Articoli marcati con tag ‘stato italiano’

La mafia non esiste. Lo stato nemmeno.

domenica, 2 novembre 2014
Mappa intensità violenza in Italia

Mappa intensità violenza in Italia

“L’intensità della violenza varia nello spazio:
fattori di contesto / organizzativi possono spiegare la variazione”

Nessun giornalaio come nessun politico, burocrateo sindacalista vi dirà mai la verità sulla questione meridionale, sulla mafia e sulla resa dello stato dinanzi a questi violentissimi attacchi.

Preferiscono nascondere la verità, piuttosto che affrontarla.

Vili.

E vi meravigliate se si nascondano dietro il vilipendio?

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino “X”

Caprotti, Esselunga : hic manebimus optime

mercoledì, 20 novembre 2013
Esselunga

Esselunga

Riporto qui di seguito la lettera che l’Imprenditore Bernardo Caprotti, Patron di Esselunga, ha inviato al direttore de il Corriere della Sera.

“Caro direttore,

ho letto il bell’articolo del professor Ricardo Franco Levi sul Suo giornale dell’8 settembre. Non posso che ringraziarvi per le lusinghiere espressioni usate nei riguardi di Esselunga e del sottoscritto. Tuttavia vorrei permettermi un’osservazione. Le tre aziende scelte dall’autore non costituiscono un campione appropriato. Mettere Esselunga—e dunque me— accanto ad Armani e Luxottica è azzardato. Meglio sarebbe stato scegliere Ferrero. Esselunga è una piccola azienda, piccolissima nel suo settore, è solo una multiprovinciale, non ha un centesimo di attività fuori dai confini nazionali. Ove Luxottica, coi suoi centri di produzione in Cina, i suoi 6.000 negozi sparsi nel mondo è un gigante vicino al quale noi non possiamo stare. Del pari Armani, che è un genio a livello mondiale, con investimenti grandiosi anche fuori dal suo campo d’origine. Noi dunque siamo un’azienda di qui, una multiprovinciale che neppure riesce ad insediarsi a Genova o a Modena, per non dire di Roma ove io poco, ma i nostri urbanisti si sono recati forse 2.000 volte in dodici anni nel tentativo di superare ostacoli di ogni genere, per incontrare adesso il niet del nuovo sindaco del quale si può dire soltanto che è un po’ «opinionated».

Noi, diversamente da Luxottica, Ferrero, Pirelli, Squinzi, Bombassei, Calzedonia, siamo un’impresa al 100% italiana (Pirelli, credo, italiana al 17%). E come tale un’impresa che deve difendersi dalla Pa (pubblica amministrazione) in tutte le sue forme e a tutti i suoi fantasiosi livelli ogni giorno che Dio comanda. Tassata al 60%, non più minimamente libera di scegliersi i collaboratori (la signora Fornero ha «garantito» anche i soggetti assunti in prova), Esselunga si trascina. Porta ancora avanti vecchi progetti, cose nelle quali, incredibile dictu, si era impegnata ancora al tempo delle lire. Per realizzare un punto vendita occorrono mediamente da otto a quattordici anni. Ma per Legnano ventiquattro; mentre a Firenze forse apriremo l’anno prossimo un Esselunga di là d’Arno, una iniziativa partita nel 1970! Così, ultimamente, abbiamo cancellato ogni nuovo progetto. Ecco, caro direttore, la pallida risposta di un’azienda che di problemi ne ha troppi, che si avventura ogni giorno in una giungla di norme, regole, controlli, ingiunzioni, termini, divieti che cambiano continuamente col cambiare delle leggi, dei funzionari, dei potenti.

