Articoli marcati con tag ‘FBI’

La brutta storia di Obama Bin Clinton: i clan, le lobby e le guerre in nome del petrolio

lunedì, 16 gennaio 2017

Barack Hussein Obama II il pacifista, il sostenitore delle energie rinnovabili, il difensore del clima terrestre.

Così si presentava Obama al mondo.

In realtà le cose non stanno proprio così e andiamo a dimostrarlo.

Barack Hussein Obama II viene eletto presidente degli Stati Uniti d’America successivamente all’attacco del terrorismo islamico, islamista e musulmano a New York, con l’abbattimento delle Twin Towers al secondo attentato.

Contemporaneamente l’attacco alla Casa Bianca e al Pentagono, simboli del potere americano e occidentale nel mondo.

Dopo ben due mandati da presidente abbiamo capito perché un musulmano è andato alla Casa Bianca dopo questi eventi.

Premesso che Barack Hussein Obama II non ha mai reso di pubblico dominio la lista dei propri finanziatori, qualcosa la possiamo intuire leggendo i finanziatori della Clinton Foundation:

una oligarchia di potenze arabe e musulmane affatto democratiche e molto interessate a detenere e mantenere il potere globale del mercato del petrolio e del gas.

Alla faccia de “sostenitore delle energie rinnovabili, il difensore del clima terrestre”.

In realtà dietro Obama si celavano gli interessi di una oligarchia di paesi produttori di petrolio, non certo produttori di fonti energetiche rinnovabili o ecologiche.

Arabia Saudita in testa (un paese sottosviluppato e troglodita in cui non esiste un parlamento e le donne sono mantenute in regime di schiavitù), questa oligarchia petrolifera manteneva il proprio predominio nello scacchiere del medio e vicino oriente come in Africa alimentando guerre civili e terrorismo, in modo da destabilizzare “paesi scomodi” come l’Iran, l’Iraq e la Libia.

Proveniva infatti dalla famiglia reale saudita quel Osāma bin Muhammad bin ʿAwaḍ bin Lāden che attaccò per ben due volte le Twin Towers, finanziato prima dagli USA (in Afghanistan) e successivamente dalla famiglia reale saudita, interessata a destabilizzare l’area che va dalla Turchia all’Iran, da Israele all’Iraq.

Questa strategia pareva funzionare, per qualche decennio.

Poi, la riemersione di potenze Globali come Russia e Cina hanno modificato lo scacchiere globale, sino al punto da rendere visibile la cattiva politica guerrafondaia di Obama e della sua oligarchia di stati arabi e musulmani produttori di petrolio.

Obama riesce in un sol colpo a perdere tutta la sua credibilità, allontanando la Turchia dal’orbita delle NATO, regalando tecnologia nucleare all’Iran, facendo finta di combattere ISIS e DAESH.

Qualcosa va storto:

la capacità di Putin di tessere strategie diplomatiche con Turchia e Iran e gli enormi investimenti stabilizzatori della Cina in molti paesi africani mutano il quadro, svestono i clan Obama, Clinton e Bush di una verginità in realtà inesistente.

Intanto, emerge come Obama abbia usato NSA, FBI e CIA (e fratelli spioni italiani) per destabilizzare le potenze amiche ed alleate in Europa e nel Mediterraneo:

lo scandalo emissioni Volkswagen e Renault è il frutto delle intercettazioni NSA che dovevano prevenire attacchi del terrorismo islamico mentre venivano invece usate come strumento di spionaggio industriale per affossare politicamente un competitor nuovo e antico nello scacchiere globale, una nuova grande e forte Germania Unita in una grande e forte Europa Unita.

Anche la Turchia subisce questi attacchi e addirittura, il tentativo di golpe, naufragato e fallito in un repulisti generale e radicale da parte di Recep Tayyip Erdoğan, costretto a difendersi dal tradimento del suo (ex) principale alleato, l’America.

L’attentato in cui trova la morte l’ambasciatore russo Andrey Karlov ad Ankara, da parte proprio di un poliziotto, rompe definitivamente la fiducia tra Erdogan e Obama e chiarisce il perché di un repulisti generale nelle forze di polizia, nell’esercito, tra i giudici e i giornalisti in Turchia:

Obama godeva di una fitta rette di simpatizzanti del terrorismo islamico in Turchia.

Poco tempo prima Obama perdeva definitivamente la fiducia di Israele, che attaccava realmente l’ISIS insieme alla Russia, dimostrando così che l’amministrazione Obama tutto faceva, tranne che combattere il terrorismo nel mondo.

Nel contempo Obama disegna e realizza una forte pressione sulla Germania al fine di destabilizzare l’Europa e impedirle di divenire leader globale.

In questo tradimento il democratico Obama ha un alleato:

il democratico Matteo Renzi.

I paesi arabi e musulmani come la Libia, destabilizzati dalla oligarchia petrolifera che finanzia Obama e Clinton, alimentano terrorismo, mafia e corruzione e producono una immigrazione storica, di carattere biblico:

ecco la forbice della islamizzazione globale.

Questa immigrazione trova una porta spalancata in Europa:

è l’Italia di Napolitano e Mattarella, Renzi e Berlusconi.

I governi italiani non prendono le impronte digitali ai migranti, non li controllano sanitariamente e penalmente per creare una vera e propria invasione musulmana d’Europa, una spina nel fianco della Germania, costretta a subire dal tradimento italiano l’eterno ricatto di più flessibilità per rubare ancora e all’infinito e celare che sino ad ora, si è solo rubato e tradito il popolo e il territorio italiano.

La strategia è chiara:

destabilizzare l’Europa e ucciderla in culla.

L’interesse di Obama Bin Clinton è chiaro:
ma quale interesse muove l’intera leadership politico-istituzionale italiana in un simile tradimento dei fratelli europei?

Vizio, mafia e corruzione, ecco cosa.

La giovane democrazia repubblicana italiana è mortificata e vanificata dalla estrema corruttibilità politica e burocratica, una vera e propria mafia che attraversa i partiti come fossero di burro.

Dalla caduta del Fascismo ad oggi, i politici hanno rubato l’impossibile, minando dall’interno una potenza globale come l’Italia, svendendosi a poteri stranieri molto generosi quanto interessati a impedire che l’Italia progredisca, torni (come la Germania e insieme alla Germania) a condizionare le scelte e gli indirizzi politici, economici e finanziari globali.

Così, l’establishment politico-burocratico-tecnocratico italiano che non vede di buon occhio l’Austerity (che fa emergere le prove del magna magna generale) imposta dalla Europa ai paesi corrotti e viziosi,tradisce l’Italia, si sottomette a Obama, alla oligarchia petrolifera saudita, alla lobby gay e bancaria americana.

Un orrore storico che tenta di nascondere e celare il malaffare che impregna ogni atto politico, amministrativo e di governo in Italia, volto a salvare bancarelle fraudolente malversate dalla mafia politico-bancario-imprenditoriale, a imporre gli interessi particolari omosessuali sugli interessi generali italiani, a svendere le aziende italiane portate volutamente al collasso dai politici alla oligarchia saudita di Obama Bin Clinton.

La situazione italiana è gravissima e comprendiamo perché i militari non abbiano ancora fucilato tutti i politici italiani quando emerge uno scandalo coinvolge il comandante dell’Arma dei Carabinieri, sospettato di difendere e tutelare interessi di partito democratico e renziano e obamiano piuttosto che servire e difendere l’Italia, come ha giurato di fare:

l’intero vertice del potere pubblico italiano appare come un granitico e compatto clan mafioso interessato alla corruzione come strumento anti-democratico e anti-repubblicano posto in essere e imposto con la forza per impedire la crescita economica, sociale e Politica dell’Italia, per negare la realizzazione del dettato della costituzione italiana.

Semplicemente agghiacciante.

