Articoli marcati con tag ‘questione immorale italiana’

Non hanno capito nulla laggiù al Nord

lunedì, 23 settembre 2013

Ancora una volta un lombardo alla guida della Lega Nord?

Ma, allora, non hanno capito nulla laggiù al nord, non hanno imparato niente dalle passate esperienze di alleanza politica con il demonio.

Se i veneti accetteranno questa “cauzione”, sarebbe l’ennesimo errore del popolo veneto:
con un segretario federale lombardo i veneti non saranno mai indipendenti, non avranno mai la secessione dall’Italia e nemmeno maggiore autonomia, non saranno mai rispettati dallo stato italiano in misura adeguata al loro straordinario apporto al Paese Reale, non saranno mai ammessi alla leaderhip del paese per cambiarlo, rinnovarlo, riformarlo e liberalizzarlo e saranno condannati per sempre a fare i portatori d’acqua al berlusconi di turno, che sia centro, di destra o di sinistra, alleato a mezzo voto di scambio con le mafie meridionali per ottenere una maggioranza parlamentare sufficiente a governare, e questo a causa del porcellum, la legge elettorale voluta dalla casta e incarnata dal lombardo calderoli, legge che serve a mantenere schiavo il nord del vizio del sud imponendo alleanze forzate ed inderogabili che sottomettano il virtuosismo al vizio, che impongano ai politici candidati alle primarie interne dei partiti o alle elezioni ufficiali di trattare con le mafie lo scambio di voti e consenso contro assegnazione concorsi ed appalti pubblici, oppure finanziamenti illeciti personali o ai partiti, nell’evidente tradimento del giuramento solenne di difesa dello stato, del popolo, del territorio e delle istituzioni democratiche al fine di assicurare quella clientela politica, di consenso e di forza mafiosa capace di piegare lo stato alle mafie, la virtù al vizio, l’intelligenza alla furbizia condivisa.

Così nè la questione meridionale, né la questione settentrionale né tantomeno la questione morale, insomma, nessuna di queste questioni assassine della democrazia e della libertà in Italia saranno mai affrontate e risolte.

Idagliani: da nord a sud schiavi e servetti delle mafie e della illegalità diffusa, della corruzione e dell’usura mafiosa, della evasione fiscale e dell’abuso di potere, del vizio e della furbizia scambiata per intelligenza, .

Prima il Nord?

Sì, ma solo dopo il peggio del Sud.

Ed è questo che uccide il Paese, più di ogni altra cosa, quando basterebbe per salvare tutto e tutti mandare in vacanza l’elettorato siciliano, calabrese e campano per un paio di legislture (minimo dieci anni, visto che le legislature in idaglia possono durare anche solo qualche mese), in modo da rendere possibili le formazioni di maggioranze meno aggredite ed infiltrate dalle organizzazioni mafiose e dal vizio, entrambe provatamente anime del sud del mondo, oltre che di quello italiano ed europeo.

Occorre creare un cordone sanitario intorno alla democrazia per salvarla e realizzarla, ovvero rinunciarvi per sempre, essendo essa in totale ostaggio alle mafie.

Scegliete e schieratevi:

il futuro inizia da oggi.

Gustavo Gesualdo alias Il Cittadino X

Politica italiana : una fetida latrina a cielo aperto

lunedì, 17 settembre 2012

E siamo alle solite:

i destri chiedono pietà per la loro incapacità, ma chiederanno il voto per fermare i sinistri.

I sinistri, come al solito, sono degli autolesionisti e sono bravissimi ad autoestromettersi dalle responsabilità legate al governo del paese, maleducati come sono a vivere all’ombra delle irresponsabilità di una troppo comoda opposizione storica.

Votare il meno peggio?

In Italia non esiste un meno peggio politico, poiché i politici italiani appaiono piuttosto inetti, corrotti e mafiosi, in egual misura, sia centristi che destri e sinistri, poiché essi son tutti costretti a contendersi il voto ed il consenso controllato dalle mafie, voto certamente determinante per la formazione di un governo democratico di maggioranza.

Quindi, ergo:

no grazie, preferisco vivere.

Non si compete con il nulla.

Non si confonde la cioccolata con la merda per fare un favore al nulla fetido ed appiccicoso di una latrina a cielo aperto.

Rispetto per tutti, paura per nessuno.

Quel rispetto che la merda pretende sempre, ma non offre mai.

Quella paura di cui la merda soffre sempre, ma non riconosce mai.

Buona latrina a tutti.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Ma dove vai, Bagnasco?

mercoledì, 29 agosto 2012

Angelo Bagnasco, Presidente della Conferenza Episcopale italiana:

”E’ ora di rifondare la politica e riformare lo Stato”

Gustavo Gesualdo, il cittadino X:

bene, allora, caro Bagnasco, inizia con l’opera pia di convincimento verso i farmacisti cattolici, i tassisti cattolici, i medici curanti cattolici, i medici specialisti cattolici, e tutte le categorie professionali, imprenditoriali ed autonome cattoliche che devono fare un passo indietro rispetto al loro benessere corporativo e famigliare, e favorire senz’altro riforme e liberalizzazioni che oggi invece contrastano duramente.

Inoltre, caro Bagnasco, dovresti far qualcosa anche in favore della casta politica, sindacale, burocratica, giornalistica e partitocratica, una classe dirigente di ispirazione cattolica assai malmessa, corrotta e mafiosa, ovvero sottomessa ed omertosa.

Poiché, caro Bagnasco, noi cittadini qualunque di gentaglia “pseudo-cattolica” come il cattolico dei cannuoli alla siciliana Totò Cuffaro non vorremmo vedere altro che l’esecuzione capitale in televisione, in apertura del telegiornale.

Per rifondare la politica serve pulizia morale e materiale, assenza di infiltrazione mafiosa e negazione totale alla corruzione.

Caro Bagnasco, conosci un cattolico che sia dotato di queste indispensabili caratteristiche?

Io no.

Per rifondare lo stato occorre sterminare le celluce cancerogene mafiose infiltrate al suo interno e collocate in posti chiave delle istituzioni e della burocrazia, cellule che abusano delle naturali e costituzionali difese del potere pubblico per occultare se stesse e la loro azione mafiosa.

Caro Bagnasco, conosci un cattolico che sia in grado di imporre la pena di morte per i comportamenti mafiosi, per i comportamenti corruttivi (sia passivi che attivi), per i comportamenti evasori del fisco e dei doveri morali e materiali, per i comportamenti usurai, e soprattutto, per comportamenti di complicità, di sostegno e di omertà al mondo della illegalità?

Io no.

Mancano le risorse umane, le qualità politiche indispensabili, le doti, sia morali che materiali irrinunciabili anche solo per affrontare la questione immorale italiana, compresa la questione che è la madre di tutte le questioni italiane:

la questione meridionale.

Ma dove vai, Bagnasco?

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X