Uno slalom gigante con le porte che vengono spostate mentre scendi. Un’azienda affondata nelle sabbie mobili italiane. Oberata da un esiziale carico fiscale atto solo a sostenere tutto ciò che nel paese è sovvenzionato. Cioè quasi tutto. Diversamente da Armani e Luxottica che hanno «creato», noi abbiamo soltanto cercato di dare un po’ di eleganza, di efficienza, di carattere ad un mestiere assai umile. A livello internazionale ciò ci è riconosciuto. Ma nel paese non siamo ben accolti. E per soprammercato facciamo un mestiere che nel nostro stranissimo paese è politico. Perché? Perché sono «politici» i due più grandi operatori nazionali. Fuori non riescono neppure a capirlo. Ma sono tante le cose che gli stranieri non possono capire di noi, di un paese che se fosse rimasto libero e normale avrebbe potuto andare chissà dove. Imprenditori straordinari fecero nel dopoguerra aziende straordinarie. Ma gli imprenditori sarebbero poi diventati tutti incapaci, a meno che non se ne fossero andati ad operare altrove. Ma noi non possiamo. Peccato non si possa dire: «hic manebimus optime».”

Che Dio la benedica, Cavalier Caprotti.
Ho lavorato (GPG non direttamente dipendente) negli Esselunga di Varese e Gallarate ed ho imparato, attraverso l’osservazione del lavoro dei Suoi dipendenti, quanto amore, passione e professionalità vi sia nella Sua amata azienda.
Io la condivido. Io le sono vicino. Io vorrei aiutarla. Sono le persone come Lei che dovrebbere governare questo paese, le persone come Lei che dovrebbero dettare l’indirizzo politico.
Sono orgoglioso di condividere con Lei la cittadinanza italiana, non la sua pubblica amministrazione.
Come Lei, io amo lavorare. Come Lei, io amo la lealtà, il rispetto e la fedeltà ad un paese che non è quel che potrebbe e dovrebbe essere.
La saluto e Le auguro tutto il bene che questo insano stato non può concedere.

PS: ho avuto l’onore di prestare opera in Luxottica e Le posso garantire che, il Suo stile imprenditoriale non ha nulla da invidiare a quello del benemerito Cavalier Leonardo Del Vecchio.

Suo
Gustavo Gesualdo

Cittadini Antimafia

giovedì, 31 ottobre 2013
Cittadini Antimafia

Cittadini Antimafia

A Palermo la casta ha distrutto il Pool Antimafia.

Mai nessuno potrà eliminare i Cittadini Antimafia.

Cittadini lavoratori, cittadini disoccupati, cittadini carabinieri, cittadini magistrati, cittadini leali e corretti, fedeli alla repubblica e non alle mafie:

questi sono i cittadini Antimafia.

Penso sia giunto il momento di costituire una Libera Associazione dei Cittadini Antimafia.

Se lo stato si arrende alle mafie o tratta con le mafie, se lo stato non prevede e non punisce il reato di comportamento mafioso, se lo stato stenta nella lotta e nel contrasto alla mafia, allora i cittadini si uniscono e dicono
NO alla mafia,
dicono che la mafia si elimina definitivamente, non si contrasta, non si lotta, non si tratta.

Lo stato deve adempiere ai propri doveri.

I liberi cittadini hanno il diritto ed il dovere di agire contro chiunque o contro qualsiasi cosa non punti alla definitiva eliminazione del fenomeno mafioso, per rendere l’Italia un paese normale, virtuoso, forte e rispettato.

I cittadini possono ricorrere a qualsiasi livello di giudizio, sia nazionale che sovranazionale per imporre un comportamento indiscutibilmente antimafia allo stato e a quegli apparati dello stato preposti ad assicurare giustizia, sicurezza e legalità che vengano impediti di agire nel modo giusto e dovuto, vengano evasi, vengano aggirati, vengano traditi.

Ora basta, non si scherza più:

se occorre scegliere fra chi deve soccombere e chi deve essere difeso, non abbiamo alcun dubbio che è il fenomeno mafioso che deve essere ELIMINATO dalla storia, dalla cultura e da discutibili prassi che bypassano liceità e legalità.