Non resta che sperare in un repulisti radicale simile a quello avvenuto in Turchia, un sisma, una onda anomala di razionalità, intelligenza e coerenza per salvare l’italia da questi clan mafiosi, radicati e infiltrati nel potere pubblico al fine di imporre interessi illeciti e illegali, soprattutto, interessi stranieri in abuso e sopraffazione di quelli italiani.

Ma c’è un nuovo soggetto politico che spezza le catene di questi agenti maligni:

Donald John Trump.

Diviene presidente degli Stati Uniiti d’America quasi per miracolo,portando con se un nuovo miracolo americano, un miracolo di popolo che spazza via media e giornalisti schierati con la oligarchia di clan anti-democratici Obama, Clinton e Bush.

Trump è un ciclone che sveste l’establishment americano, denuda il re Obama, distrugge i servi del regime, rappresenta il popolo e il sogno americano.

La sua amicizia con Vladimir Vladimirovič Putin lo salva dall’attacco e dal mobbing del sistema obamiano e clintoniano e la pubblicazione delle intercettazioni da parte di Julian Paul Assange e Wikileaks lo difendono dai falsi scandali costruiti contro di lui e consentono agli americani di conoscere la verità, di formare una pubblica opinione informata e non deviata dalla informazione asservita ai clan partitocratici.

Trump rompe gli schemi, rompe le alleanze e le complicità, minaccia di mandare in galera Hillary Clinton (vi sono le prove), distrugge in poche settimane poteri enormi e oscuri, costringe le lobby americane a tornare ad essere governate dalla politica invece che governarla, corromperla, condizionarla.

Un vero e proprio eroe americano che riduce le figure di Obama e Hillary a piccoli ipocriti senza alcuna qualità, portatori di interessi non americani se non, anti-americani.

Il Nobel per la Pace doveva essere assegnato a Trump e non certo a quel guerrafondaio e fomentatore del terrorismo internazionale che risponde al nome di Obama Bin Clinton.

Questo è lo stato dell’arte all’alba del terzo millennio sul pianeta Terra.

Un nuovo e più sano ordine mondiale si affaccia sul governo dei popoli e delle risorse terrestri:
privo di ipocrisia, politicamente scorretto, intelligente, razionale ed equilibrato.

La reazione delle caste, dei clan e delle lobby non tarderà a farsi sentire.

Ma grazie a Dio le potenze americana, russa e cinese pare abbiano trovato un denominatore comune per assicurare ai popoli un buongoverno e non quella “truffa democratica” americana e italiana che uccide le democrazie occidentali in nome della democrazia.

Il re è nudo.

Ed io non vedo l’ora di assistere ai prossimi capitoli di questa nuova e avvincente avventura dell’umanità.

La Politica con la P maiuscola è finalmente tornata:

tremate, viziosi, mafiosi e corrotti.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino x

Riflessioni a tastiera aperta – 16 dicembre 2012

domenica, 16 dicembre 2012

Abele Caino, la strana simpatia per chi sbaglia in italia e l’antipatia per le persone normali

In Liguria decidono di controllare coloro che hanno autocertificato il falso presso la ASL per ottenere l’esenzione dal ticket sanitario.
213 su 6.000, delinquenti, persone con un lavoro regolare, professionisti, persino imprenditori immobiliari ….
E come al solito accade, per i troppi caini maledetti, troppi Abele soffrono paurosamente.
Il welfare italiano sembra orientato esclusivamente a soddisfare la atavica fame truffaldina di caino.
E quel gran fesso di Abele paga per tutti …

David Petraeus, Hillary Clinton

Fra strane dimissioni di generali e segretari di stato americani, si gioca una partita affatto trasparente nella selezione della leadership americana obamiana.

Impara rapidamente Beppe Grillo:

definisce nazista chi lo paragona a Benito Mussolini.

Super Tassa francese e le fughe dei capitali francesi in Belgio e a Londra

Continua la fuga di capitali francesi verso il Belgio e di banche francesi verso Londra.
E c’è chi, come Depardieu, sbatte la porta in faccia alle autorità francesi che lo accusano di voler eludere la nuova super tassa per i super ricchi.
Quando li tocchi nel portafogli, sti cessi di cittadini evasori fiscali, arrivano a sputare nel piatto in cui hanno mangiato sino al giorno precedente.

Fra destra e sinistra, fra centro e moderati, a tutto pensano tranne che a gli italiani

Ancora tentano, sti quattro ignoranti, di dividere il popolo sovrano per poterlo imperare e derubare impunemente.
Ancora tentano vicendevolmente di usare l’arma del demonizzare l’avversario.
A destra dicono che devono salvare il paese dalle sinistre.
A sinistra dicono che devono salvare il apese dalle destre.
Io li manderei tutti al muro, fucilati, di destra e di sinistra, e ne potremo godere tutti della eliminazione di sti quattro arroganti ed ignoranti che vivono professionalmente del potere politico pubblico:
al muro!

Della corresponsabilità criminale delle classi dirigenti nella crisi e nel fallimento italiano

Non si può abusare del potere pubblico come accade senza che politici, amministratori pubblici, burocrati e sindacalisti sia no all’oscuro o addirittura ne siano (cor)responsabili.

Dell’ottimismo spacciato per ricetta salva-tutti

Con questo anno che se ne sta andando, vanno via anche tutti i ridicoli che credevano di risolvere la crisi che uccide gli italiani con l’ottimismo di frasi del tipo :
ma quale crisi, i ristoranti son tutti pieni!
Infatti, stiamo tutti morendo di risate ….

Della casta dominante italiana

Altro che 21 dicembre, altro che meteorite, altro che Maya:
la fine del mondo in italia è tutta opera della casta politica, della casta burocratica e della casta sindacale.
Al muro! Fucilati, passati pe rle armi o per una ghigliottina, purché siano puniti a futura memoria di quel che NON SI DEVE FARE con il POTERE ed il DANARO PUBBLICO !
Banda di ladri, di corroti e di mafiosi.
Al muro!

Fiat, Marchionne, produttività e vendite nel settore auto in Italia

In italia la Fiat ha qualcosa come 50.000 lavoratori dipendenti, collaboratori diretti o indiretti.
Con questi dati sempre più negativi nelle vendite di auto in Italia, si dovranno attuare tagli molto dolorosi per continuare a produrre in queste condizioni.
Tutti a mangiare a casa della camusso!

Delle dimissioni del ministro degli esteri israeliano accusato di frode

In un paese normale, un politico indagato, si dimette immediatamente.
In Italia gli danno un premio e lo pregano di non dimettersi, per non creare un pericoloso precedente

Della casta politica italo-lombarda

Come ha speso i soldi destinati ad attività istituzionali della regione lombardia renzo bossi detto il trota?
Videogiochi, sigarette e bibite e bevande energetiche.
E nicole minetti, la prostituta-valletta-finto-politica che procurava prostitute minorenni per berlusconi?
Acquisto del libro ‘mignottocrazia’ di Paolo Guzzanti, una serata da 832 euro all’Hotel principe di Savoia giustificata come una semplice consumazione, una cena da 6 coperti costata 430 euro al ristorante ‘Giannino’, piu’ l’acquisto di un i-pad da 750 euro, nonostante ciascun consigliere lombardo ne riceva già uno in dotazione dalla Regione.
E ancora, risulta dalla nota spese della classe politica lombarda:
cene, viaggi, cartucce usate per la caccia (752 euro), cono medio e coppetta media di gelato, lemonsoda, pizzette, cannoli (soliti mafiosi), ciambelle, torta sbrisolona, zucchero semolato, farina, salsicce, cracker e biscotti, frutta e ortaggi, ostriche ed anche il pane.

