Articoli marcati con tag ‘gesualdo gustavo’

Internet, i Social e il Web: la nuova frontiera della “censura tecnica”

giovedì, 7 febbraio 2019

Profilo Twitter

Sospeso e disattivato

Profilo Facebook

Sospeso, per l’ennesima volta

Ecco come i social mettono il bavaglio alle menti libere nel terzo millennio

Più scrivi verità, più ti attaccano

Ma non possono sotto il profilo del merito

Così, eserciti di troll senza un nome e un cognome ti segnalano come troll, tu che invece hai un nome e un cognome

Tentano di trascinare la discussione con contenuti che odiano in una sorta di parapiglia, di lite che nasconde e oscura gli argomenti

Di argomenti non ne hanno
Di ragioni nemmeno

Come prevaricare chi ha argomenti validi e ragioni ottime?

Ti rubano la password, violano il tuo account, scrivono post che violano le regole e le condizioni di uso del social e che non hai mai scritto e postato ed il gioco è fatto

Dovete aggiungere i continui e asfissianti problemi tecnici che incontri, nella app, nel social, nell’antivirus e nel secure VPN che si disattivano continuamente, nel continuo sparire della linea telefonica e internet, dei collegamenti al provider falliti, ecc, ecc, ecc

Ecco come ti chiudono la bocca nel terzo millennio

Come?

Cose che capitano a tutti?

Mi spiegate allora, perché tutti questi problemi tecnici scompaiono contestualmente alla sospensione o alla disattivazione degli account social?

Tranquilli, esistono ancora i blog

Ovvio che il mio viene indicato come non sicuro, come sito pericoloso, con altrettanti strani problemi tecnici che si rivelano comunque meno numerosi, frequenti e insistenti di quelli subiti quando scrivo nei social

Allora ho deciso di lasciare i social, ormai sotto il dominio maligno di potentati economici, finanziari e politici interessati a insabbiare la verità e a propagandare le Fake News

Beh, visto il fallimento totale del controllo globale delle informazioni attraverso giornalai affatto liberi e professionali (le Fake News Media), si è passati alla variegata problematica tecnica e di condizioni d’uso per mettere a tacere le voci libere, le tastiere non corrotte, incorruttibili

Ora capisco meglio perché la Cina deve vietare i social stranieri e metterne a disposizione di propri, non controllabili da potentati economici, finanziari e politici avversi all’interesse cinese

Fanno bene, dovrebbero fare tutti così, per garantire la libertà di espressione dalle ingerenze esterne

Nel frattempo, studio come restituire i “favori” ricevuti da certi sinistri figuri che aleggiano nel mondo virtuale e reale contemporaneo

E quando io studio, i risultati sono sempre originali, imprevedibili, accuratamente puntati a contrastare chi mi vuol chiudere il becco e non garantire o addirittura impedire alla mia voce di essere diffusa

Ma chi sono questi loschi figuri?

Chi impedisce la libera espressione e circolazione di pensieri, parole, scritti e idee?

Posto una foto che risponde dalle vostre domande

È l’immagine del Grande Fratello, the Big Brother, il fratello musulmano, il fratello democratico che attraverso la democrazia attenta alla democrazia, il famigerato premo nobel per la pace che passerà alla storia come l’artefice della disastrosa guerra in Siria e di ben due guerre in Libia per creare il più grande hotspot della storia dell’umanità per l’invasione aggressiva e massiva musulmana in Italia

Eccolo

Ecco il male assoluto odierno

Fine delle trasmissioni

Fine delle trasmissioni

Gustavo Gesualdo
alais
Il Cittadino X

Il Reddito di Cittadinanza – Analisi e Definizione

mercoledì, 6 febbraio 2019

Interviene il reddito di cittadinanza nel sistema italiano

Vediamo chi interessa e perché

Interessa tutti, ma proprio tutti

Sostiene tutto, ma proprio tutto

Compresi mafiosi, corrotti e pregiudicati

Non vi è infatti alcuna selezione per categorie che rappresentano un serio pericolo sociale ed economico letale per il nostro paese, per la sua unità e per la sua integrità sociale, legale, morale e materiale

Il provvedimento interessa in misura massiccia il meridione, con tutte le sue idiosincrasie e furbetterie, individuali o collettive che siano

Chi nasce, cresce e vive nel meridione sa benissimo che nelle categorie a reddito zero si nascondono gli autori di truffe e frodi, criminali, mafiosi e corrotti, furbetti, parassiti, veri ricchi che compaiono a reddito zero, tutti preventivamente avvisati da studi legali e commerciali molto ben pagati di spogliarsi di ogni avere per non vedere sequestrato un patrimonio creato in piena illegalità

Ne sanno qualcosa le compagnie di assicurazione, costrette a elargire indennizzi su incidenti falsi e aumentare i premi in maniera insostenibile, premi che qualche furbetto vorrebbe far pagare ad altri cittadini di altre regioni italiane non asfissiate e depresse dal fenomeno

Della serie:

noi fottiamo, tu paghi e se ti opponi, sei un razzista

Un ricatto inaccettabile, una estorsione mafiosa

Ovviamente, i mistificatori di tali realtà produrranno critiche a tali affermazioni, adducendo una crescente presenza del fenomeno truffaldino e furbettino anche al nord, così come sia ben visibile una crescita esponenziale delle mafie del sud al nord

Ecco appunto

Si dimentica troppo facilmente che codesti fenomeni nascono e crescono nel sud e vengono esportati al nord

Quali modifiche apporta un provvedimento come quello del reddito di cittadinanza in un sistema che vive di provvedimenti e aiuti dello stato?

Beh, appare come un ulteriore possibilità di arricchimento per i furbi, non certo per gli onesti, abituati a non celare i propri redditi o a produrre redditi in modo illecito e/o illegale.

Ecco una analisi che aiuterà a capire meglio alcuni concetti sopra esposti

Andiamo alla definizione di reddito:

“Il reddito, in economia, può essere definito come un flusso di ricchezza durante un periodo di tempo. Rappresenta in pratica il divenire di componenti economici attribuito ad un dato periodo di tempo.” (Wikipedia)

Andiamo alla definizione di rendita:

“Rendita è una variabile di flusso finanziario legata a più di un periodo. La rendita è un’entrata costante ad intervalli di tempo regolari per un certo orizzonte temporale.” (Wikipedia)

Come potrete apprezzare, oltre al significato insito, il reddito si coniuga con “economia” mentre la rendita si coniuga con “finanziario”

Ecco che anche la definizione di reddito di cittadinanza viene svilita di ogni senso:

dovrebbe essere una rendita di cittadinanza e non un reddito

Non ho fatto questo esempio a caso

Nel sud il reddito praticamente non esiste, compromesso come è da una economia asfittica e svilita di forza perché messa in concorrenza con soggetti che non osservano le regole e non sono concorrenti economici leali:

come può un bar serio ed onesto competere con la miriade di bar che nascono come funghi nel sud e che gli operatori della sicurezza e della giustizia indicano come “lavatrici” del riciclaggio del danaro sporco?

Non può, soccombe, come tutte le altre attività economiche serie, oneste, leali, corrette

E come è possibile produrre danaro sporco?

1) Mediante la Corruzione, elemento diffuso attraverso il quale politici e burocrati corrotti condizionano l’accesso al mondo del lavoro e del consenso, compreso e non escluso il mondo del giornalismo e dei concorsi pubblici;

2) mediante i proventi di organizzazioni criminali mafiose e comuni, entrambe interessate a riciclare immense ricchezze prodotte in maniera illegale, risorse che tali organizzazioni spendono in parte per la corruzione di politici e burocrati, al fine di evitare il perseguimento delle azioni illecite;

3) mediante la elusione o violazione o l’aggiramento delle norme che impediscono ogni forma di arricchimento illecito, di truffe e frodi alle compagnie di assicurazione, all’INPS, all’INAIL, di mendaci dichiarazioni atte a diminuire o azzerare il reddito, non pagare il fisco, la contribuzione fiscale e pensionistica

Detto questo, occorre aggiungere che la ‘ndrangheta calabrese risulta essere la maggiore impresa italiana per fatturato, battendo anche i colossi imprenditoriali onesti del nord (e vi sorprendere se Fiat FCA e Luxottica delocalizzano centrali manageriali e finanziarie?)

Immaginate quanto incida nella impoverita e impotente finanza ed economia meridionale un tale “portento” economico e finanziario

Credete forse che un soldato di questo colosso paghi le tasse, versi la contribuzione pensionistica?

Credete che codesto soldato, dopo aver fatto esplodere una bomba intimidatoria dinanzi alla saracinesca di un onesto commerciante, artigiano o industriale che rifiuta di pagare il pizzo, non viva di assegnazione di casa popolare, sostegni al reddito, forme di aiuto alle povertà?

Credete che codesto soldato paghi i farmaci, paghi l’assistenza sanitaria?

No, molto probabilmente esso nasconde la sua ricchezza in buste di plastica nera, farcite di danari che non vengono certo denunciati

Credete che nei porti turistici del sud qualcuno controlli, oltre al “legittimo proprietario”, anche chi usa gli yacht ivi custoditi?

Siamo proprio sicuri che al reddito dichiarato corrisponda una rendita corrispondente nel sud?

Basterà fare un giro in auto in città come Foggia, dove il reddito medio dovrebbe essere di circa 800,00€ pro capite e restare sorpresi nel vedere circolare numerose e costose automobili che non corrispondono a quel reddito e quindi evidentemente rinvenienti da rendite e/o redditi di tipo diverso ed oscuro, che sfuggono ai controlli

Sarà per motivi come questo che lo stato ha negli ultimi anni spostato le analisi sulla “capacità di spesa” (leggi rendita effettiva) invece del solito e inattendibile “reddito dichiarato”?

Ed è sulla base di codesto reddito dichiarato che si vuole sostenere le “fasce deboli” della popolazione?

Tra gli oppositori alla fatturazione elettronica e dell’uso esclusivo di carte di debito e di credito e prepagate si nascondono certamente molti di quei papabili usufruitori del reddito di cittadinanza che sono affatto poveri e affatto a reddito zero

Ora, mi domando:

chi ha scritto questo provvedimento, non conosce queste realtà?

Non sa egli che il mirino di questo sostegno potrebbe essere puntato sulle persone sbagliate?

Eppure, molti di loro sono meridionali, dovrebbero sapere

Conoscono benissimo queste condizioni permanenti e preminenti nella società e nella economia meridionale

Ripropongo la domanda iniziale:

quali modifiche apporta un provvedimento come quello del reddito di cittadinanza in un sistema che vive di provvedimenti e aiuti dello stato, di truffe e frodi, di elusioni ed evasioni, di dichiarazioni mendaci e mai controllate da nessuno?

Un aumento dei consumi?

Probabile

Ma chi userà quei danari, chi ne trarrà vantaggio?

Gli onesti?

O i soliti furbi?

Chi vogliamo premiare?

Chi vogliamo invece inibire, punire?

Non era forse meglio offrire sostegno alle pensioni sociali e di invalidità innalzandole permanentemente e non temporaneamente a livelli di civiltà accettabili?

Oppure è meglio continuare con incentivi che appaiono portare più risultati di propaganda che di sostanza?

Non sarebbe meglio tagliare decisamente su colossi insostenibili come la scuola italiana, maggior datore di lavoro europeo con i suoi quasi due milioni di addetti di cui la metà circa docenti?

E non era meglio utilizzare quella diminuzione di spesa pubblica pazza e disonesta per incentivare i servizi della Sanità, della Sicurezza e della Giustizia?

Oppure utilizzare questa riduzione della spesa pubblica per ridurre il cuneo fiscale, quel cancro che rende impossibile al datore di lavoro assumere con serenità e che rende non competitivo il costo del lavoro italiano con quello internazionale?

Voglio solo ricordare che un salario di 1.500,00€/mese nel cedolino parte da uno stipendio di circa 4.500/5.000 euro

In mezzo, c’è quella spesa pubblica che deve essere contenuta nei servizi non indispensabili e/o preminenti e invece potenziata nei servizi essenziali che attengono alla cura e alla protezione del cittadino

La ricerca?

I ricercatori?

Mah, un potenziamento della ricerca non può essere visto nella mera e mono oculare ottica di ammortizzatore di un mondo del lavoro reso asfittico dal cuneo fiscale

Serve altro.

Altrimenti si corre il rischio di costruire un altro disastro come la scuola, la formazione e l’università, visti più come riserva di lavoro per baroni e clientele piuttosto che servizio che possa riscattare l’Italia nel mondo.

Ora, la domanda è:

cosa volete fare?

Gesualdo Gustavo
alias
Il Cittadino X

Cesare Battisti e trattativa stato-mafia: tutti i nodi vengono al pettine che li scioglie

lunedì, 14 gennaio 2019

Una latitanza durata 40 anni quella di Cesare Battisti

Una latitanza favorita e coperta dalla sinistra italiana e dai governi italiani, dalla sinistra francese e dai governi francesi, dalla sinistra argentina e dai governi argentini

Ma alla Casa Bianca ora c’è Donald J. Trump, in Argentina c’è Bolsonaro, In Russia c’è Putin e in Cina c’è Xi Jinping

La caduta verticale di Obama bin Clinton, Giustina, Maccarona e Meccherel preannuncia l’avvento di un nuovo mondo, di una nuova politica

Le sinistre globali e il mondo delle Fake News Media sono all’ultima fermata prima del dimenticatoio:

nessuno infatti vuol ricordare chi non ha governato o ha mal governato

In questo nuovo mondo c’è spazio per i Salvini, per i Le pen e per pochi altri coerenti politici, come Nigel Farage, che da solo ha cambiato l’indirizzo britannico, contro conservazioni e politiche piuttosto sinistre e buie

Eppur si muove

Il mondo gira

Un po di luoghi comuni e frasi celebri per dire cosa?

Che le sinistre globali hanno portato il mondo alla rovina

Che l’avvento di nuove politiche e nuovi politici taglia la strada a furbetti e idioti

Ecco cosa

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il Governo del Cambiamento e l’atmosfera astiosa ed odiosa

lunedì, 14 gennaio 2019

Come volevasi dimostrare

Le condizioni create dall’avvento di un governo impegnato nel cambiamento dello stato di fatto e di diritto dell’Italia da paese dei mafiosi e dei corrotti a paese che a schiena dritta combatte realmente le mafie e la corruzione e chiede rispetto ai paesi cosiddetti amici e che non sempre si sono comportati come alleati, amici, uniti, ebbene queste condizioni innovative si incontrano e/o si scontrano duramente con la conservazione di mancato governo, difesa e tutela dello stato italiano

La risposta da parte delle forze reazionarie della conservazione di modelli e stili del tutto incivili e antidemocratici include una serie di attacchi spropositati, sproporzionati, ingiustificati e portati con astio amarissimo e contenuti di odio

Il cosiddetto mondo delle Fake News Media reagisce al governo che mette termine a tutte le pacchie, compresa la loro

La partitocrazia tradizionale si ribella con odio e rabbia alla cancellazione di mafie e corruzione

Cosa accadrà?

Accadrà quel che è accaduto a Cesare Battisti:

i delinquenti, gli sleali, gli scorretti e i traditori finiranno i loro giorni in carcere, come è giusto che sia

Spargere odio e cercare la lite con continue aggressioni non li salverà

Nessuno li salverà

Men che meno io

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Riflessioni a tastiera aperta – 7 settembre 2013

sabato, 7 settembre 2013

11/09/2001New York – USA
11/09/2013Damasco – SYRIA
go, go, go!

Putin, ti assicuro che se anche un solo missile a medio raggio che hai consegnato a siria e iran colpisce il suolo italiano abbastanza vicino a dove io vivo con la mia famiglia, vado a roma e prendo a calci nel culo tutta la tua ambasciata, compresi e non esclusi tutti i russi che trovo nel viaggio da qui a roma e ritorno.
Non scherzo, sorta di mafioso che non sei altro:
vai fuori dai coglioni del mar Mediterraneo che non è casa tua.

Napolitano: “Necessarie decisioni lungimiranti.
Ue modello di successo, ma serve salto qualità”

Gesualdo: Serve salto qualità? Qualità?
E cosa ne sapete voi della casta della “qualità”, abituati come siete a scendere a qualunque compromesso e con chiunque?
Qualità significa selezione, non degenerazione.

Della chiusura e dellìaccorpamento dei piccoli tribunali

Niente:
in Italia non si riesce a realizzare una sola riforma.
Così incarnato è il senso di avversare, contrastare, eludere o evadere un dispositivo di legge, un comando esecutivo, un progetto riformatore che appena si verifica uno scuotimento nell’immobile pantano del “non fare e non far fare”, ecco arrivare le caste corporative che scuotono l’albero dell’ordinato governo della cosa pubblica, sia che esse siano dei tassisti, dei farmacisti che degli avvocati.
In democrazia in un sistema così, con soggetti che si comportano così, non si può cambiare nulla.
Che paese anormale che è questo.

Della Russia di Putin e del terrorismo contrastato a fasce alterne

In occasione della Giornata della solidarietà nella lotta contro il terrorismo in Russia si ricordano le vittime del terrorismo, come nel caso della Strage di Beslan il massacro avvenuto fra il 1º e il 3 settembre 2004 nella scuola Numero 1 di Beslan dove un gruppo di 32 ribelli fondamentalisti islamici e separatisti ceceni occupò l’edificio scolastico sequestrando circa 1200 persone fra adulti e bambini: l’intervento delle forze speciali russe causò la morte di centinaia di persone, fra le quali 186 bambini, ed oltre 700 feriti.
Oggi, quella stessa Russia del medesimo Putin nega un intervento armato a punizione delle stragi indiscriminate di popolazione inerme, sia adulti che bambini, da parte delle autorità siriane con mezzi di distruzione di massa, bombe chimiche.
La Russia di Putin ha due pesi e due misure nel colpire o nel difendere il terrorismo islamico, a seconda delle convenienze e delle strategie.

Governo italiano?
Governo?
Quale governo?
Dove? Come? Quando?
Il governo italiano esiste solo per i gay, per i clandestini e per i carcerati.
Tutti gli altri italiani sono senza governo, al minimo, e con il governo contro, al massimo.

La politica italiana mette i BTP e le borse sotto pressione?
Scusate, ma quale politica?
Quella che rappresenta il problema principe in questo paese invece di essere contributo alla soluzione dei suoi problemi?
Non avete ancora capito che non se ne esce così?
Non avete ancora copreso che è la politica IL problema italiano?
E chiamatela politica:
questa è anti-politica, tutto il contrario di quel che dovrebbe essere la Politica.

Non mi importa molto della politica dell’idaglia degli idagliani, ma è evidente che non capite nulla di democrazia: non esiste democrazia nella quale una parte politica o più parti politiche siano escluse dalla rappresentenza di idee e persone, di diritti e di doveri.
Se siete a questo punto di pregiudizievole convinzione, siete peggio del peggiore dei vostri nemici.

Tagliare sulla sicurezza quando serve sicurezza non è indice di sanità ed equilibrio mentale

Una atipica dislocazione diametrale di interessi comuni e condivisi allea la destra estrema italiana alla sinistra estrema dell’ex blocco sovietico russo.
Anche l’antica scelta anti-ebraica di certa destra italiana si sposa nell’alleanza con folli dittatori come assad, massacratore del proprio popolo e (ex?) grande amico del governatore comunista pugliese vendola.
Tempi bui, tempi bui quando gli estremi si toccano.
Colpa di chi si definiva moderato mentre si è dimostrato solo un ladro, un mafioso, un corrotto e un corruttore.
Chi credete che in Italia finanzi la destra estrema (per carità e per pazienza, non confondete la destra con il fascismo che dimostrate di non aver letto una sola virgola della storia del secolo scorso)?
Putin attreverso Berlusconi o Berlusconi direttamente per ricambiare i piaceri di Putin nel godimento delle risorse strategiche russe?
E siamo alle solite: dal petrolio deriva la nostra storia e dal petrolio ci viene incontro il nostro futuro.
Interessante questa evoluzione delle opposte rive sinistre e destre in Italia, sul punto di ricongiungersi ed allearsi su scelte di un pragmatismo da socialismo reale.

Famiglia di razzisti quella dei kyenge, da quanto si può vedere.

Senza un bombardamento a tappeto di Iran e villaggi talebani (ovunque allocati) non si potrà mai veramente aggredire l’estremismo ed il fondamentalismo islamico e distinguerlo dalla massa dei mussulmani moderati.

Auto Blu: costano un miliardo di euro degli 800 spesi ogni anno dalla Pubblica Amministrazione. Io la darei solo a Capo dello stato, Premier, Capo della Polizia, Comandante dei Carabinieri e (Vice)Presidente del CSM, tutte rigorosamente blindate.
Tutti gli altri, possono scegliere fra la pedovia, la ciclovia, la motovia o la autovia: sempre e solo privata.

Come berlusconi, letta spera che sia l’ottimismo a risolvere i problemi dell’Italia, poiché, proprio come berlusconi, letta non è capace di risolvere un bel nulla.
Un altro povero idiota che tira a campare.
Poveri noi.

Dei continui episodo di violenza ad operatori sanitari in Puglia

Mi sia consentito ricordare, qualunque sia la modalità che si cerchi in questa situazione per garantire più sicurezza alle unità operative sanitarie maggiormente esposte a potenziali e gratuite violenze che, le Guardie Particolari Giurate non possono essere utilizzate per la tutela della persona fisica né per il mantenimento dell’ordine pubblico, stante l’attuale normativa e configurazione giuridica delle GPG italiane, cui è stato conferito il titolo di incaricato di pubblico servizio mentre da corte superiore europea veniva imposto a mezzo sentenza il conferimento del titolo di pbblico ufficiale.
Non mettiamo in sicurezza gli operatori sanitari mettendo fuori dalla sicurezza e dalla garanzia dell’azione operativa chi è sprovvisto dei titoli per operare in piena e totale SICUREZZA.

Ecco appunto: cercate di evolvere, poiché questo pianeta non accetta che una umanità realistica, priva di malati di mente alla guida di paesi con o senza armamento per la distruzione di massa (nucleare, chimico, siria, iran, corea del nord), priva di poveri illusi a caccia di sogni realizzabili, un pianeta che accetta una civiltà umana solo a patto che l’uomo superi il concetto attuale di umanità, procedendo verso una nuova intelligenza razionale, priva di miti irrealizzabili, quella altrimenti definita come dell’oltre-uomo e del super-uomo.
Le guerre esistono perché esiste una umanità arretrata e incivile, che usa armi chimice per massacrare i suoi simili al fine della lotta per il potere.
Svegliatevi, o tacete per sempre.

Burocrazia + Sindacatocrazia + Partitocrazia = Anti-Democrazia

Una associazione a delinquere finalizzata all’abuso del potere pubblico per fini di esclusivo arricchimento personale, famigliare, di partito, di sindacato e burocratico.
L’associazione a delinquere che ruba democrazia e libertà, ricchezza e benessere.

L’articolo 27 della costituzione detta che la responsabilità penale è personale. Mi domando allora perché in Italia non venga previsto e punito il reato di comportamento mafioso oltre quello associativo. Fucilate in piazza i mafiosi, i corrotti e gli usurai e vedrete che belpaese torna a trovarci.
Altrimenti: vietato lamentarsi.

La mafia fra dirigenza burocratica e politica:
questo è il male italiano da eliminare definitivamente, un patto mafioso e scellerato stipulato fra caste mafiose per affossare il paese, i territori e il popolo sovrano.

Solo in un paese anormale come l’Italia il premier del governo in carica annuncia favore all’intervento armato internazionale in Siria a difesa del popolo siriano fatto oggetto di uso di armi di distruzione di massa (chimiche) mentre il ministro della difesa dello stesso governo si permette di prendere una posizione diamentralmente opposta a quella dell’indirizzo politico del premier senza essere defenestrato, dimesso o licenziato in tronco.
Paese di pulcinella, certo.

Se solo per un minuto poteste mettervi in quei panni, in quella divisa, per strada, con il caldo e con il freddo, con un salario misero, con un pericolo ricco, per dare sicurezza a chi la chiede e contrasto a chi lo evita.
Pensateci bene: la sicurezza non è un elemento naturale, ma una costruzione umana.
Pagata a costi umani.

Sanità pubblica & sanità privata convenzionata:
genitrici di tutte le tangenti e di tutte le corruzioni.
Nel silenzio ultradecennale omertoso e complice degli organi di ispezione, di controllo e di indagine.

Eliminare cuneo fiscale ed effettuare tagli lineari alla spesa pubblica:
altrimenti ci arrabbiamo

Magnifici idioti del governo italiano che strombazzano che c’è una ripresa in Italia!
Ed ancor più idiota è quel giornalista professionista che pubblica di queste veline a pagamento ed ancr più idioti quelli che votano questa casta di parassiti bugiardi e pericolosi.

Di Beppe Grillo ce n’è uno:
tutti gli altri fan nessuno.

La nave Italia cola a picco come la nave concordia:
malguidata e malgovernata, abbandonata sulle secche di un fallout terribile da chi aveva giurato di difenderla.

Aumenta e quasi raddoppia la spesa pubblica fra agosto 2012 (5.986 milioni) e agosto 2013 (9.200 milioni).
Lo stato italiano affonda letteralmente nel silenzio omertoso e mafioso della casta politica, della casta burocratica e della casta della (dis)informazione.
Le classi dirigenti italiane dopo crolli quotidiani della borsa e anni di downgrade e caduta verticale del PIL, di aumento della spesa pubblica contestuale ad un aumento delle entrate annunciano pubblicamente che l’Italia cresce:
sono dei criminali che pensano di curare con l’ottimismo i mali gravi e seri di un paese immobilizzato ed imbalsamato.

Manifattura industriale in ripresa in USA e in CINA.
In Italia i politici continuano a diffondere ottimismo senza avere un solo dato micro o macro economico o finanziario in positivo.
Questo accade quando la politica economica si fa con la bocca invece che con il cervello e con il cuore.
Casta politica italiana: e sai cosa sono.

Il sistema bancario italiano è sano, anzi, sanissimo.
Firmato casta politica dei magnaccioni.

Hey, napoletano del colle, innominato innominabile sempre attento alle morti bianche e alla sicurezza sul lavoro, ti ricordi che sei sempre stato tu promotore, fautore e fiancheggiatore dello svuotamento delle carceri italiane, degli indulti vergognosi, eh, ti ricordi?
E quali reati hai lasciato impuniti, secondo la tua eccelsa ed impareggiabile conoscenza giuridica?
Quali? Dai che ci sei, un altro piccolo sforzo e ci arrivi anche tu.

“…. Le Regioni, da Roma in giù, sono un cancro. Quando va bene sono orientate alla gestione del consenso, quando va male alla gestione del malaffare ….”.
Chi lo ha detto?
Professor Mariano D’Antonio, ordinario di Economia dell’Università Federico II di Napoli ed assessore al Bilancio della giunta napoletana Bassolino tra il 2008 e il 2010.

Dopo gli infiniti e mai veramente puniti scandali di comune di Foggia , AMICA SpA , AMGAS SpA , GEMASpA e Camera di Commercio di Foggia dei vari Ciliberti e Tavasci , ecco venire a galla lo scandalo dei bilanci falsati alla Provincia di Foggia .
Ovviamente, come è già è accaduto in passato, nessuna amministrazione citerà nessun responsabile per i danni ricevuti dalla cittadinanza foggiana come nessun politico di nessun partito o movimento politoco ha denunciato queste gravissime malversazioni come i seguenti atti omissivi tendenti ad occultarle e farle pagare in esclusiva ai cittadini foggiani, così depredati e defraudati di ogni diritto e dovuta informazione.
Considerazioni personali:
che si chiami PD o PDL , sempre della stessa minestra riscaldata si tratta;
ora si capisce meglio il triplo salto mortale di Leonardo di Gioia da destra a sinistra in cerca evidentemente di tutele da chi ne vanta e ne usa in magistratura ;
la questione meridionale è tutt’altro che risolta;
la questione morale è tutt’altro che risolta;
le province vanno chiuse e vanno licenziati di conseguenza tutti i dipendenti ed i burocrati delle province;
non andrò mai più a votare per nessuno poiché non intendo avallare questo sistema.

Fottetevi invidiosi, bavosi e gelosi:
bianco non è male, eterosessuale non è male, occidentale non è male.
Il male siete voi, con la vostra conclamata incapacità di essere all’altezza, di competere con noi, con la nostra tradizione, la nostra cultura, la nostra libertà, la nostra netta ed insuperata capacità di essere civili.

Illecito significa essere contro lo stato
non si può pretendere di rappresentare, governare e indirizzare lo stato se si rappresenta un elemento illecito anti-stato.

E come si giustifica il sistema mafioso del cementificio-appaltatore? Come si giustifica il cemento che al “primo assaggio” appare di una certa qualità e ai successivi (non controllati) è di ben altra e pessima qualità?
Come si giustifica la mafia italiana del cemento?

Ed ora, dopo il finto problema IMU ecco arrivare il finto problema IVA.
Politici idagliani:
veri professionisti del nulla.
Ma non vi rendete conto della grandissima presa in giro?
Il buco creato nel bilancio pubblico italiano derivante dalla abolizione dell’IMU DEVE ESSERE RIPIANATO.
Che si chiami IMU o ServiceTax, che differenza fa?
Sempre il popolo italiano la pagherà!
La pressione fiscale resterà inalterata!
Vi fregano e voi li applaudite pure!
Ma che idiozia!
Queste finte guerre di posizione servono solo a distrarre il popolo e dividerlo, per derubarlo, depredarlo, imperarlo.
SVEGLIATEVI ITALIANI

E cosa te ne fai della libertà se sei impedito nel suo esercizio da un mondo che gira esclusivamente attorno al dio danaro?
Considero il sistema economico, della produzione e del lavoro americano un sistema valido e che funziona.
Ma deve pur esserci un minimo salario condiviso, non può esserci il nulla che corrisponde a tanto duro lavoro.

E lo sfregio ad ogni legge, norma e principio generale umano, politico, civile e civico si ripete alla vigilia di ogni competizione elettorale, questo schifo vergognoso e scandaloso dell’abuso di potere pubblico in virtù della raccolta del consenso necessario a mantenere in piedi questo sistema mafioso riparte indisturbato.

Da qualche tempo è iniziato il gioco delle clientele.
Il consenso in questa Italia si compra, si vende e si scambia, non si conquista.
Ed in queste condizioni, è preferibile non andare a votare, per non sostenere questo sistema assai mafioso, corrotto e corruttore.

Chissà come mai e perché (non rispondete: è una domanda retorica questa) i movimenti ed i partiti politici riformatori, liberalizzatori e fautori del cambiamento e dell’ammodernamento del paese, appena entrano nei palazzi del potere istituzionale, cambiano atteggiamento e comportamento, divengono meno irruenti e riformatori, moderano e temperano linguaggio e contenuti.
In una parola: si integrano perfettamente al sistema che volevano cambiare e ne divengono, per primi, strenui difensori e sostenitori.
Sempre così, da quando io possa ricordare, è semrpe stato così, ogni volta, per tutti: si normalizzano in men che non si dica.
Sarà l’odore del potere … che logora e cambia.

La clientela politica, burocratica e sindacale, il consenso acquistato, venduto e scambiato e la mafia diffusa e condivisa.

Si avvicinano nuovi venti di vecchie campagne elettorali.
Così, tutta quella pubblica amministrazione che eroga servizi essenziali ai cittadini, indice appalti per lavori pubblici e concorsi pubblici per posti di lavoro con carichi di lavoro inesistenti, cerca di prenderne il controllo spintonando a destra e sinistra i veri e leali lavoratori, costringendoli a spostarsi per poter raccogliere in prima persona “il grazie” sentito di chi accede a servizi pubblici e concorre ad appalti e concorsi pubblici causa voto di scambio.
Sindacalisti da quattro soldi bucati, burocrati irresponsabili, sleali e infedeli, politici senza alcun valore e merito premono sul più grande erogatore di clientela da tarsformare in consenso elettorale, e cioé, sulla Pubblica Amministrazione.
Fosse per la mia sola volontà, oscillerebbero appesi ai rami degli alberi delle piazze centrali di ogni città e paese.
Intanto, le modifiche sul reato di voto di scambio si arenano e si insabbiano, per facilitare questa merda mafiosa e corrotta nella sua quotidiana opera di distruzione delle istituzioni democratiche, dello stato di diritto e del paese reale.
Simili con i simili, carogne con le carogne.
Mafia non mangia mafia, corrotto non mangia corrotto, casta non mangia casta.
Dovete stare vicini-vicini, stretti-stretti in piccole e luride celle in attesa della chiamata del boia:
ecco cosa dovreste fare e dove dovreste essere.
Ma non è detto che non finisca così, anche questa volta.

Scusi dottore, ho ucciso mio marito con una picconata alla testa:
mi certifica che è morto per infarto?
Certo signora, le spedisco subito il certificato medico di morte.
Intanto dica alla ditta di pompe funebri di chiudere quel buco nella testa di suo marito, mi raccomando.
Ma certamente dottore, senzadubbiamente.

Equazione matematica:
se alle donne che sono effettivamente e veramente fatte oggetto di violenza, femminicidio e discriminazioni inaccettabili si possono destinare alcune postazioni sicure sui treni, per il nuovo genere ideologico omosessuale che soffre di manie di persecuzione e chiede addirittura e con forza l’istituzione del reato di omofobia potremmo assegnare dei vagoni in esclusiva e adeguatamente isolati senza essere tacciati di razzismo ?
Questo mondo è impazzito e nel suo impazzimento è impossibile leggere i doni di Dio e della Natura, emancipati democraticamente a godimento sessuale elevato a terzo genere sessuale, inesistente in natura.
Fermate il mondo, voglio scendere.

A Foggia vince solo e sempre la lobby dei palazzinari:
ci sono più palazzi che persone, ci sono più mafiosi che ladri.
E di ladri, non ce ne sono pochi ….

Il PRG di Foggia è stato progettato, sviluppato e realizzato su dati demografici doppi rispetto a quelli attuali, lasciando infatti invenduti molti edifici ed appartamenti che non trovano collocazione nel mercato ormai più che saturato.
Perché allora costruire ancora e ancora e ancora nuovi edifici se non esiste un fabbisogno di case cui rispondere?
Per fare gli interessi di chi?
O di Cosa?

Per troppo tempo lo stato ha vissuto nel terrore della mafia,
piuttosto che i mafiosi nel terrore dello stato.
(frase non mia)

Siate ottimisti:
il bicchiere non è mezzo vuoto,
non è nemmeno mezzo pieno,
il bicchiere semplicemente non c’è più,
insieme al piatto, al tavolo e al frigorifero!

La Mafia governa e corrompe lo stato

mercoledì, 28 agosto 2013

Capo Mafia dichiara di aver comprato le istituzioni democratiche, la PA la sicurezza e la giustizia

Cliccare sul link per vedere e sentire il video-denuncia di un boss che dichiara di aver corrotto la pubblica amministrazione italiana.

La verità raccontata da un ex capo mafia.

La verità sulla corruzione, la verità sulla mafia, la verità sulle isituzioni.

La verità nei rapporti fra stato e anti-stato.

Perché le mafie non potrebbero sopravvivere e prendere il sopravvento sulle istituzioni senza il tradimento e la corruzione della casta burocratica o della casta politica.

Chi si fa corrompere avendo giurato fedeltà allo Stato ha un solo posto dove andare :

il muro davanti ad un plotone d’esecuzione.

Pena di morte per il reato di comportamento mafioso, di associazione mafiosa, di corruzione, di concussione, di abuso d’ufficio, di evasione fiscale, di usura, di ingente danno ambientale, strage e tradimento del giuramento di fedeltà allo stato, al popolo sovrano e alle istituzioni democratiche.

Per troppo tempo lo stato ha vissuto nel terrore della mafia, piuttosto che i mafiosi nel terrore dello stato.

Se questa Italia vuol diventare un paese normale deve fare pulizia prima di ogni cambiamento, altrimenti, ogni cambiamento comporterà solo un cambio degli iscritti alla nuova mafia istituzionale.

Pena di morte e basta.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino X

Siria, Assad l’arabo e la primavera chimica

mercoledì, 28 agosto 2013

siria armi chimiche - 21 agosto 2013

siria armi chimiche - 21 agosto 2013


La Siria progetta armi chimiche nel sito di ricerca di Damasco.

La Siria produce armi chimiche nei seguenti siti:

Al Safir, Latakia, Lidlib, Homs.

La Siria conserva le armi chimiche prodotte nei seguenti siti di stoccaggio:

Al Furqlus, Khan Abu Shamat.

La Siria ha usato armi chimiche contro la popolazione inerme nei seguenti siti:
Aleppo, Al Safir, Damasco (rapporto ONU).

Quando si prendono posizioni senza guardare ai dati comprovati e alla realtà, il rischio di pregiudizi ideologici a fondamento di certe convinzioni è molto più che elevato:

raggiunge il punto di una ragionevole certezza.

Crollo Italia – Italien Zusammenbruch – Italy collapse – Italie effondrement

domenica, 25 agosto 2013

Dal 1997 sino ad oggi la spesa pubblica italiana è cresciuta, e di molto, invece di diminuire come promesso e come dovuto dai seguenti governi politici italiani:

Romano Prodi 1996 – 1998
Massimo D’Alema 1998 – 2000
Giuliano Amato 2000 – 2001
Silvio Berlusconi 2001 – 2006
Romano Prodi 2006 – 2008
Silvio Berlusconi 2008 – 2011

Aumentata in soli 15 anni di quasi il 70%, la spesa pubblica italiana si porta a quota 725mld/anno bruciando quasi la metà (48%) del PIL (Prodotto Interno Lordo) cui vanno aggiunti 87mld di interessi sul debito pubblico sovrano pagati nel solo anno 2012, che portano la spesa pubblica a sfondare abbondantemente la quota degli 800mld annui e al 52% la quota di PIL bruciato dalla spesa pubblica.

Il debito pubblico continua anch’esso a correre toccando a giugno di questo anno il 130% del PIL pari a 2.075,71mld di euro.

Per far fronte ad un abnorme debito pubblico come quello italiano, lo stato ha emesso nel solo 2012 titoli per un totale di 471.904mld di euro, su cui dovrà pagare interessi pari a 14,67 miliardi.

In totale, il debito aggregato di stato, famiglie, imprese e banche in Italia (debito pubblico + debito privato) si attesta a quota 6mila miliardi di euro pari al 400% del Pil.

L’indice PMI italiano resta sotto quota 50 (in contrazione), al contrario di quello francese e tedesco che è tornato in dato espansivo.

La produzione industriale è in caduta libera negli ultimi dieci anni perdendo il 18% circa e continuando a perdere due punti ogni anno.

La Curva di Laffer, l’effetto negativo derivante dalla eccessiva pressione fiscale resta incompatibile con una crescita della economia italiana.

Il dato sconcertante ma affatto sorprendente è quello della crescita parallela della spesa pubblica e della corruzione politica e burocratica, entrambe cresciute in modo verticale da Tangentopoli ad oggi in un circolo vizioso di crescita continua di spesa e debito:

in pratica il debito pubblico si sovrappone perfettamente alla corruzione lanciando dubbi pesanti sulla sua formazione.

Gli attori politici principali di un tale indirizzo nel rapporto diretto fra corruzione politica e burocratica e aumento di spesa e debito, sono quelli iscritti in capo a questo post, figuri altrimenti noti come la tanto vituperata e contestata casta politica italiana, personaggi ancor oggi determinanti nelle scelte del paese, purtroppo.

La perdita di concorrenza dei prodotti e dei servizi italiani nei confronti della economia globale si traduce nell’uscita dalla Top 100 europea della competitvità dell’ultima regione italiana ancora ivi presente, la regione Lombardia, crollata alla 128esima posizione secondo il nuovo indice pubblicato dalla Commissione Europea.

Un tale risutato è stato raggiunto solo grazie agli sforzi congiunti delle forze politiche, sia di cdx che di csx, una casta partitocratica capace solo di distruggere, sprecare, sperperare e derubare ricchezza al Paese Reale, ormai entrato in un rapporto mosso da totale odio repulsivo rispetto allo stato di diritto che lo rappresenta e governa.

Nell’indice di competività europeo, (in)utile dirlo, fra le ultime regioni ad essere rappresentate vi sono quelle meridionali italiane, nonostante dal tavolo politico, economico, di governo e sociale italiano sia del tutto scomparsa la “questione meridionale” insieme alla gemella “questione morale”.

Il mondo della (disin)informazione, dei media, dei blogger e dei social network si allinea all’ordine politico e oscura la questione meridionale, quasi fosse stata già risolta e non fosse una questione determinante nel tracrollo italiano.

In effetti, la negativa influenza di regioni come la Sicilia, la Calabria e la Campania nell’andamento generale della vita pubblica e privata italiana rappresenta un pericolo vitale per lo stato di diritto italiano che ne è grandemente influenzato a causa del rilevante peso politico che queste regioni raggiungono grazie al loro peso elettorale, peso che si traduce in un enorme condizionamento nelle scelte politiche e di governo da parte delle organizzazioni mafiose e da parte di stili di vita e modelli di riferimento assai negativi e parassitari del sistema produttivo e competitivo italiano, rappresentando un peso insopportabile che impedisce al paese di decollare verso un differente futuro da quello che invece lo attende.