E poiché urge una strategia antimafia, ecco quattro sono obiettivi primari da rraggiungere per la eliminazione della mafia in Italia:

1 – istituzione del Ministero Antimafia che diriga e coordini l’azione delle FF.OO. e della magistratura antimafia;

2 – istituzione dei Pool Antimafia in ogni provincia italiana, in piena autonomia e coordinati dal ministero antimafia, composti da magistrati antimafia, poliziotti antimafia, carabinieri antimafia e finanzieri antimafia;

3 – istituzione del reato di comportamento mafioso (anche il solo difendere l’operato della mafia è reato, essere mafioso è reato, aiutare un mafioso è un reato, avallare la mafia è un reato, sostenere la mafia è un reato mafioso), fattispecie che va punita per direttissima da un Pool Antimafia;

4 – inserimento in costituzione del dettato:
la repubblica italiana combatte ogni forma di mafia con ogni mezzo ed in ogni forma e fenomeno essa si presenti.

Siamo pronti a combattere insieme almeno per questi quattro semplici punti da liberi cittadini che intendono liberarsi da tutte le mafie?

Pare che in Italia sia proprio arrivata l’ora di dire:
basta mafia.

Senzadubbiamente.

Gustavo Gesualdo
Cittadino Antimafia

Esercizio potere, funzione e servizio pubblico: non è pubblico né trasparente

giovedì, 18 luglio 2013

In questo paese di merda, in questo schifo vizioso, corrotto e mafioso indicibile, in questo paese sgovernato da governi, parlamenti, caste politiche e classi dirigenti del tutto autoreferenziali, il male assoluto è insediato nell’esercizio del potere pubblico, nelle funzioni eseguite di servizio pubblico e nel servizio pubblico.

Generazioni e generazioni di viziosi, di corrotti e di mafiosi hanno imparato ad infiltrare il potere pubblico al fine di abusarlo per interessi personali, piegarlo ad tutela e difesa di interessi famigliari, di cosca, di parte sociale, economica e politica.

Niente spirito di sacrifico e senso del dovere, nulla di tutto questo:

non se ne trova traccia.

Si annota invece autoreferenzialità arrogante e delinquente di corporazioni e di vere e proprie associazioni con finalità illecite e/o illegali invadere il potere pubblico, appropriarsi di un distintivo di intoccabilità e di immunità de facto e de iure e rifiutarsi proditoriamente di essere sottoposti a controlli, analisi, ispezioni e vigilanza nel proprio comportamento e nell’azione in esercizio e/o funzione del potere pubblico rappresentato.

Ovvio che una casta mafiosa, viziosa e corrotta che prendesse il potere infiltrandolo dal di dentro dovrebbe per prima cosa esercitare il potere pubblico senza alcun controllo, usandolo a piacimento come fosse un manganello nei confronti di chiunque metta in dubbio la sua capacità ed il suo equilibrio nell’esercitarlo, dovrebbe impedire ogni valutazione, analisi, controllo, ispezione e rendiconto di codesto esercizio del potere pubblico.

Immaginate per un momento che, in codesta condizione, se corpo insegnante e corpo giudiziario, ad esempio, fossero sottoposti a valutazioni periodiche i cui risultati fossero resi di pubblico dominio in questa Italia?

Cosa impossibile, irrealizzabile, in quanto mina il corpo mafioso delle caste corporative che vivono nel privilegio dell’abuso del potere pubblico.

Eppure, proprio in questi giorni, la valutazione del corpo insegnate e del corpo giudiziario viene pubblicata online, a disposizione del popolo sovrano.

Dove?

In Gran Bretagna, un paese certamente civile, laddove evidentemente prevalgono intelligenza e razionalità su mafie e vizio, parassitismo e arroganza proterva ed ignorante.

Ma in Italia, voi credete possibile un esercizio civile così avanzato?

Credete che un corpo, una casta autoreferenziale che vive di abuso del potere pubblico si sottoporrebbe ad una tale operazione di trasparenza tale da mettere a nudo il lato oscuro del potere pubblico italiano, il segreto della immunità e della impunità in Italia?

E credete che licenziare quei soggetti che risultassero di troppo inferiori alla media degli insegnanti e dei giudici italiani, credete che questo atto di selezione civile e democrazia meritocratica applicata potrebbe realizzarsi in questa idaglia degli idagliani, paese di merda?

Benvenuti all’inferno della furbizia e del vizio, mafioso e corrotto, autoreferenziale e del potere pubblico ridotto “cosa nostra”, o meglio, “cosa loro”, o ancor meglio: “casa loro”.

E adesso, comprenderete tutti meglio perché paesi come la Gran Bretagna sollevano più di un ragionevole dubbio, più di un razionale conflitto, più di una considerazione intelligente pregiudizievoli all’ingresso in una Unione Europea nella quale gravitino paesi così malmessi, sottosviluppati, trogloditi e distruttivi come questa repubblica italiana.

Leggete e ascoltate le indignate reazioni al vizio idagliano di Der Spiegel e CNN?

Vi rendete conto che l’indignazione di paesi come Germania e Stati Uniti d’America, pur rispettando questa idaglia degli idagliani, involve da indignazione inascoltata a vera e propria ira a causa della impossibilità raggiunta dallo stato italiano nel rendere giustizia alle vittime tedesche e americane del pluriomicida schettino, vile assassino ancora incomprensibilmente a piede libero?

Avete una sia pur minima idea di cosa pensano i paesi virtuosi del mondo nel vedere la Banca Centrale Europea (BCE) governata da un italiano cresciuto e formato in questa idaglia degli idagliani?

Le sentite le fragorose risate?

Avete letto del downgrade preannunciato del fondo salva-stati fortemente voluto dall’italiano mario draghi, fondo fortemente voluto dai governi dei paesi viziosi come l’Italia che continuano a spendere più di quanto conferito dai cittadini creando crescita del deficit e debito pubblico?

Paese vizioso, criminale e criminogeno, mafioso e corrotto, sgovernato da caste di autoreferenziali eserciti di chiacchieroni con un distintivo, vincitori di concorso pubblico, alienati del e dal Paese Reale.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino X

L’illegalità in Italia è maggioranza nel sistema democratico

martedì, 25 settembre 2012

Il sistema democratico (democrazia bloccata) italiano ha fallito, in quanto la maggioranza degli elettori italiani appare essere parte integrante del mondo della illegalità diffusa, della evasione fiscale, della corruzione, dell’usura e delle mafie.

Inutile andare a votare come è inutile cercare di arrivare al potere senza l’aiuto delle mafie.

In specie in regioni come la sicilia, la calabria e la campania.

L’esecutivo guidato da Mario Monti, l’unico esecutivo sganciato dal sistema democratico della delega della sovranità popolare al mediatore politico, è anche l’unico esecutivo italiano della prima e della seconda repubblica che ha tentato ed in qualche caso è riuscito a smuovere l’immobilismo che impedisce le riforme, gli ammodernamenti e le liberalizzazioni nel e del paese.

Infatti, l’esecutivo Monti non ha ricevuto alcuna delega di sovranità popolare, non si è sottoposto al consenso elettorale, non è stato votato dal popolo sovrano, non gode di una maggioranza politica pura, ma di una maggioranza politica che, nel suo insieme e nella sua espressione, non è mai stata votata e voluta dai cittadini.

Ecco perché si conferma che lo stato italiano sia uno stato mafioso e non uno stato democratico, libero e civile.

Poiché, ignorare il male mafioso, equivale ad esserne complici.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

15 agosto 2007, Ferragosto : Strage di Duisburg

mercoledì, 15 agosto 2012

15 agosto 2007: Strage di Duisburg

Un evento mafioso che gli italiani stanno pagando molto caro, tutti i giorni, da quel giorno.

Il tentativo della mafia italiana di affermare il proprio (pre)potere mafioso nel cuore dell’Unione Europea e della Germania.

Un evento mafioso che la Germania non perdonerà mai alla mafia italiana.

Lo stato italiano, pressato dalle autorità tedesche che chiedevano un immediato perseguimento degli autori della “strage di Ferragosto”, scende a patti ancora una volta con i boss mafiosi e paga le “informazioni” ricevute con soldi e sconti di pena.

E se tutto questo risponde a verità, la “pena” da pagare è la mia, quella di un cittadino qualunque, dinanzi a tanto schifo.

La trattativa stato-mafia è quindi uno stato di continua osmosi?

La trattativa stato-mafia non è quindi un episodio isolato?

Pena di morte per i mafiosi, per i funzionari pubblici e per le autorità statali che svendono quotidianamente lo stato italiano ed il popolo sovrano ai mafiosi.

Uccidere un mafioso non è reato, Pena di Morte per i mafiosi.

Buon Ferragosto, mafiosen.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Schettino, vile e codardo pluriomicida è libero: mai in carcere

giovedì, 5 luglio 2012

Nella migliore tradizione napoletana e nel più completo rispetto della tempistica e del metodo mafioso, il vile codardo pluriomicida Francesco Schettino viene rimesso in libertà dalla ingiustizia idagliana, posto che sinora, Schettino non aveva neppure scontato un sol giorno nelle patrie galere, ma aveva dimorato nella sua comoda casa, permettendosi addirittura una fuga di piacere per il pranzo pasquale.

Beh, mancava solo l’ennesimo abuso del rito cristiano del perdono per un tale codardo ed assassino.

Ovviamente, il tutto avviene in un silenzio piuttosto colpevole, complice ed omertoso della informazione idagliana, che dovrebbe invece accogliere inorridita e in un mare di proteste la notizia della messa in libertà di un tal gaglioffo, vile e codardo, le cui mani sono lorde del sangue di tantissime morti innocenti.

Ma in idaglia, mafioso non mangia mafioso, e così via.

Anzi, talune testate riportano addirittura la contraffatta pubblicità di uno schettino eroe, che avrebbe salvato con coraggio ed intelligenza, migliaia di passeggeri.

Ma che schifo di paese è mai questo?

Quali squallidi figuri amministrano la (in)giustizia in Italia?

Quali uomini codardi e capitani pluriomicidi governano le navi nel mare nostrum?

Chi ha formato e chi ha addestrato gli uni e gli altri?

Chi li ha laureati e chi li ha selezionati?

Ma la vera domanda da porsi è questa:

chi pagherà per la perdita verticale di credibilità del sistema di controllo navale italiano e chi pagherà per la inutile e, per certi versi, cercata e voluta morte di decine di viaggiatori-passeggeri-turisti a bordo della Costa Concordia?

Beh, un po come tutte le tragedie idagliane, anche questa si avvia ad una conclusione senza trovare e punire un colpevole, un reo, un assassino, un lurido e vile codardo che venga rinchiuso vita natural durante in una cella penitenziaria, a scontare i suoi evidenti deficit professionali e le sue imperdonabili insufficienze e deficienze (in)umane.

Ma è proprio questo che avviene da decenni in Italia:

si premia chi non merita e si procede irrazionalmente verso scelte che producono un sicuro fallimento.

Lasciate perdere le massonerie e le paventate lobby bancarie:

in Italia vi è abbastanza merda da lordare ed infettare il mondo intero.

francesco schettino presidente della repubblica italiana subito!

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Mai più consenso per una democrazia corrotta e mafiosa

lunedì, 18 giugno 2012
Capitale corrotta Nazione infetta

Capitale corrotta Nazione infetta

Un titolo de l’Espresso del 1956:

«Capitale corrotta, nazione infetta»

Un titolo de La Repubblica del 2012:

«Politica corrotta, economia infetta»

Dalla nascita della repubblica Italiana ad oggi, nulla è cambiato.

L’Italia si è mostrata come un paese profondamente mafioso e troppo corrotto, un paese che non merita affatto di salvarsi dal presente e latente fallimento socio-economico-politico-burocratico-finanziario.

Siamo andati a votare per decenni con il cuore e la mente colmi di speranze, cambiando il nostro voto o lasciandolo immutato al fine di sperare in un cambiamento che non è mai arrivato.

Ma chi di speranza vive, disperato muore.

