Archivi per la categoria ‘Senza categoria’

Le Domande del Pouf (1)

mercoledì, 27 febbraio 2019

Inizia la serie delle domande intelligenti e (Im)pertinenti del Pouf

Sono rivolte in modo retorico ad un pouf piuttosto omertoso e mafioso

Le risposte cercatele

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La Questione Meridionale deprime l’Italia

venerdì, 8 febbraio 2019

«Che esista una questione meridionale, nel significato economico e politico della parola, nessuno più mette in dubbio.
C’è fra il nord e il sud della penisola una grande sproporzione nel campo delle attività umane, nella intensità della vita collettiva, nella misura e nel genere della produzione, e, quindi, per gl’intimi legami che corrono tra il benessere e l’anima di un popolo, anche una profonda diversità fra le consuetudini, le tradizioni, il mondo intellettuale e morale.»

Giustino Fortunato
Il Mezzogiorno e lo stato italiano:
volume secondo, Laterza, Bari, 1911

Internet, i Social e il Web: la nuova frontiera della “censura tecnica”

giovedì, 7 febbraio 2019

Profilo Twitter

Sospeso e disattivato

Profilo Facebook

Sospeso, per l’ennesima volta

Ecco come i social mettono il bavaglio alle menti libere nel terzo millennio

Più scrivi verità, più ti attaccano

Ma non possono sotto il profilo del merito

Così, eserciti di troll senza un nome e un cognome ti segnalano come troll, tu che invece hai un nome e un cognome

Tentano di trascinare la discussione con contenuti che odiano in una sorta di parapiglia, di lite che nasconde e oscura gli argomenti

Di argomenti non ne hanno
Di ragioni nemmeno

Come prevaricare chi ha argomenti validi e ragioni ottime?

Ti rubano la password, violano il tuo account, scrivono post che violano le regole e le condizioni di uso del social e che non hai mai scritto e postato ed il gioco è fatto

Dovete aggiungere i continui e asfissianti problemi tecnici che incontri, nella app, nel social, nell’antivirus e nel secure VPN che si disattivano continuamente, nel continuo sparire della linea telefonica e internet, dei collegamenti al provider falliti, ecc, ecc, ecc

Ecco come ti chiudono la bocca nel terzo millennio

Come?

Cose che capitano a tutti?

Mi spiegate allora, perché tutti questi problemi tecnici scompaiono contestualmente alla sospensione o alla disattivazione degli account social?

Tranquilli, esistono ancora i blog

Ovvio che il mio viene indicato come non sicuro, come sito pericoloso, con altrettanti strani problemi tecnici che si rivelano comunque meno numerosi, frequenti e insistenti di quelli subiti quando scrivo nei social

Allora ho deciso di lasciare i social, ormai sotto il dominio maligno di potentati economici, finanziari e politici interessati a insabbiare la verità e a propagandare le Fake News

Beh, visto il fallimento totale del controllo globale delle informazioni attraverso giornalai affatto liberi e professionali (le Fake News Media), si è passati alla variegata problematica tecnica e di condizioni d’uso per mettere a tacere le voci libere, le tastiere non corrotte, incorruttibili

Ora capisco meglio perché la Cina deve vietare i social stranieri e metterne a disposizione di propri, non controllabili da potentati economici, finanziari e politici avversi all’interesse cinese

Fanno bene, dovrebbero fare tutti così, per garantire la libertà di espressione dalle ingerenze esterne

Nel frattempo, studio come restituire i “favori” ricevuti da certi sinistri figuri che aleggiano nel mondo virtuale e reale contemporaneo

E quando io studio, i risultati sono sempre originali, imprevedibili, accuratamente puntati a contrastare chi mi vuol chiudere il becco e non garantire o addirittura impedire alla mia voce di essere diffusa

Ma chi sono questi loschi figuri?

Chi impedisce la libera espressione e circolazione di pensieri, parole, scritti e idee?

Posto una foto che risponde dalle vostre domande

È l’immagine del Grande Fratello, the Big Brother, il fratello musulmano, il fratello democratico che attraverso la democrazia attenta alla democrazia, il famigerato premo nobel per la pace che passerà alla storia come l’artefice della disastrosa guerra in Siria e di ben due guerre in Libia per creare il più grande hotspot della storia dell’umanità per l’invasione aggressiva e massiva musulmana in Italia

Eccolo

Ecco il male assoluto odierno

Fine delle trasmissioni

Fine delle trasmissioni

Gustavo Gesualdo
alais
Il Cittadino X

Il Reddito di Cittadinanza – Analisi e Definizione

mercoledì, 6 febbraio 2019

Interviene il reddito di cittadinanza nel sistema italiano

Vediamo chi interessa e perché

Interessa tutti, ma proprio tutti

Sostiene tutto, ma proprio tutto

Compresi mafiosi, corrotti e pregiudicati

Non vi è infatti alcuna selezione per categorie che rappresentano un serio pericolo sociale ed economico letale per il nostro paese, per la sua unità e per la sua integrità sociale, legale, morale e materiale

Il provvedimento interessa in misura massiccia il meridione, con tutte le sue idiosincrasie e furbetterie, individuali o collettive che siano

Chi nasce, cresce e vive nel meridione sa benissimo che nelle categorie a reddito zero si nascondono gli autori di truffe e frodi, criminali, mafiosi e corrotti, furbetti, parassiti, veri ricchi che compaiono a reddito zero, tutti preventivamente avvisati da studi legali e commerciali molto ben pagati di spogliarsi di ogni avere per non vedere sequestrato un patrimonio creato in piena illegalità

Ne sanno qualcosa le compagnie di assicurazione, costrette a elargire indennizzi su incidenti falsi e aumentare i premi in maniera insostenibile, premi che qualche furbetto vorrebbe far pagare ad altri cittadini di altre regioni italiane non asfissiate e depresse dal fenomeno

Della serie:

noi fottiamo, tu paghi e se ti opponi, sei un razzista

Un ricatto inaccettabile, una estorsione mafiosa

Ovviamente, i mistificatori di tali realtà produrranno critiche a tali affermazioni, adducendo una crescente presenza del fenomeno truffaldino e furbettino anche al nord, così come sia ben visibile una crescita esponenziale delle mafie del sud al nord

Ecco appunto

Si dimentica troppo facilmente che codesti fenomeni nascono e crescono nel sud e vengono esportati al nord

Quali modifiche apporta un provvedimento come quello del reddito di cittadinanza in un sistema che vive di provvedimenti e aiuti dello stato?

Beh, appare come un ulteriore possibilità di arricchimento per i furbi, non certo per gli onesti, abituati a non celare i propri redditi o a produrre redditi in modo illecito e/o illegale.

Ecco una analisi che aiuterà a capire meglio alcuni concetti sopra esposti

Andiamo alla definizione di reddito:

“Il reddito, in economia, può essere definito come un flusso di ricchezza durante un periodo di tempo. Rappresenta in pratica il divenire di componenti economici attribuito ad un dato periodo di tempo.” (Wikipedia)

Andiamo alla definizione di rendita:

“Rendita è una variabile di flusso finanziario legata a più di un periodo. La rendita è un’entrata costante ad intervalli di tempo regolari per un certo orizzonte temporale.” (Wikipedia)

Come potrete apprezzare, oltre al significato insito, il reddito si coniuga con “economia” mentre la rendita si coniuga con “finanziario”

Ecco che anche la definizione di reddito di cittadinanza viene svilita di ogni senso:

dovrebbe essere una rendita di cittadinanza e non un reddito

Non ho fatto questo esempio a caso

Nel sud il reddito praticamente non esiste, compromesso come è da una economia asfittica e svilita di forza perché messa in concorrenza con soggetti che non osservano le regole e non sono concorrenti economici leali:

come può un bar serio ed onesto competere con la miriade di bar che nascono come funghi nel sud e che gli operatori della sicurezza e della giustizia indicano come “lavatrici” del riciclaggio del danaro sporco?

Non può, soccombe, come tutte le altre attività economiche serie, oneste, leali, corrette

E come è possibile produrre danaro sporco?

1) Mediante la Corruzione, elemento diffuso attraverso il quale politici e burocrati corrotti condizionano l’accesso al mondo del lavoro e del consenso, compreso e non escluso il mondo del giornalismo e dei concorsi pubblici;

2) mediante i proventi di organizzazioni criminali mafiose e comuni, entrambe interessate a riciclare immense ricchezze prodotte in maniera illegale, risorse che tali organizzazioni spendono in parte per la corruzione di politici e burocrati, al fine di evitare il perseguimento delle azioni illecite;

3) mediante la elusione o violazione o l’aggiramento delle norme che impediscono ogni forma di arricchimento illecito, di truffe e frodi alle compagnie di assicurazione, all’INPS, all’INAIL, di mendaci dichiarazioni atte a diminuire o azzerare il reddito, non pagare il fisco, la contribuzione fiscale e pensionistica

Detto questo, occorre aggiungere che la ‘ndrangheta calabrese risulta essere la maggiore impresa italiana per fatturato, battendo anche i colossi imprenditoriali onesti del nord (e vi sorprendere se Fiat FCA e Luxottica delocalizzano centrali manageriali e finanziarie?)

Immaginate quanto incida nella impoverita e impotente finanza ed economia meridionale un tale “portento” economico e finanziario

Credete forse che un soldato di questo colosso paghi le tasse, versi la contribuzione pensionistica?

Credete che codesto soldato, dopo aver fatto esplodere una bomba intimidatoria dinanzi alla saracinesca di un onesto commerciante, artigiano o industriale che rifiuta di pagare il pizzo, non viva di assegnazione di casa popolare, sostegni al reddito, forme di aiuto alle povertà?

Credete che codesto soldato paghi i farmaci, paghi l’assistenza sanitaria?

No, molto probabilmente esso nasconde la sua ricchezza in buste di plastica nera, farcite di danari che non vengono certo denunciati

Credete che nei porti turistici del sud qualcuno controlli, oltre al “legittimo proprietario”, anche chi usa gli yacht ivi custoditi?

Siamo proprio sicuri che al reddito dichiarato corrisponda una rendita corrispondente nel sud?

Basterà fare un giro in auto in città come Foggia, dove il reddito medio dovrebbe essere di circa 800,00€ pro capite e restare sorpresi nel vedere circolare numerose e costose automobili che non corrispondono a quel reddito e quindi evidentemente rinvenienti da rendite e/o redditi di tipo diverso ed oscuro, che sfuggono ai controlli

Sarà per motivi come questo che lo stato ha negli ultimi anni spostato le analisi sulla “capacità di spesa” (leggi rendita effettiva) invece del solito e inattendibile “reddito dichiarato”?

