Articoli marcati con tag ‘Cota’

Padania Ladrona

mercoledì, 4 aprile 2012

Roma Ladrona.

Napoli Ladrona.

Milano Ladrona.

Palermo Ladrona.

Padania Ladrona.

Non è ancora nata e già ruba.

Abbiamo finalmente compreso cosa unisce l’Italia alla Padania:

il ladrocinio!

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Nutella: dopo tocca a Panettoni Lombardi e Pandoro Veneti

sabato, 19 giugno 2010

Un vero e proprio attacco a tutta la produzione dolciaria tradizionale italiana si celava dietro la legge definita come anti-nutella.

Infatti nel mirino del commissario europeo Dalli c’erano anche i Panettoni Lombardi ed i Pandoro Veneti.

Sotto la spinta di indignazione e di protesta create da questo blog e dal gruppo di Facebook (oltre 1.100 iscritti in meno di 24 ore) e dalla presa di posizione della Lega con la creazione del comitato creato dal vice-ministro Castelli ed al quale ha subtio aderito il governatore del Piemonte Cota, si è ottenuto il risulato di attirare l’attenzione dell’europa della burocrazia sorda e cieca sulla volontà popolare di continuare a consumare prodotti dolciari tradizionali, senza l’apposizione di bollini rossi punitivi in etichetta ed il divieto di pubblicizzarli.

Bisogna continuare questa azione sino a quando non verranno inserite nella normativa europea deroghe per i prodotti dolciari tradizionali.

Continuiamo a protestare e stare attenti alla evoluzione di questa normativa.

Si ringrazia la Lega Nord, l’unica forza politica che si è battuta per impedire questa ennesima ingiustizia europea nei confronti di famiglie e aziende italiane, anzi, soprattutto padane.

Infatti la nutella è piemontese, il panettone è lombardo ed il pandoro è veneto:

l’attacco era ben diretto al motore produttivo italiano, guarda il caso.

Il gruppo di Facebook “Salviamo la Nutella” lo trovate a questo link:

http://www.facebook.com/home.php?#!/group.php?gid=130956840261317&ref=mf

Salviamo la Nutella

giovedì, 17 giugno 2010

Siamo al ridicolo:
l’unione europea dichiara guerra alla Nutella, prodotto dell’azienda italiana Ferrero, azienda che ha appena ricevuto l’ennesimo riconoscimento mondiale per la qualità dei suoi prodotti.

Personalmente, se dovessi scegliere fra la Nutella e gli altri prodotti della Ferrero oppure questa unione europea, sceglierei sicuramente la Nutella.

Questa unione europea possono tenersela pure, visto che non cura affatto gli interessi delle famiglie e delle aziende italiane.

Sarà anche colpa della casta politica italiana, assolutamente silenziosa su questo argomento, ma se gli interessi italiani non li difendono i parlamentari italiani in ue, chi altri li dovrebbe difendere?

Son sicuro che la Ferrero e la Nutella riceveranno il sostegno dell’unico movimento politico autentico che esiste in questa Italia, l’unico movimento politico che difende gli interessi delle famiglie e delle aziende italiane:

la Lega Nord di Umberto Bossi.

E se la casta politica italiana non vuol più difendere il made in italy, ebbene la Lega difenderà sicuramente il made in Padania.

E poi, non venitemi a dire che difendere un tricolore significa difendere un paese, quando chi difende quel tricolore, non difende le aziende e le famiglie italiane.

Ciarlatani e parrucconi senza ne arte ne parte:
la difesa di un paese è tutelarne la sostanza, e non idolatrarne i simboli.

Ho fondato un gruppo su Fecbook intitolato “Salviamo la Nutella”:

http://www.facebook.com/group.php?gid=130956840261317&ref=mf

Se ci credete, iscrivetevi.

Post pubblicato in parte da Radio 24 la radio de “Il Sole 24 Ore”
al seguente link a partire dal minuto 2 e 35 secondi
http://www.radio24.ilsole24ore.com/main.php?dirprog=Lettere a Radio24

Federalismo demaniale: il primo passo verso il futuro

martedì, 25 maggio 2010

Il demanio idrico-marittimo (fiumi, laghi, spiaggie, coste, etc) passa dalla competenza statale a quella degli enti locali, in primis i comuni.

Con esso anche una gran quantità di immobili e di terreni cambiano di mano.

La vendita di tali immobili e terreni, consentirà di abbattere i debiti che le amministrazioni locali hanno contratto e che non riescono a sanare, se non con un aumento della tassazione.

Ecco il primo passo di quel federalismo tanto atteso e contrastato.

I detrattori del federalismo fiscale hanno riempito le pagine dei giornali di autentiche menzogne figlie dell’ignoranza o dell’interesse di parte in tutti questi anni, condannando il federalismo fiscale e subissandolo di ingiuste e non veritiere dichiarazioni altisonanti, fra le quali, spicca quella che con il federalismo ci sarebbe stato un aumento della pressione fiscale.

Ed ecco dimostrato invece il contrario, ecco dimostrato che il federalismo demaniale contribuirà a responsabilizzare le amministrazioni locali, consentendo loro di abbattere il muro dell’indebitamento grazie alla cessione di quegli immobili e di quei terreni che proverranno da questo trasferimento di competenze.

Gli enti locali troveranno un enorme giovamento in questo e non un aggravio delle situazioni debitorie come hanno sbandierato taluni ignavi o interessati, ma anzi, otterranno l’abbattimento o addirittura la completa sanatoria di quei debiti che, altrimenti, si sarebbero scaricati sui cittadini con l’aumento della pressione fiscale locale.

In particolare le regioni meridionali, otterranno un grande beneficio dal federalismo demaniale, incontrando nuove fonti di gettito rinvenenti dalla locazione delle spiagge, visto che la gran parte di dette regioni sono dotate di lunghissime riviere, spiagge dalle quali precedentemente si ricevevano solo gli oneri della manutenzione e della pulizia, ma dalle quali ora, grazie al federalismo demaniale, si riceverà nuova ricchezza da investire nella migliore gestione delle stesse, come pure si introiteranno canoni e tassazioni.

Se poi si volesse seguire l’esempio intelligente e fantasioso del governatore del Veneto Luca Zaia, anche i laghi ed i fiumi, sapientemente attrezzati e sfruttati turisticamente, porteranno il loro contributo in termini di aumento della ricchezza relativa ed aumento degli introiti fiscali diretti agli enti locali.

E allora:

vi piace o no vi piace, questo federalismo fiscale?

Post pubblicato da Radio 24, la radio de “Il Sole 24 Ore”
a partire dal minuto 4 e 45 secondi
http://www.radio24.ilsole24ore.com/main.php?dirprog=Lettere a Radio24

La casta politica VS la Lega, le riforme, le famiglie e le aziende

lunedì, 26 aprile 2010

Siamo lì dove sapevo che saremmo arrivati.
Dopo le giravolte depistanti dell’ala finiana della pdl ecco arrivare il niet a discutre di riforme da parte del pd di bersani.
Questa casta politica italiana non vuole varare le riforme leghiste di cui necessitano aziende e famiglie italiane.
La casta politica si chiude a riccio in difesa dei suoi privilegi e delle sue poltrone del potere negando al paese ogni cambiamento.
La casta della conservazione del potere e dei privilegi contro la Lega e tutto il resto del paese.
Questo è il quadro politico italiano.
Miserevole, mascalzone, mistificatore, depistante e cinico.
Se le aziende e le famiglie italiane volessero un vero cambiamento del paese, se volessero diminuire il numero dei parlamentari, se volessero impedire ai politici corrotti di candidarsi, se volessero dare una svolta storica ed epocale a questo stato di fatto sordo e cieco al grido di dolore che proviene dal paese, dovrebbero votare in massa la Lega.
Non c’è altra via d’uscita da questo deprecabile quanto radicato conservatorismo all’italiana.
Volete vivere senza mafie, senza corruzione, senza l’illegalità diffusa e tutelata che uccide il vostro quotidiano?
Votate Lega:
sempre, comunque e dovunque.
Altrimenti, smettete di lamentarvi e arrendetevi alla mafiosità imperante.
Scegliete il vostro futuro.

Lega chiama sud: candidiamo un leghista a Napoli

giovedì, 8 aprile 2010

In questi giorni il ministro per gli Affari Interni On. Roberto Maroni ha lanciato quella che agli occhi di molti è sembrata la solita provocazione leghista:
“e non è detto che non facciamo un pensierino anche su Napoli, almeno cominceremo a far funzionare qualcosa”.
Subito Alessandra Mussolini ha intuito la forza di questa scelta ed ha dichiarato:
Sarò io il sindaco della Lega Nord a Napoli, sono pronta a tutto, mi iscrivo subito alla Lega se mi candidano sindaco di Napoli.
E subito si scatena il putiferio, poichè in molti han capito che quando un leghista dice qualcosa, c’è solo da credergli.
E’ infatti mia opinione personale che le popolazioni del sud non hanno altra speranza per uscire dalla bruttissima condizione cui sono quotidianamente costretti che l’avvento della Lega Nord, l’unico movimento politico in grado di assicurare la risoluzione definitiva della questione meridionale.
Vi domanderete:
ma perchè un movimento politico che fa della sua bandiera una questione che è quella settentrionale, debba occuparsi di risolvere anche l’annosa e secolare “questione meridionale”?
Semplice:
perchè la questione settentrionale posta dalla Lega non è altro che l’altra faccia della questione meridionale.
Risolvendo quella meridionale, si risolve anche quella settentrionale e si fa un’Italia veramente unita, un’Italia leghista, un’Italia nella quale gli italiani potranno ritrovare dignità ed orgoglio nel dichiararsi tali.
Anzi, non ritrovare, ma trovare per la prima volta.
Poichè è ancora valido il motto:
fatta l’Italia, dobbiamo fare gli italiani (probabilmente di un anonimo, attribuito anche a Camillo Benso Conte di Cavour).
Italiani del meridione, guardatevi intorno e ditevi:
come possiamo uscire dalla monnezza, dalle mafie, dalla corruzione e dalla illegalità diffusa?
Chi può garantire alle popolazioni meridionali una vita sicura, un lavoro dignitoso, la libertà di vivere senza essere assogettati alle mafie?
La risposta è una sola:
La Lega può.
E adesso, sembra anche volerlo …..