Il risultato è che abbiamo concorso e cotribuito (anche se involontariamente e perché tratti costantemente in inganno) con il nostro voto alla creazione di uno stato canaglia, criminale e criminogeno, assai corrotto e mafioso.

Andare a sostenere un sistema così corrotto e mafioso continuando a delegare la nostra sovranità è un autentico suicidio.

Mai più al voto e per nessuno:

se con il nostro voto non siamo riusciti a salvar nulla, questo significa che questo stato di fatto e di diritto non è mutabile attraverso le elezioni, e se non possiamo fermare queste caste mafiose, queste corporazioni mafiose e queste organizzazioni mafiose, almeno possiamo rifiutare di essere loro complici consegnando loro la nostra sovranità.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

L’Italia è finita in lacrime: ora è tempo di agire

lunedì, 5 dicembre 2011

Nelle lacrime in presa diretta del ministro Elsa Fornero, in queste lacrime, si manifesta tutto il fallimento italiano.

Cosa dire invece, delle decine e decine di anni di politica all’italiana e di politici italiani che hanno goduto di privilegi inauditi, consentendo comunque alla corruzione ed alle mafie di massacrare un paese che era una vera potenza economica mondiale, per ridurlo infine al difficile ruolo di capro espiatorio di tutti i mali globali e delle violente follie anti-globalizzaizone?

Ma la verità è che il debito pubblico italiano è colpa della politica italiana, è frutto della idiozia e della corruzione dei politici italiani, e non è invece colpa dell’Europa e nemmeno della tanto vituperata globalizzazione o del paventato cannibalismo massonico della finanza globale:

il pianeta ha una sola ed unica legge naturale ed economica, ed è la legge del più forte, dalle cui conseguenze nessuna politica e nessun politico italiano ha mai messo al riparo il proprio popolo ed il proprio territorio, salvaguardandolo, preservandolo, difendendolo.

La casta politica che avrebbe dovuto servire e difendere il paese da ogni prevedibile attacco, sia interno che esterno, non lo ha fatto, e non lo ha fatto di proposito.

Da questo momento in poi, si può con assoluta serenità affermare che l’italia non è più una nazione, ma rappresenta solo un inutile fardello, un pesante fardello intriso di corruzione e di mafiosità, un fardello che altri difendono solo per difendere se stessi, un fardello che pesa troppo sul capo di quegli innocenti che non amano la corruzione ed odiano le mafie, ma che sono costretti ed obbligati a subirle entrambe, quotidianamente.

L’italia, è fallita, l’italia è finita.

Con buona pace di chi non lo ha ancora capito e non lo vuole capire.

Con buona pace di chi urla di voler difendere in tribunale stili di vita allucinanti ed indifendibili, stili di vita che sono causa certa del fallimento della credibilità e del buon nome di un intero incolpevole paese.

Ma l’italia è finita, anche senza il loro inutile assenso.

Occorre però andare oltre questo fallimento, oltre questa sconfitta, bisogna spogliarsi della zavorra e volare alto.

Occorre distaccare quei territori che non sono ancora intrisi di corruzione e di mafiosità in modo irrecuperabile e bisogna immediatamente portarli in luogo sicuro, in territorio amico, nel fraterno abbraccio di una riconciliazione dei popoli del nord, dei popoli ticinesi e insubri.

Ma bisogna fare in fretta, poiché la corruzione e l’usura mafiosa è stata aizzata contro quei territori ad arte, in modo da diffondere e propagandare l’impressione che l’talia sia tutta mafiosa e tutta corrotta e quindi tutta irrecuperabile.

Bisogna farlo ora e bisogna farlo bene.

Occorre avviare una battaglia senza frontiere per difendere la libertà di quei popoli e di quei territori che dicono NO alla corruzione e dicono NO alla mafia.

Un battaglia di libertà, una battaglia di civiltà, una battaglia di diritto giuridica e naturale, ma una battaglia.

Basta cospargersi il capo di incenso e cercare insensatamente un capro espiatorio che si accolli tutto il male di tutti i mali che affondano i loro artigli nelle carni non italiane, ma incatenate e rese schiave italiane.

