Articoli marcati con tag ‘great britain’

Brexit è Independence Day

venerdì, 24 giugno 2016

La Gran Bretagna sceglie l’Indipendenza ed esce definitivamente da questa fallimentare esperienza di Unione Europea

Quali sono i motivi che hanno determinato questa scelta?

Tentiamo una analisi

1)

la ribellione del popolo britannico ai poteri finanziari che valicano, condizionano e governano i poteri dello stato, alle bolle finanziarie che arricchiscono le lobby e vengono pagate dal popolo dei cittadini, dalle crisi finanziarie ingovernate da una politica sempre più vile ed asservita ai poteri forti e alle lobby

2)

un NO forte e deciso alla partecipazione ad una Unione Europea che scrive ogni giorno di più la parola fine alla storia, alla cultura e alla sopravvivenza stessa dei popoli europei, aggrediti e sottomessi alla invasione musulmana d’Europa e d’Occidente, invasione che trova nei musulmani Barack Hussein Obama II e Sadiq Khan la massima espressione e tutela, il tradimento incarnato dei valori e della esistenza stessa dell’Occidente e dell’Europa, cancellata e abiurata da una Unione Europea politica e burocratica sottomessa al nemico giurato di ogni aspetto e di ogni valore civile, cristiano ed europeo della civiltà democratica occidentale ed europea, della difesa e non della abiura della libertà dei popoli

3)

il tentativo di imporre ai popoli europei scelte fatte per difendere interessi non europei, non autoctoni, non liberi, non civili, non democratici e non occidentali, soprattutto, non europei ed anti-europei

4)

il fallimento delle politiche laburiste e democratiche europee ed occidentali, il fallimento ed il tramonto definitivo delle sinistre europee ed americane, distinte e distanti dai popoli e dai territori che hanno spergiurato di difendere e che invece hanno platealmente tradito, nel limite delle reazioni messe in atto da Thomas Mair e Anders Breivik, segnali allarmanti di una montante reazione violenta che è stata volutamente ignorata e sminuita da politici e burocrati europei di sinistra, vera palla al piede del futuro europeo, americano ed occidentale

5)

la proditoria ed arrogante imposizione europea del far pagare il peso enorme dei paesi viziosi del sud ai paesi virtuosi nord:

in questo senso si vede benissimo il nodo centrale del NO alla UE da parte dei britannici, affatto interessati ad alimentare un sistema finanziario e bancario fallito e mafioso, condizionante ogni scelta del governo UE e dei governi delle sinistre in Europa, un disastro che partì proprio dalle bolle finanziarie britannica e americana, un fallimento che i popoli europei sono stati costretti a pagare per mettere a tacere la sottomissione assoluta dei governi politici di sinistra (falso-democratici e finto-moderati) alla finanza, alle banche, a quei poteri che fanno i soldi con i soldi e non con il lavoro

6)

la mancata eliminazione del terrorismo islamico, annunciata dai leader politici francesi come un pericolo con il quale occorre convivere, un pericolo ed un terrore che i politici francesi di sinistra dichiarano di non voler combattere ed eliminare (o di combattere solo a parole, come fa il presidente americano Obama), in favore di una “invasione musulmana europea inevitabile” e favorita dal tradimento delle leadership europee

Credo che il quadro analitico sia completo, almeno nelle sue principali indicazioni, azioni e reazioni

In ultimo possiamo aggiungere che questa Unione Europea, costruita a danno e non a sostegno, difesa e tutela dei popoli europei è meramente e miseramente fallita, caduta nella polvere della arroganza di una leadership politico-istituzionale che di politico, non ha proprio nulla

La Brexit è punto di non ritorno cui la politica ha portato e cui la politica non può rispondere

L’Indipendenza e la Libertà dei popoli europei è valore superiore a qualunque ideologia di sinistra, a qualunque predominio musulmano, a qualunque sottomissione cristiana, a qualunque progetto di “Aktion T4″. di annientamento, disgregazione e distruzione dall’interno del genoma europeo ed occidentale, di qualunque follia incarnata da un indirizzo politico suicida, responsabile del tentativo di sterminio programmato delle razze europee, delle religioni europee, della civiltà europea, del modello occidentale

L’invasione musulmana favorita dalla leadership europea tradisce i popoli europei e ne determina l’esclusione, ne programma l’eliminazione scientifica fallisce in questo NO, in questa Brexit che afferma il valore europeo contro il valore dell’odio e dell’annientamento europeo

Siamo al punto di non ritorno, siamo al punto di svolta:

questa Unione Europea finisce qui

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

American soldiers come back home

giovedì, 3 maggio 2012

In onore di tutti quegli uomini e quelle donne che hanno dovuto lasciare le loro case, le loro famiglie ed i loro affetti per combattere una guerra, per distruggere un mostro, per difendere il bene, per cercare un futuro od inseguire un sogno.

