Articoli marcati con tag ‘stato mafioso’

Il Sud, la mafia, la politica e la democrazia mafiosa

mercoledì, 6 gennaio 2016

Et voila

Come Volevasi Dimostrare

Anche i grillini pizzicati a far patti con la camorra napoletana per avere voti e garantire posti di lavoro pubblici per i parenti dei mafiosi:

l’onestà andrà di moda.

Ma non in questa Italia, non nel sud di questa Italia.

Sempre le intercettazioni tra mafiosi (Dio le benedica e le mantenga) ci rivelano uno spiraglio di verità reale in questo nuovo scandalo della pizza connection condita di cannuoli alla siciliana:

«Adesso si deve portare a votare chiunque esso sia, anche le vecchie di ottant’anni. Si devono portare là sopra, e devono mettere la X sul Movimento 5 Stelle»

Questo fatto non mi sorprende e non mi meraviglia:

affatto.

Chiunque prenda voti nel sud deve scendere a patti con la malavita, con i delinquenti, con la criminalità e con le organizzazioni mafiose.

E tutti prendono voti al sud, tranne la Lega Nord.

E il fatto che gli ultimi tre mandati alla presidenza della repubblica italiana siano andati ad un napoletano (con il record assoluto di due mandati consecutivi) ed a un siciliano raccontano bene questa condizione di sudditanza del sistema democratico al controllo assoluto e totale che hanno le mafie nel Paese Reale.

Se ci andasse un veneto o un lombardo al Colle del Quirinale o a palazzo Chigi, magari ascolteremmo ben altra musica, come ai bei tempi di Roberto Maroni.

Ma la mafia vieta allo stato di concedere che anche il nord venga rappresentato equamente nelle istituzioni come in tutti i livelli burocratici e tecnocratici, nei gangli di quello stato che parla dialetti meridionali, che nasconde segreti maligni e stringe patti e trattative con le mafie.

E non è un caso che il leader del M5S sia un napoletano.

Come non è un caso che beppe grillo chiese ed ottenne di incontrare giorgio napolitano, il gran maestro dell’inciucio stato-mafia.

E sempre nelle intercettazioni di una indagine contro la ‘ndrangheta (operazione “Kyterion 2″) si legge:

” … quando sono andato io c’era Massimo Ranieri, Gianni Letta… in questa caserma che abbiamo fatto insieme pure le fotografie ho e un latro… era un latro importante… invece ora, a novembre, mi danno Cavaliere del lavoro, devo andare da Napolitano, devo andare… perché poi conosci una fascia di persone…”.

Per un attento osservatore come me, nato e cresciuto nel sud, non serve leggere per capire, non serve chiedere per capire:

nel sud tutto è mafia, è tutta una mafia, la stessa, senza distinzione di ruolo e di parte, di stato o antistato.

La puzza si sente, appesta ogni cosa, soprattutto il potere pubblico.

La mancata previsione e punizione del Reato di comportamento mafioso in un paese così mafioso attesta e certifica da quale parte stiano le istituzioni politiche e i legislatori italiani.

Le troppe volte in cui si stralciano posizioni scomode dai processi mafiosi, le troppe volte in cui i mafiosi escono di galera per prescrizione o per decorrenza dei termini ovvero, udite udite, perché un giudice non ritenga di origine mafiosa una guerra sanguinosa tra clan mafiosi nelle strade di Bari a colpi di pistole e mitra d’assalto, tutte queste “troppe volte” sono di troppo, ma rappresentano anche il pane quotidiano nel sud, purtroppo.

Non se ne esce.

Non certo in una democrazia così piegata al ricatto mafioso del consenso, non con un voto così fortemente e totalmente indirizzato dalle mafie verso politici accondiscendenti, ricattabili, complici, idioti e incompetenti, messi lì apposta perché nulla cambi, perché lo stato non prevalga, perché la mafia resti il potere assoluto, l’unico potere.

La mafia infiltra lo stato attraverso la politica, ricattandola con il voto:

non potrà mai essere una casta politica piegata a codesto ricatto a sconfiggere la mafia, ad eliminarla, a metterla al muro e fucilarla come merita.

Non c’è che una sola via d’uscita:

Dichiarare lo Stato di Emergenza

Adottare il codice militare penale di guerra

Istituire la Pena di morte per i mafiosi e i corrotti, per politici e burocrati che violano il giuramento di fedeltà allo stato, che lo tradiscono

Altrimenti ci prendiamo tutti in giro.

Ed io, non amo perdere il mio tempo con chi non vuol cambiare nulla perché sguazza bene nella merda.

Depenalizzare?
Indulgere?
Amnistiare?
Perdonare?

Tutti verbi che si coniugano con mafia, democrazia mafiosa, stato mafioso.

No grazie, preferisco vivere e morire da uomo libero.

Magari morire sotto i colpi di questa società mafiosa, che uccide negando il lavoro, la libertà e la dignità umana piuttosto che con la pistola o con il mitra.

Ti deridono, attentano alla tua integrità morale e materiale, fisica e mentale.

Ma io non mollo, non cedo, non mi piego e sogno il momento in cui li vedrò davanti ad un plotone di esecuzione, in pubblica piazza, dopo la messa domenicale e prima del sacro pranzo domenicale, dinanzi alle loro famiglie, ai loro figli, ai loro amici di merende.

Sogno quella scarica di piombo che, unica, potrà salvare questa Italia da questi italiani.

Che siano maledetti.

In questa vita e non in un’altra, in questo tempo e non mai.

O loro o io:

insieme MAI.

Non c’è posto per entrambi in questa mia vita massacrata dal vostro essere merda di fogna tracimata ed emersa in enormi quantità sino ad assurgere al merito di dignità umana, di corpo sociale, di classe dirigente.

Non c’è una terza via.

Non c’è mai stata.

Quando quella merda raggiungerà anche le vostri menti e rischierà di affogarvi, allora capirete che non vi è una via di mezzo, che non può coesistere lo stato con la mafia, capirete che uno dei due è di troppo.

E capirete anche che il perdonismo e il perbenismo non sono altro che frecce nell’arco del vostro assassino.

Allora e solo allora capirete che è una questione di sopravvivenza, di vita o di morte.

Allora sognerò Falcone, Borsellino e Dalla Chiesa e li vedrò ridere, finalmente soddisfatti, finalmente vendicati.

Siamo in stato di guerra contro mafia e corruzione, contro mafiosi e corrotti:

combattete, difendetevi o fuggite, come fanno i tanti italiani che scelgono l’esilio rifuggendo da questa merda pestilenziale, da questo cancro mortale.

Torneranno solo se voi vi dimostrerete all’altezza della grande storia italiana, romana e latina.

Altrimenti, quella storia e quella grandezza saranno condannate alla estinzione, per sempre confuse con furbizia e ignoranza, masochismo e menefreghismo.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Art 1 costituzione: La sovranità appartiene al popolo

lunedì, 24 novembre 2014

Nelle regionali 2014 votate ieri in Calabria ed Emilia Romagna, un terzo degli italiani si è recato a votare.

Due terzi dei cittadini italiani hanno rifiutato la delega di sovranità popolare a questo stato antidemocratico, fallito, parassita, assai corrotto e mafioso.

Articolo 1 della costituzione italiana:

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Possiamo riscrivere questo articolo partendo dalla situazione di fatto e di diritto così come è decaduta oggi:

L’Italia è una Repubblica anti-democratica, affondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che non la esercita e ne viene defraudato e derubato nelle forme e nei limiti della legge dalla casta politico-istituzionale che è anti-costituzionale.

Con la negazione della delega di sovranità del popolo sovrano allo stato anti-democratico italiano, si stabilisce e si afferma che:

(1)
le leggi elettorali-truffa hanno il solo fine di usurpare il Popolo della sua propria e indivisibile sovranità popolare e di garantire una legittimità istituzionale e costituzionale del tutto formale, con la complicità vile, traditrice e criminale delle istituzioni che avevano giurato di difendere e di fare osservare la costituzione e l’hanno invece travisata e distrutta nella sua applicazione nella realtà, garantendo e difendendo solo criminali, delinquenti, mafiosi, corrotti, corruttori, evasori, elusori e usurai e massacrando il popolo dei lavoratori, delle famiglie e delle imprese;

(2)
la casta governa a tutela esclusiva del crimine e abusa del potere pubblico rivestito per arricchirsi in continui conflitti di interessi privati e personali con interessi pubblici e statali;

(3)
la casta, in accordo con le organizzazioni mafiose definito in trattative continuate e aggravate con le mafie, ha tradito lo stato ed il giuramento di fedeltà ad esso consentendo alle mafie di divenire più forti dello stato stesso, firmando in definitiva, una resa senza condizioni dello Stato all’anti-stato, della Legalità alla illegalità, della democrazia alla dittaura del più forte, del male assoluto;

(4)
tale condizione di tradimento ha allontanato la stragrande maggioranza dei cittadini italiani dal consegnare la delega di sovranità alla partitocrazia e alla truffa politico-istituzionale vigente che ha esiliato le migliori menti, le migliori gambe e le migliori braccia italiane al fine di favorire il dominio mafioso, ricevendone in cambio arricchimento e potere sottoforma di corruzione, concussione abuso d’ufficio e di potere pubblico, piegato a interessi particolari e illegali, anziché generali e legali.

Il gioco della casta è scoperto, la sovranità resta nelle mani del popolo che la eserciterà molto probabilmente in polizia del popolo, tribunali del popolo, governo dle popolo.

Lo stato è delegittimato, fallito e indirizzato da interessi antitetici con quelli del popolo italiano.

Occorre immediatamente dichiarare lo Stato di Emergenza,
azzerare ogni pubblica amministrazione che non sia un servizio fondamentale,
istituire il reato di comportamento mafioso e punirlo insieme ai reati di corruzione, concussione, abuso di potere pubblico, abuso d’ufficio pubblico, evasione fiscale grave e l’usura con al pena di morte.

Questo stato è mafioso e corrotto e non può essere né salvato, né riformato, né cambiato.

Urge azzerare questo stato e costituirne un altro stato, un nuovo stato che sia intransigente e perentorio nell’affermare la Sicurezza interna ed esterna del Paese Reale, nell’assicurare Giustizia, nel curare la salute pubblica, nell’offrire servizi fondamentali accessibili, reali ed economici ai cittadini.

L’Italia e gli italiani ha bisogno di affermare che i migliori italiani devono restare e non essere esiliati, emarginati e mortificati, che chi sbaglia e non osserva la legge non vince, ma paga, che il merito e l’onestà siano valori che nessuna laurea regalata, comprata o scambiata possa limitare, che nessuna raccomandazione politica o condizionamento mafioso e/o straniero possa prevalere sulle imprese e sulle famiglie, che la Libertà tornerà a vivere in questo paese, solo a condizione che si torni a difendere Abele e non caino.

Non voglio più vedere prevalere la cialtroneria di ignoranti travestiti da professori universitari affermare che, l’astensionismo elettorale è frutto del benessere generato dalla democraiza, poiché è vero l’esatto contrario e che il perdono sia la chiave per il recupero di criminali irrecuperabili.

Non voglio più vedere giudici asserviti, ricattati, corrotti dalla casta politica o dalle mafie, ma liberi arbitri ed esecutori fedeli della legge e della amministrazione della giustizia.

Non voglio più vedere forze di polizia e forze militari svuotate o limitate nei poteri, male organizzate, malformate, malpagate e costrette a rincorrere una giustizia che libera i delinquenti più rapidamente di quanto loro non riescano a metterne in galera.

Non voglio più vedere parassiti pubblici fancazzisti che dimostrano il loro strapotere abusando di tutto e di tutti, dimenticando che essi sono al servizio, sono servitori del popolo, non asserviti a caste, corporazioni ed organizzazioni mafiose e criminali, antidemocratiche e liberticide.

Lo stato è stato desovranizzato, deligittimato e nessuna legittimazione formale riuscirà a contenere la mia indignazione e l’indignazione di un intero popolo sottomesso al male assoluto.

Basta:

il magna magna generale è finito, è venuto il momento di saldare il conto con l’oste della storia.