Ora o mai più.

Ora, e mai più.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Salvare le mafie? Senzadubbiamente

domenica, 20 novembre 2011

Insperato almeno quanto evocato, l’aiuto salva tutto per le potentissime organizzazioni mafiose italiane viene dalle istituzioni italiane ed estere.

La crisi globale ha individuato nel fallimento italiano il momento di rottura della stabilità internazionale, provocando una serie di spontanee offerte di aiuto allo stato italiano.

Così, definendo il salvataggio italiano come punto di criticità massima dell’intero sistema mondiale, si da un aiuto insperato ed incredibile alle mafie italiane, l’ennesimo di una lunghissima serie.

Spieghiamo meglio questo passaggio storico, in modo tale che chi sia deputato alle scelte politiche in questa fase così delicata, non possa dire un domani, irresponsabilmente:

ma … io … non sapevo …. non credevo ….

La crisi economico-finanziaria globale si sovrappone in Italia alla crisi di un sistema politico/burocratico che vive in modo parassitario e privilegiato in un paese economicamente ben strutturato, tutto sommato ancora ricco, sia pure in vertiginosa discesa economica..

Ma chi volesse intraprendere una attività economica in Italia, deve sapere che, alle tasse governative statali e locali, si sono aggiunte le “tasse dell’antistasto”, quel mondo di piccole e grandi corruzioni, estorsioni e vessazioni pubbliche che gravano, insieme al pizzo ed alla estorsione mafiosa, sul mondo privato italiano, sia produttivo che sociale ed economico.

Ma se non paghi le tasse allo stato, se ti pizzicano il peggio che può capitare è che le paghi con ritardo, probabilmente senza mora e senza interessi, in via concordata.

Ma se non paghi la corruzione pubblica e burocratica, non solo non accedi al mondo del lavoro privilegiato degli appalti pubblici troppo generosamente finanziato con danaro pubblico, ma rischi per di più di essere sottoposto a continue ostruzioni e vessazioni politico-burocratiche, contrastato nella normale attività produttiva come in quella personale e familiare, oltre che sociale,

E non esiste alternativa in Italia:

si paga l’estorsione burocratica e la corruzione politica, si pagano le tasse (forse, ma non tutte) e si paga anche il prezzo delle organizzazioni criminali del pizzo mafioso e della usura mafiosa.

Da un canto, uno stato deviato e degradato che opprime, dall’altro un anti-stato violento e pericoloso che opprime anch’esso:

in mezzo un popolo di cittadini qualunque che fuggono disperati da un paese gravemente malato.

Sembra quasi un regime usuraio creato ad arte, volontariamente, premeditatamente:

semplicemente perfetto.

E così, scappano via i soggetti più intraprendenti, fuggono i cervelli di valore, insieme a braccia e gambe capaci, sottratte inopinatamente allo sviluppo sociale ed economico.

Questo, è lo stato dell’arte oggi, come ieri, in Italia.

Una azienda italiana, per quanto geniale, ben gestita ed intraprendente, non può combattere ad armi pari con le aziende mafiose che non rispettano le regole del gioco, non pagano le tasse, non pagano o addirittura frodano il contributo previdenziale, sono privilegiate nell’accesso al credito ed al finanziamento, sono tutelate dagli attacchi della criminalità organizzata e comune, non pagano il pizzo, non subiscono l’usura bancaria e nemmeno quella mafiosa.

Inoltre, oggi le aziende sane sono in gran parte in difficoltà economiche e finanziarie, per cui maggiormente soggette al rischio della usura e della infiltrazione mafiosa che aggredisce quotidianamente il tessuto economico sano.