Fuggi da Foggia, non per Foggia, ma per i foggiani

Pochi minuti fa, rientro a casa.
All’inizio di Viale Cristoforo Colombo in Foggia, due cog…oni foggiani chiacchierano amabilmente sulla strada, fermi impalati in curva e sulla strada.
Uno dei due cog…oni ha parcheggiato la sua auto in curva, sull’attraversamento pedonale, con l’auto a pettine, in modo da occupare parte della sede stradale in curva.
Mi indigno e, passando con difficoltà al fian
co dei due cog…oni, grido dall’interno dell’auto per tre volte: cog…one!
Per tutte e tre le volte i due cog…oni foggiani fanno finta di nulla.
Apro il finestrino e urlo: cog…one!
Cominciano a spaventarsi ma continuano a chiacchierare amabilmente fregandosene altamente delle difficoltà causate al traffico di punta con il loro comportamento da cog…oni.
Mi indigno di più, inserico la retromarcia e torno indietro.
Veloce, uno dei due cog…oni salta su in auto e parte.
L’avevo detto che erano solo due cog…oni:
non nemmeno hanno il coraggio di affrontare una persona sola che li appella pubblicamente come due cog…oni!
cog…oni !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Degli stipendi dei burocrati foggiani che arrivano anche a superare quello del presidente Obama

Il ladrocinio della casta politica non potrebbe mai avvenire senenza l’assenso, la condivisione, la copertura, l’omertà e la complicità della casta burocratica.
Storia di una classe dirigente parassita, fannullona, sprecona e costosissima che sogna di attribuirsi stipendi superiori a quello del presidente degli stati uniti d’America (-NDB il segretario della CCIAA- e ci riesce pure).
E dei quindici vice-presidenti dell’inutile Consorzio di Bonifica di Capitanata governato dai sindacalismo.
Fucilateli tutti, sul posto. Tutti.

Delle polemiche sulla espulsione dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo di Favia e Salsi

L’attacco mafioso a Beppe Grillo ed al Movimento 5 Stelle attravreso la infiltrazione di soggetti dediti eslusivamente al distruggere la credibilità del movimento e di Grillo sta raggiungento livelli elevati.
La mafia politica idagliana è letteralmente terrorizzata dalla possibilità che Grillo possa scalzare la casta politica italiana alle prossime elezioni nazionali.
La battaglia si fa dura.

Dell’egregio lavoro svolto dall’Arma dei Carabinieri condotta dal Generale Basilicata a Foggia

Quando si fanno i controlli, anche casuali, i risultati si ottengono sempre.
Fermata dai Carabinieri una donna che trasportava innocentemente ben 3 chili e 300 grammi di cocaina.
Nei controlli nella abitazione della donna, rinvenuti 9 chili di marijuana e una bomba già innescata e pronta ad esplodere confezionata con 2 chili di TNT (!!!).
Ottimo Lavoro.

Della ingiustizia politica, sociale, amministrativa, fiscale e di bilancio pubblico a Foggia

Li devono proprio pagare i cittadini foggiani gli errori, gli sprechi, il clientelismo politico e burocratico e il magna magna generale delle amministrazioni civiche incapaci e sprecone che hanno speso più di quanto incassato?
Ma, mandare in galera chi ha prucrato i debiti fuori bilancio proprio no?
Un po di giustizia civica e sociale proprio no?

Foggia e i botti: dal silenzio del petardo al botto della bomba minatoria

La città di Foggia non è mai stata così silenziosa in questo periodo.
L’(ab)uso di materiale esplodente per festeggiare le festività natalizie e di fine anno ha sempre fatto sentire la sua voce per tutto il mese di dicembre e d oltre.
Ma in giro, non si vedono le solite bancarelle che vendevano di tutto, dal petardo legale alla bomba illegale.
Merito della azione preventiva delle forze dell’ordine?
O forse sarà la crisi a pretendere questo beato silenzio?
Solo di notte, ogni tanto si ode un botto:
ma non serve a festeggiare, serve a taglieggiare.

Nessun cambiamento può esonerare l’impegno delle donne

Solo una rivoluzione al femminile potrà salvare questo paese.
Ma solo il movimento 5 stelle di Beppe Grillo avrà più del 50% di candidati capolista donne.
Le donen non ancora compreso il potere e le capacità di cui dispongono e si dimostrano insicure e remissive, offrendosi al carnefice subnormale maschio, vecchio rottame da allonatanare dal potere pubblico.
Viva le donne.

