Articoli marcati con tag ‘Gran Bretagna’

Brexit è Independence Day

venerdì, 24 giugno 2016

La Gran Bretagna sceglie l’Indipendenza ed esce definitivamente da questa fallimentare esperienza di Unione Europea

Quali sono i motivi che hanno determinato questa scelta?

Tentiamo una analisi

1)

la ribellione del popolo britannico ai poteri finanziari che valicano, condizionano e governano i poteri dello stato, alle bolle finanziarie che arricchiscono le lobby e vengono pagate dal popolo dei cittadini, dalle crisi finanziarie ingovernate da una politica sempre più vile ed asservita ai poteri forti e alle lobby

2)

un NO forte e deciso alla partecipazione ad una Unione Europea che scrive ogni giorno di più la parola fine alla storia, alla cultura e alla sopravvivenza stessa dei popoli europei, aggrediti e sottomessi alla invasione musulmana d’Europa e d’Occidente, invasione che trova nei musulmani Barack Hussein Obama II e Sadiq Khan la massima espressione e tutela, il tradimento incarnato dei valori e della esistenza stessa dell’Occidente e dell’Europa, cancellata e abiurata da una Unione Europea politica e burocratica sottomessa al nemico giurato di ogni aspetto e di ogni valore civile, cristiano ed europeo della civiltà democratica occidentale ed europea, della difesa e non della abiura della libertà dei popoli

3)

il tentativo di imporre ai popoli europei scelte fatte per difendere interessi non europei, non autoctoni, non liberi, non civili, non democratici e non occidentali, soprattutto, non europei ed anti-europei

4)

il fallimento delle politiche laburiste e democratiche europee ed occidentali, il fallimento ed il tramonto definitivo delle sinistre europee ed americane, distinte e distanti dai popoli e dai territori che hanno spergiurato di difendere e che invece hanno platealmente tradito, nel limite delle reazioni messe in atto da Thomas Mair e Anders Breivik, segnali allarmanti di una montante reazione violenta che è stata volutamente ignorata e sminuita da politici e burocrati europei di sinistra, vera palla al piede del futuro europeo, americano ed occidentale

5)

la proditoria ed arrogante imposizione europea del far pagare il peso enorme dei paesi viziosi del sud ai paesi virtuosi nord:

in questo senso si vede benissimo il nodo centrale del NO alla UE da parte dei britannici, affatto interessati ad alimentare un sistema finanziario e bancario fallito e mafioso, condizionante ogni scelta del governo UE e dei governi delle sinistre in Europa, un disastro che partì proprio dalle bolle finanziarie britannica e americana, un fallimento che i popoli europei sono stati costretti a pagare per mettere a tacere la sottomissione assoluta dei governi politici di sinistra (falso-democratici e finto-moderati) alla finanza, alle banche, a quei poteri che fanno i soldi con i soldi e non con il lavoro

6)

la mancata eliminazione del terrorismo islamico, annunciata dai leader politici francesi come un pericolo con il quale occorre convivere, un pericolo ed un terrore che i politici francesi di sinistra dichiarano di non voler combattere ed eliminare (o di combattere solo a parole, come fa il presidente americano Obama), in favore di una “invasione musulmana europea inevitabile” e favorita dal tradimento delle leadership europee

Credo che il quadro analitico sia completo, almeno nelle sue principali indicazioni, azioni e reazioni

In ultimo possiamo aggiungere che questa Unione Europea, costruita a danno e non a sostegno, difesa e tutela dei popoli europei è meramente e miseramente fallita, caduta nella polvere della arroganza di una leadership politico-istituzionale che di politico, non ha proprio nulla

La Brexit è punto di non ritorno cui la politica ha portato e cui la politica non può rispondere

L’Indipendenza e la Libertà dei popoli europei è valore superiore a qualunque ideologia di sinistra, a qualunque predominio musulmano, a qualunque sottomissione cristiana, a qualunque progetto di “Aktion T4″. di annientamento, disgregazione e distruzione dall’interno del genoma europeo ed occidentale, di qualunque follia incarnata da un indirizzo politico suicida, responsabile del tentativo di sterminio programmato delle razze europee, delle religioni europee, della civiltà europea, del modello occidentale

L’invasione musulmana favorita dalla leadership europea tradisce i popoli europei e ne determina l’esclusione, ne programma l’eliminazione scientifica fallisce in questo NO, in questa Brexit che afferma il valore europeo contro il valore dell’odio e dell’annientamento europeo

Siamo al punto di non ritorno, siamo al punto di svolta:

questa Unione Europea finisce qui

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Chi ha paura di una Europa Unita?

venerdì, 13 dicembre 2013
L'Unione fa la Forza

L'Unione fa la Forza

Ecco disegnato perfettamente il fronte degli euroscettici (interessati):

inglesi, americani e russi.

Tutti coloro i quali temono con terrore la nascita e la crescita di un monolite potentissimo come una Europa Unita, terzo incomodo.

Il fronte NO-Euro o Anti-Euro europeo ed italiano viene finanziato da chi ha interesse a distruggere una europa unita e ad isolare i singoli paesi europei che sarebbero così facilmente asservibili al sistema dei veri padroni del mondo, di quei poteri forti che non desiderano una Grande Europa di nuovo Unita e sempre più Forte nel mondo Globalizzato.

Questa è la verità che si nasconde dietro un ritorno al nazionalismo e ad una sovranità nazionale italiana:

la sottomissione dell’Italia ai poteri forti globali, sottomissione che sarebbe impossibile o molto più difficile e costosa se l’Italia aderisse ad una struttura sovranazionale Forte, Indipendente e Potente come è la UE.

Il bello è che i NO Euro italiani e greci si fanno passare per nazionalisti e patrioti.

Bella menzogna a pagamento.

Di ideale e di patriottico non c’è proprio nulla nei sentimenti anti-europei. ed anti-europeisti.

Anzi, appare evidente l’elemento del tradimento e del traditore nell’italiano e nell’europeo che si oppone all’Euro-Zona come fattore di crescita politico, monetario, economico, finanziario, militare e identitario.

Tratto da Wikipedia :

“Europeismo è l’atteggiamento di chi favorisce una politica di integrazione nell’Unione europea e sostiene livelli di unità sovranazionale.

Gli europeisti credono che l’unità politica dell’Europa possa garantire la pace fra i popoli europei e favorire una crescita in diversi settori (economico, culturale, politico, sociale, scientifico, diplomatico, militare), soprattutto nello scenario attuale in cui gli Stati Uniti d’America si impongono come prima potenza mondiale, l’Europa si porrebbe come potenza di bilanciamento nell’assetto mondiale.”

In sintesi e senza ombra di dubbio, se tornasse a nascere Benito Mussolini oggi in Italia, egli non potrebbe essere che il maggiore sostenitore italiano della Unione Europea, che, nonostante tutti i difetti che le si possono contestare, ha il grande pregio di inseguire l’antico sogno prima romano e latino e poi romano e fascista di una Grande Italia forte in una Grande Europa forte in grado di condizionare le scelte globali, di resistere e di competere alle sfide della globalizzazione (vincendole), sfide che in questa ottica, diverrebbero una occasione imperdibile di crescita e di sviluppo e non di crisi.

Questa è la vera sfida del fascismo del terzo millennio:

smettere di pensare con la pancia e comiciare ad usare il cervello.

Dal testamento di Erich Priebke:

“Il Nazionalismo è scomparso e oggi non avrebbe nessuna possibilità di tornare”

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino X

Esercizio potere, funzione e servizio pubblico: non è pubblico né trasparente

giovedì, 18 luglio 2013

In questo paese di merda, in questo schifo vizioso, corrotto e mafioso indicibile, in questo paese sgovernato da governi, parlamenti, caste politiche e classi dirigenti del tutto autoreferenziali, il male assoluto è insediato nell’esercizio del potere pubblico, nelle funzioni eseguite di servizio pubblico e nel servizio pubblico.

Generazioni e generazioni di viziosi, di corrotti e di mafiosi hanno imparato ad infiltrare il potere pubblico al fine di abusarlo per interessi personali, piegarlo ad tutela e difesa di interessi famigliari, di cosca, di parte sociale, economica e politica.

Niente spirito di sacrifico e senso del dovere, nulla di tutto questo:

non se ne trova traccia.

Si annota invece autoreferenzialità arrogante e delinquente di corporazioni e di vere e proprie associazioni con finalità illecite e/o illegali invadere il potere pubblico, appropriarsi di un distintivo di intoccabilità e di immunità de facto e de iure e rifiutarsi proditoriamente di essere sottoposti a controlli, analisi, ispezioni e vigilanza nel proprio comportamento e nell’azione in esercizio e/o funzione del potere pubblico rappresentato.

Ovvio che una casta mafiosa, viziosa e corrotta che prendesse il potere infiltrandolo dal di dentro dovrebbe per prima cosa esercitare il potere pubblico senza alcun controllo, usandolo a piacimento come fosse un manganello nei confronti di chiunque metta in dubbio la sua capacità ed il suo equilibrio nell’esercitarlo, dovrebbe impedire ogni valutazione, analisi, controllo, ispezione e rendiconto di codesto esercizio del potere pubblico.

Immaginate per un momento che, in codesta condizione, se corpo insegnante e corpo giudiziario, ad esempio, fossero sottoposti a valutazioni periodiche i cui risultati fossero resi di pubblico dominio in questa Italia?

Cosa impossibile, irrealizzabile, in quanto mina il corpo mafioso delle caste corporative che vivono nel privilegio dell’abuso del potere pubblico.

Eppure, proprio in questi giorni, la valutazione del corpo insegnate e del corpo giudiziario viene pubblicata online, a disposizione del popolo sovrano.

Dove?

In Gran Bretagna, un paese certamente civile, laddove evidentemente prevalgono intelligenza e razionalità su mafie e vizio, parassitismo e arroganza proterva ed ignorante.

Ma in Italia, voi credete possibile un esercizio civile così avanzato?

Credete che un corpo, una casta autoreferenziale che vive di abuso del potere pubblico si sottoporrebbe ad una tale operazione di trasparenza tale da mettere a nudo il lato oscuro del potere pubblico italiano, il segreto della immunità e della impunità in Italia?

E credete che licenziare quei soggetti che risultassero di troppo inferiori alla media degli insegnanti e dei giudici italiani, credete che questo atto di selezione civile e democrazia meritocratica applicata potrebbe realizzarsi in questa idaglia degli idagliani, paese di merda?

Benvenuti all’inferno della furbizia e del vizio, mafioso e corrotto, autoreferenziale e del potere pubblico ridotto “cosa nostra”, o meglio, “cosa loro”, o ancor meglio: “casa loro”.

E adesso, comprenderete tutti meglio perché paesi come la Gran Bretagna sollevano più di un ragionevole dubbio, più di un razionale conflitto, più di una considerazione intelligente pregiudizievoli all’ingresso in una Unione Europea nella quale gravitino paesi così malmessi, sottosviluppati, trogloditi e distruttivi come questa repubblica italiana.

Leggete e ascoltate le indignate reazioni al vizio idagliano di Der Spiegel e CNN?

Vi rendete conto che l’indignazione di paesi come Germania e Stati Uniti d’America, pur rispettando questa idaglia degli idagliani, involve da indignazione inascoltata a vera e propria ira a causa della impossibilità raggiunta dallo stato italiano nel rendere giustizia alle vittime tedesche e americane del pluriomicida schettino, vile assassino ancora incomprensibilmente a piede libero?

Avete una sia pur minima idea di cosa pensano i paesi virtuosi del mondo nel vedere la Banca Centrale Europea (BCE) governata da un italiano cresciuto e formato in questa idaglia degli idagliani?

Le sentite le fragorose risate?

Avete letto del downgrade preannunciato del fondo salva-stati fortemente voluto dall’italiano mario draghi, fondo fortemente voluto dai governi dei paesi viziosi come l’Italia che continuano a spendere più di quanto conferito dai cittadini creando crescita del deficit e debito pubblico?

Paese vizioso, criminale e criminogeno, mafioso e corrotto, sgovernato da caste di autoreferenziali eserciti di chiacchieroni con un distintivo, vincitori di concorso pubblico, alienati del e dal Paese Reale.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino X

Riflessioni a tastiera aperta – 5 maggio 2013

domenica, 5 maggio 2013

Chi non sa cosa sia la realtà non ha il diritto di assumere la ragione e licenziare la follia. Andate a lavorare una vita nei campi, prima!!

Secondo perfette idiote politiche @lauraboldrini #kyenge il senegalese immigrato clandestinamente i Italia, spacciatore di droghe stupefacenti e femminicida deve avere cittadinanza italiana.

Il primo partito italiano, quello del non voto, esiste a causa della presenza della nociva e dannosa casta politico-burocratico-sindacale.

L’unica imposta (IMU) che prevedeva importanti sconti per le famiglie numerose viene sospesa dal governo. Casta di idioti senza alcun valore.

Nel paese dei mafiosi che vivono in clandestinità si vuol eliminare il reato di clandestinità. Senza cervello si fallisce. Senzadubbiamente.

L’inverno di decenni di errate politiche in favore degli omosessuali in Gran Bretagna porta il frutto amaro della violenza omosessuale.

Quando un paese non ha più identità e storia, il suo popolo non ha futuro alcuno.

Italiano è chi parla italiano, mangia italiano, vive italiano. Chi non ama l’italiano è straniero.

Immigrati integrati in Italia? Li hanno affiliati a Cosa nostra? Ma dove vivete?

Il flusso eterofobo, il reflusso anti-bianco, il disgusto anti-cristiano.
Attenti a non esagerare. Scatole piene. Misura colma. Pazienza finita.

L’eterofobia spinge idioti a fare i saccenti insapienti. No cervello? No Party!

Mai fatta una cosa buona e giusta a sinistra. Basti vedere quante volte si sono suicidati.
Quando il paese ha bisogno, loro non ci sono. Mai.

L’Italia ha di già imboccato il viale del tramonto da qualche decennio.
Il suo fallimento sarebbe solo rogito notarile.

E lo chiamano partito democratico: chi raccoglie più consenso dentro e fuori del partito è tagliato fuori da accesso al potere.

