Articoli marcati con tag ‘esercito di silvio’

Riflessioni a tastiera aperta – 26 dicembre 2013

giovedì, 26 dicembre 2013

Babbo Natale non esiste, la vostra bontà fa la felicità dei furbi e il mio augurio è che sia più intelligenti che furbi.
Buon Natale 2013.

La ricerca militare è la ricerca tecnologica per eccellenza: se l’umanità non sa crescere se non in condizioni di pericolo o di concorrenza per la vita non è colpa di nessuno tranne di chi ha selezionato l’umanità facendo crescere in numero i modelli, i comportamenti e gli stili di vita della popolazione che non concorrono al progresso, ma che anzi si oppongono ad esso (i NO-global, i NO-e qualcosa …) o il comportamento di chi si chiude nel proprio crogiolo di piccoli piaceri piuttosto che quegli uomini e quelle donne che possono veramente apportare progresso e crescita anche e soprattutto civile a questa umanità malguidata ed assai male governata, ma soprattutto, selezionata malissimo.
Ed ora chiamatemi pure razzista:
ma i razzisti contro il meglio dell’umanità siete voi.
E i risultati li paghiamo tutti, in termini di guerre e di povertà, di sovraffollamento del pianeta e di selezione al contrario di quella naturale: sempre e solamente verso il basso.
Chi costruisce perniciosamente le premesse del fallimento globale non ha alcun diritto di lamentarsi delle conseguenze delle proprie quotidiane azioni. Semmai dovrebbero lamentarsi gli altri, quelli come me, che devono subire questa marea di idiozie suicide scambiate per moderno avanzamento dei diritti e della civiltà.
Mai che si ricordino codesti idioti dell’avanzamento dei propri doveri:
per questi, gli altri han solo doveri ed essi stessi, solo diritti.
Mea culpa, mea culpa, mea grandissima culpa.
Ecco, cercate uno specchio e procedete alla fustigazione.

Il miglior Natale sarà quello in cui l’umanità smetterà di autocompiacersi e si volgerà intera e insieme verso univoca ed universale selezione del meglio e non verso cultura maledetta del peggio.
Se si continua a selezionare verso il basso, cose credete che verrà dal futuro?
Una degressione, una decrescita, un retrogrado sottosviluppo, un abbandono dell’unica cosa che salva e distingue questa umanità:
l’intelligenza umana, con tutte le sue insidie e con tutte le sue straordinarie facoltà di progresso economico, sociale e civile.

Questo è il terzo anno consecutivo in cui a Natale il mio cuore non ha voglia di augurare nulla.
Sono cambiato. Non credo più a niente e a nessuno,
Mi rendo conto di essere una anima in pena ma mi accorgo altresì di non avere alternativa.
La strada della vita è stretta e non mi piace: ma sono qui, pronto a non so che.
Vago alla ricerca di cosa?
Quale sarà il mio destino?
Quando troverò pace?
Non in questa terra, temo. Non in questa vita.
Buon Natale a Tutti.

Prima Giovanni Falcone, poi Paolo Borsellino.
La mancata cattura dei boss mafiosi e la differente obbedienza di Carabinieri come Mori e Subranni, Dalla Chiesa e Masi.
La lealtà e la fedeltà alla repubblica possono essere valori discutibili se influenzati da ordini mafiosi.
E la triste vicenda della trattativa stato-mafia di comportamenti discutibili e di ordini mafiosi ne è piena.
Come è anche piena di esempi valorosi di giudici e carabinieri leali, corretti, fedeli.
Una lealtà che costa tanto sacrificio e vale tanto onore.

Vado a salutare mio padre ricoverato in una casa di riposo.
Prima di salire voglio porgere i miei auguri alla assistente sociale.
Mi fermo davanti alla sua porta che è socchiusa, ma dalle voci che si sentono, si comprende bene che non è sola.
Attendo più di un quarto d’ora.
Ad un certo punto arriva una coppia di tipici foggiani cafoni arricchiti che non mi salutano nemmeno, anzi fanno finta che io non esista passandomi d’avanti, suonando ed entrando a salutare.
Escono e di nuovo evitano il mio sguardo e i due cafoni arricchiti si allontanano.
Tipico comportamento foggiano.
Finalmente anch’io posso entrare nella stanza della assistente sociale che era in compagnia di due operatori della struttura.
Mentre siamo in allegra convivialità, qualcuno suona alla porta.
Gli viene aperto facendo scattare elettricamente la serratura della porta, ma non entra.
Evidentemente attende un assenso vocale, il tipico “avanti”, un po come anch’io ho atteso in precedenza al contrario dei due cafoni arricchiti.
Entra un signore distinto, saluta distintamente, riceve a sua volta i saluti e si allontana.
Apro la considerazione con gli astanti come fosse una persona bene educata quest’ultima e tutti assentono.
Ma dal suo accento non pareva foggiano, affermo.
E mi viene spiegato che questo signore, benché nato a Foggia si fosse i seguito trasferito a Padova, nel Veneto.
Ecco, lo dicevo io che non era foggiano.
Saluto anch’io ed esco dala stanza riflettendo che il mio comportamento era stato simile a quello del signore che vive in Veneto ed affatto simile a quello dei due foggiani cafoni arricchiti.
E trovo conferma nel fatto che, benché io sia nato e cresciuto a Foggia, non sia affatto foggiano.
Buon Natale, Foggian!

Guarda che la vita è di ognuno di noi:
dagli altri non devi pretendere più di quello che non sono disposti ad essere e a dare.
Il resto, tutto il resto e cioè la tua intera vita, è tua responsabilità.
Come per ognuno di noi.
E la sfortuna che ognuno di noi può lamentare in più o in meno rispetto agli altri non dovrebbe far altro che aumentare la percezione del fatto che, al mondo siamo soli ad affrontare la nostra vita e quel che viene dagli altri, è un di più.
Si può chiedere ad altri un aiuto, ma non è detto che si possa ottenere di più di quel che facciamo noi per noi stessi.

Ognuno segue la propria strada e sostiene la propria esperienza. Io so che non sarà possibile risolvere nulla con gli ideali e men che meno con l’ottimismo.
Serve ben altro.
Per cambiare questo sistema autoreferenziale e farlo divenire un servizio ai cittadini non si potrà scegliere alcuna strada al di fuori dello spegnere questo sistema.
Tutti i meccanici potranno confermare che non è possibile riparare il motore di una auto quando questi è in funzione e l’auto è in movimento. Bisogna spegnere il quadro, togliere la corrente.
Poi occorre procedere con le riparazioni.

Non si deve tagliare solo sui parlamentari, ma sul parlamento:
via la camera dei deputati e resta solo il senato con 315 parlamentari.
Per fare il nulla che fanno di solito, bastano e avanzano.

La cannabis ha proprietà terapeutiche ed è una medicina utilizzata sin dalla notte dei tempi della umanità.
Quindi, chi la assume è un malato che ha bisogno di cure.
In questa sintesi penso che troveremo tutti un accordo sull’uso terapeutico, farmacologico e medicinale delle droghe leggere.
E con questo, abbiamo detto tutto.

Sempre al centro dell’attenzione, sempre sotto le luci:
gli immaturi sono ossessionati dalle loro manie, dalla loro anormalità.
E le rifuggono entrambe riempiendo la loro vita di falsi miti e leggende e la nostra di rotture di coglioni.

Quando c’è qualcuno che non rispetta il prossimo suo e si crede in diritto di spadroneggiare senza vincoli di educazione e di decenza, senza rispetto per cose e persone, allora qualcun altro si rende conto che non siamo tutti uguali.
Ma la verità è che non siamo tutti uguali e che la tolleranza per chi sbaglia volendo sbagliare si è ridotta a zero.

