Il fallimento

L’attuale condizione istituzionale e di governo in Italia, offre uno spaccato deprimente del sistema del potere pubblico.

Il ricorso ad un tecnocrate internazionalmente riconosciuto come figura preparata e capace di governare il paese, rappresenta la resa del sistema politico di fronte alle proprie debolezze strutturali ed immaturità ugualmente condivise nel bipolarismo politico italiano.

Il fallimento del sistema politico-istituzionale riceve così una certificazione riconosciuta in tutto il globo.

Un potere politico che non trova accordi interni sufficienti a produrre quelle riforme che necessitano urgentemente al paese è un potere politico che porta le prove della propria incapacità ed immaturità nel tribunale dei fallimenti statali.

La continua delegittimazione reciproca delle parti politiche ha ormai invaso ed aggredito il sistema istituzionale, sistema che vede sedere nella terza poltrona istituzionale italiana, quella della presidenza della Camera dei deputati, l’artefice della spaccatura all’interno della maggioranza del governo Berlusconi che ha portato al pericoloso stallo attuale, evidenziando ancor più una crisi politica che è fatta di immaturità politiche importanti e di ambizioni personali sfrenate.

La prova che di idiozia politica si tratti, sta nel fatto che, nell’agire politico vi siano politici che vogliono ugualmente rappresentare il punto di rottura del sistema e la cura a quel sistema che essi stessi han procurato di invalidare.

Questo agire rappresenta una linea politica affatto casuale rispetto al gioco di furbizia incarnato da chi pretende di essere contestualmente causa e soluzione della crisi politica.

Le richieste dell’incaricato Monti di inserire nel suo esecutivo esponenti politici di rilievo, la dice tutta sul clima di sospetto e di sfiducia che regna nei palazzi del potere romano, come pure sono sospette le sue ultime dichiarazioni che negano il suo, come un governo di lacrime e sangue.

In tal caso non si comprende quali soluzioni drastiche ed impopolari possa intraprendere un incaricato premier che abbassa il vessillo del cambiamento dinanzi ad una casta politica che egli stesso teme più di ogni altro pericolo.

In definitiva, nessuno si fida di una casta politica che, pur avendone la possibilità, non pare interessata a sostenere con coerenza e lealtà un governo che salvi il salvabile.

Ogni leader politico sogna per se il mito di salvatore della patria, senza produrre nei fatti quell’azione politica che serve urgentemente per sanare una crisi che è sicuramente politica, oltre che economica e finanziaria.

O si scioglie il nodo politico o non si governa il cambiamento.

Ed il nodo politico italiano è quello della furbizia senza intelligenza, quello della ambizione senza merito.

Un nodo assai difficile da sciogliere.

Una casta politica assai difficile da sopportare, sia da parte di un bravo, preparato e diligente tecnocrate al governo, sia da parte di un popolo di cittadini ormai stufo ed avvilito, quasi arreso ad un futuro di miseria e di povertà.

Il futuro del paese non è visibile in questo contesto.

La politica stessa nel paese non appare una risorsa per il paese, ma il suo limite più grande ed invalicabile.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Tag: , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento