Articoli marcati con tag ‘mezzi di comunicazione’

Italia: lo stato bordello – Italy: the bordello state – Italien: Das Bordell Zustand – Italie: l’état bordel

venerdì, 9 agosto 2013

James Walston, professore di relazioni internazionali all’American University di Roma, scrisse sulla rivista Foreign Policy:
in Italia, non solo “alcune donne arrivano in parlamento attraverso una camera da letto”, ma soprattutto “donne e uomini, giornalisti e professionisti, hanno dato via le loro menti e i loro principi, anziché i loro corpi”.

Questo il duro commento alla credibilità di professionisti e giornalisti, parlamentari e aspiranti tali in Italia.

Il declino italiano marcia su binari criminali e criminogeni ben noti, nell’assoluto immobilismo politico e della governance pubblica, nella mancata moralità ed eticità degli stili di vita e dei modelli di riferimento che sono più comunemente condivisi.

Il guaio più grosso è e resta l’eccessiva diffusione e condivisione dei comportamenti negativi, specie in soggetti portatori di licenza, concessione, funzione, attribuzione e gestione del potere pubblico.

Tale condivisione e tale diffusione sono talmente estese da rende i comportamenti negativi come “comportamenti maggioritari” nel paese, di una assurda maggioranza che pretende impunità ed immunità, grazie alla regola della maggioranza dei numeri in una democrazia come pretende di essere quella italiana.

Impietosa l’analisi dei fattori del sempre più probabile fallimento italiano che viene taciuta ai cittadini italiani, pubblicata da pochissimi mezzi di comunicazione e di informazione racconta di uno sfacelo totale, di un degrado abissale, di un disagio sempre maggiore che indica come risorse queste negatività e rinnegandoli invece come fattori del fallimento stesso per una economia interna.

Non è infatti singolare il caso in cui vasti strati della popolazione guardino positivamente alla economia sommersa prodotta dal riciclaggio di danari sporchi rinvenenti da:
corruzione politica e burocratica;
arricchimento illecito ed illegale;
fatturato mafioso;
evasione ed elusione fiscale;
estorsione;
usura;
lavoro nero;
truffe, abusi e frodi ai danni della pubblica amministrazione.

Il complesso di queste attività e di tante altre attività dal simile impatto distruttivo sulla economia italiana può essere definito come socialmente pandemico che nella sua radice greca di pandemico, pan-demos, significa appunto “tutto il popolo”.

Lo stato bordello è qundi uno stato in cui una significativa maggioranza di cittadini adotta comportamenti illceciti e/o illegali nella convinzione assoluta di non poter essere perseguiti né puniti per questi comportamenti, proprio a causa della loro diffusione:

mal comune in questo caso vale molto più di un semplice mezzo gaudio, un guaio che possa contare almeno su di una maggioranza nel paese.

Ecco che, una rinascita economica, politica, sociale, finanziaria ed industriale dell’Italia appare come un miraggio irragiungibile proprio a causa della forte ed assai condivisa volontà negativa popolare che la sostiene e la alimenta, una maggioranza del male che diviene automaticamente anche maggioranza elettorale e di consenso.

Come è possibile allora cambiare questo stato bordello in uno stato normale utilizzando i normali strumenti messi a disposizione dalla democrazia repubblicana e costituzionale italiana, se questi stessi strumenti necessitano di maggioranze democratiche per essere utilizzati a pieno titolo?

Non è forse venuto il momento dopo 64 anni di democrazia rappresentativa, 3 repubbliche, 17 legislature, 61 governi, 12 presidenze e 11 capi di stato di arrendersi alla evidenza che, governare gli italiani non è impossibile quanto certamente inutile ai fini del governo stesso in un sistema compiutamente democratico quale quello bloccato ed insabbiato italiano non è mai certamente stato?

Stato, appunto:

Stato.

Gustavo Gesualdo
alias Il Citadino X