Buffoni di corte:

andate a fare in culo tutti quanti, luridi cenci mafiosi, porci corrotti di merda.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino “X”
alias Maximilien-François-Marie-Isidore de Robespierre
detto l’Incorruttibile

Riflessioni a Tastiera Aperta – 5 aprile 2014

sabato, 5 aprile 2014

La Casta è unita in abbraccio mortale per la sopravvivenza.
La loro.

Quanto mi piacerebbe vivere in un paese in cui i candidati alla poltrona di sindaco concorressero sulla base di una analisi del bilancio comunale e nella proposizione di programmi di governo cittadino che ristrutturino e riorganizzino i servizi comunali (è questo il primo dovere di un comune) proponendo una gara in cui il rapporto tra qualità, fruibilità, accessibilità, efficacia ed efficienza dei servizi si intersechi con una diminuzione dei costi di questi servizi.
Ma assistiamo a spot elettorali che ignorano questo tipo di competizione.
Per carità, validi e importanti i motivi a difesa della vita umana e della vivibilità della città.
Ma nei paesi virtuosi si concorre ai municipi nei termini che io indico.
Qualcuno ha voglia di provarci?

A partire dal minuto 26 intervengo proponendo il concetto di controllo di prossimità. #anticorruzione.
clicca qui

In momenti di crisi la ricchezza si racchiude in poche mani.
Politica debole non difende ricchezza del popolo usurata da furbi.

Moda, musica, spettacolo: l’evasione fiscale è tendenza universale.
Non viene mai punito nessuno e senza danno

Questo paese ha bisogno di essere governato.
Governare gli italiani non è impossibile, è inutile.

La lunga serie di terremoti che scuotono la crosta terrestre da un paio di anni fanno riflettere negli effetti endogeni:
cause antropomorfe?

L’eurozona dei paesi virtuosi non ha bisogno alcuno di essere salvata.
In pericolo sono i paesi viziosi.

Leggo di alcuni giovani che hanno implementato gli effetti della #marijuana usando #ecigs.
Penso invece a uso #ecigs per assunzione #farmaci

Il costo del lavoro bisogna abbatterlo.
Giù cuneo di 160mld da ripartire 50/50 tra lavoratori e aziende, solo settore privato.

Se fosse ancora in vita Guglielmo Giannini, qualcuno dovrebbe dirgli che aveva ragione.
Welfare Addio

Gioco della matrioska:
chiudo ma non chiudo le #province, però sposto il loro debito alle #regioni, così potranno indebitarsi ancora di nuovo

Negare la realtà non serve a diminuire il danno

L’attacco alla democrazia è progressivo e costante.
Preoccupazione elevata contenimento indignazione.

118 Foggia: automedica+ambulanza. Automedica guasta: ambulanza+ambulanza.
Soccorsi con ambulanze Lucera x penuria ambulanze Foggia con soccorsi non effettuabili in meno di 30 minuti primi.

In Italia esiste crisi indipendentismo veneto:autodeterminazione dei popoli è diritto inalienabile?
E allora? Costituzione sopra diritti fondamentali e inalienabili dell’umanità?

Vorrei sapere come fanno a governare e riformare il lavoro se non hanno mai lavorato un solo giorno della loro miserabile vita di parassiti.

#PIL italiano in caduta libera La cosa peggiore è #mafia primo agente economico italiano che fattura, nel solo caso della mafia storica calabrese ‘ndrangheta, più di McDonald e Deutsche Bank messi insieme.
PIL mafioso impone legge mafiosa. #democrazia kaput

66 anni, 3 repubbliche e 27 governi di impero della corruzione e delle mafie che hanno preso possesso di tutto il paese.
Scappano tutti.

Il consumo lo fa chi lavora. ma i politici italiani non lavorano ed hanno dimenticato il valore del lavoro per vivere.

La trattativa stato-mafia ci fu. I traditori ci furono. E hanno fatto carriera. Sono ai massimi vertici dello stato.

La vera libertà, la vera rivoluzione, il vero cambiamento è non votare.

Nei 20 anni in cui la mafia imperava incontrastata, 6 di 8 ministri dell’interno erano campani.
1 di quei 6, è capo dello stato, per due volte consecutive. #trattativastatomafia
Domanda Intelligente

Per cambiare sistema va eliminata questa casta, tutta. in un modo o nell’altro.

Popolo sovrano esautorato, democrazia ostaggio maggioranza paese mafiosa, illegalità principio fondante.
Sistema va sostituito.

Opinionisti dicono #Renzi ultima speranza x paese. Si parla apertamente di #fucili in caso di fallimento.
Se sn come carro armato veneto siamo a posto.

Mah, qui continuano a far finta di non capire. Secondo me, finisce male.

Tesi: anche oggi non hanno tagliato nulla.
Antitesi: perché domani sì?
Sintesi: né tagli né licenziamenti daranno continuità tra ieri e oggi.

Domanda: il reato mafioso è punito in Italia?
Risposta: No, solo in fattispecie associativa.
reato comportamento mafioso

la casta non può fermare la mafia di cui è complice, anche solo per omissione

Sin quando la casta gira in auto blu, non capirà mai il disagio di vivere e spostarsi in questa Italia.

mal comune, mezzo gaudio: se la mafia è anche al nord, tutti sono mafiosi, nessuno è mafioso.
Maggioranza paese mafiosa è stato mafioso.

Siamo di fronte a troppi tradimenti di uomini nelle istituzioni del giuramento di fedeltà allo stato.
Pena adeguata per il Tradimento? La fucilazione.

Non può una casta politica accusata di essere mafiosa e corrotta punire corruzione e mafia adeguatamente.
Impunità garantita.

Ha perso la casta politica, come al solito. Ha vinto la casta burocratica,
Come al solito, anche x province e senato. Dittatura burocratica.

In democrazia non esiste un concetto di legittimità formale dello stato. La legittimità o è formale e sostanziale ovvero non è. #democrazia

Il Sud trascina l’Italia nella crisi del vizio. Ma questo non si può dire.
Classe dirigente meridionale scandalosa. Anche questo non si può dire.

