Articoli marcati con tag ‘governatore regione puglia’

I tagli del governo centralista e il Federalismo negato

martedì, 15 ottobre 2013

E’ un vero (dis)piacere per me che sono sempre stato un federalista convinto ascoltare il grido di dolore degli assessori regionali alla sanità del sud che lamentano l’arroganza di uno stato centrale che produce tagli lineari nella sanità per miliardi di euro sopra le loro teste, senza preavviso, senza che le regioni possano modificare od anche solo criticare un tale provvedimento dispotico e centralista.

Ma la responsabilità di questa condizione di sottomissione allo stato centrale, centralista e centralizzato va imputata a chi, nel passato, ha respinto e bollato come non conveniente, non interessante, mortificante o dannoso un sistema federalista per il meridione italiano.

Chi ha letteralmente terrorizzato le popolazioni meridionali con la menzogna che il federalismo le avrebbe impoverite, che le avrebbe danneggiate?

E adesso, che le regioni e la classe politica meridionale non hanno quei poteri che ha rifiutato, abiurato, contrastato e combattuto, proprio adesso che solo il federalismo potrebbe conferire alle regioni poteri decisionali prioritari ed autonomi in materia ANCHE sanitaria e farmaceutica:

di cosa si lamentano lor signori?

Quale condotta politica hanno tenuto essi nei confronti del federalismo?

Come avete votato e come avete fatto votare al referendum sulla riforma passata alla storia come la devoluzione del 2006?

Che fine han fatto quei grandi interpreti dell’anti-federalismo come il segretario generale della CGIL provinciale di Foggia dell’epoca Nicola Affatato, il segretario generale della CISL provinciale di Foggia dell’epoca Giulio Colecchia, il professor Maurizio Ricci (all’epoca Preside della Facoltà di Giurisprudenza della Università di Foggia poi addirittura premiato per la sua “coerenza” con il rettorato dell’università di Foggia -viva il merito-) e tutti gli altri aderenti al comitato “Comitato per il NO: salviamo la costituzione”:

quali responsabilità umane, professionali, personali, civili e politiche portano dinanzi al meridione ed ai meridionali?

Ma chi pone queste domande solo all’apparenza retoriche, cosa faceva all’epoca per impedire il disfacimento dello stato ed il suo fallimento?

Fondava un comitato che denominò sapientemente “Comitato Dauno per il Sì: Salviamo il Mezzogiorno”, comitato che sosteneva quelle riforme che avrebbero devoluto alcuni poteri alle regioni, quelle riforme che avrebbero diminuito costi e sprechi della politica, quelle riforme che avrebbe diminuito il numero dei parlamentari ed eliminato i limiti di età all’accesso al Parlamento.

Ma lo sforzo veniva praticamente ignorato, disdegnato.

Le tesi che portava innanzi quella azione, furono ignorate.

Ed infine, vinsero quelli che volevano salvare la costituzione ed hanno invece affossato il paese e determinato il fall out dell’Italia quale stato di diritto repubblicano, democratico e costituzionale.

Quegli stessi signori che invoco idealmente sono gli stessi oggi schierati per una maggiore decisionalità ed autonomia delle regioni in contrasto alle scelte di tagli lineari decise dallo stato centralista in ogni settore della vita pubblica, presente e futura, sono schierati per una diminuzione dei costi della politica, sono schierati per una eliminazione degli sprechi nella pubblica amministrazione, sono schierati per una diminuzione del numero dei parlamentari.

Detto questo, solo per ricordare che la responsabilità personale, umana, politica, amministrativa, civica e civile in questo paese non determina una vittoria del merito e del paese reale, ma solo della casta, della clientela della casta, della sopravvivenza della casta.

E voi, signori cui rivolgo queste riflessioni, voi, in quei giorni, dove eravate schierati, con chi eravate schierati?

Con la casta partitocratica, burocratica e sindacatocratica o con il popolo meridionale?

Perché una via di mezzo non c’è:

non c’è mai stata.

Ed un eventuale dualismo di fronte a queste scelte propone seri dubbi di sdoppiamento della personalità, sdoppiamento interessato, fisiologico o patologico che sia stato.

Ecco i link al video ed il manifesto dell’unica manifestazione del “Comitato Dauno per il SI Salviamo il Mezzogiorno” qui a Foggia.

Il video riprende una conferenza stampa aperta al pubblico avvenuta proprio nel giorno in cui veniva consegnato un avviso di garanzia a Raffaele Fitto, altro “grande leader” politico pugliese e meridionale che rifiutò il suo appoggio determinante alla vittoria in Puglia e nel meridione delle ragioni della
devoluzione causandone la sconfitta.

Dio esiste.

I viziosi pure.

I virtuosi anche.

Buona continuazione di giornata e tanti saluti alla vostra coscienza.

La mia, dorme sonni tranquilli di fronte al meridione ed ai meridionali, alla Puglia (prima di tutto) ed ai pugliesi.

Gustavo Gesualdo, alias il Cittadino X

PS
La prossima volta che valutate una riforma del paese, non chiedetevi se è un alleato politico con cui spartite qualcosa (potere pubblico) che la promuove ovvero un avversario, ma domandatevi cui prodest.

Smettete di demonizzare chi fa qualcosa per tentare di fermare il declino ed il fallimento di un paese che era il Belpaese, che era una potenza economica mondiale e che oggi è ridotta ad una carta sporca.