Ed è sulla base di codesto reddito dichiarato che si vuole sostenere le “fasce deboli” della popolazione?

Tra gli oppositori alla fatturazione elettronica e dell’uso esclusivo di carte di debito e di credito e prepagate si nascondono certamente molti di quei papabili usufruitori del reddito di cittadinanza che sono affatto poveri e affatto a reddito zero

Ora, mi domando:

chi ha scritto questo provvedimento, non conosce queste realtà?

Non sa egli che il mirino di questo sostegno potrebbe essere puntato sulle persone sbagliate?

Eppure, molti di loro sono meridionali, dovrebbero sapere

Conoscono benissimo queste condizioni permanenti e preminenti nella società e nella economia meridionale

Ripropongo la domanda iniziale:

quali modifiche apporta un provvedimento come quello del reddito di cittadinanza in un sistema che vive di provvedimenti e aiuti dello stato, di truffe e frodi, di elusioni ed evasioni, di dichiarazioni mendaci e mai controllate da nessuno?

Un aumento dei consumi?

Probabile

Ma chi userà quei danari, chi ne trarrà vantaggio?

Gli onesti?

O i soliti furbi?

Chi vogliamo premiare?

Chi vogliamo invece inibire, punire?

Non era forse meglio offrire sostegno alle pensioni sociali e di invalidità innalzandole permanentemente e non temporaneamente a livelli di civiltà accettabili?

Oppure è meglio continuare con incentivi che appaiono portare più risultati di propaganda che di sostanza?

Non sarebbe meglio tagliare decisamente su colossi insostenibili come la scuola italiana, maggior datore di lavoro europeo con i suoi quasi due milioni di addetti di cui la metà circa docenti?

E non era meglio utilizzare quella diminuzione di spesa pubblica pazza e disonesta per incentivare i servizi della Sanità, della Sicurezza e della Giustizia?

Oppure utilizzare questa riduzione della spesa pubblica per ridurre il cuneo fiscale, quel cancro che rende impossibile al datore di lavoro assumere con serenità e che rende non competitivo il costo del lavoro italiano con quello internazionale?

Voglio solo ricordare che un salario di 1.500,00€/mese nel cedolino parte da uno stipendio di circa 4.500/5.000 euro

In mezzo, c’è quella spesa pubblica che deve essere contenuta nei servizi non indispensabili e/o preminenti e invece potenziata nei servizi essenziali che attengono alla cura e alla protezione del cittadino

La ricerca?

I ricercatori?

Mah, un potenziamento della ricerca non può essere visto nella mera e mono oculare ottica di ammortizzatore di un mondo del lavoro reso asfittico dal cuneo fiscale

Serve altro.

Altrimenti si corre il rischio di costruire un altro disastro come la scuola, la formazione e l’università, visti più come riserva di lavoro per baroni e clientele piuttosto che servizio che possa riscattare l’Italia nel mondo.

Ora, la domanda è:

cosa volete fare?

Gesualdo Gustavo
alias
Il Cittadino X

Cesare Battisti e trattativa stato-mafia: tutti i nodi vengono al pettine che li scioglie

lunedì, 14 gennaio 2019

Una latitanza durata 40 anni quella di Cesare Battisti

Una latitanza favorita e coperta dalla sinistra italiana e dai governi italiani, dalla sinistra francese e dai governi francesi, dalla sinistra argentina e dai governi argentini

Ma alla Casa Bianca ora c’è Donald J. Trump, in Argentina c’è Bolsonaro, In Russia c’è Putin e in Cina c’è Xi Jinping

La caduta verticale di Obama bin Clinton, Giustina, Maccarona e Meccherel preannuncia l’avvento di un nuovo mondo, di una nuova politica

Le sinistre globali e il mondo delle Fake News Media sono all’ultima fermata prima del dimenticatoio:

nessuno infatti vuol ricordare chi non ha governato o ha mal governato

In questo nuovo mondo c’è spazio per i Salvini, per i Le pen e per pochi altri coerenti politici, come Nigel Farage, che da solo ha cambiato l’indirizzo britannico, contro conservazioni e politiche piuttosto sinistre e buie

Eppur si muove

Il mondo gira

Un po di luoghi comuni e frasi celebri per dire cosa?

Che le sinistre globali hanno portato il mondo alla rovina

Che l’avvento di nuove politiche e nuovi politici taglia la strada a furbetti e idioti

Ecco cosa

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il Governo del Cambiamento e l’atmosfera astiosa ed odiosa

lunedì, 14 gennaio 2019

Come volevasi dimostrare

Le condizioni create dall’avvento di un governo impegnato nel cambiamento dello stato di fatto e di diritto dell’Italia da paese dei mafiosi e dei corrotti a paese che a schiena dritta combatte realmente le mafie e la corruzione e chiede rispetto ai paesi cosiddetti amici e che non sempre si sono comportati come alleati, amici, uniti, ebbene queste condizioni innovative si incontrano e/o si scontrano duramente con la conservazione di mancato governo, difesa e tutela dello stato italiano

La risposta da parte delle forze reazionarie della conservazione di modelli e stili del tutto incivili e antidemocratici include una serie di attacchi spropositati, sproporzionati, ingiustificati e portati con astio amarissimo e contenuti di odio

Il cosiddetto mondo delle Fake News Media reagisce al governo che mette termine a tutte le pacchie, compresa la loro

La partitocrazia tradizionale si ribella con odio e rabbia alla cancellazione di mafie e corruzione

Cosa accadrà?