Nessun cambiamento può prescindere dalla eliminazione delle mafie, di Tutte le mafie

Non si può curare un malato grave senza il suo consenso.
Non si possono prescivere terapie ad un malato terminale che non le assumerà.
Non si può continuare a fasìrsi prendere in giro da questa gentaglia.
Non è una fuga aventiniana, ma la r
aggiunta
consapevolezza che questo sistema mafioso non si può correggere, cambiare e/o rifiormare osservando regole che sono state invece fatte per non cambiare nulla.
Io non ho tempo da perdere in battaglie contro i mulini a vento.
Attendo l’oste della storia e assisterò al pagamento dei conti contratti da questa mafia italiana con un popolo sovrano che non è più sovrano e nemmeno difeso, ma assassinato volontariamente per salvare poteri forti, mafiosi, usurai ed evasori fiscali.
Pena di morte per questi comportamenti mafiosi.
Io resto convinto che si debba partire dalla punizione e dalla deterrena per ottenere sicurezza e giustizia.
La politica deve essere in guerra con mafiosi, evasori fiscali, usurai e corrotti.
Invece questo non accade, perché essi non hanno timore per la punizione della legge.
Occorre ripartire da questo:
Pena di Morte.

Del ritorno del cavaliere oscuro e delle reazioni (tutte) negative

L’intera Unione Europea avversa al ritorno in politica di chi ha già dimostrato di essere incapace di governare.
berlusconi affosserà definitivamente la destra italiana impedendo che evolva sia generazionalmente che razionalmente verso un modello vincente, civile e moderno.
Il modello berlusconiano è provato invece che sia perdente.
Ma c’è a chi piace farsi del male.

Dell’impatto della crisi nella tenuta del sistema italia

L’ho detto e lo ripeto:
senza riforme e liberalizzaizoni, il panorama italiano diventa greco.
No riforme?
No stipendi e pensioni pagati dalla UE.
Volete ivere secondo uno stile di vita corrotto e mafioso?
Va bene, oguno è libero di sceglier
e.
Allora, pagatevi anche la sanità, la scuola, la giustizia, la sicurezza, ecc.
Fra il 2013 ed il 2014 sono a rischio iinfatti gli stipendi di poliziotti, carabinieri e finanzieri, giudici e medici, funzionari pubblici e pubblici ufficiali.
Chi di loro andrà al lavoro senza stipendio?

Della scelta politica italiana

La scelta politica in Italia?
Secondo taluni ignoranti sta tutta nel bunga bunga etero di berlusconi e nello stile di vita omo di vendola.
Questo paese merita il fallimento.
Lo merita tutto.

I governi democratici e lo spionaggio di massa

sabato, 3 dicembre 2011

L’ormai famigerato sito Wikileaks pubblica l’elenco, nazione per nazione, delle società che offrono strumenti di intercettazione, di controllo e di spionaggio, i dettagli e la descrizione accurata di tali strumenti e di come funzionano ed interagiscono fra loro.

Clliccando qui , avrai accesso ad una pagina del sito di Wikileaks che si presenta come una mappa del mondo.

Cliccando ancora sul nome di uno stato, comparirà una finestra che elenca i nomi delle società che producono i mezzi tecnologici oppure offrono direttamente il beneficio indiscutibile di questi mezzi di spionaggio di massa.

Il Grande Fratello, quello di George Orwell (pseudonimo dello scozzese Eric Arthur Blair) e non quello spettacolo miserabile offerto in tv dalla Mediaset, annuncia da tempo che le libertà individuali e fondamentali dell’uomo sono in pericolo, accerchiate da una tecnologia sempre più capace di spiare contemporaneamente ogni singolo cittadino in ogni suo ambito più privato e riservato (automobile, casa, ufficio, telefono cellulare, web, e-mail, social network, etc) .

