Articoli marcati con tag ‘gettito fiscale’

Riflessioni a tastiera aperta – 8 febbraio 2013

venerdì, 8 febbraio 2013

Dovete sapere che, la peggiore specie di politici, tecnocrati e burocrati italiani propone sempre la stessa medesima risposta al rafforzamento di una moneta che diminuisce invece, in qualche caso, le esportazioni per l’aumento di valore della valuta nella quale vengono contrattate merci e servizi.
Insomma, servono danari alla spesa pubblica sempre in crescita?
E quale sarebbe il problema: stampiamo nuovi soldi da spendere.
Il rafforzamento dell’euro diminuisce in qualche paese dell’eurozona le esportazioni?
Si stampa altra valuta e si svaluta la moneta aumentando quantità e velocità di moneta in circolo neol sistema.
Ma le merci e di servizi, non si dovrebbero vendere in base alla loro “qualità”?
E se sono di bassa credibilità e qualità è naturale per scelta strategica di una classe dirigente stupida e da dimenticare, che un aumento del loro prezzo li renda invenduti e fermi nei magazzini, ad ingolfare a loro volta la produzione.
Ma cosa c’entra il rafforzamento dell’euro in questa scelta?
Niente.
Solo si scarica retoricamente e demagocicamente la storica e cronica responsabilità nella inettitudine politica, tecnocratica, burocratica e sindacale italiana sulla moneta Euro.
Ma non c’entra nulla, è solo il segnale dell’idiozia che avanza …
Un paese distrutto dalle proprie classi dominanti, questa è l’Italia oggi.

No, ma fatemi capire un po:
bankitalia che ha dovere di controllo e di ispezione nei confronti delle banche non denuncia la malversazione di talune se non addirittura ne copre le magagne con finanziamenti diretti al fine di coprire frodi e truffe perpretate in esse.
Poi, sempre bankitalia ci viene a dire che i prestiti alle famiglie sono in calo.
Ma, chi controlla il controllore?
E chi credono di prendere in giro?
Bankitalia deve molte delucidazioni sul proprio operato e troppe scuse ai cittadini che la finanziano con le tasse.

Un tempo io fumavo sigarette (meglio specificare con esattezza cosa fumavo).
Poi, un bel giorno, smisi di fumare.
Qualche mese dopo ebbi a che fare con un “professore universitario” (troppa grazia e veramente troppo onore) il quale, in sede di esame e dopo tre domande, mi disse che avevo il “trenta” in tasca e che, se avessi voluto la lode, avrei dovuto rispondere ad una ultima domanda il cui contenuto era sito in un libretto da egli scritto, nell’ultima mezza pagina (sigh, sigh).
Era una trappola per chiedermi se avessi acquistato o meno il suo libretto da quattro soldi (veramente indecente e scopiazzato a piene mani).
Non valeva la pena e lo avevo fotocopiato.
Io risposi bene alla domanda, ma il prof barò dicendo che vi era una imperfezione nella esposizione e chiese se avessi la copia dle libro per controllare insieme.
Venne fuori che l’avevo copiato il suo libretto degli orrrori e degli errori.
Mi bocciò.
Ero a Bari, acquistai un pacchetto di Marlboro rosse da venti ed arrivato due ore dopo a Foggia, il pacchetto era finito. I falliti, gli immeritevoli e i raccomandati uccidono: diitegli di smettere.
Di vivere …

Reati tributari al raddoppio:
controversie e denunce su lavoro e previdenza.
Ma quando si deciderà lo stato a punire duramente il mondo del lavoro che vive in nero, che non paga i contributi previdenziali, che non paga le tasse, che non paga o paga male e saltuariamente i dipendenti ed invece premiare quel mondo del lavoro che rispetta le regole, semmai abbassando al soglia fiscale per questi ultimi?

“Beppe Grillo: fra 6 mesi si torna a votare”
Gustavo Gesualdo: esatto, perché chiunque vinca queste elezioni non potrà governare se non attraverso la selva della alleanze con tanti putabili “aghi della bilancia”, pronti ad estorcere il massimo di potere pubblico e di impedire il massimo delle riforme e delle liberalizzazioni.
Andare a votare è assolutamente inutile.

“Sicilia, Battiato: al Turismo non c’è un euro, hanno rubato tutto”
Denunciate alle autorità competenti e chiedete giustizia:
ne avete il dovere!

“Banche tedesche: credito separato dagli investimenti”
I tedeschi non sono gli italiani:
prevedono e prevengono, agendo di conseguenza per la messa in sicurezza del Bene Comune come della azione del governo della Cosa Pubblica nei confronti dei cittadini.

“Dai laboratori d’Informatica dell’università di Verona nasce Xron
nasce il simulatore italiano per l’addestramento in chirurgia robotica”
Questo gioiellino andrebbe subito acquistato dalla università di Foggia nella scelta della facoltà di Medicina e Chirurgia.
Con questo simulatore non occorrerà più andare per anni ed anni a fare esperienza sul campo nelle università più avanzate del mondo in campo medico, ma sarà sufficiente fare allenamento in loco, qui, a Foggia.
Una rivoluzione che potrebbe trattenere qui le migliori abilità chirurgiche.
E poi, diciamola tutta: è molto meglio allenarsi prima al computer con un software molto realistico ma dagli effetti pari a quelli di un videogame sul paziente, piuttosto che fare esperienza direttamente ed a spese della salute della salute e della vita del paziente.
O mi sbaglio?

Incredibile arroganza:
ma se prima il segretario della camera di commercio di Foggia riceveva indennità complessive per 315.000,00 euro/anno (molto di più della indennità del Presidente degli Stati Uniti d’America) pari a quasi un migliaio di euro al giorno, adesso che vien chiamato ad essere il segretario della camera di commercio di Foggia e di quella di Brindisi contemporaneamente, la sua indennità arriverà a superare anche laltezza della Luna?
Ma di cosa siete fatti:
di bronzo?
E di grazia:
dove avrebbe preso il dono dell’ubiquità il duale segretario camerale più pagato del mondo?

Italia sempre in ritardo, Italia sempre ultima, Italia sempre bacchettata.
Ma insomma, che civiltà è quella italiana?
Bizantina?

Le autorità italiane mentono al popolo italiano ogni secondo di ogni minuto di ogni ora di ogni giornata che Dio ha creato.
Sono loro il problema, non la soluzione.
La verità è silenziata ed insabbiata dalle autorità politiche e statali italiane.

Draghi dice il falso:
Bankitalia sapeva della condizione illecita ed illegale e dello squilibrio di bilancio tanto da finanziarla con 2 miliardi di euro già nel 2011.
Ma se Bankitalia sapeva, aveva anche il dovere di denunciare la cosa pubblicamente ed alle autorità competenti.
Bankitalia sapeva e non ha fatto altro che occultare la verita:
chi controlla il controllore?

Se attualmente il gettito fiscale statale proviene SOLO da lavoratori dipendenti e pensionati (80%) e TUTTO il resto del paese contribuisce SOLO con il restante 20%, cosa vuoi detassare, politico idagliano in campagna elettorale, che queslli che dovrebbero pagare già non pagano nulla?

Allora, sgombriamo il campo dalle sperequazioni e dai dubbi.
Indubbio è:
1 – che la sanità pubblica e la sanità privata convenzionata vengano abusate al dine di creare colossali fondi neri da redistribuire sottoforma di tangenti corruttive, in quanto la sanità è attualmentre la madre di gran parte delte tangenti corruttive, sia per ottenere un posto di alvoro pubblico, sia per ricevere incarichi pubblici, sia per vincere appalti pubblici;
2 – che l’offerta sanitaria, sia in termini di offerta e di accessibilità, sia in termini di qualità dell’offerta, ma a (presumibile) parità di costi o di investimenti, produce effetti differenti nel centyro sud piuttosto che nel nord del paese.
Pertanto, chiunque si candidi a governare la sanità ovunque in questo paese, deve eliminare i fattori di squilibrio, di spreco e di ladrocinio autorizzato, fattori attualmente in uso ed abuso, continuato ed aggravato.
Altrimenti, riceviamo l’ennesima (inaccettabile) presa per i fondelli.
Solo in questi termini si può selezionare un ministro della sanità che comunque, non sia mai stato indagato per motivi riconducibili alla attività di governo o di controllo della sanità pubblica regionale o nazionale.

Bankitalia regalò 2 miliardi di euro a Monte Paschi Siena nel 2011.
Ora le istituzioni idagliane non potranno dire di non aver saputo e di non sapere, visto che sprecarono il danaro pubblico per coprire le malefatte e le malversazioni effettuate in MPS.
Questa è una enorme associazione a delinquere che abusa del potere pubblico per fregare danari al popolo.

L’economia italiana è in fall out.
Non si possono sprecare i danari degli italiani per salvare banche e bancarelle dalle quali la politica traeva finanziamenti o attraverso le quali si riciclava il danaro non esponibile al fisco.

E c’è ancor oggi qualche idiota politico in Italia che pretende di poggiare le future politiche economiche e di integrazione con i paesi africani del Mediterraneo.
L’inverno arabo ha dimostrato che è impossibile fare affidamento su quei paesi che sono costantemente sull’orlo della crisi socio-politica, religiosa e della guerra fra bande e tribù.

Tipico esempio di disinformazione professionale e professionista.
Titolo:
“Tumori in Italia, da Nord a Sud la sopravvivenza è la stessa”
Ma l’articolo all’interno recita:
“Nelle regioni del Nord Italia i tumori vengono diagnosticati più precocemente di quanto non si riesca a fare al Sud”
Vergognoso, semplicemente vergognoso.
Ma va bene così, visto che al sud non sanno leggere ed anche quando sanno legegre, sono così abituati ad essere trattati da sudditi che restano in silenzio davanti a questo scempio.
Impressionante l’organizzazione alla disinformazione: deve esistere addiritttura una centrale di comando, una sala di regia, un codece di regole che impongono il depistaggio organizzato della opinione pubblica.
Ma se esiste un ritardo nella diagnosi dei tumori al sud rispetto al nord, come è possibile una identica sopravvivenza?
Incredibile mascalzonata passata nel silenzio della informazione del sud, che ingoia il rospo senza battere ciglio.

Hanno piena coscienza che chiunque uscirà vincitore dalle urne non potrà governare, perché impedito dal fuoco incrociato delle estorsioni politiche di partiti interessati a tutto, tranne che a tutelare e difendere il popolo sovrano.
Sanno benissimo che l’Italia rischia di andare giù in picchiata peggio della Grecia.

Da una pessima storia di violenza sessuale ai danni di uncane da parte di un extra-comunitario
È così che, molto probabilmente, i virus che colpiscono gli animali, passano all’uomo:
per atto sessuale violento dell’uomo sugli animali, come in questo lurido caso.
Stessa cosa è avvenuta probabilmente per HIV-AIDS (scimmie), la Suina (maiali) e la temuta Aviaria (galline e pennuti).
L’ignoranza uccide?
Molto più di quanto non possiate immaginare, ogni giorno.

E se ….
E se invece di utilizzare le sigarette elettroniche per inalare aromi e nicotina nei bronchi, utilizzassimo la sigaretta elettronica come inalatore di medicinali portatile?
Grande cosa, indubbiamente.
Troppo grande?
Senzadubbiamente.

“Reddito medio degli italiani a 18 mila euro. Ma al Sud è di un quarto sotto la media”
L’Italia è unita
Ma non è uguale
Il bello o il brutto di tutto questo è che i primi a dover protestare per questa situazione dovrebbero essere i meridionali, che invece, non lo fanno con la relativa determinazione, I motivi di questa condizione vengono solitamente addebitati allo storico ritardo socio-economico del sud italiano.
Forse.
Ma questa valutazione potrebbe essere accompagnata ad un enorme reddito sommerso che sfugge alla partecipazione fiscale e contributiva e che non viene raccolto dai dati ufficiali.
Ma anche questa volta nessuno analizza il fenomeno, lo fa emergere, lo contrasta.
Il reato di associazione a delinquere è nei termini.
Occorre però verificare di quale stampo.

Per parlare in pubblico occorrono qualità morali che i politici idagliani non hanno mai avute
“Veneto-Venezia: ecco i primi ospedali che fanno esami di notte e durante sabato e domenica”
Ditemi, per amor di Dio e carità cristiana, per comunità umana e condivisione collettiva:
perché a Venezia e nel Veneto SÌ mentre a Foggia e in Puglia NO?
Basta anche solo copiare per far bene, se proprio non si è capaci o si viene impediti di fare.
E siete indignati come lo sono io, esprimete questa indignazione, ma non qui o solo qui, ma andate dritti a chi detiene il bastone del comando amministrativo, politico e di governo e ditegli:
perché loro SÌ e noi NO?
Cosa c’è che non va in noi?
Puzziamo forse?
Vi facciamo schifo forse?
E se no, allora, PERCHÈ?

Siamo troppi su questo pianeta.
La popolazione mondiale degli esseri umai è raddoppiata nei soli ultimi 50 anni.
Troppa attività antropica e troppa attività per mantenere i vita tutta questa gente.
Troppe energie bruciate, troppe risorse distrutte, troppe emissioni di gas serra con la semplice respirazione, con l’allevamento degli animali per alimentare la popolazione terrestre e troppe attività industriali, economiche, strutturali e commerciali che emettono inquinanti.
Questo pianeta ci ucciderà tutti per difendere e tutelare la vita stessa.
Siamo un genere irrazionale e troppo stupido per capire quel che facciamo e il danno che costruiamo con le nostre azioni quotidiane.
Verremo spazzati via dalla nostra stessa idiozia.

La crisi non fa saldi.
Ma le tasse, chi le paga?
Per avere un diritto al benessere comune giustamente redistribuito occorre aver assolto il proprio dovere al contributo fiscale e previdenziale.
Non so se è chiaro.
In questo stato di diritto gratis è morto ed omaggio è molto grave.

Chiunque abbia contratto un prestito o un mutuo in vakuta euro, nel caso d uscita dell’Italia dall’eurozona e dalla Unione Europea, rischia di vedere lievitare la rata del proprio mutuo o del proprio prestito in modo impossibile da pagare.
Famiglie e aziende italiane con situazioni debitorie si salvano solo se l’Italia resta nell’Euro e non si salvano se l’Italia esce dall’Euro.
Poi non dite che non eravate stati avvertiti.

Sarebbe giusto pubblicare la lista di tutti i parenti, gli affini, i coniugati, i mantenuti e gli amanti nelle università italiane, inclusa e non ultima quella di Foggia.
Il cittadino-lavoratore-contribuebte ha il diritto di sapere come vengono selezionati e din base a quali criteri clientelari, politici e/o famigliari i dipendenti pubblici.
Forza magnifici rettori:
trasparenza!
La primavera araba è divenuta un inverno pieno di cadaveri innocenti.
Come al solito, nel mondo arabo si è usato il grimaldello religioso per armare gli ignoranti ed abusarne come carne da macello in rivoluzioni sante e benedette che servono solo a cambiare parte, tribù e clan famigliari alla mammella del benessere derivante da potere pubblico.
Proprio una primavera dei diritti e di libertà.
Chi crede nel modello di vita e di sviluppo Mediterraneo è un perfetto imbeccille o un criminale di guerra interessato

“Frediano Manzi, presidente di Sos Racket, si è dato fuoco davanti alla sede Rai di Milano”
Lo sentite?
Sentite il silenzio delle istituzioni, il silenzio della politica, il silenzio dei sindacati, il silenzio della pre-politica e del mondo del volontariato, lo sentite il silenzio di Libera e di tutte le associazioni anti-mafia, anti-usura, anti-corruzione?
Ecco, questo è il silenzio di chi ha colpa, complicità e responsabilità in un sistema profondamente mafioso, usurato e corrotto.
Questo silenzio pesa come una sentenza di condanna.
Condanna a morte.

No Pay Tax? No Party

mercoledì, 21 novembre 2012

L’orientamento di ogni previsione sociale, di ogni riforma fiscale e di ogni analisi economica negli ultimi anni in Italia, sposta la sua attenzione dal reddito dichiarato alla capacità di spesa.

Il corrotto non dichiara la sua tangente al fisco, ma offre alla sua famiglia una capacità di spesa decisamente superiore a quella scritta in fondo alla sua dichiarazione dei redditi.

Lo stesso dicasi per l’evasore fiscale, per l’usuraio e per il mafioso.

Come si può ben vedere, il nuovo Redditest non testa il reddito dichiarato, ma quello reale sul quale si basa la capacità di spesa del singolo come della famiglia italiana.

E finalmente abbiamo uno strumento unico ed efficace per stanare ogni sorta di delinquente e di malintenzionato che cresca all’ombra della illegalità, producendo insicurezza ed ingiustizia, anche e soprattutto sociale ed economica.

Gli stipendi dei lavoratori dipendenti italiani infatti, mediamente i più bassi d’Europa, e quella metà dei pensionati italiani con un corrispettivo mensile inferiore ai mille euro, raccontano di una ineguaglianza sociale terribile nel nostro paese, in specie se correliamo queste ingiustizie ad un’altra diseguaglianza imposta coercitivamente:
quella che impedisce di fatto e di diritto a lavoratori dipendenti e pensionati di evadere il fisco attraverso un prelievo forzoso alla fonte del loro reddito.

Se sommiamo a questo dato quello che indica come l’80% del gettito fiscale derivi da lavoro dipendente e da pensioni, avremo come risultato che, non solo il danaro pubblico spendibile dallo stato proviene nella stragrande maggioranza (se non nella quasi totalità) dai lavoratori dipendenti e dai pensionati, ma possiamo anche osservare quanto iniquo, egoista e violento sia il contesto sociale, fiscale ed economico italiano, diviso in classi dominanti che abusano del potere pubblico per arricchirsi e per violentare il sistema degli appalti pubblici e dei concorsi pubblici;
classi imprenditoriali, professionali, artigiane, commerciali ed autonome quasi completamente estranee alla formazione del gettito fiscale;
classi di bovini con l’anello al naso di lavoratori dipendenti e pensionati da sfruttare come schiavi per tirare il carretto italiano in perfetta solitudine.

No, così non va, non è giusto.

E fa certamente piacere intercettare volontà innovative nella Pubblica Amministrazione dirette a colpire chi non contribuisce al mantenimento dello stato italiano, ma che da questo, pretende di essere mantenuto e di abusare di servizi che non ha contribuito a finanziare.

Per gli evasori fiscali italiani si prevedono tempi duri, d’ora in poi, in una guerra senza quartiere che un governo nuovo in tutti i sensi ha intrapreso contro ogni ingiustizia, ogni violenza, ogni illegalità.

Questa è una giusta guerra.

Questa, è una santa guerra per la civiltà e la democrazia.

Questa è una guerra che non deve essere persa, ma vinta, convinta, stravinta.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Riflessioni a tastiera aperta – 14 ottobre 2012

domenica, 14 ottobre 2012

Regione Lombardia, formigoni, berlusconi, alfano

Il siciliano alfano continua ad influire, un giorno in una direzione, il giorno dopo nella direzione opposta alla precedente, nelle questioni interne alla regione Lombardia.
Un siciliano, con tutto quel che significa la regione sicilia, può influire nelle questioni lombarde?
Uno che non riesce a normalizzare la propria regione sicilia, con quale arroganza pretende di impartire indirizzi politici in altre regioni?
Come pretende il siciliano alfano di governare politicamente le scelte lombarde, quando non sa impedire le scelleratezze regionali tipicamente siciliane dei suoi siciliani Cuffaro & Lombardo?

Prima il Nord, ovvero prima il peggio del sud?

Ora sarà il Veneto ad essere il punto di riferimento italiano.
Così come avrebbe dovuto essere da sempre, visti i risultati.

Leggendo dell’ennesimo episodio di violenza gratuita e violazione della legge da parte di immigrati extra-comunitari

Volendo pur rispettare i diritti fondamentali dell’uomo e della donna, mi dite perché dovremmo consentire un continuo degrado sociale delle nostre comunità al costo di un diritto alla immigrazione altrui che si trasforma in un diritto alla devastazione socio-economica nostra?
Ma, vi rendete conto che tanti di questi immigrati han confuso il nostro paese per un territorio dei senza legge, dei senza doveri, dei solo diritti e privilegi (forse anche a ragione ed a seguito del cattivo esempio ricevuto)?
E il danno (non solo biologico) inferto alle popolazioni residenti, il degrado civile ed il disagio sociale derivanti, chi lo valuta, chi lo esamina, e soprattutto, chi lo paga?

Della “normalità foggiana”

Foggiani:
non sono normali.
Ne volete una prova?
Instaurato un regime di parcheggio a pagamento urbano (eccetto per i residenti) di strisce blu, i foggiani evitano il pagamento parcheggiando l’auto ovunque:
attraversamenti pedonali, passi carrabili, scivoli per accesso ai marciapiedi per disabili, angoli delle strade, incroci, ecc.
La soluzione foggiana per un problema foggiano?
Punire pesantemente a mezzo processo verbale (magari non applicando la tolleranza dei 2/6 del massimo) chi tenta di evitare il pagamento del parcheggio, devastando ed impedendo così, con un parcheggio selvaggio pressoché impunito, la libera circolazione di pedoni e autoveicoli?
No, troppo intelligente, troppo razionale, troppo normale.
I foggiani vogliono l’eliminazione delle strisce blu.
Fuggi da Foggia …..
…. di corsa e senza guardarti indietro, mai più.

Dell’andare, del tornare, del restare, del ripartire e del fuggire

Maledetto il giorno in cui sono tornato, maledetto quel giorno in cui ho deciso di venire in questa latrina incivile.
Ma avrò ragione di voi e della vostra stupidità.
Garantito.
Nessuno ha la testa più dura della mia:
sino a quando resto a Foggia, le mie proproste avranno vita e gambe su cui camminare.

Fuggi da Foggia, non per Foggia, ma per i foggiani

Sarà meglio introdurre un po di sana teutonica razionale intelligenza a Foggia, visto che quel che c’è si crede più furbo di quel che è..

Della Unione Europea

Esiste una questione di fondo irrisolta:
entriamo in Europa sol perchè ci conviene ovvero perché vogliamo parteciparvi?

Della Evasione Fiscale

Ma vai via squinzi e di’ ai tuoi iscritti di PAGARE le TASSE:
l’80% del gettito fiscale in Italia proviene da lavoro dipendente e pensionati.
Vergognatevi, banditi travestiti da persone per bene!

Della assicurazione alla Fiat Punto della Municipale di Foggia che costa 5.300 euro all’anno

Stamane son passato in auto dinanzi al municipio di Foggia, dove era parcheggiato il carro attrezzi per la rimozione della auto, ho abbassato il finestrino, mi sono accostato ed ai due vigili (non chiamateli poliziotti, per carità) ho urlato:
e questo, così grande cosa costa di assicurazione annuale, trentamila euro??!!??
Ma attenzione: l’assessore competente (un ex dirigente della Polizia di Stato, un “tecnico”) dichiara:
tutto legale e regolare.
Ha già imparato come si fa politica a Foggia ….

Mai letto Platone; ma osservo che avrei potuto scrivere quel che ha scritto, tanto lo condivido

“… Allora la gente si separa da coloro cui fa colpa di averla condotta a tanto disastro e si prepara a rinnegarla prima coi sarcasmi, poi con la violenza, che della tirannide è pronuba e levatrice.
Così muore la democrazia: per abuso di se stessa.
E prima che nel sangue, nel ridicolo.”
Aristone, detto Platone

Delle Trattative fra stato e mafia e dei Tradimenti dle Popolo Sovrano

Se qualcuno pensa di uscir fuori dalle proprie responsabilità per il rotto della cuffia, si sbaglia.
Questa brutta faccenda, avrà ripercussioni dolorose e imprevedibili.

Il benservito alla casta politica da Super Mario

Mario Monti: abbiamo fatto riforme sofferte ma siamo più popolari dei partiti che non le avevano fatte.

Dell’Italia repubblicana e democratica, liberale e mafiosa

Un titolo de l’Espresso del 1956:
«Capitale corrotta, nazione infetta»
Un titolo de La Repubblica del 2012:
«Politica corrotta, economia infetta»
Dalla nascita della repubblica Italiana ad oggi, nulla è cambiato.
Tangentopoli non è stata una stagione, ma una intera repubblica del malaffare, della malversazione, del dominio mafioso e della tutela dei delinquenti.

Il ministro della Giustizia Paola Severino:
siamo di fronte a una seconda Tangentopoli

Il Cittadino X, Gustavo Gesualdo:
no, non siamo di fronte ad una seconda Tangentopoli o ad una terza Repubblica;
è sempre la stessa repubblica della corruzione e delle tangenti, la medesima da ben 64 anni.