Articoli marcati con tag ‘esecutivo’

Riflessioni a tastiera aperta – 25 aprile 2013

giovedì, 25 aprile 2013

25 aprile 2013
Continuano a celebrare uno stato di diritto che non c’è mai stato invece di celebrare il funerale del Paese Reale, assassinato da chi aveva giurato di difenderlo.

Ma, una disposizione allegata alla costituzione e definita “transitoria”, quando cesserà di avere effetti definitivi?

Non si fa giorno se non apri la mente al futuro.
Non arriva notte se non ti arrendi al buio.
Non è il mondo che cambia, ma sei tu a farlo.

La scuola italiana è il datore di lavoro pubblico-privato più grande di UE con la più bassa qualità in entrata e in uscita di UE+USA.

NO al finanziamento pubblico ai partiti, ai sindacati, ai giornali, alle imprese, agli amici degli amici e agli amici di merende.
E’ CHIARO?

Il confidare di un disperato affresca l’ultima spiaggia del naufrago:
non trova alternative al proprio destino.

Tassare le sigarette elettroniche sposta la convenienza dei fumatori verso sigarette a combustione e crea grave danno alla salute pubblica.

L’uomo che pianta semi, raccoglie frutti di cui godere insieme ad altri uomini.

Finalmente un giovane a Palazzo Chigi. Non accadeva dai tempi di Goria, accontentato perché gravemente malato.

Roma ladrona, Milano padrona.
Stessa monnezza napoletana.

L’inciucio perfetto: unire il PD ed il PDL attraverso la Letta’s Family.

Il PD sosterrà un governo ad indirizzo politico di destra, con un programma di destra ed una rappresentanza di destra: ma che bravi!

Sembra di vedere un fanta-horror di quelli anche malfatti.
Sempre gli stessi nomi, sempre le stesse figure: cittadini rifiutati dalla casta.

Napolitano: “Piena fiducia in Letta, non ci sono alternative”
Gesualdo: Piena sfiducia nella casta, non vi sono alternative al male assoluto.

Arrestato l’uomo del giaguaro che smacchiava i diamanti del senatur

Un titolo de l’Espresso del 1956:
«Capitale corrotta, nazione infetta»
Un titolo de La Repubblica del 2012:
«Politica corrotta, economia infetta»

Deve esserci qualcosa nel gene italiano che non va.
RAZZISTA! FASCISTA!
Deve esserci qualcosa nel modello italiano che non va.
MODELLISTA!

Quando la partitocrazia rinunzia alle indicazioni di indirizzo politico la politica è morta.

Arresti in regione Basilicata:
assessore PD e capogruppo PDL. L’inciucio perfetto.

Non può il passato correggere gli errori del passato, non può il passato incarnare il Futuro

Le larghe intese non esistono, poiché è proprio nella concezione dello stato che si dividono centro-destra e centro-sinistra.

L’isolamento in cui stringono Beppe Grillo e il M5S racconta tutto il terrore che provoca il cambiamento nella casta

Il “profumo” di un nuovo “amato” governo si stende per l’aie

Purché l’investitura di Renzi non significhi l’alleanza con berlusconi, il che ridurrebbe il renzi ad un giovane bersani.

L’invidia, la gelosia, la rabbia e la visione di un potere personale perduto induce idioti a dare del “ladro” agli onesti.
Ma i ladri siete voi

bersani e berlusconi ed i loro alleati rappresentano il problema, non e mai la soluzione

L’unica unità italiana (inciucio concesso solo alla partitocrazia, alla burocrazia e al sindacalismo, non e mai alla libera scelta del popolo sovrano) che vuole la partitocrazia è la continuità con il passato.
Nel bene e nel male.
Piuttosto nel male.

Con un manganello in mano destra e una bottiglia di olio di ricino in mano sinistra:
o l’uno o l’altra.
Per chi rifiuta:
l’uno e l’altra.

Allibito leggo della poca considerazione di napolitano nelle forze partitiche che lo hanno eletto due volte Presidente della Repubblica..
Simili con i simili:
Io non sono loro simile

Tutti insieme quelli che hanno affossato l’Italia dovrebbero salvarla?
Ma cosa abbiamo scritto noi sulla fronte: Joe Condor?

Siamo alla resa dei conti e non si ode il grido del popolo sovrano:
silenziato dalla dalla I repubblica.
E’ stata tutta una farsa.
Ed è finita.

Il tempo passa, la crisi avanza, la casta campa, la capra crepa, il popolo soffre, i mafiosi corrodono, i politici corrompono, io odio tutti.

Dio succede a Dio, Re succede a Re, napoletano succede a napoletano, Dittatore succede a Dittatore, napolitano succede a napolitano e così via

Ma come si fa a comporre un nuovo governo se la legge elettorale fa in modo che ogni governo nasca zoppo?

Le istituzioni sono in mano al terrorismo politico che usa il terrore al posto del mitragliatore

Popolo di anomali greggi di pecore guidato da vecchi rincitrulliti teleguidati

Rispondo così ad un “amico” su FB che afferma che l’opinione del popolo non serve e non vale nulla:
“non finisce qui e non finisce così: forse non vale nulla la tua opinione e forse non vali nulla tu, ma io ho ancora un cuore che batte ed un cervello che ragiona e non mi arrendo”

Dio è morto
Marx è morto
Benito Mussolini è morto
Ed anch’io, non mi sento tanto bene

E basta con questa eterna lagna della scelta del “meno peggio”.
Io non mi accontento: per il futuro globale dei miei figli, solo il meglio.

Le spalle di bersani poggiano sulle spalle di berlusconi e viceversa.
Caduto l’uno, cadrà anche l’altro.
Senzadubbiamente.

Pavidi e trepidi i membri della casta assistono terrorizzati alla fine del magna magna generale e del loro futuro. Inutili, inetti, incapaci, idioti.

Quel che sembra la rottamazione Bersani credo rottamerà Berlusconi: è come con la caduta del Muro di Berlino, laddove cade l’uno e l’altro.

Slot Machine e Video Poker : vince la mafia, perde lo stato

martedì, 11 settembre 2012

Ecco un buon esempio per osservare quanto sia forte e vincente la pressione politico-mafiosa sulle scelte dell’esecutivo italiano.

Nella scelta del governo di imporre una distanza minima indispensabile per legge imtercorrente fra un sito in cui si giochi con quelle che io definisco come le “macchinette rovina famiglie” e cioè le slot machine ed i video poker, e la presenza di scuole ed ospedali, dapprima si è imposta una certa distanza, poi questa distanza è stata in un primo tempo ridotta ed oggi apprendiamo essere stata totalmente eliminata.

Come si può osservare, per un settore come quello del gioco d’azzardo elettronico, gestito dalle organizzazioni mafiose che impongono anche con la forza e la violenza la presenza di queste macchine elettroniche ai gestori di esercizi pubblici, e dai quali proventi, esse traggono certamente profitto, il fronte di pressione politica, corporativa e mafiosa è stato talmente forte da indurre il governo a dare forfait ed a cedere totalmente, sino a rinunziare a regolamentare una distanza minima nei confronti delle scuole e degli ospedali.

La vittoria della mafie, delle corporazioni mafiose e della politica mafiosa nelle scelte dello stato democratico e repubblicano è completa ed evidente.

E se qualche istituzione dovesse affermare che dietro al business delle slot machine e dei video poker non vi fosse l’interesse ed il business di qualche mafioso, potrete sempre dare del mafioso al politico che incarna quella istituzione.

Pena di morte per i comportamenti mafiosi, per i complici delle mafie, per gli affiliati alle mafie, per gli omertosi favorevoli alle mafie.

Ecco dimostrato come la trattativa stato-mafia non sia una trattativa per lo stato, ma una resa totale.

Ed ecco dimostrato come questa resa traditrice del popolo sovrano e dei cittadini lavoratori sia un tradimento quotidiano e costante nella vita socio-economica italiana.

Il tutto grazie alla casta politica più corrotta e mafiosa di senza palle che esista in tutto il globo terrestre.

Che Dio li strafulmini e che il popolo li decapiti tutti, senza alcuna pietà.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

L’eredità della Casta

giovedì, 29 marzo 2012

L’eredità che ci ha lasciato la casta politica italiana?

- un enorme debito pubblico sovrano pari all’ammontare complessivo accumulato nel tempo della corruzione di politici, amministratori e burocrati;

- una condizione di degrado sociale, economico e finanziario spaventosa;

- una illegalità diffusa impareggiabile;

- un predominio incredibile delle organizzazioni mafiose;

- una evasione fiscale e dell’adempimento dei propri doveri allucinante;

- una usura sia morale che materiale delle famiglie e delle aziende ineguagliabile;

- una crisi umana, politica, sindacale, della Pubblica Amministrazione, del governo, della economia, delle imprese e delle famiglie profonda e dannosa.

- una disoccupazione ed una inoccupazione dolorosamente giovanili;

- una ricerca scientifica che era all’avanguardia nel mondo, ridotta ad un esilio forzato delle migliori menti italiane;

- una questione meridionale irrisolta che ha scatenato una questione settentrionale;

- un assurdo consolidamento dei privilegi di chi tutto ciò che è vecchio ed un vero e proprio massacro di tutto ciò che è giovane e nuovo;

Questa è l’eredità che le classi dominanti italiane, in primis quella politica, burocratica e sindacale, hanno lasciato in eredità al popolo sovrano.

Questo è il costo che deve pagare chi è nato in questo paese, anche se non ne condivide lo stile di vita “bizantino”, anzi, lo abiura.

Questa è l’italia.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Articolo 18 Statuto dei Lavoratori e l’isolamento della CGIL

mercoledì, 21 marzo 2012

Mancato accordo sull’articolo 18 con la organizzazione sindacale della CGIL.

Dicono Sì all’accordo la CISL e la UIL, oltre naturalmente al sindacato degli industriali, la Confindustria.

La CGIL non aderisce all’accordo e se ne lamenta pubblicamente attraverso la propria leader, Susanna Camusso.

Personalmente ritengo che, per la Camusso, la CGIL e tutta l’area di pensiero politico-sindacale che essi incarnano e rappresentano, valga quanto disse il premier Silvio Berlusconi in occasione del provocatorio tradimento dell’ex alleato di governo Gianfranco Fini e della sua componente conservatrice:

per litigare, bisogna essere in due.

Parafrasando possiamo dire che, per raggiungere un accordo, bisogna essere in due.

La CGIL poteva aderire all’accordo chiedendo in cambio la diminuzione dell’orario di lavoro a 35 settimanali ore oppure chiedendo anche di fissare un salario minimo garantito per tutti, o poteva chiedere entrambe le cose.

Ma non lo ha fatto.

Susanna Camusso e la CGIL hanno semplicemente detto di No ad un accordo che procedesse nella modifica dell’articolo 18.

Viva la libertà, compresa quella della Camusso, della CGIL e dell’intera area umana, politica e sindacale di loro riferimento.

Ma è anche giusto poter e dover dire a Camusso e CGIL che hanno fallito l’accordo ed hanno fallito la loro mission, che è trovare accordi convenienti e nell’interesse dei propri iscritti.

Ma hanno fallito, volontariamente fallito, dolorosamente fallito, sicuramente fallito.

Ed hanno fallito dando ragione al loro più atroce avversario, al leader politico che, per loro, rappresenta “il demonio” in persona:

Silvio Berlusconi.

Ma il mondo è fatto di condivisione, come insegna quotidianamente il social network Facebook.

E chi non sa condividere se stesso in questo mondo fallisce miseramente.

E chi non sa condividere se stesso in questo mondo si trova isolato ed esacerbato, avvilito e sconfitto.