Bene, anzi male:

oggi sappiamo che quella tecnologia esiste e che essa viene quotidianamente utilizzata dai governi dei paesi democratici per ….

spiare i terroristi? spiare i mafiosi? spiare gli assassini, gli stupratori, i pluriomicidi?

No, no: nulla di tutto questo.

Altrimenti mafiosi, politici corrotti, pluriomicidi e stupratori e violentatori di ogni genere e grado sarebbero facilmente individuati e tempestivamente puniti.

No, no, oggi sappiamo che quella tecnologia esiste e che essa viene quotidianamente utilizzata dai governi dei paesi democratici per spiare i cittadini qualunque, i cittadini X, voi insomma, me insomma, me e tutti i liberi cittadini come me.

Una notizia che non era del proprio inaspettata, ma che causa comunque molto malessere.

Fa male perché denuncia che le democrazie occidentali sono profondamente malate, della patologia da abuso del potere pubblico applicato contro i cittadini e non del buongoverno del potere pubblico applicato a tutela e garanzia degli interessi dei cittadini,

Questa degradata condizione di controllo antidemocratico ed illiberale delle popolazioni nasce all’indomani dell11 settembre 2001, allorquando non si andò troppo per il sottile nel condurre una campagna di spionaggio mondiale e capillare che potesse offrire una qualche misura di prevenzione rispetto al nuovo nemico mondiale:

lo spettro del terrorismo fondamentalista islamico.

ma da allora, i “governi democratici” hanno fatto dell’abuso una regola ed hanno diretto questa arma potentissima nel controllo dei popoli e nel contrasto alle critiche ed alle opposizioni interne.

Pericoloso crinale questo:

dove muore la libertà, non nasce più l’erba …

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La Guerra Santa islamica: fra terrore e usurpazione

lunedì, 2 maggio 2011

Bin Laden, il fondatore del MAK e della organizzazione terroristica islamica Al Quaeda, è morto, ucciso da un commando militare americano in territorio pachistano, lì dove si è sempre pensato si nascondesse.

Si chiude così un’era di terrore nella ideologia religiosa reale di un Islam egemone nel pianeta Terra, terrore che culminò nel famigerato eccidio terroristico dell’11 settembre 2001, in un folle piano di annientamento dei luoghi simbolo del potere cristiano ed occidentale nel mondo attraverso il dirottamento ad uso terroristico di quattro voli civili commerciali, per lanciarli contro i seguenti obiettivi:

le due Torri Gemelle, le Twin Towers del World Trade Center di New York, simbolo della economia e del commercio mondiale;

il Pentagono, quartier generale del Ministero della Difesa USA;

il Campidoglio, meglio conosciuto come la Casa Bianca, residenza dei presidenti degli Stati Uniti d’America.

Da quel giorno, il mondo è cambiato parecchio, risvegliato improvvisamente da un nuovo tipo di guerra, cui nessun paese occidentale era in grado di porre contrasto.

Una miriade di attentati terroristici nel mondo seguì quel maledetto giorno, ovunque, questo nuovo quanto antico pericolo, ha terrorizzato e ucciso, nel nome dell’Islam.

La morte dell’ideatore e dell’organizzatore di questa assurda guerra religiosa, pone fine ad un ciclo temporale ben preciso e delineato, all’interno del quale questa nuova guerriglia islamica, ha terrorizzato ovunque:

Russia, Cina, Giappone, India, Europa, Africa, Asia, America del nord, America del Sud, mondo arabo.

Il metodo utilizzato è stato di una violenza e di una barbarie incredibili, clonato da uno stile di vita che è divenuto esso stesso simbolo di terrore e devastazione:

quello Talebano.

Ma la scomparsa di Bin Laden, coincide (casualmente?) anche con il fallimento catastrofico di quasi tutti i sistemi statuali che imponevano la legge coranica:

Libia, Egitto, Siria, Tunisia.

Forti scuotimenti in tutti gli altri paesi islamici:

Arabia Saudita, Iran, Giordania, Yemen.