E siate fedeli al giuramento di fedeltà a quelle popolazioni che tutelate e difendete, a parole.

Questo paese è morto per quelle parole.

Perché vincere le elezioni ed occupare la pubblica amministrazione danneggiando il popolo meridionale non è definibile come meridionalismo.

Affatto.

Vendola, la monnezza napoletana e la bandiera comunista

martedì, 23 novembre 2010

Allorquando la crisi dei rifiuti napoletana raggiunse il suo apice nel 2008, sino ad assurgere allo scandalo internazionale che verrà ricordato nei testi di storia come lo scandalo della monnezza napoletana, alla guida degli enti locali che avrebbero dovuto gestire in regime ordinario il ciclo dei rifiuti a Napoli (e non lo fecero, senza mai assumersene la piena responsabiltà umana, politica ed amministrativa), vi erano “amministratori” di sinistra.

E quando si cercarono siti ove stoccare l’enorme quantità di rifiuti che ammorbavano la città di napoli ed i napoletani, il governatore della Puglia, Nicola Vendola, detto Nichi, immediatamente mise a disposizione il territorio pugliese per accogliere la parte peggiore di quei rifiuti, quella dei rifiuti più tossici e radioattivi.

Ma oggi, nella recrudescenza del fenomeno dei rifiuti abbandonati per strada a Napoli e non raccolti, il governatore della Puglia Vendola non si rende disponibile per accogliere la monnezza napoletana, il governatore Vendola ha tutt’altro atteggiamento rispetto al passato.

Forse perchè al governo della Campania non vi è più un governatore di sinistra?

Forse perchè al governo della città di Napoli vi è un sindaco di sinistra prossimo ad essere sostituito con uno molto probabilmente del centro destra?

Dobbiamo dunque credere che la tanto sventolata e pretesa “solidarietà” della sinistra italiana dipenda tutta dall’interesse politico ad aiutare governi locali di sinistra che sono da dimenticare per sempre ed affossare governi locali di centro destra, avendo la consapevolezza di affossare anche la città di Napoli ed i napoletani tutti?

A tal punto di disgustevole ribrezzo politico siamo giunti?

Ed è questo il laboratorio politico della sinistra in Puglia che avrebbe dovuto guidare la sinistra italiana ed il paese tutto alla riscossa?

E che dire dello slogan odierno del Vendola che recita: c’è un Italia migliore?

Sì, certo, c’è un’Italia migliore.

Migliore di un vice presidente e membro della Commissione Antimafia che vide scuotere la sua prima giunta e più volte attirando l’attenzione della magistratura ordinaria ed anche di quella speciale antimafia?

Migliore di un candidato governatore regionale che pose al centro della sua campagna elettorale la propria diversità sessuale piuttosto della propria capacità di governare?

Vi lascio con le parole dello stesso Vendola:

« Siamo comunisti non per replicare, nei secoli dei secoli, una storia codificata, una liturgia monotona, una forma statica che contiene una verità rivelata: ma per liberarci dai fantasmi e dai feticci di un mondo che strumentalizza la vita, mercifica il lavoro, distrugge la socialità. »
(Nichi Vendola, intervento introduttivo del seminario di Rifondazione per la Sinistra, Chianciano, 24 gennaio 2009)

Signor Vendola, chi strumentalizza il disagio sociale e la vita dei napoletani al solo fine di mercificare il lavoro politico di abbattimento dell’odiato avversario-nemico politico?

E chi, signor Vendola, contribuisce per “omissione di soccorso” a distruggere la socialità dei napoletani sol perchè han votato centro destra invece della sua adorata sinistra comunista, sconfitta dalla storia e ridotta oggi a dover aumentare il dolore dei cittadini napoletani in virtù di una diminuzione del consenso del nemico politico?

E questa, signor Vendola, lei la chiama politica?

Neppure lontanamente.

Lei alla politica vera, alla politica berlusconiana che non ha fatto finta di non vedere la monnezza napoletana, ma ha cercato e cerca ancora di dare risposte definitive ad esigenze che le amministrazioni locali non hanno mai saputo dare ai napoletani, lei, alla politica vera, alla politica solidale, alla politica dell’amore non frainteso sessualmente, non c’è vicino neppure lontanamente.

Sia onesto, lo dica ai pugliesi che non vuole l’energia da fonte nucleare per timore delle scorie radioattive, ma dica anche loro che per amore dei suoi compagni, ha infilato nel sottosuolo pugliese (ma ben lontano dalla sua amata e natia Bari) i rifiuti peggiori dello scandalo della monnezza del 2008, quelli tossici, quelli radioattivi.

Ed ora, abbia almeno l’onestà intellettuale di dire ai cittadini napoletani che, per amore della sua “bandiera comunista”, preferisce vederli affogare nella monnezza, piuttosto che correre loro in soccorso e dare contemporameamente ragione al suo acerrimo nemico politico:

Silvio Berlusconi.

Sui termini di uomo, di umanità, di amore, di socialità e di solidarietà c’è ancora molta strada da fare a sinistra.

Tanta, ma tanta, tanta strada.

Talmente tanta, che non se ne vede ancora la fine ….

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

PS
La monnezza non ha colore politico, come pure le scorie radioattive.
Quando un comunista italiano avrà compreso e digerito questo semplice sillogismo, sarà sempre troppo tardi.