Articoli marcati con tag ‘parassiti’

Espansionismo islamico e neo-comunista

lunedì, 16 giugno 2014
Conquisteremo Roma

Conquisteremo Roma

Il comunista Vladimir Vladimirovič Putin, figlio del soviet supremo e dirigente del famigerato KGB tesse la tela del neo espansionismo sovietico di stampo comunista.

Forte delle risorse di petrolio e di gas di cui dispone a danno di popolazioni come quella cecena, impone scambio del gas russo contro la sovranità Ucraina ed invade militarmente, senza essere contrastato (!), la Crimea.

Forte della debolezza americana nella disgraziata presidenza di Barack Hussein Obama II e preso atto della incapacità di tutelare e difendere interessi americani, europei ed occidentali in Mediterraneo e in Siria, in Europa e in Ucraina, Putin avanza su tutti i fronti, alleato (senza sottoscrizione di patti?) di un altro espansionismo egoista, violento e criminale, quello integralista islamico, mette a ferro e fuoco tutta l’area che va dal Mar Nero al Mar Mediterraneo, dal Mar Caspio al Golfo Persico.

Siamo alle soglie di una III guerra mondiale, ovvero, di una I guerra globale.

Una guerra che Putin ha costruito abilmente, nel tempo, giocando nello scacchiere iraniano e siriano, finanziando, sostenendo e armando (nel caso iraniano anche in senso nucleare e nel caso siriano con vettori capaci di colpire l’Italia) un sistema di indebolimento progressivo dei confini europei, approfittando del decadimento dei paesi moderati arabi mediterranei, dell’odio contro Israele e il popolo giudaico e del continuo e progressivo disimpegno militare americano nello scacchiere euro-asiatico e del Mediterraneo.

Obama, d’altro canto, effettua una disintegrazione mirata della macchina militare statunitense, esponendo a gravi rischi le indebolite democrazie europee e le mai nate democrazie arabe e islamiche.

La crisi globale investe infatti soprattutto il decadente modello democratico, attaccato al suo interno da opposizioni politiche allucinanti, vendute al nemico, tronfie di un buonismo che trascende la realtà, che valica i confini della sostenibilità e della integrità del loro stesso modello di vita e del loro territorio, che uccide il loro stesso stile di vita:

quello in cui credono queste cellule cancerogene del modello occidentale favorisce proprio i loro stessi nemici naturali e le loro mire di distruzione delle libertà e delle democrazie.

Due i momenti del suicidio europeo:
l’insanabile contenzioso sociale europeo;
il fallimento del multiculturalismo, la cui mancata integrazione crea violenza.

Entrambe questi momenti di perduta capacità di difendere se stessi da se stessi trovano nella strage intenzionale e premeditata di cittadini che incarnano la politica comunista in Europa, una efferata e fredda azione condotta dal norvegese Anders Behring Breivik che, per fermare l’invasione islamica e comunista in Norvegia e in Europa, progetta e realizza un doloroso piano di sterminio dei norvegesi comunisti, quelli che non sanno difendersi e non sanno difendere il proprio stile di vita da se stessi e dal loro buonismo disfattista e decadente, invece di attaccare direttamente soggetti islamici.

Ma la Norvegia ha voluto dimenticare in fretta questo episodio che invece merita di essere studiato, capito, compreso.

Peccato, tante vite sprecate, tante giovani vite immolate sull’altare di una errata convinzione di essere nel giusto.

Eppure quella strage aveva proprio il senso di innescare una riflessione profonda su:

chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo.

Ma, quel socialismo europeo dalla pancia piena, dimentico dei sacrifici che quella pancia piena ha richiesto, naviga sempre nella direzione sbagliata, imperterrito, dando ora del razzista, ora del fascista ora del nazista a chi osa criticare la propria idiozia politica e umana elevata ad altezze non verificabili nella realtà.

Credono di essere bravi e buoni e invece rappresentano un vero e proprio cancro, agenti patogeni autoimmuni che provocano il disastro e la crisi di cui si lamentano e nei confronti dei quali, si ergono a salvatori della patria.

Io leggo solo tanta idiozia e tanta ignorante credenza in tutto questo:

nessuna intelligenza, nessuna superiorità, nessuna capacità di difendere se stessi dal proprio male.

Intanto, il male, il loro male e le conseguenze del loro agire male o non agire affatto, avvolge ogni cosa, ogni confine, ogni limite, distrugge ogni sicurezza, arma ogni nemico, disarma il proprio futuro.

Sono stupidi, profondamente stupidi, lordi della polvere dei libri oziosi e viziosi che hanno costruito la loro credenza ignorante, incapaci di affermare e difendere il giusto, privi di ogni e qualunque razionalità, degni di essere esiliati in massa, magari proprio in quei paesi dei quali stanno difendendo ragioni e pretese, a tutto discapito dei loro simili.

Una vera e propria patogenesi autoimmune di cui approfittano tutti i mali che li affliggono:

uccidono se stessi per favorire il prossimo, ecco il risultato di una ignorante educazione religiosa suicida.

Il prossimo, se non è vostro simile, non è un nemico a priori, ma non è nemmeno da preferire a coloro i quali condividono la vostra storia, la vostra identità, il vostro territorio, il vostro presente ed il vostro futuro, cari deficienti che non siete altro.

Se esiste il male, è grazie alla vostra incapacità a difendervi e stupefacente arrendevolezza di fronte ad esso.

Se esiste il male, è perché voi esistete.

Perché il male, in definitiva, siete voi.

Piangete voi stessi.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino “X”

casta politica, burocratica e sindacale : caini da sbattere tutti al muro!

venerdì, 14 dicembre 2012

Una cosa è certa:

la classe dirigente italiana andrebbe messa tutta al muro e fucilata sul posto del loro essere mala-politica.

Essa rappresenta il più grande e grave insulto alla civiltà umana, al buon governo, all’essere civile:

essa è tumore, essa è parassita, essa è cancro, essa è Caino.

In particolare si tratta della casta politica, della casta burocratica e della casta sindacale, tre corporazioni assai mafiose e corrotte sempre a disposizione dei poteri forti e delle proprie convenienze e sempre contrarie alla tutela e alla difesa degli interessi del popolo sovrano dei cittadini-lavoratori, dei cittadini-pensionati, dei cittadini-inoccupati, dei cittadini-disoccupati e dei cittadini in attesa di prima occupazione.

Chi ha rovinato il welfare italiano, il mondo del lavoro italiano, la sanità italiana, la pubblica amministrazione italiana?

Chi sono i nemici del Paese Reale?

Chi i traditori dello Stato di Diritto?

Chi ha svenduto l’Italia alle organizzazioni mafiose patteggiando con esse, la resa totale e senza condizioni dello stato?

Chi ha consentito che le organizzazioni mafiose, non solo si consolidassero nelle regioni meridionali, ma si propagassero in tutto il resto del Paese infettandolo mortalmente?

Chi, restando nel complice silenzio e chi, rubando a piene mani, devastando con una ignoranza ed una arroganza mai viste prima su questo pianeta, chi ha organizzato la svendita dello stato alla illegalità, alla insicurezza e alla ingiustizia?

Chi?

I caini politici, i caini burocrati ed i caini sindacalisti.

Senza una loro associazione a delinquere di stampo mafioso, senza la loro interessata omissione di controllo e di vigilanza sul governo della Cosa Pubblica e senza la loro fraudolenta gestione del patrimonio pubblico, senza la loro devastante opera di distruzione della economia e della finanza italiana, senza la loro opera a favore e sostegno della evasione fiscale e dell’usura mafiosa, senza il loro continuo abuso del Potere Pubblico, senza di essi e della loro aggressione violenta, egoista e mafiosa alla redistribuzione della ricchezza prodotta in Italia, nulla di tutto quello che i cittadini italiani sono chiamati a pagare sarebbe accaduto, nulla, per certo, di sicuro.

Altro che 21 dicembre 2012, altro che meteorite, altro che Maya:

la fine del mondo in italia è tutta opera finemente programmata, controllata e disgraziata della casta politica, della casta burocratica e della casta sindacale.

Questi caini meritano solo di essere posti la muro, di essere fucilati al momento, con breve rito accusatorio e con sentanza subitanea e subitaneamente giustiziata.

Fucilati, passati per le armi o per una ghigliottina, purché le classi dirigenti italiane, ree di ogni male compiuto ai danni della società civile, purché questa fetida cloaca inumana ed incivile sia punita duramente ed in modo esemplare, a futura memoria di quel che non si deve fare con il potere ed il danaro pubblico!

Banda di ladri, di corroti e di mafiosi, massa di caini organizzati in associazione mafiosa a danno di Abele, della tutela degli interessi di Abele, della tutela della integrità fisica, economica, finanziaria, culturale e sociale di Abele.

Al muro Caino!

E basta!

Nessuno tocchi Abele!

E basta!

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Chi ha paura della produttività e della meritocrazia?

martedì, 18 settembre 2012

Nel mondo del lavoro italiano ai migliori non si corrispondono salari e carichi di lavoro migliori ed ai peggiori non si corrispondono salari e carichi di lavoro peggiori.

Eppure, senza il contributo dei migliori, alcuna produttività si manifesterebbe.

Eppure, senza il contributo dei migliori, nessuna qualità esisterebbe.

Eppure, si continua a voler corrispondere tutti i lavoratori in eguale misura rispetto al cartaceo formativo, scolastico e universitario, senza andare mai a valutare e compensare l’effettiva produttività ed univocità comportamentale rispetto alle strategie imprenditoriali che sono a capo delle aziende e delle industrie italiane.

E qualcuno manifesta ancora sorpresa se il mondo del lavoro in Italia sai deceduto sotto il peso del suo stesso malessere?

E allora, mantenete pure tutti i raccomandati, i parassiti, i fannulloni, i pigri, gli indolenti, gli immeritevoli, i sindacalisti perditempo, gli svogliati, gli insoddisfatti, gli affatto innamorati del proprio lavoro, gli incuranti, i traditori, i detrattori, i vili, gli infamanti e gli incapaci, e continuate anche a corrispondere loro salari medesimi ai meritevoli, ai capaci, agli intraprendenti, agli amorevoli, ai vogliosi, ai soddisfatti ed agli innamorati del proprio lavoro, ai leali, ai corretti, ai coraggiosi, agli onesti ed ai meritevoli.

Continuate pure così, ed il fallimento del paese Italia premierà i vostri miserevoli sforzi.

Oppure corrispondete salari differenziati in base a produttività e merito.

Il mondo del lavoro a chi ama lavorare:

il resto a casa o a minor prezzo.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il cambiamento e l’atmosfera astiosa

martedì, 11 gennaio 2011

Fra le numerose notizie che ogni giorno ci informano che il mondo sta rapidamente cambiando con processi e tempi che superano la tollerabilità di personalità immature, ignoranti, malformate, ineducate o solo maleducate, rileviamo una costante crescita di notizie in cui la violenta reazione di soggetti mentalmente instabili si evidenzia con sempre maggiore frequenza.

Si parte dalla famigerata conferenza stampa del presidente americano Bush, nella quale uno scalmanato bersaglia il presidente più potente del mondo con le sue scarpe, si passa dal film nel quale si incita ad uccidere il premier italiano alla riproduzione del duomo milanese lanciata da un individuo disturbato che sfigura lo stesso premier italiano e, si arriva sino ai nostri giorni nei quali, una deputata americana viene fatta segno di colpi di arma da fuoco.

La deputata, Gabrielle Giffords, aveva peraltro già denunciato il clima astioso che taluni avversari politici muovevano e fomentavano contro di lei, così come il premier italiano aveva anch’egli manifestato timori rispetto a gesti inconsulti che potessero provenire da quelle mani armate da attacchi politici di incredibile violenza verbale, attacchi che sfociavano in un vero e proprio incitamento alla violenza fisica, anche se non in modo espresso e/o diretto.

In taluni casi, purtroppo, il gesto violento di questi individui dalle personalità deboli e deficienti, viene addirittura immortalato come un “gesto eroico” da quegli stessi ambienti che lo hanno promosso e favorito, sino al paradosso incredibile di intitolare strade e piazze, od addirittura un’aula parlamentare, ad un soggetto come il Carlo Giuliani, reo di aver attentato alla integrità fisica ed alla vita stessa di un Carabiniere in servizio di ordine pubblico a mezzo di un estintore durante le violenze che seguirono il G8 di Genova.

Cosicché si evidenzia che, in momenti di destabilizzazione mondiale dei criteri di subordinazione e di ordinamento, degli equilibri planetari e delle fisiologie globali, gli animi meno educati e vocati al cambiamento, proprio perché i più insicuri, si attivano sotto la sollecitazione degli eventi e delle “manovre di condizionamento ideologico” che si accompagnano sempre a mutamenti epocali, abusandone e tentando una lettura in chiave ideologica che porti acqua al proprio mulino di parte sindacale, politica, corporativa, etc.

Insomma, alla devastazione che sempre si accompagna ad ogni momento di crisi economica e sociale, dobbiamo aggiungere il danno beffardo di chi tenta di utilizzare il malumore popolare non al fine di supportare nuove ed originali proposte alternative politiche, ma quanto versare quanta più acredine e malumore possibile sul proprio avversario politico che, in quel momento storico, rappresenta il potere, la sua stabilità e la sua continuità di azione.

Sono infatti i simboli del potere politico, economico e religioso ad essere colpiti dal nuovo terrorismo internazionale, come nel caso delle Twin Towers, della Casa Bianca e del Pentagono dell’11 settembre 2001, ovvero come nell’attentato a Papa Giovanni Paolo II.

Ma vi è un “caso italiano” in questa casistica, un caso che si raffigura con una stella a cinque punte:
quella delle Brigate Rosse, frangia terroristica che ha segnato gli ultimi decenni di questo paese, ogniqualvolta questo paese ha tentato di voltare pagina verso una democrazia meno bloccata, massimalista e totalitaria in favore di una democrazia più liberale ed adeguata ai tempi moderni.

Il ritrovamento nella Torino della Fiat di stelle a cinque punte e di messaggi minacciosi nei confronti dell’AD Marchionne di Fiat, nel suo inedito ruolo di apripista di nuovi modelli di sviluppo industriale, di contrattazioni e di rapporti fra datore di lavoro, lavoratori e sindacati, riaprono profonde ed ancor fresche ferite nella storia di questo paese.

Infatti, ogniqualvolta si è tentato di aprire nuove strade di dialogo sociale fra corporazioni, strati sociali, imprese e lavoratori, famiglie ed aziende, destra politica moderata e sinistra politica moderata, è esplosa l’ignorante violenza brigatista.

La lista dei caduti sotto questa “violenza conservatrice” è ormai lunga, e va dal Moro al Ruffilli, dal D’antona al Biagi.

Ogni volta che si è tentato di riformare il mondo del lavoro donandogli maggiore libertà e flessibilità, i difensori di uno status quo impossibile da mantenere e che difende principalmente parassiti e fannulloni che infestano il mondo del lavoro italiano, sia pubblico che privato, si sono attivati ed hanno ucciso, nella convinzione che il terrore avrebbe indotto a non percorrere quelle strade di libertà e di benessere, comune e condiviso.

Ma non per questo quelle riforme non sono state realizzate, non per questo, quelle strade non sono state percorse sino in fondo.

Nonostante il riformismo ed i nuovi indirizzi di dialogo e di contrattazione fra le parti socio-economiche che formano il mondo del lavoro trovino sempre più la quadra di un assetto comune adeguato in risposta ai tempi moderni della “concorrenza selvaggia globale”, il terrorismo brigatista comunista tenta in ogni caso di impedire che il paese determini un assetto comunemente condiviso che faccia a meno dell’ideologia antistorica denominata “lotta di classe”.

Ed il nodo della novazione strutturale che consentirebbe alla economia italiana di competere con le grandi potenze economiche mondiali è proprio quello del mondo del lavoro e della sua eccessiva rigidità:

1 – l’eccessiva rigidità nella regolamentazione dei licenziamenti, specie in direzione di quei dipendenti che non ottemperano all’adempimento delle indicazioni strategiche aziendali;

2 – l’eccessiva rigidità nella regolamentazione dei negoziati e dei contratti giuridici.

Nel primo caso, urge spezzare il paradosso che garantisce e difende il parassitismo ed il fannullonismo piuttosto della disponibilità, della buona volontà e della operosità nel lavoro subordinato, lavoro che prevede fra l’altro, un unico corrispettivo uguale per tutti (altro retaggio comunista), sia per i dipendenti che lavorano operosamente sia per quelli fannulloni, demotivando i primi e rinforzando le fila dei secondi.

Nel secondo caso urge spezzare l’inutile rigidità della contrattualistica privata e pubblico-privata, incapace di garantire finanche nelle aule di un tribunale, il pieno adempimento degli obblighi delle parti coinvolte, e rendendo impossibile confermare, per esempio, una data certa della fine dei lavori appaltati da un ente pubblico, ovvero l’adempimento in generale delle obbligazioni contratte.

In tutti e due i casi su esposti, si evidenzia come nel caso del licenziamento di un lavoratore dipendente e come nel caso di un qualsiasi altro inadempimento contrattuale, la scelta di ricorrere in giudizio risulta parecchio mortificante in entrambe i casi, viste le lungaggini processuali italiane.

Si riflette se non sia più efficace un sistema fortemente liberale e liberistico nel quale, in assenza di un adempimento contrattuale qualunque (ma importante, sostanziale, che ingeneri insoddisfazione profonda nell’altra parte), vi sia l’immediata risoluzione del contratto stesso, sia che si tratti di contratti di lavoro che di altri contratti privatistici o contratti fra pubblico e privato, come nel caso di molti paesi occidentali e liberali a democrazia ed economia avanzata.

Le “ruggini” provocate da decenni di “ingiustizia contrattuale”, decenni di “prevaricazioni autorizzate e garantite” da parte di parassiti e fannulloni, decenni di democrazia bloccata frutto di una politica ingessata e parruccona, decenni di inesistenti ed artificiali conflitti di classe sociale, decenni di ipergarantismo buonista ed idiota, decenni di antagonismo a tutti i costi, ebbene, tutte queste ruggini ultradecennali portano oggi il loro frutto avvelenato:

un clima astioso all’interno del quale risulta difficile fare politica, fare impresa o semplicemente lavorare in contrattazione subordinata.

Risulta difficile, ovunque e non solo in Italia, ridurre quegli spazi di ipergarantismo sterile costruito sul boom economico degli anni ‘60.

Risulta difficile oggi licenziare un dipendente poco operoso sostituendolo con un giovane più preparato e volenteroso se non si modifica l’intera struttura all’interno della quale si muovono gli operatori del mondo del lavoro, coniugando nel miglior modo possibile i concetti di anzianità e di merito, di esperienza e di formazione.

Inoltre si evidenzia come oggi sia più gravoso il clima astioso creato ad arte dai conservatori di ogni genere e grado che il fannullonismo stesso.

E’ questo clima che uccide, moralmente e materialmente, più di ogni altra cosa al mondo.

E’ questa ruggine, è questa continua frizione che impedisce al nostro paese di decollare, oltre la presenza oppressiva delle mafie e la iperburocratizzazione ad ogni livello, e crea intralci sospettati di essere essi stessi il fondamento artificioso di ogni corruzione estorsiva.

Il clima astioso frena la produttività:

è una attività anti-aziendale, è una attività anti-sociale, e come tale, andrebbe punito e perseguito, in specie se si vuole sostenere il cambiamento in atto.

Altro che attività anti-sindacale….

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

O noi, o loro.

venerdì, 10 dicembre 2010

Il tradimento finiano cerca di “atterrare” l’orso Berlusconi e di travolgere alleanza e maggioranza di governo in una crisi politica drammatica, insensata ed ingiustificata, oltre che egoistica e pervicacemente maligna.

E invece ….

E invece va in mille pezzi il Partito Democratico, in perenne crisi di consenso e “rottamato” dai nuovi politici della sinistra italiana come il leader dei rottamatori, il sindaco di Firenze Matteo Renzi, che va a cena a casa di Berlusconi, ad Arcore, poichè probabilmente preferisce dialogare con Silvio Berlusconi piuttosto che con Bersani, D’alema, Casini, Fini e rottami politici vari ed eventuali.

E invece si smonta l’Italia dei Valori, divisa in una sempre più evidente crisi di identità che la vede collocata erroenamente a sinistra, quella sinistra che detiene il record italiano di enti commissariati per infiltrazioni mafiose, quella sinistra che tenta di fermare il governo che sta uccidendo le mafie.

E invece si spacca il fronte anti-Berlusconi, nella meritoria riflessione di coloro i quali sono dotati di un cervello sano e razionale e vedono chiaramente come non vi sia una possibile alternativa alla premiership berlusconiana, che unica garantisce la continuità e la stabilità governativa in questo paese.

Il nuovo che avanza nel paese tenta di rottamare il vecchio marciume politico della restaurazione conservativa, sia a destra che a sinistra.

Il nuovo che avanza non demonizza l’avversario, non tradisce gli alleati, non rinnega la parola data, non contrasta le mafie a parole, ma nei fatti, non divide ma unisce, non distrugge ma crea ricchezza e benessere.

Il nuovo che avanza non teme le elezioni proprio perchè sa che il popolo sovrano ha capito da quale parte stare, perchè i giovani politici sanno stare insieme per costruire e non associarsi per distruggere, come invece testimonia pubblicamente il cartello dei vecchi politici fini-casini-rutelli.

Il nuovo che avanza sa che l’unica strada percorribile per salvare il paese è il federalismo, è l’efficenza della pubblica amministrazione, sa che per realizzare un futuro di benessere e di sicurezza, occorre escludere gli incapaci, gli inetti ed i traditori dalla dibattito politico sano e costruttivo, al fine di impedire di nuocere al paese ed al sistema paese.

Il nuovo che avanza non scende in piazza a protestare inutilmente, ma lavora per risolvere i problemi della gente qualunque.

Il nuovo che avanza vuole rottamare un passato che è solo da dimenticare.

Il nuovo che avanza vuol vivere libero e sicuro in un paese ricco e ben protetto.

Il nuovo che avanza ne ha le scatole piene della politica del ricatto e della estorsione.

Il nuovo che avanza esige e pretende che l’unico interesse da difendere e tutelare sia l’interesse ed il diritto comunitario delle famiglie come delle aziende italiane di avere un governo forte e stabile un governo che garantisca continuità nel tempo, per superare il mare agitato della crisi socio-economico-finanziaria che rischia di metterci tutti in ginocchio.

Il nuovo che avanza difende quel patto sociale che Lega insieme famiglie ed aziende, e che solo conduce il paese verso un futuro di ricchezza e di benessere.

Il nuovo che avanza non ne può più degli avanzi e dei rottami che vengono da un passato tutto da dimenticare, laddove si copriva il rischio finanziario di impresa solo di “alcune” aziende private con i danari pubblici, si provvedeva a finanziare l’assistenza sociale con i soldi della previdenza sociale (lasciando così in mutande i pensionati), si imbottivano i divani di frusciante danaro rubato alla cura della salute dei cittadini, si emettevano mandati di cattura di pericolosi criminali mafiosi che non venivano mai arrestati, non ne può più di quel passato di professionisti della politica che nessuno vuol più rivivere, nessuno si augura più di incontrare, nessuno vuol più pagare sulla propria pelle, sulla pelle dei propri figli e sulla pelle della libera iniziativa privata che unica produce ricchezza e lavoro in questo paese.

Il nuovo che avanza chiede di cambiare questo paese per trasformarlo in un paese ancor più avanzato ed ancor più civile, più libero e più ricco, sempre meno mafioso e sempre meno fannullone e parassita.

Ora, è venuto il momento di schierarsi:

o con il futuro del nuovo che avanza,

o con il nulla di un passato che non comprende quando è venuto il momento di farsi da parte, per il bene del paese, per il bene di tutti.

Avanti, allora, con o senza di loro.

Avanti allora:

O noi

O loro.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La Casta politica non vuole il cambiamento e le riforme

martedì, 22 giugno 2010

Ed ecco l’ennesimo attacco al cambiamento e alle riforme che, DA SOLA, la Lega Nord porta avanti in questo paese negli ultimi venti anni.

Alleati o avversari politici non reggono proprio alla invidia e alla gelosia nei confronti di questo movimento politico che segna, SOLO ed UNICO, il cambiamento ed il vento riformatore di questo paese.

Coloro i quali criticano la Lega, sono solo interessati a conservare a loro poltrona del (pre)potere, conquistata non per merito, ma per adesione ad un sistema politico costosissimo e inefficiente, che assicura loro facili carriere politiche e senza l’onta dello sporcarsi le mani o le scarpe con il duro lavoro quotidiano, al costo di non fare politica, di non cambiare nulla negli equilibri dei (pre)poteri che condizionano fortemente il benessere e la distribuzione di quella ricchezza che essi non hanno mai prodotto.

Difendono i loro interessi e non quelli delle aziende e delle famiglie italiane.

Difendono posizioni di lobby che hanno interessi contrari ai poli produttivi di questo paese, che si arricchiscono esclusivamente di denaro pubblico, di appalti pubblici, di convenzioni pubbiche, di posti di lavoro pubblici, di poltrone pubbliche.

Ma tutto questo stato dei parassiti fannulloni che non vogliono lavorare, è assolutamente contrario ad ogni cambiamento, fortemente intenzionato a lasciare il popolo che lavora e produce in schiavitù del parassitismo elevato a sistema, di funanboli e parolieri senza alcuna capacità politica, anti.storici senza una storia ed una tradizione, avendo rinnegata la propria e mai costruita una nuova.

Perchè costruire è come lavorare:
costa sangue e sudore.

E solo un movimento politico resta a difesa di chi lavora e di chi produce, si pone a contrasto di illegalità diffusa e mafie, si oppone alla corruzione morale e materiale che ingrassa chi non ha mai avuto nessuna intenzione di sudare per arricchirsi.

Un cancro attenta al futuro di chi crede nel lavoro, di chi, imprenditore o lavoratore, viene ricattato quotidianamente da una pressione fiscale impossibile e da uno stato vecchio, stanco, centralizzato e sprecone, è questo cancro, questa pericolosa malattia che distrugge l’unità, l’integrità ed il futuro di questo paese, e questo cancro parassita si chiama casta politica.

Il popolo è ricattato da questa casta, che impedisce agli uomini e alle donne libere di avere un lavoro, mentra assicura posti di lavoro pubblici a chi sostiene questa casta, vota questa casta, aprova questa casta assassina delle libertà fondamentali di ogni popolo e di ogni essere umano vivente.

Il voto di scambio è una invenzione di questa casta politica, che ha raggiunto il potere attentando al libero voto.

I cassonetti dei rifiuti sono pieni di schede elettorali dove non si vota per la Lega.

Mentre le strade sono ricolme di rifiuti dove non si vota per la Lega.

Questo vuole la casta, questo subisce il popolo.

Per questo la Lega vincerà la sua battaglia di libertà:

perchè il male travestito da amore non vincerà mai,
perchè il perdonismo travestito da bene, uccide il futuro del popolo.

In questo paese c’è un unico bene, ed esso è la libertà.

In questo paese c’è un solo difensore del bene, ed è la Lega di Umberto Bossi.

Il resto è solo una palla al piede, un cancro parassita che si nutre del sangue dei giusti.