certamente posizionato contro l’interesse del paese e del popolo sovrano.

Simili con i simili:

non c’è più una terza via, e forse, non c’è mai stata.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Uccidere un mafioso non è reato – Pena di Morte per i mafiosi

sabato, 19 maggio 2012

Ancora un attacco della malavita italiana al debolissimo stato di diritto, istituzionalmente infiltrato dalle organizzazioni mafiose nel commercio do ut des fra posti di lavoro pubblici ed appalti pubblici contro voti, il cosiddetto voto di scambio.

La mafia alza il tiro, vista l’impunità della quale gode il primo agente economico italiano e la prima azienda italiana per fatturato:

la mafia spa.

L’Europa invita l’Italia a divenire adulta, el adiminare ogni riserva di potere pubblico abusato in virtù di arricchimenti personali, famigliari, di casta, di corporazione, di mafia.

Ma la casta politica italiana, vile ed inetta, ignorante ed arrogante, presuntuosa e corrotta, già una volta scese a patti con le mafie e segnò la resa dello stato di diritto alle organizzazioni mafiose, la resa dello stato all’antistato.

Così le mafie, che conoscono benissimo la viltà dei politici italiani, assai simile alla viltà del comandante napoletano della Costa Concordia Francesco Schettino, minacciano nuovamente il popolo e lo stato italiano a mezzo bomba in quel di Brindisi, proprio in quel sud dove lo stato perde sempre e la mafia vince sempre, usando spesso e volentieri lo stesso potere dello stato.

Una scuola, ragazzi e ragazze, l’inviolabilità dell’innocenza, della gioventù, della fanciullezza.

Colpire al cuore della società, nella zona più inerme.

Così una bomba composta di esplosivo e ben due bombole di gas GPL viene fatte deflagrare nei pressi di una scuola, ad una certa distanza dal tribunale, bomba che uccide una ragazza innocente di appena 16 anni, Melissa bassi, e ne ferisce altre sette.

L’istituto scolastico aveva vinto un premio nel tema della Legalità e porta il nome di “Francesca Laura Morvillo Falcone”.

Torna la pressione mafiosa proprio mentre i napoletani Napolitano (Presidente della Repubblica e Capo dello Stato) e Severino (Ministro della Giustizia) ed il siciliano Renato Schifani (Presidente del Senato della Repubblica) preparavano l’ennesimo indulto, l’ennesimo atto di viltà e di tradimento, caratteristiche proprie di tutta la classe dirigente italiana, soprattutto quella di origine meridionale, sia che comandino una nave da crociera e sia che comandino un paese intero.

L’indole arrendevole, vile, indolente e pigra del meridionale ben si presta alla pressione mafiosa, che ottiene sempre una capitolazione del meridionale se non una sua vera e propria complicità.

E basti vedere come è ridotto il meridione d’Italia per comprendere quanto sia autentica questa realtà.

Ma proprio come (pre)disse Giovanni Falcone:

« La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine. », la fine del fenomeno mafioso quindi, coinciderà con la sua morte fisica, con la morte fisica dei mafiosi.

Se la mafia è un fenomeno umano, la sua fine non potrà che esserne indiscutibilmente la morte.

Se esistesse una classe dominante di vincitori di concorso pubblico e di pubbliche elezioni non asservita alle organizzazioni mafiose, vedremmo, dopo questo vile attentato, una applicazione a tolleranza zero della legge nei confronti dei mafiosi, come vedremmo l’immediata approvazione di una unica legge con tre articoli:

articolo 1

uccidere un mafioso, sia volontariamente che involontariamente, non è reato

articolo 2

il reato di associazione mafiosa è punito con la morte per impiccagione in pubblica piazza

articolo 3

chiunque si renda complice o favorisca in qualunque modo un soggetto mafioso od una organizzazione mafiosa, sia che ne ottenga un utile diretto od indiretto o non ottenga alcun utile, ovvero agisca in sostegno o collaborazione in favore di un mafioso o di una mafia sotto ricatto o minaccia o liberamente, viene punito con la pena di morte a mezzo impiccagione in pubblica piazza.

Se lo stato si è sempre arreso alla prepotenza e alla violenza mafiosa, il popolo dovrà manifestare la sua contrarietà alla dominazione mafiosa ed alla eccessiva arrendevolezza di uno stato che, come il suo ministro dell’interno, dinanzi a tali avvenimenti, non sa far altro che bofonchiare in modo incomprensibile nel tg, invece di chiedere la pena di morte per i mafiosi.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X