E chi non sa condividere se stesso in questo mondo deve fare i conti con i propri interessi indifesi.

E chi non sa condividere se stesso in questo mondo deve fare i conti con la propria rabbia.

E chi non sa condividere se stesso in questo mondo, spesso e purtroppo, imbraccia un fucile per difendere i propri interessi dai fantasmi che gli ricordano il proprio fallimento, personale e sociale, politico e sindacale.

In tempi di crisi come questi, non conviene mettere alla prova la capacità di controllo di emozioni del popolo come la rabbia.

Sarebbe un po come mettere un pezzo di carne nella bocca di un affamato lupo.

Ad ognuno, la propria libertà come la propria responsabilità:

umana, sindacale, politica, sociale.

Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

Ed io non ho più lacrime per piangere le mie sconfitte ed i miei limiti:

nemmeno una, per perdonare gli errori e gli orrori del prossimo.

Gustavo Gesualdo
alias
Gustavo Gesualdo

Il doppio gioco, l’inazione e l’assenza di una leadership politica

giovedì, 11 agosto 2011

La politica, quella bella signora che avrebbe dovuto salvare il mondo dalla crisi, si è rivelata invece come un fenomeno umano senza leadership sufficienti ad incidere sull’esistente.

In Italia, in particolar modo ed evitando la pur gravissima questione di assenza di leadership, la politica continua a mantenere un difficile equilibrio fra due azioni, due giochi che restano ben differenti, benchè afferenti l’uno all’altro:

l’azione politica in quanto tale che in questo momento può e deve agire con urgenza per arginare la spesa pubblica in modo drastico e congruo, rimuovere ogni ostacolo e impedimento (compresa e soprattutto la corruzione politica e burocratica) alla crescita socio-economica e diminuire la pressione fiscale che soffoca famiglie ed aziende italiane.

In questi termini, la politica offre pochi o nessun motivo di speranza, non essendo riuscita ad interpretare nemmeno questi minimi impegni essenziali cui la politica deve rispondere per esistere.

L’altra azione che la casta politica può e deve intraprendere è quella di utilizzare il potere pubblico per rilanciare l’economia, come ben rappresenta un progetto proposto da questo blog:

http://www.ilcittadinox.com/blog/progetto-gustavo-gesualdo-la-sfida-per-una-ripresa-economica-interna-veloce-e-sicura.html

Purtroppo, non si vede nascere ed affermare nessuna delle due azioni, non un riformismo che agevoli l’esecuzione delle scelte politiche e nemmeno una leadership umana e politica in grado di rompere questo muro di gomma prodotto proprio dalla inazione di una casta politica assai vile e dannosa.

Una leadership veramente “stupefacente”.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Referendum

giovedì, 3 marzo 2011

Il referendum è previsto nella legislazione italiana come istituto di democrazia diretta.

Con esso, il popolo sovrano bypassa la delega parlamentare ed esprime direttamente un suo parere modificativo ovvero estintivo di una legge o di parte di essa.

Il ricorso al referendum, come tutte le cose in Italia, è stato distorto ed abusato.

Inizialmente, fu il partito radicale a fare un ricorso continuo ed eccessivo all’istituto del referendum, riuscendo a dettare modifiche di significative parti della legislazione su argomenti di enorme valore, quali quella che modifica l’istituto del matrimonio (referendum sul divorzio) e quella che regola addirittura la possibilità di non partorire un figlio vivo (aborto).

E queste storiche quanto importanti modifiche legislative furono realizzate dal partito radicale che poteva contare su di uno sparuto gruppo parlamentare, corrispondente ad una misura di solo il 2% del consenso popolare.

Fatto che, in un sistema con enormi sbarramenti alla volontà popolare diretta ed a democrazia bloccata come era quello senza alternanza di governo della prima repubblica potrebbe anche essere comprensibile, anche se non giustificabile, poichè esso stesso fonte fondante di una prassi sconsiderata dell’abuso pregiudizievole degli istituti e delle istituzioni democratiche.