E se questa realtà ha un senso ed un (dis)valore allora è da essa che dobbiamo partire per tentare di risolvere i nodi che la casta politica non ha mai veramente affrontato, un po come quella sporcizia che una manchevole domestica seppellisca quotidianamente sotto il tappeto del salotto, rimandando solo il momento in cui il totale della sporcizia prevarrà definitivamente sul totale generale:

ogni problema accantonato, rimandato, irrisolto e ignorato è un delitto, un abuso omissivo inaccettabile, irricevibile.

Pertanto, se un barlume di razionalità e di intelligenza resta negli italiani, non è possibile che vedere come auspicabile una sospensione al suffragio perlomeno decennale di siciliani, calabresi e campani, tempo minimo sufficiente per scarnire le difese dell’anti-stato che infiltra, condiziona, estorce e ricatta lo stato di diritto e per consentire di eliminare definitivamente quei fattori di decrescita, contrazione e depressione imposti con la forza e la violenza alla economia legale.

Il paradosso di dieci anni di non partecipazione al voto di siciliani, calabresi e campani per recuperre il sottosviluppo meridionale che ancora il resto del paese ad un Mediterraneo fallito ed in fiamme piuttoso che lanciarlo in una nuova, grande e forte Europa dei popoli che imponga la sua forza nel contesto globale, producendo crescita e sviluppo capaci di ridurre la distanza (gap) fra nord e sud italiano, fra centro e periferia europea, fra paesi virtuosi e paesi viziosi.

Dieci anni per ricostruire l’Italia e fare, una volta per tutte, gli italiani.

Oppure perire tutti insieme nel contesto attuale, assai mafioso e corrotto, immobile e paralizzante, deprimente e foriero di cattivi presagi.

Essere protagonisti della rinascita europea o pagare l’ira funesta della storia:

è cosa nota a tutti che la storia non attende nessuno, ma travolge quei popoli e quei territori che si presentino impreparati al suoi appuntamenti.

Dieci anni di fare e di lasciar fare, dopo decenni di finto antagonismo politico in brodo di democrazia bloccata che serviva a mascherare un governo nella continuità di poteri forti oscuri e maligni, corrotti e mafiosi.

Dieci anni di razionale conduzione della cosa pubblica incondizionata dal male per assicurarsi un secolo di benessere e di ricchezza.

Mi sembra un buon affare.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino X

La ridicola farsa governativa italiana

giovedì, 15 agosto 2013

Con la vicenda dell’IMU SI o IMU NO si svolge l’ennesima tragedia della farsa politica all’italiana.

Per l’ennesima volta la casta politica, il parlamento, il governo ed il capo dello stato imbastiscono e/o garantiscono un pasticciaccio deplorevole e vergognoso. oltre che truffaldino e fraudolento.

Togliamo l’IMU dalla prima casa e recuperiamo il mancato introito con una nuova tassa, la Service Tax.

Tutta qui la scelta di indirizzo politico del governo italiano che:

non diminuisce la pressione fiscale;

non diminuisce la spesa pubblica;

non diminuisce il debito pubblico.

Si tira a campare alla napoletana, senza sapere dove andare.

Ancora una volta l’acerrima nemica dell’intelligenza, la furbizia, conduce il governo della cosa pubblica in Italia.

Ancora una volta l’esecutivo italiano non trova il coraggio di abbandonare la vile pista del clientelismo elettorale in forma di scambio di voto con vincolo di mandato e non intraprende la vera ed unica strada che conduce alla salvezza italiana:

– una drastica riduzione della pressione fiscale correlata ad una drastica riduzione della spesa pubblica e conseguentemente del debito pubblico;

– contrasto durissimo alle organizzazioni mafiose, alla corruzione politica e burocratica ed ai fenomeni della usura e della estorsione;

– eliminazione del cuneo fiscale;

– eliminazione di un livello di giudizio con la riduzione a soli due con obbligo di emissione della sentenza definitiva entro anni 1 dall’inizio del processo di prio grado: pena il licenziamento in tronco di tutti gli attori nel processo o di servizio al processo;

– ingenti investimenti in sicurezza e giustizia per ottenere garanzia di legalità diffusa e condivisa;

– riduzione degli atenei universitari pubblici ad un massimo di uno per regione e con il risparmio così ottenuto, investire finanziando scuola, formazione, ricerca e università a fini di una altissima produttività di qualità;

– istituzione della pena di morte per i reati di:
comportamento mafioso (in qualunque concorso)
associazione mafiosa
corruzione
concussione
strage
tradimento
gravisssimo ed irreversibile danno ambientale e alla salute pubblica
usura
estorsione;

– immediata costruzione di nuove carceri, ovvero affitto da privati di strutture carcerarie come nel caso francese in modo da assicurare una cella singola per ogni singolo detenuto;

– liberalizzazione totale del mercato del lavoro, dei servizi e delle merci;

– eliminazione di ogni forma di privilegio, guarentigia, raccomandazione, favoritismo in ambito pubblico;

– inserimento in giurispudenza del principio della responsabilità secondo il quale, ad esempio, una commissione medica che consegni lo status di invalido ad un soggetto che invalido non è sia duramente punita come pure nel caso in cui venga assegnato un posto di lavoro pubblico od un appalto pubblico in senso non meritevole o non economicamente interessante per la pubblica amministrazione;

Tanto per cominciare a fare sul serio, razza di lestofanti parassiti e mascalzoni che non siete altro.

E smettetela di barare lasciando inalterata la pressione fiscale cambiando solo il nome alle tasse e alle imposte che fingete di eliminare, millantatori senza merito alcuno.

Ve la do io la pubblica amministrazione:

a colpi di manganello e bottiglie di olio di ricino, stolti farabutti che non siete altro.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino X

I ladri di sogni

lunedì, 12 agosto 2013

Questa è la breve storia del male infinito creato da un male inaudito.

Vi siete mai domandati quale sia la cosa peggiore che ha fatto la casta dirigente italiana, assai mafiosa e corrotta?

Cancellare anche solo la possibilità di sognare un futuro migliore, personale, famigliare, lavorativo, professionale e collettivo.

Ecco cosa.

Alle ristrettezze di una crisi si può sopravvivere adattandosi:

alla mancanza di sogni no.

Che siate stramaledetti:

all’infinito.

Gustavo Gesualdo