Ecco rappresentato in parte il contesto italiano:

la prima azienda per fatturato in Italia è l’organizzazione criminale mafiosa calabrese denominata ‘ndrangheta;
il 90 % dei grandi appalti pubblici sono in mano alle organizzazioni mafiose.
nelle regioni meridionali si raccoglie un consenso democratico capace di incidere in modo determinante nelle scelte politiche nazionali;
nelle regioni meridionali le organizzazioni mafiose dimostrano di poter incidere sul libero voto democratico e sul consenso popolare;
l’evasione fiscale è molto diffusa;
la corruzione politica e burocratica è un fenomeno dilagante;
il lavoro svolto in nero, sia da lavoro dipendente che autonomo, è presente.

Questa contesto offre condizioni di squilibrio economico notevoli e non consente la creazione ed il mantenimento di un libero mercato, che sia governato dalle leggi fondamentali e primordiali della domanda e dalla offerta di beni e servizi.

Nel contempo, si assiste alla scomparsa dal tavolo politico di questioni importanti:
la Questione meridionale, la Questione morale, la Questione mafiosa.

Traspare anzi una scelta politica volta alla coesione obbligatoria fra la società civile e le mafie, organizzazioni criminali che oggi interpretano l’unica economia ancora trainante (droga, usura, prostituzione, riciclaggio, estorsione, etc).

Una scellerata scelta, non pubblicamente espressa, ma certamente agita e voluta.

Per salvare l’Italia, la politica si arrende alla ricchezza prodotta in modo illecito e/o illegale, poiché quella ricchezza è oggi molta parte di un PIL ormai ridotto allo stremo, come il paese stesso.

Anzi, si osserva anche un notevole peggioramento del quadro politico in tal senso:

le ipotizzate scelte di indirizzo politico della coesione sociale e dell’ennesimo aiuto pubblico alle regioni meridionali, propongono scenari allucinanti di grandi appalti pubblici da dare in pasto alle mafie, di enormi finanziamenti statali da dare in pasto alle mafie, di enormi sacrifici nazionali da dare in pasto alle mafie.

Quasi che il punto di riferimento nazionale sia finanziare le mafie per salvare l’economia del paese, quella oscura e nascosta, quella del mondo del lavoro nero, quella della riduzione in schiavitù di persone umane, quella che è sopravvissuta alla crisi grazie alla sua collusione politico-burocratica, quella che, in un modo o nell’altro, sembra l’unica economia rimasta in piedi in Italia oggi, per ferrea ed irresponsabile volontà politica.

Fa riflettere infine la precedente provocazione di un comico italiano, Beppe Grillo, che chiese pubblicamente all’indomani degli scandali (mai chiariti) fatti emergere dalle indagini calabresi Why Not e Poseidon, che fossero interrotti i finanziamenti europei all’Italia, poiché oggetto di troppi appetiti, sia politici che mafiosi.

La provocazione sembrò a taluni commentatori ed osservatori italiani un po troppo forte e forse, anche un po suicida.

Ma alla luce delle osservazioni riportate in questo post di un libero cittadino qualunque, un cittadino X, la proposta non sembra più tanto provocatoria, ne tanto suicida.

La cosa singolare è che si scoprì che la richiesta provocatoria di non finanziare con danaro europeo alcunché in Italia non fosse attribuibile al comico italiano, bensì, al Commissario Europeo Anti-Frode, ad un ministro europeo!

Mille riflessioni si aprono agli occhi del lettore in questo momento, mille domande e mille dubbi, cui il sottoscritto non vuole dare risposte, per non influenzare le scelte personali di ognuno.

Certo è, che l’equazione “salvare la stabilità mondiale = salvare l’economia mafiosa italiana” diviene ogni giorno più probabile.

Qualche sgherro ben nutrito e privilegiato dal potere pubblico deviato griderà certamente al tradimento dello stato ed al tradimento della coesione sociale, per non dover ammettere pubblicamente, come in cuor suo che sino ad oggi in Italia si sia vissuti in uno stato mafioso, per non dover ammettere che oggi, la coesione sociale, è solo l’ennesimo colpo di spugna sulla imperante mafiosità italiana.

E allora, perché non un altro bellissimo indulto, perché non un altro patto fra stato e mafie e, dulcis in fundo, un bel dicastero della coesione socio-politico-mafiosa?

Senzadubbiamente.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X