Non certo in quello odierno, però, laddove la sovranità popolare trova nell’alternanza una più completa possibiltà di espressione.

Successivamente, si arrivò ad amputare il futuro ed il benessere di questo paese attraverso il cosidetto No al Nucleare, scelta sbagliata e dannosa che famiglie ed aziende oggi pagano molto cara.

Ma dov’è l’abuso, vi chiederete, nel ricorso a queste forme di democrazia diretta?

Ora veniamo al punto.

Un istituto di democrazia diretta come il referendum ha il senso di imporre una volontà popolare che non trova veicolazione attraverso la delega parlamentare ed il rapporto fra cittadini e partiti politici.

E’ quindi essenzialmente (e secondo me, esclusivamente) offerta a liberi comitati referendari composti da cittadini a vocazione partecipativa, e non, come è sempre avvenuto, abusato dalle segreterie politiche di quel sistema partitocratico che l’istituto stesso del referendum tende a superare.

L’ennesimo paradosso italiano dell’abuso continuato ed aggravato che si fa della legge.

E veniamo ai giorni nostri, laddove taluni incauti, criticano la scelta del governo italiano di scindere le elezioni amministrative dalla votazione referendaria.

Perchè vengono scisse le due votazioni?

Semplice, perchè è proprio un partito di opposizione a questa maggioranza di governo che ha raccolto le firme previste per un referendum abrogativo, strumento il cui esercizio, è invece riservato alla esclusiva sovranità popolare.

Non sono i cittadini che hanno chiesto di esprimersi su un aspetto legislativo, ma è l’opposizione politica italiana che, in continua emorragia di consensi popolari, abusa dell’istituto referendario come strumento surrogatorio di un potere che il popolo gli ha già negato nell’urna elettorale:

quello di deliberare a maggioranza dei voti sulle leggi in vigore.

Ecco perchè il governo ha rifiutato la possibilità di far votare contemporaneamente le consultazioni amministrative ed il referendum:

per impedire che il contemporaneo test elettorale che propone una consultazione del popolo sovrano a livello locale, fosse influenzato da scelte che evidentemente sono avverse alla guida politica dell’esecutivo stesso, poichè originate da comitati referendari fittizi, sui quali tavoli, sventolavano bandiere di partiti politici, e sulle quali sedie, sedevano esponenti e militanti di partito delle opposizioni.

Bene ha fatto quindi, l’esecutivo italiano nella persona dle ministro dell’interno On. Roberto Maroni a scongiurare una contemporaneità di espressione della sovranità popolare che potesse interagire ed influenzare il consenso dato ad un partito ed il voto referendario abrogativo di una legge.

E se, taluni parlamentari seduti sui banchì delle opposizioni criticano questa scelta con la motivazione di un aggravio di spese relative alle consultazioni, a questi sprovveduti va ricordato che, non è in questi termini che si recupera quel consenso che il popolo sovrano non ha voluto concedere loro nelle dovute sedi consultive, e non è abusando di un istituto di democrazia diretta che potranno vincere quelle elezioni nazionali che essi hanno già perso, ne tantomeno, usarlo come una “clava politica” per abbattere una maggioranza di governo.

Inoltre, va detto con chiarezza estrema che, una consultazione referendaria non è violentabile a piacimento ed abusabile al pari di un sondaggio o di un termometro sensibile dell’opinione pubblica nei confronti dell’azione della maggioranza di governo, poichè questo è un ulteriore abuso che spreca, questo sì, danaro pubblico in maniera speciosa e falsata, in abuso di un istituto come quello referendario che, ormai dal lontano 1995 non supera il quorum richiesto, e soprattutto, snaturando e svilendo un importante strumento democratico.

Ecco tutto.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Analisi logica di un suicidio

lunedì, 6 dicembre 2010

Tenterò in questo post, una analisi logica delle azioni di quella parte di casta politica e corporativa italiana che attenta alla stessa sopravvivenza del paese e delle sue nucleazioni fondanti di aziende e famiglie.

Tutto è partito come un chiaro segno di richiesta di maggiore visibilità, ben al di sopra della percentuale di riferimento della componente finiana all’interno del partito berlusconiano.

Poi, per interposta persona (il “bravo” bocchino), fini ha richiesto una legittimazione alla successione berlusconiana quale unico principe-delfino.

Poi, il nodo della questio politica sembrava divenuto il ddl anti-corruzione.

Poi, la querelle si è spostata (e finalmente) sul vero motivo che haspinto i finiani a fuoriuscire dalla PDL ed a tradire l’alleanza che sostiene il governo, il governo stesso, il suo premier e tutti gli italiani che avevano scommesso su questo esecutivo per ottenere una via di uscita dalla crisi socio-economica che attanaglia il paese.

Ed il vero motivo è fermare la Lega Nord, fermare la riforma federale in atto, fermare il cambiamento del paese anche a costo di suicidare il paese.

Il vero motivo è fermare il più potente contrasto alle mafie che la storia della repubblica italiana abbia mai conosciuto.

Il vero motivo è restaurare con la forza una conservazione dei privilegi e del prepotere che era legato alla politica della prima repubblica:

truffaldina, traditrice, egoista, invidiosa e gelosa del potere altrui.

Il vero motivo è ricattare un intero paese:

o ci date il potere, o suicidiamo il paese intero.

Roba da colpo di stato.

Roba da camicia di forza.

Questa è inciviltà allo stato puro.

Questa è violenza gratuita.

Questa è arroganza senza limiti.

Questa è ambizione sopra ogni limite.

Questa è gente con la quale, io, non voglio avere nulla da condividere.

Nemmeno il nome.

Figurarsi se voglio condividere la loro follia omicida.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

L’arbitrato istituzionale

lunedì, 15 novembre 2010

Le dimissioni dei componenti dell’esecutivo fedeli al presidente della camera dei deputati Gianfranco Fini ed infedeli alla alleanza elettorale programmatica e politica che sostiene il governo, aprono la crisi di governo, dopo mesi e mesi di stillicidio politico o che ha paralizzato governo e paese.

Il presidente della repubblica ha convocato i due presidenti delle camere per consultazioni, per chiedere opinioni e pareri della seconda e della terza carica istituzionale italiana.

Appare evidente il conflitto di interessi della terza carica istituzionale, incarnata e rivestita dal responsabile della crisi politica imposta al paese con la forza.

Infatti, Gianfranco Fini vedrà il presidente della repubblica nella duplice ed incompatibile veste di presidente della casmera e di rappresentante di quella parte politica che ha provocato paralisi del governo e conseguente crisi.

Una consultazione interessata, si commenta da più parti.

Il conflitto di interessi rivestito da Gianfranco Fini resta peraltro immutato, non avendo mai accettato l’invito pervenutogli da più parti a dimettersi dalla presidenza della camera, per non compromettere gli equilibri istituzionali.

Ma tali dimissioni non sono mai state formalizzate come non è mia stato riconsciuto e rispettato quell’elettorato parlamentare fedele al governo, che contribuì in maniera determinante alla elezione di Fini.

Il trascinare le istituzioni per farne scudo nella lotta politica è una prassi orribile quanto attuale in Italia, e la vicenda del tradimento finiano la testimonia ampiamente.

Appare evidente che il presidente della camera intende affrontare le sempre più probabili elezioni politiche nazionali con tutti i privilegi ed i poteri della presidenza della camera.

Ennesimo atto di squallore politico evidente di una lunga vicenda che rischia di mettere definitivamente in ginocchio un paese piegato in una profonda crisi socio-economico-finanziaria, schiacciato ulteriormente da una crisi politica che non va nella direzione della tutela degli interessi generali, ma appare invece indirizzata nella tutela degli interessi di nuove formazioni politiche guidate proprio da chi la crisi l’ha voluta, desiderata, imposta e provocata.

L’arbitrato istituzionale della presidenza della repubblica, prevede la presa d’atto delle dimissioni dei ministri e si avvia in una serie di consultazioni utili a “tastare il polso” della situazione politica complessiva.

Peccato che a queste consultazioni verrà chiamato quel soggetto che questo stesso processo ha avviato volontariamente.

Peccato che ancora una volta, assistiamo alla violazione di regole comunemente condivise e non scritte, in virtù di regole affatto condivise ma scritte e rigifdamente imposte da un sistema della gestione e degli equilibri dei poteri che non funziona più, se mai ha dimostrato di essere utile all’interesse generale e alla difesa degli interessi del popolo detentore defraudato di quella sovranità che taluni soggetti, abusano e piegano ad interessi di piccolissime botteghe partitiche, benchè determianti a mettere in crisi un governo ed un intero sistema paese.

Resta aperto ed irrisolto sul tavolo delle riforme il tema degli equilibri dei poteri statali, del primato della politica su tutti gli altri poteri e quello del rispetto di quelle autorità e di quei poteri che si è chiamati ad esercitare.

La nave Italia naviga in aperta burrasca, mentre il timone viene volontariamente danneggiato da soggetti che hanno piena coscienza del fatto che anche altri apparati fondamentali della nave non funzionano come dovrebbero, e che il complesso di questi malfunzionamenti, unito al volontario sabotaggio degli organi di direzione, mette a rischio la navigazione e la sicurezza della nave stessa.

Se esiste un senso del comune sentire questa nave come unica scialuppa di salvataggio di una intera comunità, si dovrebbe avere il dovere preciso, al di la del rispetto dei ruoli e delle regole, di isolare umanamente, politicamente ed istituzionalmente soggetti che potremmo definire “passeggeri potenzialmente pericolosi”, così come li definisce ogni regolamentazione di sicurezza della navigazione.

E che Dio salvi questo paese dai folli e dagli ambiziosi senza senno.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Hanno ucciso l’Uomo ragno: chi sia stato non si sa

domenica, 31 ottobre 2010

Dopo l’evolvere del male oscuro della politica italiana che ha condotto l’esecutivo più attivo, dinamico, decisionista e riformista della storia della repubblica italiana alla paralisi totale, possiamo tirare le prime somme dei danni.

Ha vinto la parte peggiore del paese, ha vinto la restaurazione di quelle prassi umane e politiche che hanno distrutto questo paese, ha vinto la conservazione di quegli stili di vita incompatibili con il governo di uno stato moderno ed avanzato, ha vinto la casta delle poltrone e dei privilegi, la casta che vuole l’assenteismo sul luogo di lavoro, la casta che non vuole l’eliminazione delle mafie, la casta che non vuole ridurre il debito pubblico, la casta che non vuole il varo di un dispositivo che elimini la corruzione in questo paese.

E questo, in barba alla cura degli interessi delle aziende e delle famiglie italiane.

E’ stato fermato il più grande contrasto al mondo delle organizzazioni mafiose che un governo ed un ministro dell’interno di questa repubblica abbiano mai realizzato:

ma ci rendiamo conto della gravità della cosa?

Ci rendiamo conto che questo fatto equivale ad una resa dello stato nei confronti dell’anti-stato?

E’ stato fermato l’unico governo che ha restituito una casa a chi l’aveva perduta a causa di un terremoto e lo ha fatto in brevissimo tempo, fatto unico nella storia dei terremotati italiani, rimasti negli “alloggi temporanei” (leggi container) anche per più di cinquanta anni.

E’ stato fermato l’unico governo che ha risolto la questione della monnezza napoletana, questione poi riaperta e non governata al livello locale, al solo fine di fare un torto al governo del paese ed un favore alle organizzazioni camorristiche.

E’ stato fermato il federalismo fiscale, l’unica riforma che poteva tenere insieme questo ingovernabile paese.

Si è verificato un vero e proprio golpe bianco, un vero e proprio rivolgimento ordito nei palazzi del potere, nelle segreterie di quella partitocrazia che ha devastato questo paese, pensando solo ad arricchire i propri adepti.

Il riformismo leghista è stato fermato da coloro i quali vivono e vivono benissimo in questo sistema statuale malato, in questo sistema statuale che lo stesso ministro delle riforme Umberto Bossi ha definito come “criminale”.

E’ stato fermato il governo che ha spazzato via tanto marciume dalla nostra vita quotidiana, ed è stato fermato proprio per questo motivo:

perchè questo marciume si è coalizzato contro la possibilità reale e concreta che si diminuisse il numero delle poltrone, degli assurdi privilegi feudatari ed gli ingiustificabili costi di questa inutile, dannosa e “criminale” casta politica e della sua alleata più forte ed antica, la casta burocratica.

Ma se il marcio non potrà essere tirato via, se il malessere del paese non potrà essere sanato, se le organizzaizoni criminali di stampo mafioso non possono essere fermate, se l’assenteismo, il fannullonismo ed il menefreghismo imperante non possono essere fermati, allora, per quale motivo dovremmo stare ancora tutti insieme appassionatamente?

Ognuno per la propria strada.

E ad ognuno, le proprie responsabilità.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Tutti Pazzi per la Lega della Gente Qualunque

sabato, 18 settembre 2010

Il PDL cerca stabilità nel governo, dopo la spaccatura provocata dal tradimento finiano.

Il PD si spacca (come è ormai tradizione nella sinistra sinistrata italiana) frantumando ogni possibilità di accesso del Partito Democratico nell’enclave dei movimenti politici stabili ed affidabili, di quelle parti politiche che si dimostrano capaci di garantire nell’alternanza al governo del paese, continuità e stabilità degli esecutivi.

Il fronte del csx si scompone nella impossibilità e nella incapacità dei suoi leader di mettere insieme vendoliani, dipietrini, democratici e grillini.

Il fronte del cdx si interroga se sia meglio recuperare i traditori casinisti ovvero i traditori finiani, posto che restino assolutamente inaffidabili entrambi.

Unica, la Lega Nord per l’Indipendenza della Padania, naviga nel mare sicuro della propria integrità e graniticità, qualità che la rendono l’unico movimento politico presente nella scena degli ultimi quattro lustri, a poter garantire lealtà nelle alleanze e stabilità nei governi, realizzazione delle riforme e dei programmi elettorali.

In un quadro siffatto, al popolo italiano converrebbe certamente avere la sola Lega al governo del paese, sicuro che, programma di governo e riforme, andrebbero certamente a buon fine.

Ma per raggiungere codesto obiettivo, oltre alla incapacità di tutti gli altri schieramenti politici di aggregarsi e mantenersi stabili su programmi comuni, condivisi e concretamente realizzabili (cosa che pare certa, vista la voglia di tradimento, l’antagonsimo sfrenato e l’insaziabile ambizione personale che anima le loro schiere), bisognerebbe assicurare alla Lega un consenso elettorale ampio e maggioritario.

E questa opzione sembra farsi strada ogni giorno di più nel paese, anche in quel sud martoriato e dannato che vede nella Lega, l’unica via di scampo da un futuro fatto di malessere e di dolore.

Così, mentre continuano veti incrociati e tradimenti, la Lega si propone, a ragione, come l’unico movimento politico veramente affidabile dell’intero arco parlamentare.

Perchè la Lega parla alla gente, perchè questa, è la Lega della gente e non delle caste o delle corporazioni.

Nel vulgo politico odierno, l’unica bandiera che garrisce felice al vento è quella della Lega, con buona pace dei nanismi politici dall’insaziabile quanto ingiustificata ambizione.

E questa condizione, fa letteralmente impazzire tutta la politica italiana.

E allora:

Tutti Pazzi per la Lega.

Ancora una volta.

E per sempre.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X