Benvenuti nella #crisi. Dopo un periodo di #recessione la crisi inizia, non finisce.
Non ve l’hanno detto? #sapevatelo

L’irrisolta questione dello smaltimento e del riciclo rifiuti si trasforma in aumento dei metalli pesanti nel sangue.

Abbiate pazienza, ma se la sinistra non c’è, la destra non è mai pervenuta.
Il sistema è corrotto e mafioso: deve finire.

Trattativa stato-mafia: un tradimento che va duramente punito.

Chi comanda in Italia? Un ex fascista ed ex comunista e un ex socialista, ex liberale ed ex riformatore
La strana coppia degli ex sempre al potere.

Che Dio abbia pietà dei pietosi e di chi ha bisogno.
Non della elemosina, ma salvaguardia della vita e dignità umana.

L’Europa è solo lo spauracchio per celare colpe delle classi dirigenti italiane.
Lo scarica-barile sposta mirino indignati.

Dopo taglio a #sicurezza ecco taglio a #sanita :
la forbice è quella giusta, la stoffa da tagliare è quella sbagliata. #spendingreview

Io non sono un fazioso. Io, sono un senza fazione. Io sono #divergente .
Se non possono inquadrarti, non possono controllarti. Non mi avranno.

Stamane sono transitato nella zona pedonale di Foggia, pareva “Jurassc Park”:
dinosauri politici che credevo estinti erano a caccia di voti.

Metti una democrazia in mano ai viziosi e ti ritrovi un gran bordello aperto a tutte le ore

Ricchi porci approfittano di prostitute minorenni: niente carcere,solo una multa.
La legge è uguale solo per i poveri.

Dedicato a chi crede uno scherzo l’indipendentismo veneto: Secessione del Veneto: 24 arresti.
Arrestato carro armato travestito da trattore agricolo.

Corsa ai seggi europei per un popolo di candidati anti-europeisti.
Non gli farà mica schifo se Unione Europea li paga e li rimborsa in Euro?

Chissà perché aspettano sempre la morte di qualcuno per dichiararsene discepolo postumo.

L’alternanza della #casta : chi vara le riforme oggi le ha impedite ieri. E viceversa.

Non state lì a criticare, niente dietrologia: il popolo soffre e voi avete il dovere di muovere il culo per aiutarlo.
In tutti i modi.

Un virtuoso governa, un vizioso cerca consenso.

Continua l’isolamento globale della Russia. Nato: “reagiremo a ogni minaccia”
Si scalda la guerra fredda.

Le opinioni personali non sono contemplate in atti dovuti:
nostro rammarico avervi a comando e governo del Paese.

Contratti lavoro dipendente e contratti erogazione servizi devono essere mensili:
soddisfazione cliente corrisponde a rinnovo contratto. #x

Classe politica italiana distrugge economia e paese reale, erode diritti, libertà, democrazia.
Casta è crisi, non e mai soluzione alle crisi.

Il governo governa e impone indirizzo politico o raccoglie consenso?
In paese vizioso pensa a consenso, in virtuosi governa.

I #cristiani sono ammazzati brutalmente nei paesi #mussulmani.
Una micidiale #guerra non dichiarata di cui #occidente pare non interessarsi.

Avere 627.689 visualizzazioni su #googleplus e solo 167 follower.
Tanti quelli che non vogliono rendere nota la provenienza dei loro post.

Questa giustizia è amministrata per classi sociali: chi esce pagando lecitamente e chi illecitamente.
Poi c’è la prescrizione.

La #leganord passa da qualunquismo e rivendicazione territoriale ad una appartenenza dichiaratamente berlusconiana, di destra, nazionale.

Le PMI (90% delle aziende italiane) sopravvivono esclusivamente perché alle aziende come meno di 16 dipendenti (PMI) è consentito licenziare

Quanta paura fa un uomo morto 70anni fa?
Quanto doveva essere grande quell’uomo?
E quanto piccoli i suoi avversari?

La casta politica ha perso al senato e nelle province. La casta burocratica ha vinto al senato e nelle province.

I potenti, i ricchi e gli intoccabili in Italia godono di un procedimento giudiziario personalizzato: la prescrizione.

Eurozona problema? Come se fosse questo il problema. Crescita ostacolata da condizioni endogene.

“In Congress, Democrats Are The Party Of The Rich.”

Ogni volta che una parte politica governa lamenta cattiva politica UE.
Ogni volta che cambia governo in Italia popolo perde.

Siamo al’ultima spiaggia per salvare ‘questo sistema assai corrotto e mafioso’.
Ma un altro sistema sorgerà, come il sole ogni giorno.

Quando l’Africa camminerà sulle proprie gambe? Dobbiamo pensare sempre noi a loro?
Stampella o bastone? Quale Africa vogliano?

Popolo italiano impreparato a stress test bancarelle idagliane Stop Informate BCE Stop
Vogliamo banche tedesche Full Stop

Non può un sistema autoreferenziale come questo essere cambiato dal suo interno, osservando le sue regole.
Arrendetevi.

Al senato come nelle province si salva la burocrazia, non la politica.
Chi esercita il potere pubblico?

Di fronte al blocco politico-burocratico che impedisce le riforme da sempre, anche Gesù Cristo potrebbe diventare un Mussolini.

Quando avrete finito di fare politica con il terrorismo e il fantasmismo in Italia, lanciate il messaggio in una bottiglia

La chiamano #spendingreview ma non la fanno all’inglese: 90mld di tagli e 400.000 licenziamenti settore pubblico.

In passato troppe finte riforme hanno spezzato speranza, disilluso i sogni, rovinato il presente.
Fatti, non parole.

Metti un pallone e ventidue paperoni ignoranti in una nazione intera con 60milioni di ignoranti ed hai disegnato l’idaglia degli idagliani.

Si buttano i richiami al gioco di squadra, alla appartenenza. In Italia vogliono tutti essere allenatori o punte e son buoni neanche a vivere

In Italia #sindacatolavoratori pretende di condizionare #strategieaziendali per ricattare #imprenditori a fini che definirei anti-sindacali.

Per non dimenticare perché siamo in Afghanistan con truppe: per impedire finanziamento signori guerra con proventi droga.

Via segreto stato #sciechimiche per sapere chiusura #bucoozono con anti-alogenuri?
Via segreto stato da mandanti terrorismo politico/mafioso!

Il bicameralismo perfetto è impedimento puro alla democrazia repubblicana e costituzionale.
Tagliare il senato non farà che bene

fatturato berlusconiano sale con b al governo e scende con b a casa.
L’errore di b è vivere di Stato invece di diminuirlo.

L’indirizzo politico è del potere esecutivo, non della prima, della seconda né della terza carica istituzionale.

Le riforme a metà. Via la politica da province. Resta la burocrazia. Idem per senato e cnel.
Altrimenti chi vi vota?

La verità è sempre scomoda : è anche vero che, quando non si gestiscono milioni di euro, essere onesti è più facile.

Un conflitto origina da ragioni, premesse, pregiudizi propri. Nessun accordo pacifica senza soluzione delle origini.
Così x tutti conflitti.

Il destino dei democratici è sempre quello di non rispettare le regole ed accusare gli altri di averle infrante.

Fisco:metà italiani dichiara meno di 15 milaeuro.Un attimo, guardo fuori.
No,qui passano solo auto di italiani con reddito superiore a 15000

Forse, quando non si è Dio, è un male gettare la croce sulle spalle di Cristo

Berlusconi: «Non abbandonate gli animali» Citazione autobiografica.

Mentre la #Russia sovietica torna un pericolo comunista, #Cuba apre al #capitalismo.
Non tutti perseverano negli errori commessi in passato.

Unificare contratti lavoro dipendente pubblico e privato è atto di giustizia sociale, economica, umana:
lavoratori comparto privato indifesi, privi di tutele e umiliati.

Se un ministro espone forme femminili è perché manca forma mentale adeguata al ruolo, manca altro e di meglio da esporre.

Stato spacciatore monopolista sigarette da combustione tassa #ecigs per mantenere alto fatturato sanità pubblica x tumori derivanti da fumo.

Sono miope ed anche diabetico, ma non sono scemo. Renzi non farà quello che deve, farà ciò che gli porta voti.

Io non perdonerò mai berlusconi di aver rappresentato interessi mafiosi e personali sovrapponendoli agli interessi di stato.

Se licenziate dipendenti pubblici, fucilate mafiosi, incarcerate corrotti e togliete il diritto di voto a evasori e corrotti, chi vi vota?

In una democrazia bloccata piegata in trattative traditrici con le mafie l’opposizione viene sospesa dal parlamento. Inaudito.

Anagrafe civile, tributaria, sanitaria, previdenziale. Dopo unificazione polizie dovremo pensare a unificazione anagrafica.

La virtù è amara,il vizio dolce.

Parità dei diritti.
Ok, fuciliamo un uomo e un gay per ogni donna o bambino uccisi, violentati, stuprati, dimenticati dall’egoismo sessuale.

Perché il 90% delle imprese italiane è #PiccoleMedieImprese.
Perché sotto la panca dei 16 dipendenti i parassiti non campano. #PMI #articolo18

Se non riparte l’economia,è stallo finanziario.I governi possono rompere stallo liberando risorse con #spendingreview

cercano la guerra tra poveri, per creare disordini e imporre stato di emergenza: così la casta resta al potere per sempre.

Meglio aspirapolvere che far carriera sulle disgrazie, le miserie e le guerre altrui.

Perché ammassate truppe al confine ucraino? 50.000 soldati non sono un esercito di invasione?
O temete che l’Ucraina vi invada?

I missili americani non sono sempre armati con testate nucleari.

“La cosa più triste nella vita è il talento sprecato” Cit Twitter

Prendi la Crimea con la forza? E perdi la Siria con la forza.
Prendi il Mar nero con la forza? e Perdi il Mediterraneo con la forza.

pensa a te, figliolo, che io invece di andare a messa, controllo di essere umano

La sinistra europea è caduta. Le destre montano in Europa. Il potere in Europa è in mano alle donne:
Angela Merkel e Marine Le Pen.

Un paese di merda che prende per il culo il Popolo Sovrano

sabato, 6 luglio 2013

Chiudere le province senza disfarsi della burocrazia e della tecnocrazia delle province, inutile prima e inutile anche dopo una eventuale chiusura (effettiva e reale) delle amministrazioni provinciali, non muta l’indirizzo della caste partitocratica, burocratica, politica e sindacale italiane, un indirizzo di cattiva amministrazione che ha condotto l’intero paese reale al fallimento.

Chi è autore di un tale fallimento non può presentarsi come credibile riformatore di quegli stili di vita e di quei modelli comunitari, sociali e politici che sono all’origine stessa del problema di cui ci si arroga il diritto di essere l’unica cura:

un vizioso non può vestire i panni della dignità di un virtuoso.

Le province, così come funzionano oggi, non servono a nulla:

vanno eliminate nella loro interezza e vanno licenziati tutti i dipendenti di codeste inutili amministrazioni pubbliche.

Licenziare i pubblici dipendenti soprattutto quando sono inutili e dannosi allo stato di diritto e al paese reale e utili solo al clientelismo di partiti politici e sindacati dei (non) lavoratori?

Sì, si può e si deve, come è nel caso americano.

Nel solo mese di giugno 2013 negli USA si sono perduti 7.000 posti di lavoro pubblici e si sono guadagnati di contro, ben 200.000 posti di lavoro nel settore privato.

Come si esce dalla crisi economica, finanziaria, politica e del debito pubblico?

Meno Pubblico e Più Privato.

Solo e solamente così, se ne esce.

Altrimenti, sia pure l’inutile quanto idiota, inetta, incapace e incredibilmente immobile casta parlamentare italiana riuscisse anche a concludere l’iter previsto per l’abolizione delle province in tempi umanamente e politicamente accettabili (non certo economicamente e finanziariamente, vista la lentezza e l’immobilismo dilaganti), si correrebbe il rischio, salvando l’intera burocrazia delle amministrazioni provinciali (e conseguentemente delle altrettanto inutili e costose prefetture), di ripetere l’errore che si commise quando fu abrogato per volontà diretta del popolo sovrano il ministero dell’agricoltura, fatto rinascere dalla casta istituzionale dalle proprie ceneri e sotto (affatto) mentite spoglie, più vigoroso ed inutile di prima, se si fa eccezione per qualche ottimo ministro che lo ha mirabilmente condotto.

Si uccide una sanguisuga per restituire la vita ad uno zombie:

tutta qui la grande politica idagliana del cambiamento, del riformismo e delle liberalizzazioni?

Beh, complimenti, ma questa idaglia degli idagliani idioti fa veramente schifo, e questo paese anormale, va definito appropriatamente e senz’altro come un paese di merda, guidato dalla merda, governato dalla merda e suicidato dalla merda.

Povera Italia, poveri italiani:

costretti al martirio, obbligati al suicidio e ridotti al silenzio.

Eh no, stato mafioso, criminoso, criminale e criminogeno, il mio silenzio non lo avrai:

paese di merda che non sei altro.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino X

Paolo Borsellino ucciso per nascondere trattativa stato-mafia

venerdì, 30 novembre 2012
Gli Eroi Italiani Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Gli Eroi Italiani Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Il Generale dell'Arma dei Carabinieri e Prefetto Carlo Alberto dalla Chiesa

“La strage di via D’Amelio fu fatta per proteggere la trattativa dal pericolo che Borsellino, venutone a conoscenza, ne denunciasse pubblicamente l’esistenza”
PM Antimafia Antonino Di Matteo
27 novembre 2012

Chi ha ucciso i due leali servitori dello stato, i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e chi ha ucciso il Generale dell’Arma dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa?

Chi ha ucciso i cittadini e le cittadine di Taranto, inquinando l’aria, il mare e le vite dei tarantini con la diossina della famiglia Riva?

Chi ha ucciso i cittadini e le cittadine di Napoli, inquinando l’aria, il mare e le vite dei campani con la diossina della camorra?

Lo stato mafioso.

Il Mandante era lo stato mafioso, l’esecutore materiale la mafia italiana.

Temo e penso che la medesima complicità omicida sia alla base dell’assassinio del Presidente dell’ENI Enrico Mattei e del giornalista foggiano Matteo di Mauro.

Io, cittadino X, cittadino qualunque della repubblica italiana, io oggi, chiedo la fucilazione immediata per gli uomini delle istituzioni che hanno responsabilità e complicità, connivenze e omertà in queste scandalose vicende assassine della democrazia italiana e della repubblica italiana.

Si tratta di strage e di alto tradimento, i massimi reati, i peggiori, senzadubbiamente.

Voglio assistere alla loro fucilazione e voglio ridere apertamente prima della loro morte, in loro presenza:

voglio ridere in faccia a loro ed ai loro parenti, voglio godere della loro punizione, voglio godere della loro morte, voglio godere del loro dolore, in pagamento del dolore e della morte che essi hanno inflitto ingiustamente a questo Paese.

Sono solo dei traditori, degli stragisti, dei terroristi e dei mafiosi:

vanno puniti in modo esemplare e pubblico, con una pena dura ed inflessibile.

Questo Paese non sarà mai un paese normale in presenza di codesti traditori, di codesti stragisti della libertà, della legalità e della cittadinanza italiana.

Uccidere un mafioso non è reato, nemmeno se siede nelle poltrone delle più alte cariche dello stato stesso.

Che Dio li perdoni.

Io no.

Questo paese è stato ucciso e avvelenato da chi aveva giurato di difenderlo.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Fiat auto, Marchionne, Montezemolo e l’addio all’Italia delle mafie

sabato, 15 settembre 2012

L’orribile sindacalismo terrorista ed incompetente italiano, una politica assai corrotta e mafiosa, uno stato incapace di offrire servizi tempestivi, efficaci ed efficienti, facilmente accessibili e non traditi da richieste estorsive del do ut des “voto di scambio” e/o richieste corruttive ed usuraie, l’elevata “evasione fiscale politicamente mirata”, l’alto costo dei carburanti per autotrasporto, l’alto costo della energia elettrica, l’alto costo del lavoro che nega ai lavoratori salari decenti attraverso vessazione del cuneo fiscale, una giustizia lenta e farraginosa, intempestiva e visibilmente incapace.

Per non parlare del nepotismo politico-burocratico, del parassitismo, del clima anti-lavoro ed anti-meritocratico, del fannullonismo dilagante, della insanità economica delle corporazioni produttive.

Ecco una parte delle motivazioni che spingono lo storico Gruppo Fiat ad abbandonare il progetto “Fabbrica Italia” e la produzione industriale nei siti produttivi italiani, in parte dismessi, in parte inutili, offerti al mercato internazionale per produzioni conto terzi ovvero cessione parziale e/o totale.

Il grido disperato di protesta di Diego Della Valle dinanzi all’abbandono Fiat in Italia, dimentica quel gran titolo che campeggiava sui principali quotidiani italiani qualche mese fa, a spese dello stesso Della Valle, il patron di Tod’s:

Politici
Ora basta
.

Lo stesso Luca Cordero di Montezemolo che oggi critica il grido disperato di Della Valle, dimentica troppo facilmente il trattamento mafioso cui i treni “Italo” Alstom AGV della NTV abbiano ricevuto da RFI nella ghettizzazione a mezzo cancellata mafiosa che ha mortificato la libera concorrenza nelle strategiche stazioni ferroviarie romane Tiburtina ed Ostiense, autentiche vessazioni estorsive in puro stile mafioso.

Pare tutti dimentichino qualcosa in questa storia politico-imprenditoriale, ma io non dimentico che alla base di tutti i gravi e seri problemi che fanno dell’Italia un paese fallito e deceduto, vi sono i cosìdetti “comportamenti mafiosi”, generati ed incarnati dagli adepti alle organizzazioni mafiose che si sono infiltrati nella Pubblica Amministrazione.

E per eradicare ed eliminare questi comportamenti mafiosi non vi è che una sola ed unica strada da percorrere:

punire i comportamenti mafiosi, l’associazione mafiosa ed ogni aggressione mafiosa allo stato (evasione fiscale, corruzione politica e burocratica, usura, ecc.) ed ogni trattativa traditrice fra stato e mafia con la Pena di Morte.

Altrimenti ogni sana impresa economica, commerciale ed umana, ogni sana politica, ogni benessere e fonte di ricchezza fuggiranno a gambe levate da un paese maladettamente mafioso e corrotto, evaso ed usurato in modo inaccettabile.

Andranno via tutti, prima che scoppi una inevitabile guerra civile fra società sana e società mafiosa, entità ormai incontenibili nello stesso stato, nonostante tutti gli accordi sottobanco e le trattative stato-mafia messe in essere dai complici sottomessi, affiliati o ricattati delle mafie infiltrati nelle istituzioni italiane.

Altro che sviluppo e crescita socio-economica:

in presenza di comportamenti mafiosi, evasione fiscale totale, diffusa e dilagante corruzione politico-burocratico-partitocratica e gravosa usura, nessuno sviluppo potrà crearsi e prendere piede, nessuna crescita economica normale, sana e non mafiosa potrà presentarsi.

Morte ed estinzione alle mafie o morte ed estinzione allo stato:

schierarsi prego.

Fiat fugge dalle mafie, dalla questione meridionale e dalla questione morale.

Chi ha capacità, volontà e determinazione sufficienti a risolvere almeno una di queste correlate questioni che impediscono da sempre uno sviluppo conomico sano ed una crescita sociale e civile normale in questo paese, faccia un passo avanti o taccia per sempre.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Slot Machine e Video Poker : vince la mafia, perde lo stato

martedì, 11 settembre 2012

Ecco un buon esempio per osservare quanto sia forte e vincente la pressione politico-mafiosa sulle scelte dell’esecutivo italiano.

Nella scelta del governo di imporre una distanza minima indispensabile per legge imtercorrente fra un sito in cui si giochi con quelle che io definisco come le “macchinette rovina famiglie” e cioè le slot machine ed i video poker, e la presenza di scuole ed ospedali, dapprima si è imposta una certa distanza, poi questa distanza è stata in un primo tempo ridotta ed oggi apprendiamo essere stata totalmente eliminata.

Come si può osservare, per un settore come quello del gioco d’azzardo elettronico, gestito dalle organizzazioni mafiose che impongono anche con la forza e la violenza la presenza di queste macchine elettroniche ai gestori di esercizi pubblici, e dai quali proventi, esse traggono certamente profitto, il fronte di pressione politica, corporativa e mafiosa è stato talmente forte da indurre il governo a dare forfait ed a cedere totalmente, sino a rinunziare a regolamentare una distanza minima nei confronti delle scuole e degli ospedali.

La vittoria della mafie, delle corporazioni mafiose e della politica mafiosa nelle scelte dello stato democratico e repubblicano è completa ed evidente.

E se qualche istituzione dovesse affermare che dietro al business delle slot machine e dei video poker non vi fosse l’interesse ed il business di qualche mafioso, potrete sempre dare del mafioso al politico che incarna quella istituzione.

Pena di morte per i comportamenti mafiosi, per i complici delle mafie, per gli affiliati alle mafie, per gli omertosi favorevoli alle mafie.

Ecco dimostrato come la trattativa stato-mafia non sia una trattativa per lo stato, ma una resa totale.

Ed ecco dimostrato come questa resa traditrice del popolo sovrano e dei cittadini lavoratori sia un tradimento quotidiano e costante nella vita socio-economica italiana.

Il tutto grazie alla casta politica più corrotta e mafiosa di senza palle che esista in tutto il globo terrestre.

Che Dio li strafulmini e che il popolo li decapiti tutti, senza alcuna pietà.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Trattativa Stato-mafia: le istituzioni contro la ricerca della verità

lunedì, 10 settembre 2012

Lo stato mafioso si espone pienamente in difesa dello status quo degli affiliati infiltrati in abuso del potere pubblico.

La Procura della Repubblica di Palermo indaga nella Trattativa fra Stato e mafia.

Si ipotizza concretamente che pezzi importanti delle istituzioni avrebbero svenduto il potere dello stato, i cittadini-lavoratori ed il popolo sovrano al prepotere delle organizzazioni mafiose, compiendo atto di Alto Tradimento.

Nlelle indagini emergono intercettazioni che coinvolgono giorgio napoletano (Presidente del CSM, Presidente della Repubblica e Capo dello Stato, già Presidente della Camera dei Deputati ed ex Ministro dell’Interno), il suo consigliere napoletano loris d’ambrosio (che morirà improvvisamente per un infarto subito dopo essere stato sentito dai PM palermitani e poco prima di essere sentito dall’Anti-mafia), ed il napoletano nicola mancino (ex Vicepresidente del CSM, già Ministro dell’Interno e presidente del Senato della Repubblica).

Il Quirinale nella persona del Presidente giorgio napoletano, solleva il conflitto di attribuzione nei confronti dei Pubblici Ministeri della Procura della Repubblica di Palermo, impedendo di fatto la ricostruzione di una verità storica nei rapporti fra stato e mafie in italia.

Oggi il Consiglio Superiore della Magistratura ammonisce il Procuratore Aggiunto Ingroia a non fare politica nell’auspicare un cambio della classe politica nella misura di un rifiuto della connivenza fra mafia e politica.

Sintesi:

il CSM di napoletano & mancino attacca politicamente i giudici che hanno intercettato l’attuale Presidente del CSM ed un ex presidente Vice-Presidente del CSM, entrambi napoletani.

Il terzo napoletano di quelle intercettazioni muore improvvisamente, pare a seguito della somministrazione di un caffè.

A me non serve altro per capire cosa si diceva in quelle telefonate intercettate dalla magistratura inquirente e impedite nell’utilizzo e nella pubblicazione da parte della più alta carica istituzionale dello stato.

Io non sono uno stupido e non ho alcun bisogno di ascoltare per riconoscere il linguaggio ed il comportamento mafioso.

Ha ragione Ingroia:

deve cambiare tutta la classe politica perché in Italia si possa conoscere la verità sulle stragi, su tutte le stragi.

Senzadubbiamente.

Pena di Morte per in mafiosi e per i loro complici, affiliati o ricattati.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Lo stato ed il popolo italiano sono traditi, svenduti ed asserviti alle mafie

venerdì, 24 agosto 2012

La polizia speciale interforze della Divisione Investigativa Antimafia (DIA) e la magistratura speciale antimafia della Direzione Distrettuale Antimafia (DDA), entrambe impegnate mono tematicamente al contrasto delle organizzazioni mafiose italiane, entrambe volute, sognate e fortemente desiderate dai giudici assassinati dalle mafie Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, rappresentano il caposaldo contro l’azione delle mafie, l’unico argine alla sopraffazione delle mafie sullo stato.

Ed è per questo malcelato motivo che, i complici e gli affiliati alle mafie nelle istituzioni italiane stanno lentamente distruggendo la forza investigativa antimafia, attraverso azioni di contrasto ed attraverso atti politico-amministrativi di riduzione delle risorse stanziate e destinate alla lotta alla mafia.

Dopo aver distrutto il Pool Anti mafia, la casta politica più corrotta e mafiosa dell’intero globo terrestre, si prepara a rendere inermi anche la DDA e la DIA, per spianare la strada del potere pubblico all’anti-stato mafioso.

E fu questo anche il destino dell’Alto Commissario per la prevenzione e il contrasto della corruzione e delle altre forme di illecito nella pubblica amministrazione, le cui indagini svolte quella sul Policlinico Umberto I di Roma, sulle Asl di Castellammare di Stabia e di Vibo Valentia, sui test universitari per l’accesso alle facoltà di medicina e odontoiatria, sulle procedure di assunzione di personale ausiliario tecnico e amministrativo dell’Ufficio scolastico provinciale di Napoli, evidenziarono un sistema illecito ed illegale assai diffuso e condiviso:

l’Alto Commissariato anti corruzione fu dapprima privato dei trasferimenti e dei finanziamenti dello stato e poi fu desparecido in un accorpamento suicida, che lo dissolse nel nulla fermandone le indagini.

Dopo lo stop alle indagini anti corruzione dell’Alto Commissariato, ecco arrivare dalla casta politica italiana l’ennesimo stop alle indagini anti mafia di DIA e DDA, tramite una riduzione dei finanziamenti trasferiti dallo stato.

Ma proprio in un momento di crisi, questo fatto equivale a regalare lo stato repubblicano e democratico alle mafie, che rappresentano le uniche forze in grado di fare economia in questo momento.

Significa svendere sicuramente tutto il patrimonio statale italiano alle mafie, le uniche in possesso di quelle risorse economiche e finanziarie per acquistare azioni delle partecipate statali (industrie che costruiscono armi, aerei, elicotteri, ecc) ed immobili dello stato.

Anche un potenziale smantellamento delle società di servizi in settori strategici come quello della distribuzione del gas ad uso domestico, della raccolta e della gestione del ciclo dei rifiuti solidi urbani e del trasporto pubblico, conduce ad una maggiore infiltrazione delle organizzazioni mafiose nei gangli vitali del potere statale anche a livelli inferiori come quello municipale e della acquisizione di maggiore potere nel governo delle risorse strategiche ed indispensabili alla comunità italiana.

Così, le organizzazioni mafiose attaccano anche il potere privato italiano, infiltrandolo attraverso l’usura, proprio ora che gli istituti bancari e finanziari grandemente finanziati dallo stato negano l’accesso al credito alle imprese e alle famiglie italiane.

Così le organizzazioni mafiose stravincono la concorrenza con le imprese sane della imprenditoria italiana, ergendosi esse stesse a sistema economico e finanziario secondari, aprendosi strade alternative alla contrattualizzazione iperburocratica e politica attraverso la corruzione ovvero il do ut des dello scambio del voto:

consenso popolare che le mafie controllano perfettamente in sicilia, calabria e campania e determinante per la formazione di una qualunque maggioranza di governo contro l’assegnazione di appalti pubblici, di concorsi pubblici, di svendite del patrimonio pubblico.

Qui e adesso non è con la svendita del patrimonio pubblico alle mafie che si spezza il meccanismo di aumento della spesa pubblica e conseguentemente dell’innalzamento del debito pubblico.

Le forti frizioni ed i contrasti fra la magistratura inquirente e le massime istituzioni italiane (napolitano, d’ambrosio e mancino) nella ipotesi del gravissimo reato di alto tradimento nella trattativa fra lo stato e le organizzazioni mafiose e che avrebbe avuto come conseguenza la riduzione della carcerazione dura del 41 bis a carcerazione normale per centinaia di pericolosi mafiosi, offre uno spaccato di non trasparenza nelle posizioni di alcune istituzioni italiane e degli uomini che le ricoprono nella lotta alla mafia:

chi intende eliminare le mafie non scende vilmente a patti con esse tradendo così il popolo sovrano.

Roma e Milano, in quanto rispettivamente capitale politica e capitale economica del paese, subiscono un attacco feroce da parte della infiltrazione mafiosa, che non esista a trasformare in luoghi da far west le strade e le piazze cittadine, al fine di affermare il potere e la violenza mafiosa.

Tutto questo, è inaccettabile.

Solo la punizione dei comportamenti mafiosi con la pena di morte e la punizione dell’ergastolo fine vita per i complici e gli affiliati mafiosi nelle istituzioni potranno essere argine sufficientemente solido per consentire all’Italia di divenire e di evolversi come un paese normale nella civiltà europea ed occidentale.

Poiché non vi potrà mai essere un qualunque sviluppo economico in tali condizioni di degrado civile, istituzionale e politico.

Poiché non vi potrà mai essere democrazia repubblicana e libertà personale, individuale e collettiva in presenza delle mafie.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Un Paese Civile punisce i comportamenti negativi, lo Stato mafioso li premia

mercoledì, 25 luglio 2012

Ho chiesto ad un ex compagno di scuola migrato negli States da tempo, quale fosse la principale differenza fra gli stili di vita italiano e americano.

Ha risposto così:

negli states, chi sbaglia va giù, giù, giù, giù.

Ed io pensavo:

qui in Italia chi sbaglia va su, su, su, su.

Ecco dov’è la differenza fra un paese civile ed uno stato mafioso.

Ecco cosa è uno stato mafioso.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X