Puzza di mafia, odor di indulto

Si sente nell’aria mafiosa che avvolge e coinvolge l’Italia, un odor di indulto.

Ancora una volta, invece di costruire decine di nuove carceri capaci di detenere almeno 25.000 delinquenti ognuna, si propone la resa dello stato, l’ennesima scelta politica scellerata e vile dell’indulto, a dimostrazione che in questo stato italiano, si tutelano e difendono solo delinquenti e mafiosi, ovvero politici, amministratori pubblici e burocrati corrotti e/o compromessi e/o complici delle organizzazioni mafiose.

Per questo stato democratico autoreferenziale e dell’abuso del diritto e del potere pubblico, famiglie ed aziende italiane possono anche morire.

Gli imprenditori possono suicidarsi tutti.

I disoccupati possono suicidarsi tutti.

Le imprese possono chiudere tutte.

Le famiglie possono morire di fame tutte.

Ma mafiosi e delinquenti vanno tutelati, vanno difesi.

Intanto la giustizia non viene garantita, le riforme non vengono compiute, le liberalizzazioni non vengono realizzate.

In particolare, la volontaria inefficienza della macchina della giustizia italiana, riempie le carceri italiane di soggetti in attesa di giudizio, precludendo l’occupazione di posti nelle celle ai soggeti i quali debbano scontare una pena detentiva certa e definitiva, il che in Italia corrisponde comunque ad una attesa di anni ed anni.

Le istituzioni, la macchina burocratica e la casta politica in Italia, difendono solo il popolo dei mafiosi e dei delinquenti, poiché li temono, ne subiscono l’estorsione ed il ricatto o ne sono asserviti o addirittura complici.

Ma il popolo dei lavoratori, il popolo degli imprenditori, il popolo di chi paga le tasse e non le evade, il popolo che subisce l’estorsione e l’usura mafiosa, il popolo che subisce le rapine delle organizzazioni criminali e dello stato oppressore ed iniquo, il popolo che muore di malasanità e di corruzione politica, il popolo dei disserviti dallo stato, il popolo sovrano si allontana sempre di più da questo stato dell’ingiustizia e della iniquità, frantumando la coesione sociale e spaccando trasversalmente il paese reale dallo stato di diritto.

E non è certamente un caso che ad avviare una discussione politica tutta orientata a preparare il terreno per un indulto generale, ennesima vergogna mafiosa di uno stato mafioso, siano le massime cariche istituzionali e politiche di una ben certa ed individuata provenienza territoriale:

meridionale, la sempiterna irrisolta ed ingovernata Questione Meridionale.

Parte quindi, la subdola richiesta di un indulto generale dal capo dello Stato, il napoletano Giorgio Napolitano.

Ovvero, la si fa partire anche dal ministro della giustizia, per non destare sospetti di responsabilità continuata ed aggravata; in passato e più volte, la questione del sovraffollamento delle carceri fu portata all’attenzione pubblica da parte del siciliano Angelino Alfano, ed oggi, l’assist pro-mafie parte dalla Paola Severino, napoletana.

Immediatamente, prende la palla al balzo il presidente del Senato della Repubblica (delle mafie bananifere e sonnifere), il siciliano Renato Schifani, che intende calendarizzare con urgenza (nessuna urgenza per tutelare e difendere famiglie ed aziende italiane, ma solo per scarcerare mafiosi e delinquenti) una discussione in aula.

Ed ecco che si tenta artificiosamente di innescare l’avvio di un procedimento parlamentare che sia propedeutico e producente il giusto clima per consentire, a chi ne ha il potere, di proclamare l’enensimo indulto generale, l’ennesimo regalo alla illegalità diffusa che uccide il paese reale, lo rapina, lo estorce, lo usura, lo impoverisce e ne blocca lo sviluppo economico più di ogni altra mortificazione illiberale.

E questo paese si presenta al prossimo G8 nella assoluta vergogna di un paese che puzza di mafia in odor di indulto, amnistia e condono, senza aver varato alcuna riforma e nemmeno aver realizzato alcuna liberalizzazione del mondo del lavoro e del mercato, così come è nell’interesse delle mafie e delle caste corporative mafiose italiane.

Qui termina il dialogo fra il popolo sovrano e lo stato dell’abuso di potere in favore delle mafie e della illegalità diffusa:

stato mafioso e popolo sovrano sono divenuti incompatibili.

PS

Volete eliminare il sovraffollamento di delinquenti e mafiosi che massacrano il popolo sovrano dentro le carceri o fuori da esse, nella società civile?

Pena di Morte per i mafiosi e pena di morte per chi è complice delle mafie abusando del potere pubblico.

Così si elimina l’illegalità diffusa, la corruzione politica e burocratica e si eliminano le organizzazioni mafiose.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento