Articoli marcati con tag ‘droga’

Il Federalismo Fiscale è incompatibile con le organizzazioni mafiose

sabato, 8 maggio 2010

La mafia dietro gli omicidi del grande più manager pubblico italiano di tutti i tempi, Enrico Mattei e del giornalista che ne seguì le gesta, Mauro De Mauro, gli 007 dietro l’attentato a Giovanni Falcone…

Le notizie di questi giorni portano alla ribalta il forte condizionamento che questo paese subisce a causa delle mafie e delle deviazioni del potere statale, aggredito e infiltrato dalle stesse organizzazioni mafiose.

L’orientamento degli appalti pubblici e dei finanziamenti europei, il controllo del territorio, la continua pressione sulle imprese e sulla politica, il mondo dell’usura e della droga, il riciclaggio nel mondo della finanza, una colossale evasione fiscale.

Tutto questo è il regime dell’anti-stato, tutto questo è la prima azienda italiana per fatturato e per profitti:
la mafia.

Per quanto tempo dovremo ancora sopportare tutto questo?

Per quanto tempo dovremo ancora votare una casta politica collusa, pressata e sotto il ricatto mafioso del voto di scambio?

Riusciamo a comprendere che l’aggressione mafiosa è il più grave attacco alla democrazia e alle libertà individuali e collettive nel nostro paese?

E se per il terrorismo che ferì gravemente lo stato si sono presi provvedimenti speciali che prescindevano dall’orientamento costituzionale e legislativo, perchè nn possiamo procedere nello stesso modo contro le mafie?

Siamo in grado di dare una risposta forte e chiara al pensiero diffuso e condiviso che proietta all’estero l’essere italiano come essere mafioso?

In questo momento storico vi è una sola proposta politica che è assolutamente incompatibile con la presenza delle mafie, e questa proposta è il Federalismo Fiscale.

Riusciamo, almeno per una volta, a costruire uno schieramento politico trasversale che dichiari guerra alle mafie, alla corruzione e al mondo della illegalità diffusa?

Siamo in grado di lasciare da parte, almeno per una volta, gli interessi di casta, le ambizioni personali e le collusioni mafiose per affrontare una guerra senza quartiere alle mafie che strangolano il nostro futuro?

Riuscirà la politica italiana a varare compatta l’unica arma efficace contro l’anti-stato mafioso:
il Federalismo Fiscale?

E’ tempo di scelte.

E’ tempo di schierarsi apertamente e pubblicamente:

o con lo stato, o con l’anti-stato.

Non c’è via di mezzo.

Non c’è mai stata.

L’ONU non esiste più: è caduta sotto la bandiera islamica

venerdì, 26 marzo 2010

Gli ultimi atti dell’ONU manifestano una grave avversione allo stile di vita delle libere democrazie occidentali ed alla religione cristiana.
Sulla spinta di stati etici dittatoriali islamici, l’ONU approva una risoluzione contro la “diffamazione delle religioni”, in particolare, dell’Islam.
Questa risoluzione è stata approvata con il voto contrario di Unione Europea e Stati Uniti d’America.
Di conseguenza, l’Onu, ormai sottomessa alla folle volontà colonizzatrice della novella espansione islamica, inizia ad attaccare tutti i capisaldi delle libere democrazie civili ed avanzate nel mondo:
– condanna la Svizzera per il divieto referendario di edificare minareti su suolo elvetico;
– condanna Israele per il blocco di Gaza e dice un secco NO a nuovi insediamenti dei coloni israeliani;
– condanna la politica di gestione dei flussi migratori italiana che ha portato ad un repentino crollo delle domande di asilo nell’europa meridionale ( -42% solo in Italia);
– incontra i ribelli afgani che fanno riferimento all’ex signore della guerra e della droga per accoglierne il “loro” piano di pacificazione dell’Afghanistan;
– non condanna la “jihad islamica” (guerra santa) contro la Svizzera e contro gli infedeli in tutto il mondo lanciata da Al Quaida, dai talebani e dagli stati etici dittatoriali islamici.
– non condanna i continui massacri di cristiani che avvengono nel mondo intero per mano degli islamici.

Beh, l’ONU ha passato il segno.
Io non mi riconosco più in questo ente sovranazionale e non gli riconosco nessun potere su di me e sul mio futuro.
L’ONU è caduto sotto la bandiera islamica.
L’ONU, si è sottomesso all’islam.
Il termine islam si traduce infatti nella lingua italiana con il termine sottomissione.
Ma io, non condivido tutto questo, io, non mi sottometto all’islam.