La questione meridionale mina l’unità italiana ed europea

« Che esista una questione meridionale, nel significato economico e politico della parola, nessuno più mette in dubbio.
C’è fra il nord e il sud della penisola una grande sproporzione nel campo delle attività umane, nella intensità della vita collettiva, nella misura e nel genere della produzione, e, quindi, per gl’intimi legami che corrono tra il benessere e l’anima di un popolo, anche una profonda diversità fra le consuetudini, le tradizioni, il mondo intellettuale e morale. »

Giustino Fortunato

Che esista una questione meridionale, nel significato proprio o lato della parola, solo un ideologo colmo di pregiudizi ovvero un idiota pieno di ignoranza lo mette in dubbio.
C’è fra il nord e il sud della penisola, dell’Europa e del mondo intero, una grande sproporzione nel campo delle qualità umane, nella normalità della vita, sia individuale che collettiva, nella misura e nel genere della produzione di impedimenti pretestuosi e provocatori costanti e continui alla vita altrui, in specie se attiva e produttiva.
Quindi, per gl’intimi legami che corrono tra il benessere e l’anima di un popolo o del singolo cittadino, esistono sproporzioni enormi nel rispetto della persona, delle regole e della vita sociale ed economica.
Tali legami, propongono una profonda diversità fra le consuetudini, le tradizioni, il mondo intellettuale e morale.
La questione meridionale mina l’esistenza stessa del paese, lo corrode dal di dentro, lo infiltra e lo uccide in un silenzio che viene rotto qua e la dalle grida di protesta sempre più frequenti e insofferenti dei cittadini che chiedono inutilmente il divenire di modelli di civiltà e di società ancora sconosciuti al meridione, di stili di vita comportamentali che non collimano con quelli unitari, e soprattutto, modelli comportamentali che e non vogliono condividere e che rifiutano il modello europeo ed occidentale delle civiltà democratiche, repubblicane, socialiste e liberali, riformiste e avanzate.

Gustavo Gesualdo

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento