Articoli marcati con tag ‘anticorruzione’

Il potere logora chi non ce l’ha. Ma corrode chi non sa resistergli.

sabato, 2 luglio 2011

L’alternanza.

L’eterna incompiuta italiana frutto di un blocco generazionale dei quadri dirigenti e della società tutta.

E’ vero che il potere logora chi non lo ha, ma è altrettanto vero che, il potere corrode dal di dentro chi lo esercita per troppo tempo senza resistergli, ma abbandonandosi ad esso, confondendosi in esso.

Pare impossibile, ma la dirigenza politica italiana porta gli stessi nomi, da Tangentopoli ad oggi.

Dalla democrazia bloccata della prima repubblica siamo passati ad una democrazia bloccata della seconda repubblica.

In venti anni, non è cambiato nulla.

Siamo caduti dalla padella, alla brace.

Quali le cause?

Certamente il sistema istituzionale e quello elettorale, appaiono ancora inadeguati ad accogliere una governabilità del paese che sia garantita e rafforzata nei poteri dell’esecutivo e nel potere propositivo delle opposizioni.

Una incredibile schiavitù del quarto potere, quello dell’informazione, che non oppone al potere politico un efficace potere di controllo.

L’assenza di una Pubblica Opinione che sia rispettata ed ascoltata dai vertici istituzionali.

L’assenza di una alternanza significativa e reale all’interno degli schieramenti che si propongono come alternativi l’uno all’altro.

Una inesistente tutela e garanzia del bene comune che sovrasti il prepotere politico peggiore, quello che si insedia sulle poltrone del potere praticamente per sempre, di generazione in generazione.

L’abuso che si fa delle proposte politiche riformatrici, approvate con una lentezza straordinaria, al solo fine di assicurare un consenso infinito, come infinita è la impervia strada cui sono sottoposte.

Da tangentopoli ad oggi, nulla è cambiato, nemmeno sotto il profilo della condotta morale e legale della classe dirigente italiana.

Lo stallo, mette il paese a rischio di una indignazione popolare che assume ogni giorno di più, l’immagine di un insanabile conflitto generazionale.

La crisi che investe il paese, mette a rischio la sua stessa sopravvivenza, come un paese forte e ricco.

L’antagonismo ed il personalismo sfrenato che vede l’opposizione avere come unica proposta politica l’antiberlusconismo e la maggioranza di governo chiusa a riccio in un anticomunismo storicamente provato, mette in seria difficoltà il procedere del paese verso un cambiamento vero, un mutamento autentico, dei costumi, delle prassi, delle regole, della morale e dei metodi della politica.

Ognuno vede nell’altro, un demone, l’altro vede in ognuno, il demonio.

Non esiste reciproco riconoscimento, vi è una mancanza assoluta di fiducia.

Chissà perchè mi sovviene alla mente un antico adagio:

“è sempre il ladro che paura di essere derubato, perchè egli sa come si ruba”.

In questa catarsi della ignoranza e della arroganza, in questo misero teatrino della furbizia all’italiana, si divide un intero popolo, per imperarlo senza soluzione di continuità.

Restano sul tavolo, tutti i problemi irrisolti ricevuti in eredità dalla prima repubblica.

Compresa e per prima, l’impunibilità della casta politica italiana, che, nella sua stragrande composizione, si dimostra affatto utile al popolo sovrano, dal quale riceve la delega alla rappresentanza ed al governo del paese.

L’età anagrafica del capo dello stato (86 anni) e del premier in carica (77 anni) raccontano benissimo di questa triste condizione di un paese nel quale diviene impossibile accedere al potere per le nuove generazioni, di qualunque potere si tratti.

Il dissanguamento che espone la secessione individuale, familiare e imprenditoriale di fuggitivi da questo paese, comporta inoltre una selezione innaturale del tessuto sociale, composto sempre più dai meno intraprendenti, dai pigri e dagli indolenti, tanto amati e coccolati da un potere politico che voglia restare immutato per sempre.

Anzi, a ben guardare, sembra proprio questa la linea politica di maggiore successo della casta politica italiana e della sua eterna reiterazione e del suo mantenimento sine die alla guida del potere politico e pubblico:

cacciare a pedate nel deretano dal paese tutti coloro i quali non si assoggettano allo status quo e che siano potenziali concorrenti al raggiungimento del potere stesso.

Da questo punto di vista, si comprendono e si condividono maggiormente le definizioni di “stato criminale” e di “stato criminogeno” coniate da ministri della repubblica italiana.

L’antiberlusconismo e l’anticomunismo si rimpallano responsabilità storiche e politiche, mentre ministri della repubblica illuminati, creano invece storiche strade di affermazione della legalità e di contrasto alle mafie e alla corruzione, vere battaglie politiche dalla difficile incarnazione.

Si smarriscono nei meandri di questa casta corporativa le politiche anticorruzione, disperse in assurde pantomime di battaglie politiche finte e spudoratamente anti-legalitarie, accolte in silenzio da un mondo dell’informazione che fa paura, che terrorizza nella sua eccessiva accondiscendenza a “certo potere politico”.

L’ultima frase del ministro della giustizia italiana poi, appena acclamato nuovo leader del PDL (uomo che viene definito come un professionista della politica, un figlio d’arte, uno che non ha mai dovuto lavorare per vivere), raggela letteralmente il sangue nelle vene:

“voglio un partito degli onesti”.

E cosa significa questa frase, non è forse una ammissione implicita che prima di oggi, quel partito non era composto di onesti?

Paradossi delle convergenze parallele di una disonestà intellettuale, morale e materiale che pervade il tessuto non solo politico italiano.

Un politico onesto non teme la pubblicazione delle sue telefonate, che non sono private, ma pubbliche, poiché egli riveste funzioni, riceve attribuzioni e incarna poteri pubblici.

Un avvocato onesto non opera all’interno di studi legali di avvocati poi incriminati per associazione mafiosa, non accetta di difendere da avvocato professionista esponenti di spicco della mafia, così come ha fatto il presidente del Senato Schifani, collega di partito e conterraneo del guardasigilli Alfano.

E allora, si pone un quesito:

cosa è la questione morale per questa politica e per questi politici?

Come si concilia una questione morale e la espressa volontà di costruire un partito degli onesti con la presenza all’interno dello stesso partito, di presenze che, per le proprie scelte personali, profesionali e politiche appaiono in aperto contrasto una qualunque moralità politica, sia pubblica che privata?

La moralità non si annuncia, ma si dimostra nelle scelte quotidiane di ogni uomo e di ogni donna, dalla sua dedizione al lavoro e non dalla sua assoluta inesperienza nel mondo del lavoro.

Chi non conosce il sacrificio del lavoro quotidiano, non potrà mai governarne positivamente le sorti.

Perchè non le conosce, perchè non le condivide, perchè non le ha vissute, incarnate.

In questo paese, si può essere già vecchi anche a quaranta anni.

Vecchi e decrepiti, inutili orpelli caricaturali di una ragion politica che non parte dal popolo e non va verso il popolo, non parte dal lavoro e non difende il lavoro.

Questa è l’italia, questa è la sua classe dirigente, questi sono i suoi inguaribili ed irrimediabili problemi endogeni.

E’ vero, il potere logora chi non ce l’ha.

Ma corrode irrimediabilmente chi non ha sufficiente forza morale, maturità umana e coscienza civile per resistergli.

No, non è nobile tutto questo, e nemmeno giusto.

Ma esiste e governa, purtroppo, senza soluzione di continuità e senza alternative valide che abbiano il coraggio di agire in contrasto ad esso.

Il mondo dei giusti non è ancora nato in Italia:

è stato ucciso quando era ancora in culla.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X