E sono tornati.

In onore di tutti quegli uomini e quelle donne che hanno dovuto lasciare le loro case, le loro famiglie ed i loro affetti per combattere una guerra, per distruggere un mostro, per difendere il bene, per cercare un futuro od inseguire un sogno.

E non sono tornati.

In honor of all those men and women who have fled their homes, their families and their loved ones to fight a war to destroy a monster, to defend the good, look for a future or follow a dream.

And they’re back.

In honor of all those men and women who have fled their homes, their families and their loved ones to fight a war to destroy a monster, to defend the good, look for a future or follow a dream.

And they never returned.

En l’honneur de tous ces hommes et de femmes qui ont fui leurs foyers, leurs familles et leurs proches pour lutter contre une guerre pour détruire un monstre, pour défendre le bien, recherchez un avenir ou de suivre un rêve.

Et ils sont de retour.

En l’honneur de tous ces hommes et de femmes qui ont fui leurs foyers, leurs familles et leurs proches pour lutter contre une guerre pour détruire un monstre, pour défendre le bien, recherchez un avenir ou de suivre un rêve.

Et ils ne revinrent jamais.

Em homenagem a todos aqueles homens e mulheres que fugiram de suas casas, suas famílias e seus entes queridos para lutar uma guerra, para distruugere um monstro, para defender o bem, procure um futuro ou seguir um sonho.

E eles estão de volta.

Em homenagem a todos aqueles homens e mulheres que fugiram de suas casas, suas famílias e seus entes queridos para lutar uma guerra, para distruugere um monstro, para defender o bem, procure um futuro ou seguir um sonho.

E eles nunca voltaram.

לכבוד כל אותם גברים ונשים נמלטו מבתיהם, משפחותיהם ואהובים שלהם למלחמה להרוס מפלצת, להגן טוב, להראות בעתיד או אחרי חלום.

והם חוזרים.

לכבוד כל אותם גברים ונשים נמלטו מבתיהם, משפחותיהם ואהובים שלהם למלחמה להרוס מפלצת, להגן טוב, להראות בעתיד או אחרי חלום.

והם לא חזרו.

and they shall see us:
and we will fall upon their necks,
and they shall fall upon our necks,
and we will kiss each other

e loro potranno vederci:
e cadremo sui loro colli,
e loro potranno cadere sui nostri,
e ci baceremo

Moses 7:63
Mosè 7.63

american soldiers come back home

Gustavo Gesualdo

Due pesi e due misure nella politica europea

mercoledì, 13 aprile 2011

Il ministro dell’Interno italiano Roberto Maroni è al centro del dibattito internazionale in questi giorni, sulla importante questione del governo di quei flussi migratori che investono il nostro paese e l’Europa.

I distinguo che vengono dalla Commissione Europea ed il netto rifiuto di collaborare con l’Italia nella gestione e nel governo di questo fenomeno emergenziale, espone i paesi europei al ridicolo di una dicotomia difficilmente giustificabile.

Non sono pochi infatti, i paesi europei che adottano misure stringenti nei confronti dei migranti extra-comunitari, misure che superano grandemente quelle imposte in Italia.

Eppure, sono quegli stessi paesi europei che impongono da un lato, l’accoglienza sic et simpliciter dei migranti, e rifiutano ogni collaborazione nella stessa accoglienza, rifiutandosi determinatamente di collaborare con le iniziative messe in campo dal ministro dell’Interno italiano.

Questa povera politica dei due pesi e delle due misure, impone una riflessione, seria, severa.

Il ritorno ad un neo-colonialismo anglo-francese, che si nutre delle crisi del mondo arabo ed africano, provoca esso stesso quelle fughe di massa che invadono il nostro paese nei termini ormai delle decine di migliaia unità.

Eppure questi due paesi belligeranti ed interventisti, si rifiutano decisamente di accogliere parte di questi soggetti che bussano alle porte dell’Europa e non della sola Italia.

