Articoli marcati con tag ‘scienza’

Riflessioni a tastiera aperta – 13/04/2012 di Gustavo Gesualdo

sabato, 14 aprile 2012

Umanità

Il rapporto tra intelligenza e controllo della pericolosità:
un nuovo e recente studio del SUNY Downstate Medical Center e pubblicato su Frontiers in Evolutionary Neurosciencemette in evidenza che l’intelligenza e la capacità di preoccuparsi dell’essere umano risultano essere correlate. “Mentre l’eccessiva preoccupazione è generalmente vista come un tratto negativo, a differenza di una grande intelligenza, essa può tuttavia indurre la nostra specie a evitare situazioni pericolose, a prescindere da quanto sia remota la possibilità che si manifesti un concreto pericolo”.

L’ho sempre pensato, l’ho sempre creduto.
Lo sviluppo di intelligenze umane post-animali ed istintive corrisponde per me ad una dose ben determinata di intelligenza evoluta e curiosa commista ad una fantasia senza alcun freno.
Il risultato è la capacità umana di proiettare mentalmente scenari futuri, prevederne ogni singola possibile evoluzione, controllarne le visioni pericolose ed ansiose ed agire conseguentemente nella direzione della migliore scelta per l’essere umanoe la sua continuazione.
Prevedere il futuro: questo è l’obiettivo primario per una umanità prossima al collasso.
Insomma, è l’esatto opposto di chi tira a campare, di chi dice “adda passa’ ‘a nuttata”, di chi si dichiara ottimista a priori e punta dritto in un burrone e, sebbene avvisato ed allertato, cade in quel burrone volontariamente quanto stupidamente.
Una intelligenza particolarmente evoluta è spesso solitudine ed incomprensione, e viene appellata cassandra da chi non la comprende, da chi ne ha timore, da chi la invidia e la contrasta.
Intelligenza è solitudine in questo mondo di folli che si autodefiniscono “normali”.
Ma sono proprio queste intelligenze evolute l’unica salvezza per l’umanità che abita il pianeta Terra.

Nello Stato di Pernambuco, uno dei piu’ poveri del Brasile, alcuni membri di una setta uccidevano donne di cui si nutrivano, e con la cui carne, preparavano focacce vendute poi a degli avventori, per strada.
Cosa rende immensa ignoranza?
La mancanza di benessere, la povertà materiale che produce povertà morale e spirituale.
La povertà fa fare un salto indietro nella scala della civiltà di almeno 10/15..000 ani fa, quando l’umanità dell’Homo Sapiens diversificato, riorse dal grande freddo della ultima glaciazione.
Dedicato a chi credeva che aiutare una crisi economica poteva liberare qualcosa o qualcuno.
In politica si fanno spesso scelte scellerate prgettate da folli intrisi dd una immensa povertà culturale e di una ignoranza incolmabile ed incalcolabile.
Tutto ha un costo.
Anche essere ignoranti.
E se l’umanità non si salverà dal suo prossimo futuro, questo potrebbe essere un fallimneto umano derivante da fattori endogeni alla specie umana piuttosto che esogeni alla atmosfera terrestre.

Riflessioni sull’essere umano, troppo umano
Se ami ti fregano.
Se ignori sei salvo.
Se odi sei savio.
Quale rosposta scegliere?
Scegliete la A, la B o la C?
questo è il tempo in cui gli adoratori del bene moriranno di stenti
questo è il tempo in cui l’ignoranza condannerà alla estinzione
questo è il tempo dell’odio e della violenza: l’oste della storia è dietro l’uscio, bussa, ed ha in mano un bastone

La storia della umanità parla chiaro: Si Vis Pacem Para Bellum
Bisogna avere molta esperienza per comprendere che per raggiungere l’amore, non si deve commettere mai l’errore di usare il mezzo dell’amore.
Bisogna aver letto la storia per comprendere che se vuoi fare del bene, non è una carota il giusto mezzo per raggiungerlo.
Ed se oggi vuoi guadagnare anche solo una carota, è il bastone il giusto strumento, non un’altra carota.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Mettiamo le ossa a posto

mercoledì, 3 marzo 2010

L’osteoporosi insidia le vostre ossa?
Un evento traumatico ha avuto come conseguenza una frattura ossea?
Niente paura:
è arrivata l’iniezione che mette tutto a posto.
Viva la scienza.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2010/03/02/visualizza_new.html_1709844152.html

Viva la scienza

mercoledì, 17 febbraio 2010

Creato un super raggio invisibile che uccide le cellule tumorali colpendo il loro DNA.
Questa è la scienza che mi piace.
Queste sono le notizie che vorremmo leggere tutti i giorni.