Il PDL piemontese contro il PDL siciliano: la questione meridionale resta forte e irrisolta, sebbene taciuta e insabbiata. La riedizione napoletana al Quirinale prova quale parte del paese eserciti effettivamente il potere pubblico in Italia. Ed espone anche le responsabilità nei confronti del fallimento dello stato di diritto.

Grazie, signora Thatcher – Brassed Off

domenica, 28 agosto 2011

Ho rivisto con estremo piacere un film veramente interessante:

Grazie, signora Thatcher, che nella versione originale titola Brassed Off

Certo, le musiche ed il magnetismo di alcuni attori che recitano in questo film svolgono un ruolo importante, ma è lo scenario storico-narrativo nel quale si svolge la trama che avvince più di ogni altra cosa.

Era il tempo della Lady di Ferro, era il tempo di Margaret Hilda Thatcher nata Roberts, Baronessa Thatcher di Kesteven, premier di un governo conservatore che ebbe il coraggio di tagliare i rami secchi dell’economia inglese, in una era di sconvolgimenti storici ed economici importanti (oggi furoreggia la Cina, in quell’epoca era il Giappone il protagonista delle economie emergenti, insieme alla Korea del Nord), l’era delle privatizzazioni, l’era delle profonde ristrutturazioni industriali.

A farne le spese fu lo storico settore della estrazione, il mondo industriale delle miniere, che vide la chiusura di 140 miniere con la perdita di quasi 250.000 posti di lavoro.

Il film attraversa proprio quel periodo, raccontando delle gesta di una banda musicale e della miniera in chiusura dalla quale essa prendeva il nome.

Siamo all’inizio del secondo mandato della Lady di Ferro, nel quale la Thatcher affrontò il potere dei sindacati e vinse la sfida con le cosìddette Trade Unions.

Furono gli anni delle privatizzazioni e della riduzione dell’intervento statale nella economia, furono gli anni della abiolizione delle roccaforti istituzionali dei laburisti (il Greater London Council ed altre sei analoghe istituzioni), furono gli anni del forte contrasto alla nascente unione europea ed alla unificazione delle monete europee.

Furono quindi circa 250.000 i posti di lavoro privati che si persero nel solo settore minerario in Inghilterra in quei tempi.

Oggi, sono circa 400.000 i posti di lavoro pubblici che verranno eliminati in Inghilterra, in virtù del piano pluriennale di rientro del debito pubblico britannico.

In italia invece, a perdere il posto di lavoro oggi come ieri sono sempre i lavoratori dipendenti del settore privato, mentre quelli del settore pubblico non diminuiscono, ma anzi, aumentano ancora, a dispetto del numero già enorme di dipendenti pubblici che vanta l’italia.

Ed erano i primissimi anni ‘80 quando in Inghilterra si decise di aumentare l’IVA come scelta fiscale volta a raccogliere più fiscalità con le imposte indirette che con quelle dirette.

Oggi siamo nel 2011, più di trent’anni sono passati da quando i paesi europei più avveduti hanno diminuito decisamente l’intervento statale nella vita economica, privatizzato tutto quel che si poteva privatizzare e ristrutturato l’economia del paese.

Oggi siamo nel 2011, anno nel quale i paesi più avveduti e meglio dotati politicamente e sindacalmente come l’Inghilterra puntano ad una forte riduzione della spesa pubblica e dei dipendenti pubblici.

Oggi siamo nel 2011, anno nel quale l’italia naviga ancora in un mare immenso ed incontrollato di corruzione politica e burocratica, con una economia assai demoralizzata e mortificata ed una casta politica che discute con estremo ritardo se puntare su di un prelievo fiscale indiretto piuttosto che diretto e che non si preoccupa nemmeno lontanamente di dimnuire la spesa pubblica ed il debito pubblico anche con la necessaria perdita di posti di lavoro pubblici, che in italia sono troppi e troppo improduttivi, sia nel senso qualitativo che nel senso quantitativo.

Ora, che siamo nel 2011, chi spiegherà a questa casta politica italiana che sono già in ritardo di più di trenta anni sulla ristrutturazione economica e sul dimagrimento statale?

Chi dirà loro con chiare parole che il paese non aspetterà altri trenta anni per vedere un piano di rientro del debito pubblico sanato con una decisa stretta sulla spesa pubblica?

Chi si offre volontario per un così ingrato mestiere?

Poichè non vi è peggior sordo, di chi non vuol sentire.

Poichè non vi è peggior folle di chi pensa di curare i mali degli stati moderni con l’ottimismo anzichè con duri cambiamenti di rotta nello stile del governo della cosa pubblica.

Spiegatelo voi a codesta gente che deve fare ciò che vi è da fare, o che lascino il passo ad altri che avranno il coraggio di fare ciò che loro non vogliono fare.

Così, fermi in mezzo ad una strada, non si può più stare:

passa un tir e spazza tutto via, come fosse niente.

Spiegatelo a voi alla casta tutto questo, che a me, viene da ridere al solo pensiero.

Spiegatelo voi alla casta che napoli non può ne deve essere un territorio fuori legge.

Spiegate voi alla casta che non si può continuare a premiare un intero popolo che si rifiuta di governare i propri rifiuti a danno del prossimo suo, prossimo che viene ancora una volta punito rispetto a chi invece sbaglia, sapendo e volendo sbagliare.

Spiegatelo voi alla casta che in sicilia non si possono assegnare pensioni per dipendenti pubblici da centinaia se non migliaia di euro al giorno, che non si possono fare assunzioni di dipendenti pubblici il cui stipendio verrà pagato da altri popoli ed altri territori, costretti a tale umiliazione e tale mortificazione continua da una unità nazionale che appare sempre più un giogo impossibile da sopportare.

Spiegatelo voi alla casta che il settore pubblico non è un ammortizzatore sociale in toto e che non si può assorbire tutta la forza lavoro meridionale nel settore pubblico per far contente le mafie, ad esempio, che troveranno nella dirigenza della pubblica amministrazione dei conterranei, già abituati da secoli a chinare la schiena dinanzi alle prepotenze, a chiudere gli occhi sulle arroganze, a subire passivamente il ladrocinio e la corruzione da parte di coloro i quali abusano del potere pubblico, piegandolo a interessi, cure e mire che non gli sono propri, che non sono mai stati propri di uno stato democratico, legale, giusto, sicuro, liberale, civile e moderno.

Spiegatelo voi:

io non ne ho più voglia.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La Crisi delle Democrazie Occidentali

martedì, 9 agosto 2011

Assistiamo ormai da un ventennio, alla caduta ed alla decadenza delle democrazie occidentali liberali, bloccate al loro interno dalle corporazioni e dalle caste del (pre)potere politico, vinte, piegate, sconfitte e soggiocate a loro volta dalla storica vittoria sul comunismo.

Dalla caduta del Muro di Berlino e dal conseguente smantellamento della Cortina di Ferro inizia infatti la caduta verticale del dominio globale delle democrazie occidentali liberali, incapaci di innovare la propria politica senza l’antagonismo anticomunista.

La corona del nuovo dominio globale è infatti da assegnare alla Cina, unica figlia sopravvissuta insieme a Corea del Nord e Cuba, di quel comunismo tanto combattuto dalle democrazie occidentali.

Ma è molto improbabile che sia l’ideologia comunista il valore di riferimento che si dimostra vincente nella Cina contemporanea, quanto un mercato economico in forte crescita che trascina nel suo sviluppo tumultuoso anche la società cinese, ma che non riesce a prenderne e condizionarne più di tanto, le redini politiche.

La Cina, al contrario degli states infatti, è una repubblica socialista governata da un partito unico.

E questo aspetto affatto secondario alla sua prevedibile crescita economica, le consente di navigare i mari agitati dei tempi di crisi moderni con adeguata sicurezza, potendo contare su di un potere esecutivo saldo e forte, continuativo, stabile e politicamente governato.

La politica delle libere democrazie occidentali appare invece in profonda crisi di identità, insicura, ferita a morte dalle sue stesse regole democratiche.

E’ grazie alla regola dei numeri che, per esempio, all’interno delle potenze economiche e nucleari europee si sono aperte profonde crisi di identità, avendo concesso un ingresso senza limiti a milioni di immigrati di religione mussulmana, affatto inclini alla integrazione, ed anzi, fortemente motivati nel raggiungere il potere in europa attraverso la regola democratica dei numeri e piegarla alla legge coranica della Shariʿa.

Ed è sempre grazie allla regola dei numeri che all’interno di paesi avanzati come l’Italia, si sono aperte profonde crisi di identità regionale e di rappresentanza avendo il sud, raggiunto la maggioranza numerica e democratica, esprimendo così un potere dominante nel parlamento, un potere che non è affatto libero dai condizionamenti mafiosi, dalla incapacità di governo dei suoi quadri dirigenti e da uno stile di vita assolutamente incompatibile ed antitetico con un ordinamento giuridico che garantisca diritti e imponga doveri, dato che appare evidente come le regioni meridionali siano assolutamente e da sempre malgovernate, impegnate a rivendicare solo dirittti, ma mai inclini a rispettare le relative regole.

Così, grazie alla regola democratica dei numeri e delle maggioranze, le scelte ragionate, le intelligenze acute e le volontà politiche siano sottomesse ad una casta politica insignificante, immorale, troppo spesso corrotta, talvolta mafiosa, ma soprattutto, senza alcuna capacità di interpretare le esigenze del popolo ed offrire risposte che lo soddisfino.

Così le esigenze delle famiglie e delle aziende italiane ed europee, vengono sottomesse a stili di vita assai improduttivi, prevaricatori ed arroganti, non assimilabili e nemmeno integrabili nelle società civili occidentali.

Così, le garanzie democratiche si dimostrano mera riserva proliferativa di territori e popoli fuori legge e di soggetti il cui comportamento risulta altamente pericoloso per la sopravvivenza dei paesi europei ed occidentali così come sono oggi.

Va sottolineato come, il paese occidentale che rappresenta maggiormente il mito della interazzialità e della multiculturalità incontri la sua prima vera crisi di identità e di potere, vedendosi addirittura svalutare in credibilità e fiducia dalle società internazionali di rating, proprio nei tempi in cui ha espresso il suo primo presidente “differente” dai precedenti.

Gli Stati Uniti d’America inoltre, debbono la garanzia sul loro debito pubblico interamente alla buona volontà del popolo comunista cinese, il che, rappresenta una duplice sconfitta storica per l’America.

Non bisogna dimenticare però, che un certo margine di perdita di credibilità, di immagine e di potere gli states lo abbiano incontrato anche a causa degli attentati terroristici del fondamentalismo islamico, volti proprio a minare alla base il potere e l’immagine dell’infedele occidentale per eccellenza:

la libera e democratica America.

Da non sottovalutare anche il fallimento della esportazione delle democrazie nei paesi arabi mussulmani come l’Irak o l’Afghanistan, fallimento che nasce anch’esso da una cocente delusione storica:

la raggiunta convinzione che la religione islamica sia assolutamente antitetica al sistema democratico e civile occidentale.

Tutto questo quando il presidente USA risponde al nome di Barack Hussein Obama II:

un paradosso che solo la bizzarria della storia poteva inventare.

Il Mediterraneo appare come un fattore ad alto rischio per l’europa, essendo proprio i paesi dell’area mediterranea o comunque dell’area meridionale europea, quelli esposti ad un maggior rischio di default:

Grecia, Italia, Spagna, Portogallo.

Mentre i paesi arabi mediterranei sono tutti in preda a rivoluzioni interne terribili, condizione di crisi che peggiora ancor più l’intero quadro socio-politico-economico europeo, come si nota nell’intervento armato nella crisi libica.

Una certezza emerge da questa analisi:

lo stile di vita e di governo delle popolazioni dell’europa meridionale è fallito, rischiando di trascinare con se, il resto delle popolazioni e dei paesi europei.

Non sono infatti di poco conto le spinte separatiste che vive questa europa contemporanea (proprio nel suo cuore direzionale in un Belgio ormai prossimo alla secessione interna) nata come una europa delle nazioni, anzichè come una europa dei popoli.

Come non sono affatto da trascurare il massacro norvegese messo in atto del giovane Ander Behring Breivik, gli odierni tumulti inglesi ed il malessere che serpeggia sempre più in questa europa che è tutta da rifare, soprattutto nelle sue scelte impossibili e suicide che prevedono una sempre più possibile maggioranza democratica nel prossimo futuro che non risponda più alle radici cristiane, civili, storiche e culturali dei popoli europei.

Va inoltre valutato storicamente e politicamente come, in taluni paesi del sud del mondo, sia ormai dimostrato come non sia possibile applicare un sistema democratico liberale e civile basato sulla alternanza.

Una prova vivente ne è l’Italia, passata da una repubblica socialista governata da un partito unico (fascismo) per approdare ad una sempiterna democrazia bloccata, all’interno della quale si è strenuamente impedito a certa immaturià ed irresponsabilità politica delle eterne opposizioni di raggiungere il potere e, laddove invece esse siano riuscite nell’intento di governare il paese, abbiano miseramente fallito, cadendo sotto il peso della loro cattiva predisposizione alla disciplina ed all’ordine.

Prego raccogliere la similitudine fra il fascismo storico italiano ed il comunismo cinese moderno:

entrambe, possono essere definite come delle repubbliche socialiste governate da un partito unico.

Prego anche raccogliere le sempre più motivate e numerose voci che chiedono l’intervento di governi dal potere non subordinato alle normali regole democratiche, al fine di superare le molteplici crisi in atto nelle democrazie occidentali.

Prego raccogliere le sempre maggiori e numerose spinte separatiste di popolazioni che non condividono affatto stili di vita che sono alla base delle crisi contemporanee, sia politiche che sociali, che economiche e finanziarie.

Un esempio ne è ancora l’Italia, unita con la forza in un paese che non è mai stato omogeneo ed integrato.

E sono sempre e proprio le mancate integrazioni il leit motiv dei nostri giorni.

Politici illuminati capaci di comprendere tale analisi e costruire un futuro adeguato cercansi.

Non è più il tempo delle partitocrazie:

è venuto il tempo degli uomini e delle donne di coraggio che sanno superare la vergognosa presenza politica di idioti e di incapaci assolutamente immeritevoli di rappresentare e di governare alcunchè.