Molti migranti sono di seconda lingua francese, infatti, ed approdano in Italia sol perchè essa è la sponda euorpea più vicina ed abbordabile ad essi.

Chiedono esplicitamente in massa di essere trasferiti in Francia, appena toccano il suolo italiano ed europeo.

Ma la Francia non li accetta, non li desidera, non li accoglie, imponendo con la forza sul governo europeo, l’adozione di provvedimenti consecutivi ed omogenei alla loro volontà.

Sul piano interventista anglo-francese, il governo italiano ha già vinto la sua battaglia, vedendo accolta la richiesta che il comando delle operazioni militari in Libia, fosse tolto a francesi ed inglesi ed affidato al comando della NATO.

Forse nella dura reazione di alcuni paesi europei, si legge una sorta di atteggiamento vendicativo di questi governi, contrastati all’interno da continue emorragie di consenso popolare.

Come molti paesi in piena crisi interna, taluni governi cavalcano la teoria che, esternalizzando i processi di crisi, si recupera il consenso perduto all’interno.

E danno il via a cavalcate guerrafondaie molto interessate a dissipare quella fitta rete relazionale messa faticosamente in campo dal governo italiano con paesi come la Libia, in quegli accordi che prevedevano appunto, una stretta collaborazione nell’impedire la partenza dei barconi di migranti spinti da motivazioni economiche, dalle coste africane.

Questa politica di aggressione alle relazioni internazionali italiane è però inaccettabile.

Come è inaccettabile il netto rifiuto dei paesi interventisti nel raccoglierne le relative responsabilità.

Il mondo intero guarda all’Italia come modello politico di riferimento in questi tempi, risvegliando antiche gelosie e politiche di sbarramento.

Questo è un fatto comprensibile, ma non giustificabile.

Giustificabile e piena di ragioni è invece la posizione rigida assunta dal ministro Maroni, il quale trae le sue conclusioni affermando che una Europa siffatta, non è soggetto politico di interesse italiano.

Anzi, oltre al disinteresse, da tale situazione nasce una vera e propria avversione europea agli interessi italiani in gioco, dimostrando una assoluta incompatibilità fra interessi italiani ed europei.

Il risveglio della “terza via italiana” alla risoluzione dei conflitti e delle crisi nell’area mediterranea, non piace alla Francia, per fare un esempio, angustiata dalla possibilità che l’Italia, possa creare un dualismo europeo italo-tedesco che metterebbe in gioco quello del vero potere che governa l’Unione Europea franco-tedesco.

La Germania, da canto suo, presta il fianco a critiche intelligenti quali quella di sostenere contemporaneamente una posizione anti-francese nell’intervento armato in Libia ed una posizione in asse con la Francia nel rinnegare una tutela dei confini e dei territori europei invasi da quelle migrazioni provocate proprio dall’interventismo anglo-francese.

Appare chiaramente un quadro politico all’interno del quale, gli interessi nazionalistici, sovrastano grandemente quelli europei, determinando stati di confusione politica e mentale convinti di avere comunque una ragione da pretendere.

Ma questa politica ha visioni e gambe troppo corte per essere correlata con l’intenzione europeista autentica, quella di un consesso di popoli e paesi che tuteli e difenda tutti i popoli, tutti i confini e tutti gli interessi europei.

Se quelli italiani non sono contemplati in questo assetto, l’europa ammette nei fatti un disinteresse inaccettabile.

Ne prendiamo atto.

Siamo i soli in Europa, ad avere una visione europeistica autentica e disinteressata.

Siamo i soli in Africa, ad avere una visione positiva e ragionevole, autenticamente disinteressata.

Siamo soli a garantire l’integrità del confine meridionale europeo.

Siamo soli.

E se l’Europa non c’è per l’Italia, il ministro dell’interno Maroni ha piena ragione a domandarsi per quali motivi dovremmo continuare a stare insieme all’Europa, da soli.

Ancora una volta, la politica maroniana interpreta al meglio gli interessi nazionali italiani.

E non è detto che, tale posizione, non incarni nel prossimo futuro il governo del paese.

Posto che, l’iniziativa politica maroniana a tutto campo, governa e difende gli interessi italiani sin d’ora.

E questa è una realtà che dovranno accettare i detrattori degli interessi italiani, sia ll’interno che all’esterno dei confini italiani ed europei.