E’ la fine del sistema islamico, scosso sin nelle sue fondamenta, incapace di ricevere e garantire libertà e democrazia, come dimostrato dalle catastrofi umane afgana, irachena e somala.

Il Libano, in tutta questa storia, è un capitolo a parte, essendo imploso più volte e proprio per mano di quei paesi islamici estremisti che finanziavano il terrorismo integralista, nemico giurato della componente cristiana libanese.

E’ la fine di quel mondo politico italiano e mondiale che guardava con simpatia a quei movimenti politici ed a quelle dittature islamiche che oggi sono sull’orlo di una guerra civile, se già non vi sono ampiamente immersi.

Non era un eroe, Bin Laden, ne un mito politico:

egli era solo un pazzo violento e sanguinario.

Si chiude così un capitolo storico, che avrà sicuramente ancora strascichi e conseguenze nella nostra vita quotidiana, a cominciare proprio da quella fuga in massa di islamici che cercano di immigrare clandestinamente in Europa attraverso le frontiere italiane, attraverso quel paese che, la stessa Unione Europea, osteggia nel suo tentativo naturale e di diritto di difendersi da questa invasione.

Ma anche questo, è un paragrafo di quel capitolo della storia contemporane affatto ambiguo che titola “Guerra Santa, espansione demografica islamica ed egemonizzazione dell’Islam nel mondo”.

Questo è il pericolo più grave che corre l’intero occidente in questo momento.

Si tratta di un’altra Guerra santa, più subdola e insinuante, che prevede l’infiltrazione dei paesi occidentali da parte di enormi quantità di islamici, sotto forma di immigrazione clandestina, stoltamente tollerata ed accettata, che punta esclusivamente a prendere il potere attraverso la regola dei numeri delle democrazie.

Una volta raggiunto il limite democratico che conduce al potere, essi imporrebbero la legge coranica in tutto il globo.

Questa è l’eredità che lascia il folle Bin Laden all’umanità.

Questa è l’aggressione che dobbiamo combattere strenuamente.

Questa, è la nostra “sfida per la sopravvivenza”, combattuta in una guerra di civiltà e di identità territoriali, etniche, religiose, storiche e culturali che non si confrontano, a causa della volontà islamica di non integrarsi, ma di insediarsi in altri territori, scalzando popoli, regole, libertà e conquiste democratiche al costo della volontà del Profeta Maometto, della sua idiosincrasia razzista e violenta nei confronti di chi è diverso da un islamico.

Non vi è pace in questa sfida, non vi è solidarietà ne amore.

E noi occidentali, non dobbiamo commettere l’errore mortale di combattere questa Guerra Santa invitando alla pace, offrendo solidarietà, donando amore.

L’espansione demografica islamica è l’altra faccia del terrorismo islamico, quella buona e pietosa, quella che si insinua al meglio nelle pieghe della nostra cristianità, del nostro modello democratico e liberale, al solo fine di infiltrarlo sino alla saturazione democratica, prendendo quel potere che il terrorismo non è riuscito a prendere, raggiungendo il governo dei paesi occidentali per poter uccidere l’occidente dal di dentro, dall’interno.

L’affermazione della Shari’a attraverso il metodo democratico, questo è il loro vero obiettivo.

Questo è il nostro pericoloso nemico.

Questo è il futuro che dobbiamo assolutamente scongiurare.

la Guerra Santa di Bin Laden è fallita.

La Guerra Santa di Maometto è invece ancor viva e vegeta.

Difendetevi popoli liberi, oppure pregate per le vostre povere anime, poichè esse non vi apparterranno più.

Come pure le vostre case, le vostre vite, le vostre famiglie.

E’ morto Bin Laden, il principe del terrore.

Non è morto il suo progetto terroristico.

Ha solo cambiato pelle, mimetizzandosi e rendendosi invisibile al suo odiato nemico infedele:

il mondo libero e democratico occidentale.

Noi, per dirla in una sola parola.

Difendersi da questo attacco, non è un diritto, ma un sacrosanto dovere cui è vietato mancare.

Amen.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X