Il treno della storia non ha mai aspettato nessuno, men che meno indecisi ed insicuri, ovvero ammaliati e soggiogati dal potere in quanto tale.

Bisogna far presto, prima che la democrazia uccida ciò che resta dell’europa e prima che i mercati perdano ogni fiducia nella possibilità delle potenze europee ed occidentali di risolvere i loro problemi.

In Cina infatti i mussulmani che protestano con violenza non trovano terreno fertile, ma anzi, vengono probabilmente utilizzati per rendere fertile il terreno cinese.

Basterà ricordare come il presidente cinese Hu Jintao lasciò precipitosamente il G8 dell’Aquila in l’Italia per rientrare in Cina a soffocare la crisi nello Xinjian, provincia nordoccidentale della Cina dove vive una maggioranza di etnia musulmana turcofona e dove erano in corso violenti incidenti con centinaia di morti, fra gli uiguri (mussulmani) e i cinesi di etnia han (che è maggioritaria in Cina).

E c’è ancora qualche decadente idiota politico che in Italia ed in Europa sostiene fortemente l’ingresso di paesi a maggioranza mussulmana come la Turchia nella Unione Europea:

misteri degenerativi delle democrazie e del frainteso senso della libertà individuale e collettiva.

Anche per queste evidenti idiozie, il sistema democratico occidentale appare in una crisi senza uscita, profonda e per certi tratti, suicida.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il nuovo mondo non attende nessuno

sabato, 30 luglio 2011

Gli Stati Uniti d’America in crisi su un debito pubblico a stelle e strisce che è totalemente in mano ai cinesi.

L’Europa in crisi profonda di identità paga il costo del fallimento di un modello socio-politico multiculturale che è fallito in partenza ed il malfare dei paesi che si sono indebitati sino al collo nella convinzione che avrebbero trovato in ogni caso un idiota che rifinanziasse il loro debito pubblico all’infinito, consentendogli un tenore ed uno stile di vita ben superiore alle loro possibilità e capacità.

Cina e India riprendono il loro naturale posizionamento di leader economici globali, perduto con la nascita e l’evoluzione degli Stati Uniti d’America, l’avvento del colonialismo e delle due grandi guerre.

La Russia post-comunista, pur nelle sue difficoltà sociali ed identitarie, si profila come un paese solido, politicamente esperto e ricco di risorse strategiche naturali.

Dalle ceneri di una Europa devastata dall’invasione di flussi migratori soprattutto islamici, poco o affatto integrati, risorge una Germania finalmente riunita, equilibrata, forte e politicamente razionale, leader indiscussa dotata di importanti capacità di tenuta socio-economica alla crisi e di resistenza alle aggressioni esterne.

Francia e Gran Bretagna, scosse sin dalle fondamenta da questioni sociali ed economiche importanti ed alle prese con presenze importanti di immigrati islamici affatto integrati o intenzionati ad integrarsi, rifuggono dai problemi interni avviando una neo colonizzazione dei paesi ricchi di risorse energetiche come la Libia, contribuendo ad accendere il fuoco delle sollevazioni popolari in tutto il Mediterraneo.

L’Italia perde negli ultimi venti anni tutte le posizioni dominanti nelle classifiche dei paesi industrializzati e di potenza economica, riducendo sempre più il proprio ruolo e la propria identità, sia interna che esterna.

Alle prese con una situazione dei conti pubblici impossibile ed un sistema di gestione della cosa pubblica che sembra fatta apposta per favorire un sistema corrotto e politicamente instabile, dotato di una classe dirigente che appare più come un fattore di aggravio di ogni crisi piuttosto che elemento di propulsione e di soluzione delle crisi stesse.

Dotata di un welfare e di una pubblica amministrazione costosi, inefficienti e spreconi, che non fanno la felicità dei cittadini, bensì quella dei furbetti e dei corrotti, impedita nella competizione produttiva da una pressione fiscale che non fa la felicità degli imprenditori e nemmeno dei lavoratori dipendenti, bloccata da una giustizia lenta e incerta che allontana i finanziatori esteri e fa fuggire precipitosamente le aziende italiane che delocalizzano le loro imprese all’estero in paesi dove la corruzione sia un fenomeno contenuto, constratato e controllato, la giustizia un elemento di certezza e di equilibrio, la pressione fiscale un fenomeno sopportabile e lo spreco ed il ladrocinio continuo del danaro pubblico solo un vecchio ricordo da dimenticare.

In questo quadro si muovono gli interpreti della crisi del secolo, di una crisi che offre aspetti di positiva selezione dei paesi come delle aziende che corrispondono a criteri di sana efficienza, come pure dei soggetti individuali e delle corporazioni che in uno stato inefficiente e politicamente malgovernato, trovano molteplici motivi di arricchimento ingiusto ed immorale, se non illecito ed illegale, così come l’informazione pubblica quotidianamente asservita e silenziosa, tanto da imporre a nuovi segretari di partito, la mera intenzione di costruire “partiti degli onesti”.

Il rischio default è vicino ad ogni paese che non riesca a garantire efficienza amministrativa, buongoverno dei conti come degli apparati e dei poteri pubblici, senso del dovere e spirito di sacrificio.

Soprattutto, di una classe politica che sia costituita da lavoratori ed imprenditori, e non di politici di professione, mai impegnati (nemmeno un giorno) nel mondo del lavoro privato non collegato o condizionato dalle scelte politiche (la storia imprenditoriale del premier dimostra come l’impresa italiana sia subordinata totalmente alle scelte politiche e richiami imprenditori indirizzati al facile arricchimento procurato dagli appalti pubblici, dalle riserve pubbliche, dai finanziamenti pubblici e dai concorsi pubblici), in grado di interpretare e conseguentemente di governare un paese che lavora per vivere, nelle difficoltà di una profonda crisi aggravata dalle scelte opportunistiche, egoistiche ed assolutamente idiote di una casta politica che andrebbe rinnovata in toto, di un sistema politico-istituzionale che andrebbe riformato, dimagrito e indirizzato a migliori intenzioni di tutela degli interessi di un popolo sovrano che è stato espropriato di ogni bene, compreso quel bene comune che una res pubblica nazionale come è quella italiana, pretende arrogantemente di governare.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Gli ultimi saranno i primi: così la Confraternita del Cannuolo riduce il popolo in schiavitù

venerdì, 20 maggio 2011

Bisogna aiutare gli immigrati, accogliere i profughi, dar loro un lavoro, una casa, un futuro.

Sì, il nostro lavoro, la nostra casa, il nostro futuro.

Per carità, vi risparmio le analisi dei dati, il rapporto fra abitanti e territorio, la densità di popolazione, l’esplosione demografica, il rapporto sui limiti dello sviluppo, il tasso di crescita della popolazione mondiale, il rapporto di relatività e di sostenibilità fra ecologia e economia, vi risparmio tutta questa montagna di numeri e vado dritto al punto:

su questo pianeta siamo in troppi perchè si possa continuare a vivere, o meglio, a sopravvivere.

Le risorse del pianeta sono ormai non compatibili con la massa umana che popola il pianeta.