E andiamo avanti.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La Terza Via: la fine del pregiudizio, l’inizio di un nuovo Amore

domenica, 20 marzo 2011

Le questioni libiche contemporanee, aprono ancora una volta la mia mente a considerazioni antiche, riflessioni che partono dal 9 novembre 1989, giorno in cui, si diede fine con la caduta del muro di Berlino, a quella Cortina di ferro che spaccava in due l’Europa, che impediva una completa maturità ai paesi europei, da sempre succubi di una malnata e malfinita guerra mondiale e di una divisione ossessivamente ideologizzata, all’interno della quale, non vi era spazio per una via di mezzo, per una terza via oltre l’essere comunisti o libertari.

Dopo quel giorno che ha squarciato il velo delle ideologie è emerso un intero assetto mondiale posato sulla contrapposizione artificiosa fra est ed ovest.

Questo assetto, ha vissuto un periodo di crisi profonda, muovendosi alla ricerca di risposte alle domande:
chi siamo, e da dove veniamo?
chi sono i nostri simili e chi governa il nostro presente senza il nostro assenso?

Ed è il risveglio delle coscienze, dei popoli, dei territori, di quegli stili di vita comuni che sembravano sopiti, addormentati e narcotizzati dalla divisione del mondo fra est ed ovest.

Ora, quella divisione non esiste più.

Nuovi pericoli si affacciano al nostro presente, nuove sfide che necessitano di ben altre cifre di lettura che questa.

Il cartello delle potenze che sono uscite vincitrici dalla seconda guerra mondiale, e che hanno pesato in maniera importante sulle scelte del nostro mondo, subisce continui riequilibri interni e riassetti esterni.

Analizziamoli insieme.

I . Il ritorno delle potenze economiche precedenti la nascita degli Stati Uniti d’America.

Nei secoli immediatamente precedenti la nascita degli USA infatti, si erano alternate nel primato economico mondiale, le economie della Cina prima e dell’India poi.

La fiorente economia indiana, sottomessa al colonialismo britannico, ha fatto la fortuna degli inglesi, divenuti ricchi e potenti, più di quanto lasciasse ragionevolmente pensare il regno di quel “benessere comune” (Commonwealth) che faceva sì la fortuna ed il benessere degli inglesi, ma non altrettanto la fortuna di quei paesi sottomessi che producevano enormi ricchezze di cui non godevano.

La nascita degli USA, la prima e la seconda guerra mondiale hanno attraversato la storia come un fulmine, trasformando velocemente quanto violentemente, il corso naturale della economia mondiale.

Oggi, quella economia, risulta essere un po più libera di crescere in maniera autonoma, grazie all’interscambio notevole di informazioni ed alla crescita complessiva di quel “sapere come” (Know-how) fare le cose, costruire industrie, coltivare un benessere ben più diffuso e comune di quanto non sia mai avvenuto nel passato.

La Cina, l’India e la Russia, tornano così alla ribalta mondiale come soggetti non più ideologicamente od economicamente asserviti, ma come soggetti autori di una autentica rivoluzione primaria della economia mondiale, sviluppando e generando quel villaggio globale economico, tanto avversato nella visione anti-globalizzatrice dei mercati, non affiancata da una pari crescita sociale e delle garanzie dei popoli.

Ma è sempre stato così:

la crescita tumultuosa delle economie emergenti, qualunque esse siano, pagano questo prezzo da sempre.

Il riconoscimento sociale derivante da una formidabile crescita economica, tarda sempre un po a manifestarsi, ma si manifesta e vince, anche se in ritardo.

Ora, gli assetti globali sono mutati, ora le scelte di adesione a visioni comuni del benessere, della sua ricerca e della sua produzione, risultano più spontanei, maggiormente omogenei, soprattutto più liberi, con quel che ne consegue nelle variazioni di leadership militari ed economiche globali.

Già, perchè il vecchio vizietto di dividere gli altri per imperare da soli, attraverso il coadiuvare e fomentare divisioni e idiosincrasie all’interno di altri paesi, resta l’immutevole prezzo da pagare a quelle super potenze che hanno bisogno continuamente di “esternalizzare” le proprie crisi ed idiosincrasie, attraverso manovre di politica estera che possiamo definire ciniche ed azzardate, che ancor oggi operano, depistano, violentano.

Un nuovo mondo però si affaccia a noi, una terza via è possibile oggi.

II . La Terza Via

Il sommovimento degli equilibri mondiali apre la strada a nuove scelte, dimentiche della sudditanza ideologica del passato, relative ad indici di comune benessere, di difesa del territorio, di stili di vita, di pensiero, di azione.

E’ quella che è stata denominata come “la Terza Via”, spesso percorsa da audaci italiani, colpiti senza pietà da un tradimento mafioso, alleato con poteri esterni che curavano sviluppi di benessere preordinati, ricalcati, costretti, coercitivi, manovrati e stabilizzati o destabilizzati a seconda della convenienza.

Ma non della nostra convenienza, purtroppo.

Riemerge dal nostro passato una sottile linea di continuità che ha combattuto per un benessere maggiore, per una sana concorrenza negli scenari economici, non influenzata da “dogmi ideologici” eretti da muri che non ci sono più, che non dividono più.

Ecco un percorso comune più libero apparire nel mondo, impervio certo, non facile, ma audace, certamente più produttivo, più fattivo, meno caratterizzato da immagini e divisioni storiche e che pesavano come eredità mutuabili in un eterno versamento compensativo di quelle pur orribili colpe guerriere, di quelle impossibili separazioni (apartheid), di quei pesanti pregiudizi storici duri a morire, così come sono invece stati facili a fiorire, purtroppo.

Ma dal passato, dobbiamo avere la capacità esperienziale di raccogliere quanto di buono è stato seminato e di escludere tutto il resto ignominioso attore di una follia che ora sappiamo come tenere a bada, come stringere d’assedio, come scarnificare dal bene, poichè nessuno oggi, vuol interpretare “quel passato”, mai più.

Ed è la vittoria dell’umanità in quanto tale, questa, capace di riconoscere il bene ed il male, di sostenere il proprio benessere al di la del bene e del male fatto o ricevuto.

E questa, è la storia moderna di una “terza via”, il cui cammino ha tentato di emergere e più volte nel nostro passato, impedito dal pregiudizio, stroncato dalla violenza prevaricatrice, sventrato da un sistema sovrastrutturale che si dimostra antitetico e forse anche, pericoloso, per il nostro benessere comune.

Io, non mi vergogno oggi a dichiarare apertamente, che gli stili di vita, la comunione di intenti, la solidarietà profonda che muovono il mio animo, sono rappresentate da due popoli che sento molto vicini, molto incarnati al mio presente, atavicamente intrisi di un dover essere umile e potente, sonoramente bastonato dalla storia civile e militare di questo pianeta, ma mai piegato completamente, mai domo, assolutamente.

E per me, uomo del terzo millennio, è venuto il momento di poter dire con limpida serenità, con rinnovata certezza ed assoluta limpidezza che, mi sento vicino e fratello al popolo tedesco, come al popolo giapponese.

Strano.

Le pareti della mia stanza non hanno tremato a questa dichiarazione di amore e di fratellanza.

Forse perchè, gli avvenimenti contemporanei, dimostrano ben altra “fratellanza” e ben diverso “amore”, di un ben altro tremore di stanze e di palazzi, provocato da azioni che definire “amorevoli”, risulta essere un azzardo notevole, un paradosso eccessivo.

E non può essere un sentimento d’amore e di fratellanza influenzato dalla vergogna, poichè io non mi vergogno affatto di tali sentimenti, non mi deludo affatto di queste emozioni positive, poichè esse stesse sono propriamente amorevoli, fraterne.

Certo, anche altri popoli martoriati dalla storia e dalle vicende umane, attraggono la mia amorevole attenzione, dispongono della mia naturale solidarietà.

Ma quella unione di intenti, quella fratellanza con il popolo tedesco e giapponese, muovono il mio Io a dichiarare il proprio amore, la propria vicinanza, la propria fratellanza.

E non è forse l’amore, senza mentite spoglie, scevro da interessi di piccola bottega, a sorreggere questa umanità, a condurre questo sentimento che è quello più antico e forte della libertà di scegliere con chi stare, con chi subire torti ed ingiustizie, nella continua ricerca della perfezione umana?

E se questa “terza via” non è amore, mi domando, che cos’è?

Condividere il pianto del popolo giapponese, condividere la terza via dell’amore e non della guerra del popolo tedesco, cosa è se non amore allo stato puro?

Come quell’amore che si affida alla persona amata, compagna di vita, a quei figli per cui si donerebbe volentieri la vita, questo amore richiede uguale sostanza, medesima ragion d’essere.

E se questa Terza Via si presenta piuttosto come un calvario, se questa nuova via assume il dovere della non interposizione nelle faccende altrui, assume il diritto di amare a piacimento e condividerne il dolore con un medesimo e profondo “piacere”, che non ha nulla a che vedere con il piacere del vedere altri in difficoltà, e non se stessi, ma assume quel piacere di chi è disposto a qualunque sacrificio, a qualunque condivisione, per raggiungere una unione che da sola, appaga, riconosce, soddisfa.

Per così poco, per tanto sacrificio ….

Se non è amore questo.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Libia: il giorno della vendetta

domenica, 20 marzo 2011

Sicuramente, alle spalle dell’intervento occidentale sotto il cappello ONU e NATO di questi giorni sul territorio libico, esistono motivi di riequilibrio nel settore strategico delle fonti energetiche fossili (petrolio e gas metano), come certamente esitono volontà di appropriazione indebita su queste risorse.

Certamente, non possiamo nasconderci queste realtà.

Se la Libia non possedesse tali risorse di idrocarburi, probabilmente l’Occidente lascerebbe liberamente massacrarsi le parti in causa come è avvenuto ed avviene in altri paesi arabi, in piena crisi di identità.

Io voglio però ricordare come questa guerra ha risvolti vendicativi antichi, mai sopiti, mai dimenticati.

E parlo dell’attentato terroristico avvenuto in Lockerbie (Scozia-GB) del volo Pan Am 103 esploso in volo causando la morte delle 259 persone a bordo dell’aereo e di 11 persone a terra, colpite dai rottami dell’aereo.

Come parlo della famigerata strage di Ustica, dell’abbattimento di un aereo di linea italiano, un Douglas-DC9 della Itavia, avvenuto il 27 giugno 1980. 23 giorni dopo, un MIG militare libico fu, ritrovato abbattuto sul suolo italiano.

Oggi è il giorno della vendetta anche per 81 italiani caduti per colpa della follia libica.

Quella follia da sempre frammista all’insofferenza ed all’intolleranza che gli stati etici arabi estremisti, che le folli dittature religiose islamiche, nutrono nei confronti del diavolo, di quegli infedeli che a causa della loro non-islamicità, debbono morire o arrendersi e sottomettersi all’Islam.

Il diavolo siamo noi, tutti gli infedeli alla religione islamica, massacrati dagli attentati dell’11 settembre 2001, quegli attacchi suicidi da parte di terroristi islamici contro obiettivi civili e militari nel territorio degli Stati Uniti d’America, contro la libertà dell’Occidente, contro ogni libertà individuale e collettiva riconosciuta dal mondo delle libere democrazie.

Ebbene, io non condivido tutto questo, io non mi sottometto all’Islam.

Sarà anche barbaro ed incivile l’uso della forza a fini di vendetta, ma ricordo a me stesso ed a tutto il mondo libero occidentale come, quale pericolo assumono tali follie per la nostra stessa sopravvivenza.

Non so se questa azione militare possa essere definita una vendetta, ovvero un’azione a difesa e tutela della nostra libertà.

Lascio ad ognuno di noi, la libera scelta di quale posizione e/o opinione esprimere su questi fatti odierni, ma sono certo e convinto che quanto accade oggi in Libia, non è un male in quanto tale, una violenza gratuita, una ingerenza inaccettabile, ma una azione che sento vicina, non lontana dagli interessi del nostro stile di vita, della nostra storia, della nostra cultura, dei nostri morti ammazzati dal terrorismo islamico, che essi fossero a New York, che essi fossero a Lockerbie, che fossero ad Ustica.

La difesa di un sentimento di appartenenza comune, non conosce limiti, non conosce distinzioni, non conosce storie differenti.

O l’Occidente si salva tutto, o la sua storia, la sua cultura, la sua religione, il suo stile di vita e la sua innata propensione alla difesa del nostro comune stile di vita, non potranno sopravvivere al confronto delle barbarie e delle violenze odierne.

E non è una questione di bandiere, di ideali, ma di territorialità, di stili di vita, di lotta per la sopravvivenza della libertà dei primi e della mera soprravvivenza dei secondi.

O noi, o loro.

E’ la legge della natura, è la legge della sopravvivenza.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X