Prefetto Mori, 1916:
«Costoro non hanno ancora capito che i briganti e la mafia sono due cose diverse. Noi abbiamo colpito i primi che, indubbiamente, rappresentano l’aspetto più vistoso della malvivenza siciliana, ma non il più pericoloso. Il vero colpo mortale alla mafia lo daremo quando ci sarà consentito di rastrellare non soltanto tra i fichi d’india, ma negli ambulacri delle prefetture, delle questure, dei grandi palazzi padronali e, perché no, di qualche ministero.»
A cento anni di distanza queste parole hanno ancora tutto il loro peso ed il loro significato.

La città è completamente in mano ad automobilisti che non sanno guidare e non hanno alcun rispetto del codice della strada, del patrimonio cittadino e dei propri concittadini.
Una situazione di delirio totale. di caos senza regole.
Complimenti

Gli idagliani sono refrattari ad eseguire ordini, anche se vestono una divisa che nessuno gli ha imposto, ma che hanno scelto.
Obbedienza, questa sconosciuta.

Se il M5S vuol cambiare il paese deve governarlo.
Se lo deve governare, dovrà fare una alleanza prima o dopo delle elezioni per garantire una ampia maggioranza a sostegno del suo governo.
Ma se il M5S fa una alleanza con uno qualsiasi dei partiti della casta perderà la sua verginità politica e diverrà essa stessa una nuova casta.
Il cambiamento in Italia non è cambiare le cose, ma cambiare solo le persone che detengono il potere.
Good Morning Italian!

Domanda (im)pertinente: se i dipendenti delle province hanno vinto un concorso pubblico per lavorare nelle province, perché se chiudono le province dovrebbero essere trasferiti in altra amministrazione pubblica? Cosa hanno i lavoratori dipendenti pubblici più dei lavoratori dipendenti privati? La voglia di lavorare?
Tagliare, tagliare, tagliare, licenziare, licenziare, licenziare.

La verità su forza italia: una ammucchiata di truffatori, di mafiosi, di corrotti e di corruttori, di scambi di voti, di arruolamento di manifestanti a pagamento.
Questo è l’esercito di silvio, il popolo delle libertà vendute, scambiate e barattate per un diritto.

La casta non vuole abolire nulla, chiudere nulla, tagliare nulla, eliminare nulla.
Allora, eliminiamo la casta:
tagliamoli via!
Il miglior regalo di Natale possibile per il popolo italiano!

Mai più indulto, mai più amnistia:
la casta ha esagerato, non ha costruito nuove carceri e non ha messo in opera quelle già costruite e pronte per l’uso.
La casta ha scientemente e volontariamente creato le condizioni che portano alla emergenza carceri.
La casta ha tradito il Paese.
La casta va giustiziata, fucilata in piazza dall’esercito.

Valgono nulla, servono a niente, rubano ricchezza, benessere libertà e diritti ai cittadini, usurpano la sovranità al popolo, tutelano e difendono solo mafiosi, criminali, delinquenti, corrotti, corruttori, usurai ed evasori fiscali, ma sono i politici più costosi, più pagati e più spreconi di tutta Europa.
Chi sono?
La casta politica italiana, ecco chi sono.

Mi presento alle selezioni per offerte di lavoro.
Dopo aver risposto a tutte le loro domande, aver compilato i loro test di analisi e quelli di riscontro dico: posso fare una domanda? Certo, rispondono. Quando pagate lo stipendio? Il 10 di ogni mese. Dico, voi lo pagate il 10 di tutti i mesi, intero e non in acconti, rispettando la data del 10? Beh sa, c’è la crisi, i clienti pagano i ritardo … Beh, rispondo io: allora vi faremo sapere …..
Invio il CV nonostante i miei 49 anni e il limite che loro mettono a 28 anni. nonostante la differenza di età e valutando il CV mi chiamano a selezione. Io rispondo esaustivamente alle loro 40, 50, 60 e talvolta anche 70 domande. Poi ne faccio una io e …. Vogliono la cioccolata ma la vogliono trattare da …..
E ti dovresti anche sorbire quella accozzaglia di ridicoli e raccomandati che loro hanno selezionato nel passato e te li devi spolpare. Ma andate a lavorare, che non sapete nemmeno dove sta di indirizzo il lavoro voi!
E allora: vi faremo sapere!

La manovra di uscita di ncd dal pdl è tutta una presa in giro:
staranno divisi per raccogliere il consenso di quante più persone possibile per poi riportarle tutte sotto lo schiaffo di berlusconi.
Me non mi frega più nessuno:
io non voto e tolgo così la mia quota di sovranità alla casta.

Ma chi comanda in questo fottuto paese, fottuto da chiunque non ne abbia titolo?
la traditrice cancellieri che non si dimette?
un direttore da licenziare che viene graziato con un trasferimento?
i detenuti che dovrebbero essere lì a scontare una pena e non a scegliere o eleggere democraticamente il loro direttore?

La casta è la casta, le larghe intese sono convergenze parallele e il popolo sovrano è un cretino da depredare di benessere e ricchezza, di diritti e libertà.

Il popolo fa schifo, puzza, muore di fame, ragiona con la pancia.
Loro invece sanno solo tradire, rubare, truffare e depredare.

La verità ha sempre imbarazzato gli italiani che non si imbarazzano delle mafie, delle eco-mafie, della corruzione, della concussione, dell’usura e della evasione fiscale.
Per gli italiani, la questione morale come la questione mafiosa, la questione legale e la questione meridionale non esistono.
Ufficiale: napoli è la pattumiera d’Italia e quindi, d’Europa.

Certo che c’è gente da sballo in giro:
ignoranti come capre, arroganti come nessuno, presuntuosi da record.
Li metti di spalle al muro e saltano su come dei deficienti.
Non siamo tutti uguali:
lo ripeto sempre ai miei figli perché crescendo non commettano il mio errore di rispettare persone che non lo meritano affatto.

Non avete capito nulla:
la mafia si elimina con la pena di morte, non si contrasta e non si combatte.
SI ELIMINA.

Il pd è una disgrazia devastante e renzi è l’ennesimo coglione che distrugge il paese per non dar torto ai sindacati cgil e fiom che hanno rovinato l’Italia:
l’articolo 18 va eliminato per dare libertà al mondo del lavoro italiano e accogliere i finanziatori provenienti da stati meno idioti del nostro.

L’utopia è qella cosa che trasforma un indirizzo politico in un indirizzo religioso, valicando lo schema dello stato di diritto e trasformandolo in uno stato etico, laddove il dogma utopico è il piffero e chi ne riceve benefici è il pifferaio.

I Centri per l’Impiego italiani servono solo a impiegare i soliti raccomandati, quei 10mila dipendenti pubblici che non creano nemmeno un posto di lavro e tantomeno un po di ricchezza ma pretendono di saper redistribuire equamente la ricchezza prodotta da altri: un po a loro e poi il resto ancora a loro.
Tagliare, tagliare, tagliare, licenziare, licenziare, licenziare.

Il connubio e la gabbia salariale mafiosa che difende politici e giudici e che è il male assoluto in questo paese senza alcuna giustizia

Dopo aver costretto intere generazioni di figlie e figli di Cuba a vendere il loro sesso ai turisti per campare, a Cuba si ricordano cosa sia un sistema finanziario.

La campania è l’ecatombe della legalità

Il caffé sul fuoco, la musica è quella dei migliori Pink Floyd, l’atmosfera è quella natalizia, l’albero è spento e la casa silenziosa.
Le notizie sono sempre quelle: brutte.
Penso che dovrei fare qualcosa per me, per i miei figli, per il mio paese.
Ma poi ci ripenso:
i figli sono di mia moglie e il paese non è il mio.
Oggi gira così.

Credere di poter fare una cosa è possibile solo a condizione di averla già immaginata e fatta centinaia e centinaia di volte nella propria mente:
l’allenamento è tutto in un successo.

Dio mio, non ti chiedo né una villa né una vigna, ma esaudisci il mio desiderio di andare fuori dai coglioni da questo paese di merda.
Solo questo ti chiedo per Natale, solo questo.

Cammino in una piazza abbastanza centrale di Foggia e mi avvedo che un tizio, avendo mangiato qualcosa al forno lì vicino e abbandonato l’auto in divieto di sosta, getta in terra il tovagliolo di carta con cui manteneva il cibo.
Gli dico indicando la carta in terra: questa è sua.
Fa finta di non capire.
Ripeto e lo invito a gettare la carta in un cestino.
Si irrita e mi manda a quel paese.
Lo appello “foggiano” e gli ripeto di lasciare pulita la strada.
Si irrita, viene verso di me, mette la mano dx in tasca come se volesse tirare fuori un coltello.
Mi inquieto, arretro di due passi, mi preparo all’attacco, alzo la voce e gli intimo:
se tiri fuori un coltello ti spacco la faccia.
Arretra sino all’auto e scappa inseguito dai miei improperi.
Foggiani: uappe ‘e cartone … mafiosi da quattro soldi bucati.

Hey, traditore: tu non sei il parlamento, non sei il governo;
l’indirizzo politico non ti appartiene:
non sei tu il destinatario di alcun potere di cui ti arroghi il diritto e l’esercizio abusivo ed esclusivo.

Non sapete guidare?
Avete preso una patente di guida chissà come o “per grazia clientelare o corruttiva ricevuta”?
E allora perché vi mettete alla guida di mezzi di trasporto mettendo a rischio l’incolumità fisica e mentale altrui?
Idioti Patentati!

Io ho terminato la mia pietà e la mia pazienza:
non ne ho più per nessuno

Se avete amici o conoscenti di cui vi è noto che paghino per fare sesso con minori (sia femmine che maschi) sia in Italia che all’estero sputategli in faccia, cancellate il loro numero dai vostri cellulari ed il loro volto dai vostri ricordi e segnalateli alle autorità competenti.

Oggi ho avuto l’ennesima prova che nascere e vivere al sud è la più grande fregatura che la vita possa regalare.
Una donna di mezza età, nubile e senza problemi di salute accusa improvvisamente un mal di testa che lei stessa definisce successivamente come “mortale” unito a nausea e vomito (avevo paura di morire).
Si rivolge ad uno pseudo-cardiologo che la visita e la rimanda a casa, senza consigliare (ovviamente: non ci vuole una laurea in medicina e chirurgia e una specializzazione in cardiologia per capire che un mal di testa molto serio potrebbe essere di competenza di un neurologo) una visita neurogologica, una tac alla testa, ovvero un qualsiasi approfondimento diagnostico utile a prevenire un tale evento.
Ora, quella donna langue in un letto della rianimazione dell’Ospedale di Foggia, colta da aneurisma e conseguente emorragia che ha colpito entrambe i lobi del cervello.
Ditemi un po, non sarebbe omicidio questo?
E non merita una fucilazione un idiota del genere?
Altro che stipendio pubblico da cardiologo:
se fosse stata mia sorella eri già morto e defunto, coglione!
Te, chi ti ha selezionato in concorso pubblico, chi ti ha assunto e chi ti paga lo stipendio, razza di assassino che non sei altro.
Io ho approfittato raccontando ai miei due figli maggiori quel che è successo ad una persona che loro conoscevano benissimo e affermando che, vivere a Foggia, nel sud di questa Italia di merda, significa morte certa.

Popolazione mondiale triplicata in poco più di mezzo secolo.
Flussi migratori interni al pianeta non governati.
Ed ecco a voi la fine della vita su questo pianeta.
Complimenti, i miei complimenti.