Consumiamo risorse ed energie, produciamo gas letali e rifiuti.

Stiamo uccidendo questo pianeta, solo con la nostra presenza.

E allora, perchè lasciare che la popolazione mondiale continui a crescere?

Perchè consentire ai flussi migratori di impennare considerevolmente il già squilibrato rapporto fra territorio e popolazione in Italia ed in Europa?

Sentite qualcuno che grida al razzismo?

Lasciatelo perdere:

è solo un idiota senza cervello che ragiona con i piedi.

Nel mondo occidentale c’è il caso americano, che è riuscito a conservare un rapporto decente fra ambiente, territorio, risorse, consumi e popolazione.

Ma lo ha fatto costruendo muri con i paesi limitrofi e chiudendo praticamente le sue frontiere a tutti coloro i quali volessero entrare negli States senza avere un lavoro od un motivo valido per farlo.

Razzisti?

No, solo un popolo intelligente che sta salvando la propria vita ed il proprio futuro.

Sentite ancora un cretino che grida al razzismo?

Lasciate perdere, è sempre l’imbecille di prima:

a furia di ragionare con la materia organica presente dal tallone di Achille in giù, è arrivato alla conclusione che il mondo è razzista e che sono solo le persone come lui ad avere ragione.

Dal tallone di Achille in giù nel deretano, a calcioni forti e ripetuti:

solo questo merita un essere umano così deficiente.

Ora, se siamo già troppi con questa popolazione in Italia, se già non abbiamo un lavoro per i residenti, una casa per i residenti, perchè dovremmo far entrare ancora altre persone nel nostro territorio?

Per farne cosa?

Schiavi nel mondo sommerso del lavoro nero?

Manovalanza a basso costo per le mafie?

E perchè dovremmo stuprare ancora oltre il nostro territorio per urbanizzare selvaggiamente e costruire alloggi, scuole ed ospedali per ospitare altri soggetti?

Tutto questo per fare un piacere a chi?

Alle lobby dei palazzinari?

A quei partiti politici che desiderano far entrare altri immigrati per affidare loro il diritto di voto e veder crescere un consenso che il paese gli nega da sempre?

Questo è il carnevale dei folli:

la corsa degli idioti per l’autodistruzione dell’umanità.

Va considerato che, impedire l’ingresso di nuovi immigrati nei paesi a maggiore sviluppo e benessere nel mondo, non solo tutela meglio chi già vive e lavora in quesi territori, ma impedisce anche un ulteriore aumento della popolazione nei paesi di origine dei flussi migratori, che trovano uno sfogo nella migrazione, una valvola di sicurezza ove esondare l’eccesso incontrollato di aumento demografico interno.

Questo processo di osmosi alimenta l’aumento della popolazione:

interromperlo, costringerebbe i paesi che “producono eccessivamente popolazione”, a governare questi folli incrementi e a prendere tutte quelle misure che servono per controllare la crescita demografica interna.

Invece, grazie all’idiozia dei deficienti che vogliono lasciare aperte le valvole di accesso nel nostro paese, l’eccesso demografico dei paesi “produttori di soggetti umani senza alcun criterio” viene sempre compensato ed alimentato dal fenomeno migratorio.

Così, detti paesi si deresponsabilizzano totalmente, ben sapendo che nei paesi occidentali vi sarà sempre un qualche idiota a caccia di un facile consenso falsamente perbenista e perbuonista che spalancherà loro le porte della propria casa, ed anche e purtroppo, delle case di altri soggetti affatto interessati a questo genere di ospitalità.

Ma se non accetti il ricatto morale di questo falso perbenismo di facciata, profondamente idiota e suicida, ecco tuonare il grido di denuncia della presunzione ipocrita dell’idiozia fatta persona:

razzista!

Viene da domandarsi quale sia il pericolo maggiore:

una popolazione di sfortunati che fuggono da condizioni di vita impossibili ovvero questi sfaccendati idioti dell’accoglienza a tutti i costi.

Ma se è vero come è vero che i flussi migratori creano economia, posti di lavoro ed un probabile futuro consenso elettorale, bisogna anche evidenziare che esista molto probabilmente un interesse personale e di parte politica e sociale oltre che morale a sostenere l’ingresso di immigrati nel nostro paese.

E questo fatto spiegherebbe non poche cose, comprese le innumerevoli truffe peretrate ai danni di questi miserabili da parte di soggetti che vantano la possibilità di offrire loro un lavoro che non esiste e una cittadinanza che spalanca le porte all’assistenza sociale gratuita, alla assistenza sanitaria gratuita, alle concessioni di aiuti e di incentivi per le fasce della popolazione più deboli.

Magari un lavoro no, non lo avranno, ma avranno una ottima possibilità di vivere alle spalle di chi si ammazza di fatica per guadagnare il pane quotidiano e che, involontariamente quanto artificialmente, diviene un soggetto economico benestante nei confronti di un immigrato, vedendosi sbarrata così la possibilità di accedere a quegli aiuti ed a quegli incentivi per i quali generazioni di suoi pari si sono battutti, mentre essi non li ricevereanno mai, perchè troppo ricchi rispetto a chi non ha nulla.

Così, il welfare decede sotto il peso dell’idiozia umana.

Così, la popolazione dei cittadini-lavoratori viene condannata a retrocedere sempre più nella scala sociale ed economica, vedendosi persino raggiunti dalla beffa che, un immigrato, producendo un maggior numero di figli, oltre a pesare maggiormente sul sistema assistenziale, scolastico e sanitario, ottiene anche un maggior potere sociale attraverso la delega politica del voto.

Così, massacrando il popolo cristiano, creiamo i presupposti per un popolo mussulmano, ad esempio.

Sino a quando, un bel giorno, raggiunta la maggioranza demografica e democratica in un paese occidentale, tali immigrati ringrazino profondamente l’idiota che ne ha favorito l’arrivo imponendo la legge coranica sulla legge democratica a suon di consenso elettorale maggioritario nel paese.

Ed il cerchio si chiude, con la volontaria morte civile e sociale di una gran massa di idioti, e la contestuale sopraffazione del popolo sovrano, reso egli stesso schiavo di quegli schiavi che ha voluto aiutare.

Una civiltà decadente dove l’idiozia umana trova troppo spesso canali di amplificazione e di riconoscimento, merita di morire per sua stessa mano.

Perchè è la legge della natura.

Perchè in natura, i deboli ed i troppo stupidi soccombono sempre.

Ora, abbiamo due strade di fronte a noi:

– consentire che tutto questo accada, semplicemente non opponendo il giusto contrasto a cotanta idiozia e stupidità;

– non consentire che tutto questo accada, opponendo la giusta forza a cotanta idiozia e stupidità.

Io non voglio accettare l’ingresso di ulteriori masse di immigrati e non voglio soccombere alla idiozia di chi non comprende il male che sta facendo a se stesso ed a tutto il paese.

Io non morirò per loro.

Io morirò, certamente, ma contro di loro.

Perchè Dio mi ha fatto il dono dell’intelligenza, ed io, ho l’obbligo di non sprecarlo.

E non è un frainteso primato degli ultimi che può darmi torto:

Matteo 20,1-16

1 «Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna.
2 Accordatosi con loro per un denaro al giorno, li mandò nella sua vigna.
3 Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano sulla piazza disoccupati
4 e disse loro: Andate anche voi nella mia vigna; quello che è giusto ve lo darò. Ed essi andarono.
5 Uscì di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre e fece altrettanto.
6 Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano là e disse loro: Perché ve ne state qui tutto il giorno oziosi?
7 Gli risposero: Perché nessuno ci ha presi a giornata. Ed egli disse loro: Andate anche voi nella mia vigna.
8 Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: Chiama gli operai e dà loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi.
9 Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro.
10 Quando arrivarono i primi, pensavano che avrebbero ricevuto di più. Ma anch’essi ricevettero un denaro per ciascuno. 11 Nel ritirarlo però, mormoravano contro il padrone dicendo:
12 Questi ultimi hanno lavorato un’ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo.
13 Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse convenuto con me per un denaro?
14 Prendi il tuo e vattene; ma io voglio dare anche a quest’ultimo quanto a te.
15 Non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?
16 Così gli ultimi saranno primi, e i primi ultimi».

Messaggio per i primi:

avete lavorato di più e siete stati compensati per meno, e per di più, pagati per ultimi.

Vi hanno fregato gli idioti che si credono buoni.

Loro, sono i vostri nemici.

Loro, sono il decesso civile di questo paese.

Loro, stanno massacrando il futuro dei vostri figli.

Per quanto tempo ancora accetterete di essere sempre e solo gli ultimi a casa vostra?

Per quanto tempo ancora accetterete che il proprietario della vigna dissipi la ricchezza prodotta dal lavoro delle vostre braccia per negarvi un diritto e regalare il frutto del vostro lavoro ad altri?

Nel buonismo del proprietario della vigna sta il razzismo nei vostri confronti.

Nella vostra coscienza, sta il futuro di questo paese, come quello dei vostri figli.

Nelle vostre mani, nei vostri piedi e nelle vostre teste, sta la salvezza di un popolo intero, di un mondo intero.

Sappiate farne buon uso.

Questo carnevale dei folli deve terminare.

Questa autodistruzione incivile, deve avere fine.

Sappiate vivere da uomini e donne liberi.

O preparatevi a morire da schiavi senza un futuro.

Io non morirò per loro.

Io morirò, certamente, ma contro di loro.

Perchè Dio mi ha fatto il dono dell’intelligenza, ed io, ho il dovere di non sprecarlo.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il fumo uccide anche te: digli di smettere

martedì, 10 maggio 2011

Guardo la tazza del mio ultimo caffè, dopo una notte di lavoro.

Di fianco, leggo la scritta che campeggia sul pacchetto di sigarette:

Il fumo uccide.

E’ vero, il fumo uccide.

Ma anche l’assenza di verità e di libertà uccidono, anche di più.

La solita rassegna mattutina delle notizie, offre uno spaccato di assenza di verità e di libertà nel mondo.

Il quotidiano inglese Guardian, accusa la flotta NATO impegnata nei bombardamenti in territorio libico, di aver abbandonato a se stessi 72 profughi su di un barcone alla deriva, provenienti da Etiopia, Eritrea, Nigeria, Ghana e Sudan.

Solo 9 i sopravvissuti e 63 i morti, fra i quali donne e bambini.

E già, rifletto accendendo l’ennesima sigaretta:

in Etiopia, Eritrea, Nigeria, Ghana e Sudan non c’è il petrolio e nemmeno il gas che c’è in Libia, non interessa a nessuno in Europa salvare quei quattro pezzenti.

Possono morire tutti, tanto la colpa la daranno all’Italia razzista e xenofoba, come al solito.

E questo nonostante la legislazione italiana sia la più tollerante con i flussi migratori di quella di tutta l’Unione Europea, sia di fatto che di diritto.

La Spagna di Zapatero può aprire il fuoco sui barconi dei profughi e rimpatriare gli immigrati clandestini nel giro di poche ore, a differenza dell’Italia dove l’ospitalità per questi disgraziati si protrae per ben 18 mesi.

La Francia può trainare i barconi della disperazione fuori dalle sue acque abbandonandoli in mare aperto al loro destino.

L’Italia no, non può farlo.

E il ministro dell’Interno italiano Roberto Maroni non deve nemmeno permettersi di seguire il dettato della Convenzione di Scenghen per consentire ai profughi di raggiungere la loro meta preferita, la Francia, altrimenti il trattato di Scenghen l’Unione Europea lo getta in un cestino, come fosse un pezzo di carta straccia senza alcun valore.

Bombardiamo la Libia già da quasi due mesi, per volontà del padrone francese, senza alcun risultato tangibile.

Eppure, sarebbe bastato bombardare solo Gheddafi per risolvere la questione.

Morto Gheddafi, finita la guerra.

Chissà quante riunioni su come spartire le risorse di idrocarburi libiche fra i paesi NATO.

Probabilmente non hanno ancora raggiunto un accordo completo su questa spartizione, altrimenti Gheddafi sarebbe già morto da un pezzo.

Ma vedrete che l’accordo si farà:

la Libia deve divenire la nuova colonia estiva per i bambini francesi, così vuole il nuovo padrone europeo Sarkozy.

Ancora una notizia: “Maroni: Serve legge per voto pulito”.

In Italia serve una legge per ogni cosa.

Mica siamo un paese normale dove i partiti politici sbarrano la strada alla candidatura di soggetti indagati dalla magistratura o pregiudicati.

Ci vuole una legge per costringere le caste politiche mafiose a non candidare pregiudicati.

E ci voleva un ministro dell’Interno varesino per sbarrare la strada alla continua crescita del potere mafioso in Italia.

Tanti ministri dell’Interno campani non hanno mai torto un capello ai clan camorristici.

E già, altrimenti, chi li votava poi?

Ma sì, il ministro Maroni è certamente un individuo reietto, uno sporco razzista, xenofobo sin dentro il midollo spinale.

Così vuole la verità di chi uccide la libertà, così vuole chi prende i voti dalle mafie, così vuole la politica svenduta allo straniero francese ed europeo.

Il reato di immigrazione clandestina?

Ma no, non è reato, dice l’Europa.

Insomma, agli immigrati clandestini gli potete sparare o li potete abbandonare in mare aperto, ma non li potete incriminare per il reato di clandestinità.

Strano, una forte sensazione di nausea mi prende allo stomaco.

Sarà per colpa delle sigarette?

E già, il fumo uccide.

E già, saranno proprio le sigarette.

Bisognerà dirlo anche agli etiopi, eritrei, nigeriani, ghanesi e sudanesi lasciati affogare in mare aperto ed ai libici morti sotto i bombardamenti NATO:

smettete di fumare, il fumo, uccide.

Per questa mattina, ho letto abbastanza.

Ora, accendo l’ultima sigaretta e poi, vado a dormire.

Perbacco:

la sigaretta che sto fumando è “Made in EU”.

Questa sì che mi uccide veramente ….

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

L’insanabile Conflitto di Interessi tra Italia ed Europa e fra stato democratico e casta politico-burocratica

mercoledì, 4 maggio 2011

La debole politica europea balbetta qualcosa dopo lo schiaffo in pieno volto rivoltogli dal ministro dell’Interno italiano Roberto Maroni sulla difesa comune dei limiti europei, comprese quelle coste italiane prese d’assaldo da decine di migliaia di immigrati clandestini.

Nelle parole del commissario europeo agli affari interni Cecilia Malmstrom, si legge tutta la voglia di vendetta e di prevaricazione della UE sull’Italia e sugli interessi italiani.

La risposta della Unione Europea alla richiesta di tutela dei limiti europei è la seguente:

una deroga straordinaria alla libertà interna di circolazione.

Capite?

Alla Commissione UE non importa assolutamente nulla della invasione che subisce l’Italia e quindi, l’Europa.

La modifica della Convenzione di Scenghen proposta dalla commissaria europea non si preoccupa di meglio tutelare e difendere i confini esterni europei, ma modifica il trattato solo nella parte dei confini interni.

Uno schiaffo in faccia all’Italia concordato e condiviso da Berlusconi e Napolitano, contro la volontà del ministro dell’Interno Maroni, che opera invece per la esclusiva difesa degli interessi italiani.

Così, gli immigrati continueranno ad invadere il nostro paese, le cui difese sono state invece neutralizzate dalla Corte Europea che ha bocciato il reato di clandestinità per gli immigrati che entrano clandestinamente nel nostro paese.

La manovra è a forbice:

da un canto si toglie ogni possibilità all’Italia di difendersi dalla invasione di immigrati extra-comunitari ed extra-italiani, e dall’altro si chiudono i confini interni europei per impedire che gli immigrati sbarcati in Italia vadano ad invadere gli altri paesi europei.

Il tutto, condiviso dal Capo dello Stato e dal Premier italiani, che violano peraltro la Costituzione Italiana, consentendo atti di guerra da parte italiana in territorio libico.

Unica difesa del popolo e del territorio italiano, resta quella del ministro Roberto Maroni.

Siamo divenuti servi sciocchi della belligeranza francese e inglese e schiavi senza diritti di una europa che è prossima alla implosione e che si arrocca su posizioni di difesa incondivisibili ed incompatibili con gli interessi nazionali italiani, anzi, a danno totale e volontario della tutela di questi interessi.

Il caso è di quelli che resteranno nei testi di storia, a motivare la crisi che vive l’europa dei nostri giorni e certa politica italiana, da sempre vile nei confronti della affermazione di volontà ed ingerenze straniere sulle questioni interne italiane.

L’unità di questa Italia e di questa Europa, mostra tutti i suoi limiti, in un panorama desolante di Alto Tradimento e di aperta violazione del dettato costituzionale da parte delle maggiori istituzioni italiane, quelle stesse che qualche settimana fa, impugnavano un tricolore a orgogliosa difesa dell’unità italiana.

Se questa è la difesa di un popolo, di un territorio, di una identità nazionale e dei suoi simboli, se questa è una politica di governo del bene comune e degli interessi nazionali, allora siamo veramente ridotti in pessime condizioni.

Ad ogni alito di vento che proviene da una nazione europea, ad ogni starnuto europeo, le maggiori istituzioni italiane si inchinano profondamente, senza alcuna cura degli interessi nazionali che sono deputati a difendere.

Una violenza ed una vergogna senza precedenti, anche in un paese come il nostro, che festeggia 150 anni di vergogne e di tradimenti, di prevaricazione dell’anti-stato sullo stato, di stato di diritto violato, di stato di fatto abbandonato al suo destino.

E quello stato di fatto siamo noi, tutti noi:

i cittadini italiani.

E allora, cosa ci stiamo a fare in Europa?

E in cosa siamo uniti, noi cittadini italiani, a questa politica romana nefanda e suicida, anti-nazionale e anti-italiana?

Siamo soli, il popolo è solo, difeso esclusivamente del ministro dell’Interno Maroni, che difende strenuamente il diritto italiano, il territorio italiano, il popolo italiano, la costituzione italiana.

Un uomo che rappresenta sempre più il mito del buongoverno e della tutela dei nostri interessi.

Un uomo che incarna la lotta alle organizzazioni mafiose come mai nessun altro nella storia della repubblica italiana.

Sarà per questo che manovre interne ed esterne tendono ad isolare il ministro Maroni?

Sarà che l’anti-stato italiano, detentore del primato aziendale per fatturato in Italia (la n’drangheta), rivolga un ricatto politico a quelle formazioni e quei partiti politici tradizionali che pescano il loro consenso in quelle regioni in cui le mafie hanno dimostrato ampiamente di condizionare la libera espressione popolare del voto, di quella delega di sovranità che il popolo affida alla politica per esserene governata, tutelata, servita e garantita?

E cosa sono questi attacchi continui ed ossessivi alla Lega, fatta oggetto costantemente di “unico oggetto politico del contendere” in questa campagna elettorale amministrativa?

Ad ascoltare le parole dei leader di tutti i partiti politici che sono venuti a fare propaganda in Varese, parrebbe di sì:

solo un continuo e nauseante vomito di attacchi proditori alla Lega Nord esce dalle loro bocche.

Nulla sul buongoverno delle città e nulla sulla difesa degli interessi nazionali e locali.

E questo, a dimostrazione del fatto che, l’ottimo ministro Maroni, colpisce esattamente al centro i problemi che impediscono a questo paese di essere un paese normale, laddove la democrazia sia un bene comune condiviso e realizzato, dove il popolo sovrano non venga tradito ed abbandonato a se stesso.

Tutti i leader politici italiani all’attacco della Lega, dimostrando che esiste un fronte unico anti-nazionalista, che sotto le celate spoglie di un nazionalismo sbandierato e festeggiato, opera in favore di interessi estranei a quelli italiani, osteggiando e contrastando costantemente quella politica leghista e maroniana che si dimostra invece capace di dialogare direttamente con il popolo, di difenderne il territorio e gli interessi.

Siamo alle soglie di una storica svolta nella politica italiana, sia interna che esterna.

Gli schieramenti in campo sono perfettamente visibili, sia nelle loro intenzioni, che nei loro progetti.

La casta politico-burocratica sferra il più grave attacco degli ultimi decenni alla spinta riformatrice e normalizzatrice della Lega.

Una reazione conservativa, una ferrea volontà politica di non abbandonare quello stile politico da Prima Repubblica che ha consentito benessere e ricchezza a se stesso, negandolo e derubandolo al popolo sovrano.

La Lega Nord, che nelle politiche del ministro dell’Interno Maroni ritrova una unità assoluta nella tutela degli interessi del popolo italiano.

Questo è lo stato dell’arte nel panorama politico italiano.

C’è solo la Lega a difesa del popolo.

Tutti gli altri, sono schierati su posizioni che tradiscono gli interessi italiani ad avere un futuro normale, in un paese normale, laddove corruzione morale e materiale e cointeressenza e contingenza mafiosa, non prevalgano come oggi appare sempre più chiaro ed evidente.

L’obiettivo primario è l’attacco al nord, l’invasione mafiosa del nord, per tentare di “normalizzare al contrario” il paese.

Tutti mafiosi e corrotti?

Tutto normale.

Ma c’è chi dice NO.

Lunga vita a Roberto Maroni.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X