Accadrà quel che è accaduto a Cesare Battisti:

i delinquenti, gli sleali, gli scorretti e i traditori finiranno i loro giorni in carcere, come è giusto che sia

Spargere odio e cercare la lite con continue aggressioni non li salverà

Nessuno li salverà

Men che meno io

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La crisi delle democrazie, la caduta delle monarchie, l’avvento dei presidenzialismi e dei direttorati antidemocratici

mercoledì, 11 ottobre 2017

Il mondo è in crisi

Una crisi economica potente, ridondante, ricorrente nel tempo ha svelato alcuna verità scottanti:

– le banche facevano affari illeciti ed illegali con i politici invece di servire famiglie e imprese;
– la giovane ed estremamente corrotta democrazia italiana si manteneva sul benessere derivante dai progressi compiuti nel
ventennio fascista, dal benessere derivante dal boom economico;
– nessuna capacità politica ha prodotto quel benessere;
– i politici hanno consumato benessere e libertà, non ne hanno prodotto
– le istituzioni si arrogano prepotentemente i benefici di un benessere a loro estraneo e respingono invece le responsabilità del
mancato governo politico del paese, causa di disservizi pubblici eclatanti, spesa pubblica e debito pubblico che pagano vizio,
mafie e corruzione;
– spesa pubblica e debito pubblico non pagano i servizi al cittadino ma l’arricchimento indebito, illecito e illegale di caste e
corporazioni che hanno fatto della democrazia strumento per impedire la democrazia, per negare le libertà, per impedire ogni e
qualunque cambiamento, miglioramento o processo evolutivo del paese;
– istituzioni politiche varano volutamente leggi elettorali anche incostituzionali con il precipuo scopo di mantenere il paese in un
costante e continuo stato di instabilità politica che produce a sua volta un cercato e voluto rafforzamento incostituzionale del potere
pubblico nelle sole mani del capo dello stato, capo di stato che da ben tre mandati è mantenuto da meridionali (due napoletani e un
siciliano) e che, guarda caso, mantiene quasi ininterrottamente al governo con un giochetto estorsivo denominato “ago della
bilancia” (proprio per questo motivo la casta produce sempre leggi elettorali fallaci – e mi perdoni Oriana-) ancora un siciliano,
buono per tutti i governi e per tutti i colori, con il preciso intento di mantenere una parvenza di accesso alternativo al potere
pubblico di destra e sinistra, e che è invece un vero e proprio colpo di stato riconoscibile nel patto del nazareno sottoscritto dalle
principali forze politiche di destra e di sinistra al solo scopo di:

– impedire la realizzazione del dettato costituzionale;
– bloccare la democrazia e sospendere le libertà fondamentali;
– governare continuativamente ed ininterrottamente (sempre con i medesimi soggetti) con stratagemmi che abusino delle regole
democratiche in favore di direttorati, presidenzialismi e vere e proprie monarchie sottolineate dal soprannome affidato ad un capo
di stato: re giorgio.

Ma la crisi politica è globale e possiamo leggere i cambiamenti e le reazioni ai falsi miti della democrazia e delle monarchie (il cosiddetto politicamente corretto) negli avvenimenti dei nostri giorni.

Brexit è la reazione della Gran Bretagna al direttorato franco-tedesco in Europa, direttorato che ha portato l’Unione Europea sul baratro del tracollo, della implosione.

La secessione della Catalogna è un processo di reazione di popoli (padani, catalani, scozzesi, ecc) ai direttorati franco-tedeschi europei e alle monarchie affatto democratiche e repubblicane.

Infatti, sfugge ai più attenti osservatori che la crisi britannica e quella spagnola individuano un dato comune:

si riproducono in paesi dove non vige una moderna e liberale democrazia repubblicana, ma in monarchie malcelate in democrazie.

E in tutte e due i casi, il tentativo di queste monarchie di mettere contro i secessionismi (pave3ntati come populismi) e l’Unione Europea fallisce proprio perché scozzesi e catalani si dimostrano più europeisti nei fatti che nelle parole e negli atti di spagnoli e inglesi.

Nell’era della crisi delle democrazie emerge quindi una profonda ingiustizia di nazionalismi travestiti da democrazie che sputano rabbia e bile su popoli e populismi, per non dover ammettere di aver abusato delle sovranità dei popoli europei per fare gli interessi di caste e corporazioni interna assai corrotte e interessi di lobbies esterne come quella omosessuale e quella musulmana, entrambe orientate alla infiltrazione e al condizionamento dei governi occidentali ed europei per far vincere il dio denaro rubato al benessere dei popoli e il dio allah sovvenzionando con i pozzi petroliferi i principali partiti di destra e di sinistra e le imprese fallimentari dei politici italiani (espansionismo islamico è carota, terrorismo musulmano è bastone e voi siete una massa di vili e di codardi traditori).

Addio democrazia?

No, è solo un riequilibrio che va letto nella consueta e storica mancata equivalenza e reciproca prepotenza di poteri religiosi e politici.

Il papa di Roma fa politica, ingerisce pesantemente negli affari interni italiani e i prepotenti italiani gli rispondono minacciando di tassare i beni della Chiesa esattamente come Bonifacio VIII e Filippo il bello fecero ottocento anni or sono (secondo me finisce che il popolo defenestra Bergoglio e libera e insedia Ratzinger).

Come vedete, certe politiche non hanno cambiato nulla e mai si è stabilito, una volta per tutte, che il potere democratico degli stati etici religiosi (arabi e musulmani) è pari a zero.

Ma per fortuna di questo sventurato e derubato mondo è arrivato Donald J. Trump a rimettere ordine nel governo politico americano, portato volutamente allo sbando dai clan bush, clinton e obama (bin clinton).

Ora, attendiamo un nuovo uomo della provvidenza che rimetta le cose anche in Europa, cancellando decenni di omissioni e malgoverni, di invasioni musulmane e asservimenti a interessi stranieri.

E mentre in Italia la casta politico-istituzionale continua a produrre leggi elettorali zoppe e/o incostituzionali per garantire l’ingovernabilità (da correggere con il presidenzialismo di capi stato-dittatori mai eletti da nessuno elettore e di capi del del governo mai indicati da nessun elettore), aspettiamo che la reazione popolare dimostri in quali modalità e in quali direzioni indirezzerà le proprie energie.

Perché, se non lo avete ancora capito, ve lo ripeto io:

la pacchia è finita, pezzidimmerda.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il condono alla napoletana e l’onestà tradita

domenica, 2 aprile 2017

Ancora una volta, è un blogger che deve farsi carico delle responsabilità di una classe politica fallita e incompetente e di una casta della informazione del tutto asservita alla casta politica e affatto libera.

Di cosa stiamo parlando?

Del condono tombale ed epocale che il presidente della regione campania de luca ha elargito come ennesimo obolo elettorale ad una regione meridionale che di tutto ha bisogno, tranne dell’ennesimo schiaffo alla legge e alla legalità.

Ma ormai, non ci troviamo più di fronte ad un regime democratico e repubblicano (sia pure proprio dal governo del partito democratico si muova l’ennesimo attentato alla legalità e alla democrazia), bensì, siamo di fronte al regno di re giorgio, detto il napolitano e della peggiore classe politica italiana in assoluto, quella meridionale.

Lungi dall’affrontare e risolvere la questione meridionale, la questione morale e affermare il principio della legalità, i politici meridionali occupano i posti chiave nella pubblica amministrazione, con un effetto invasivo nella pubblica amministrazione, che vede meridionali incarnare e esercitare poteri pubblici e funzioni pubbliche in ogni luogo del paese.

Non produce più nessuna reazione infatti, il sentire inequivocabili accenti meridionali in ogni dove in Italia, soprattutto dove c’è un potere pubblico o una funzione pubblica.

Peccato non accada anche il contrario.

Siamo di fronte ad una vera e propria ferita mortale inferta al principio della legalità, un condono che cancella decenni di corruzione e di abusi, decenni di regno delle mafie nelle istituzioni e sopra le istituzioni.

E chi se ne frega se nella sola città di napoli si rilevi che siano ben 7 su 10 gli edifici costruiti in abuso delle leggi e o in sopruso di ogni elementare regola di prudenza e di prevenzione dei rischi.

Tanto, se cadono giù per un terremoto, si chiamerà l’intero paese a rispondere e pagare per tali mancanze.

Il caso in se è vergognoso, incivile, anti-democratico, immorale, contro ogni etica e ogni diligenza e prudenza, sia umana che politica che amministrativa e di governo della cosa pubblica e della applicazione della legge.

Eh, sì, infatti la legge a napoli non si applica e non si applicherà mai.

A napoli c’è un enorme, diffuso, condiviso e totale rifiuto delle regole e non osservanza delle leggi?

E dov’è il problema?

Si fa un bel condono e si risolve tutto.

La cosa che più indigna tra tutte è il silenzio in cui è caduto questo vero e proprio attentato all’unità nazionale del paese:

se una regione può fare quel che le pare, perché nelle altre si dovrebbero osservare quelle leggi che altrove vengono aggirate, quegli abusi che altrove vengono condonati?

Così si istiga a delinquere, a violare la legge nella certezza della impunità, della impunibilità.

Così si esporta un modello di vita che impedisce all’intero paese di sedere degnamente tra i grandi paesi europei, uno stile di vita criminale ed incivile che costringe l’Unione Europea a creare compartimenti stagni (le due velocità servono anche a questo) per evitare la diffusione di questo pericoloso contagio e la Svizzera a chiudere di notte alcune frontiere per difendersi dalla aggressione criminale che proviene proprio da questa Italia qui, indegna e vergognosa.

Vi meravigliate che si commettano efferati delitti senza che nessuno paghi?

Vi meravigliate che questa Italia venga dileggiata e beffata, sbeffeggiata e degradata?

E credete che il condono campano sia estraneo alla convinzione che, chi sbaglia non paga mai, in Italia?

Il silenzio dei politici campani e napoletani sulla vicenda poi, è incredibile.

Tutti, ma proprio tutti, restano in silenzio, nessuno protesta, nemmeno di maio, che al massimo si fa venire un mal di pancia e dribbla i suoi impegni nei confronti dell’Onestà.

Tutti in assoluto silenzio.

Vergognoso

Platone:
“così muore la democrazia, prima che nel sangue nel ridicolo”

Moro:
“Questo Paese non si salverà, la stagione dei diritti e delle libertà si rivelerà effimera, se in Italia non nascerà un nuovo senso del dovere”

Adesso, potete andare a fanculo tutti quanti, lerci porci che distruggono l’Italia e l’affondano sino ad affogarla nella pece.

L’onestà, l’onestà:

appena arrivano vicini al potere, si scopre che fanno schifo esattamente come tutti gli altri, e che l’onestà, è solo e sempre quella degli altri, non e mai la loro, nemmeno quella intellettuale.

Non valete un cazzo, nessuno di voi vale un cazzo.

Soprattutto, nessuno di voi è in grado di cambiare questo paese, supposto che lo voglia veramente, poiché da quel che vedo, volete solo andare a fottere la legge, la legalità, l’onestà e inculare quei cittadini che si comportano onestamente (che non vi votano più, sia pure vi abbiano mai votato per questo).

Gustavo Gesualdo
alias il Cittadino x

Similes cum similibus facillime congregantur – Pares cum paribus facillime congregantur

mercoledì, 29 marzo 2017

Oggi è il giorno della Brexit.

Stuoli di stolti interessati tessono le lodi dell’abbandono britannico alla Unione Europea come un fallimento o come una vittoria, a seconda dei casi e degli stolti.

Solo uno stolto può creder d’essere la storia, di fare la storia, di cambiare la storia.

La storia se ne frega di noi, delle nostre ambizioni personali e delle nostre beghe arriviste.

La storia scorre come un fiume, su di un letto già solcato in precedenza, un alveo che solo pochi vedono, riconoscono e rispettano.

Uno di quei pochi è Nigel Farage, un uomo che ha solo atteso alla giusta ansa la storia e l’ha cavalcata, uscendone vincitore.

Medesima storia è quella di Domald J. Trump, che ha atteso il disgregarsi di potentati immensi in America, per restituire al popolo americano quel sogno americano che clan prepotenti e oligarchici come i Bush, i Clinton e gli Obama avevano pensato di poter cancellare.

Chiunque si metta tra la storia e il suo alveo naturale trova la sconfitta, ovvero e peggio, la morte.

È proprio questo il tema di questo post, che di storico ha solo il pregio di raccontare cosa stia avvenendo in Europa e nel mondo, partendo dalla Europa, da questa Europa in frantumi.

Una unione europea che ha inseguito ed esaltato le differenze cade sotto i colpi di quelle differenze che non ha saputo governare.

Gli europei contemporanei hanno dimenticato le lezioni della civiltà greca e di quella latina.

Platone li aveva messi in guardia dalla decadenza delle democrazia.

I latini li avevano avvisati:

Similes cum similibus facillime congregantur – Pares cum paribus facillime congregantur.

In romani avevano creato un monolite mai ripetuto e sempre inseguito da altri epigoni nella storia della civiltà umana:
Carlomagno, Napoleone, Hitler.

L’Impero Romano era una magnifica macchina da guerra che comprese sin dal primo momento che, i territori acquisiti e conquistati, non potevano essere inseriti sic et simpliciter nell’Impero, nella cittadinanza romana.

Crearono quindi l’impero Urbis et Orbis, di cui si ritrovano ancor oggi esempi, ovunque, persino nella legislazione cinese.

Una sorta di federalismo imposto con la forza che consentiva a culture, linguaggi e popoli differenti di crescere e svilupparsi sotto le regole di Roma, nella difesa di Roma, per la difesa di Roma, grazie a Roma.

L’unico popolo che riuscì a fermare questa avanzata romana nel mondo conosciuto di allora fu quello dei Celti, eredi di un immenso regno senza re, e per questo fallito e scomparso.

L’assenza di una unica politica riconosciuta e incarnata, obbedita e osservata frantumò questa civiltà umana, tra le più antiche.

Roma li vinse ovunque (non prendete in considerazione i film di Asterix e Obelix, poiché anche i Galli caddero sotto la forza e il dominio di Roma, – furono totalmente latinizzati – come tutti i popoli Celti: Britanni, Galli, Pannoni, Celtiberi, Galati), tranne che nella loro terra natia, l’attuale Scozia, che resistette e costrinse i Romani a costruire muri per arginare le loro scorribande (il Muro di Adriano).

La Scozia stessa deve il suo nome dal latino Scoti, che successivamente dette vita ai nomi Scot e ScotLand.

Al giorno d’oggi, l’esistenza di questa orgogliosa popolazione scozzese è sotto gli occhi di tutti, ha invaso l’intero pianeta e la ritroviamo in nomi a noi molto familiari come la catena McDonalds o il marchio Apple Macintosh.

Gli scozzesi hanno inventato il telefono (lo brevettò Alexander Bell), la televisione (Baird), la bicicletta (Macmillan), il motore a vapore moderno (Evolvendo l’idea di Newcomen, Watt avviò e rese possibile la Rivoluzione Industriale e l’uso del motore a vapore nei trasporti – “Il vapore è il primo esempio di Dio che si sottomette all’uomo” – ), gli pneumatici (Dunlop), il sistema di pavimentazione stradale (McAdam), il tessuto Waterproof (Macintosh), la penicillina (isolata dal premio Nobel Fleming), la finanza e le banche (così come le conosciamo oggi), hanno inventato concetti come la “mano invisibile” (Adam Smith, La ricchezza delle nazioni), hanno fondato la geologia moderna (Hutton), fondato la marina degli stati uniti d’America (John Paul Jones), fondato potenti corporazioni americane (Carnegie).

Perché ho elencato questi primati?

Perché dovete capire cosa e chi sono gli scozzesi e cosa si intende quando si parla in generale di civiltà celtica.

Perché, per capire cosa sta accadendo oggi nel nostro mondo, occorre capire cosa è la Società del Nord, la Civiltà del Nord, una e diversa, ma simile, appunto.

I vichinghi (da vik, baia, – abitanti del – fiordo, quelli che vengono dal golfo) erano un popolo guerriero, in parte razziatore, in parte razziatore e commerciante (venivano chiamati anche Druzhine (dal norreno Drutt che significa “Banda di Coetanei”, simili, appunto), dei veri e propri pirati (loro è la figura di Thor e del Dio Odino (1)) ed erano appartenenti alle popolazioni Normanne:
furono i primi scopritori dell’America (e no, non fu Cristoforo Colombo), furono i colonizzatori della Russia, insediando la loro capitale a Kiev.

I vichinghi venivano chiamati anche “popolo di rematori” poiché arrivarono remando per fiumi o da quello che potremmo definire come il Mediterraneo del Nord, il Mar Baltico (o Mar dei Variaghi).
I vichinghi

Sono probabilmente i vichinghi, conosciuti come Rus a dare il nome alla Russia e ai russi (nella cultura indo-europea il termine Rus o Rut definisce il rosso sino al biondo dei capelli delle popolazioni nordiche, o come li chiamavano i Finni e gli Estoni Roots o Ruotsi, ovvero, rematori).

Impossibile non vedere l’intraprendenza dei vichinghi, il loro orgoglio di società forte nei russi contemporanei.

E veniamo alla Russia e l’Europa.

La Russia è in Europa?

L’excursus parla chiaramente di una società del nord reciprocamente influenzata, simile, appunto.

E se non vogliamo intendere la Russia come paese europeo vista dal sud Europa, possiamo intenderla europea a tutti gli effetti tale dal punto di vista del nord Europa, da quella Società del Nord che traina l’intera Unione Europea e che è stanca, molto stanca del vizio del sud, stanca sino al punto di chiedere ed ottenere una UE a più velocità e uno sbarramento alla invasione di stranieri provenienti dal sud, dai paesi arabi e musulmani.

Dove troviamo nella geo-politica contemporanea una visione che replichi e riprovi una tale visione?

Dove si incontrano e si scontrano gli interessi dei paesi europei?

Cosa ha fatto fallire questa Unione Europea?

L’insostenibile invasione di musulmani e di arabi, tra i quali ritroviamo una oligarchia petrolifera guidata dai sauditi che è considerata capace di condizionare il governo ONU attraverso i suoi finanziamenti e di condizionare l’America e l’Europa attraverso il ricatto estorsivo dei flussi migratori e la forza del potere politica americano di Barack Hussein Obama II e di Hillary Diane Rodham Clinton, binomio indissolubile che io sintetizzo in Obama Bin Clinton.

Dalla caduta di Obama infatti e dall’ingresso di Trump, la naturale evoluzione politica in contrasto alla espansione musulmana, economica, finanziaria e migratoria aumenta il suo effetto disintegratore sulla UE, costringe la Gran Bretagna ad uscire dalla UE, rimette in campo ogni rivendicazione autonomista, come quella scozzese:

si tratta di una vera e propria implosione del sistema sottomesso alla oligarchia musulmana.

Prova ne sia l’ostinata e forte aggressione alla Russia da parte degli attori e autori del fallimento americano ed europeo e la loro espressa vicinanza ai paesi del sud, ai paesi arabi e musulmani.

L’Italia e l’Europa possono comprare gas e petrolio dalla Russia come dagli arabi, ma taluni premono per la Russia e altri per gli arabi.

Capite un po meglio di cosa sto parlando?

Della prima guerra politico-economico-finanziaria globale tra Nord e Sud del mondo (dal quale escludiamo India, Corea del Sud, Giappone e Cina).

Capite adesso gli attori in campo, le loro posizioni e perché Trump ha vinto in America, perché Putin è inviso agli anti-trumpisti?

Capite ora, in questo contesto, cosa significhi il rilascio di informazioni da parte di Assange e Wikileaks e i continui scandali creati da obama bin clinton nell’abuso di NSA, CIA e FBI?

Simili con i simili, questo è il titolo di questo post.

C’è in Europa che crede ch i simili siano gli europei, compresi e non esclusi i russi di Putin e chi invece vede questa similitudine come un pericolo.

Ma quelli che vedono questo paventato pericolo sono gli stessi che fanno affari d’oro con gli arabi, sono quelli che ricevono immensi finanziamenti dai paesi arabi.

Potrei sta qui a parlare per ore di Nord e Sud, di virtù e di vizio, ma non lo farò, perché avete finalmente capito quale guerra si combatte oggi.

Ed è proprio questo il motivo che mi ha spinto a scrivere questo post:

far capire.

Ora che cominciate a capire dovete domandarvi:

chi sono, da dove vengo, chi sono i miei simili?

E subito dopo dovrete scegliere da quale parte stare.

Perlomeno lo avrete fatto sulla scorta di una trattazione onesta, forse confusa, ma onesta, sia intellettualmente che materialmente onesta.

E nons arete costretti a barcollare nel buio di una informazione affatto libera che attacca a testa bassa Trump e Putin e afferma che la Brexit sarà la fine della Gran Bretagna:

è l’esatto opposto, è la dimostrazione che l’Europa ha sbagliato politiche ed alleanze, ha tradito i simili e favorito i dissimili, i quali, in qualche modo e in qualche forma, puntano il coltello alla gola degli europei attraverso un terrorismo islamico e islamista che invece Trump e Putin dimostrano di combattere veramente.

Chi è Chi?

Ma soprattutto:

chi siete voi?

Buona riflessione.

Gustavo Gesualdo
alias Il Cittadino X

(1)
Tratto da Wikipedia:
“Il nome del dio in tutte le lingue germaniche deriva dalla comune radice proto-germanica *Wōđanaz oppure *Wōđinaz: norreno e islandese Óðinn, faroese Óðin, danese e norvegese Odin, svedese Oden, inglese antico Wōden, sassone antico Uuoden, sassone odierno Wode, frisone Weda, tedesco Wotan, alto tedesco antico Wuotan, alemannico antico Woatan, bavarese e lingue francone Wodan, olandese Woen, longobardo Godan o Guodan.
L’etimologia lo connette alla radice proto-germanica *wōþuz (norreno óðr, inglese antico wōþ, gotico wôds, tedesco Wut), che significa “furore”, “furia”, “veemenza”, “eccitazione”, “ispirazione”, ma anche “poesia”, “mente” e “spirito”. La radice imparentata nel proto-celtico è *wātus (“poesia mantica”). Radice comune hanno anche il latino vātes (“veggente”, “cantore”) e il sanscrito api-vāt- (“eccitare”, “risvegliare”, riferito ad Agni, il Fuoco) o vāt- (“soffiare”, “in-spirare”, “in-ventare”). Tutti questi termini hanno radice comune nell’indo-europeo *wāt- (“in-sufflare”, “in-fiammare”, “inspirare”). Il campo semantico del termine riconduce quindi alla sapienza e alla “vista” circa l’origine della realtà e all’ispirazione poietica, creativa che ne consegue.
Georges Dumézil similmente spiega Wut come sostantivo che significa “ebbrezza”, “eccitazione”, e “genio poetico”, ma anche come il movimento terribile del mare, del fuoco e del temporale, come aggettivo che significa “violento”, “furioso” e “rapido”.
W. S. W. Anson nel suo studio del 1880 Asgard and the Gods congettura che “Wuotan” era originariamente concepito come una forza cosmica puramente astratta, il cui nome originariamente faceva riferimento non tanto alla “furia” quanto primariamente a “ciò che pervade”, con il secondo elemento, “-an”, istituente il concetto come singolo principio permeante.
Per Anson, “wuot-” significa ” …to force one’s way through anything, to conquer all opposition…” (“forzare il percorso dell’individuo attraverso ogni cosa, per conquistare tutte le opposizioni”) e Wuotan significa quindi “…the all-penetrating, all-conquering Spirit of Nature…” (“lo Spirito della Natura che tutto penetra e tutto conquista”). Nella sua interpretazione il nome “Wuotan” è collegato anche alla parola germanica “water” (acqua), e all’idea che esprime. Il suffisso “-an” personifica, ma non antropomorfizza, l’elemento del prefisso “wuot-” come la fonte di tutto ciò che in natura somigli al concetto che esprime.”

Attentato alla democrazia: giudici e giornalisti non sono liberi?

sabato, 25 febbraio 2017

L’azione politica di Donald Trump sveste il vero re che impedisce una democrazia compiuta e parlo di quell’agglomerato informe ma evidente di cointeressenze tra le sinistre globali e certa magistratura e certo giornalismo affatto professionale.

François Fillon, Nicolas Sarkozy, Marine Le Pen.

Le elezioni presidenziali francesi son costellate da impedimenti giudiziari, tutti nel campo avverso alle sinistre:

sarà un caso?

O forse è una volontà ferrea e anti-democratica di abusare del potere pubblico incarnato per impedire che la democrazia si compia, che l’alternanza delle forze sociali e politiche al potere si verifichi?

Per non parlare delle elezioni presidenziali americane, laddove Trump ha dovuto combattere contro tutto l’establishment dei clan oligarchici e familiari che hanno soppresso il sogno americano.

Ma Trump è amato dagli americani e diviene Presidente.

Senonché, al primo atto da presidente, Trump si trova ostacolato da giornali e magistratura, da certi giornalisti e certi giudici.

Nel frattempo, in Italia, il fallimento della sinistra del partito democratico coincide con la frattura tra governo e magistratura, tra politica e magistrati in politica:

Emiliano, De Magistris, Cantone sono solo alcuni nomi che provano l’esistenza di quel fantomatico partito dei giudici che pare condizionare fortemente le vicende politiche italiane, fatta salva l’estrema corruttibilità e permeabilità mafiosa dei politici italiani.

Trump diviene apripista della prima evoluzione democratica globale:

estromette dai briefing presidenziali quei giornali e quei giornalisti che celano azioni politiche in sospette o poco credibili professionalità ed equidistanze giornalistiche.

Così, la democrazia globale viene difesa da politici tutt’altro che di sinistra, quei cosiddetti democratici che democratici non sono mai stati.

Trump scrive intere pagine di storia nella evoluzione della civiltà umana e scopre a nudo il re monarca della democrazia:

l’establishment che infiltra il potere pubblico per condizionare le scelte politiche degli eletti, quel sistema che definisce come populismo ogni esigenza rappresentativa dei popoli sovrani occidentali.

L’attentato alla democrazia è molto più che evidente, soprattutto in italia, laddove lo scandalo Consip esplode silenziato dal mondo della informazione italiana, affatto libera, sottomessa al potere e alle sue prebende.

Lo scandalo Consip coinvolge i vertici della politica e del potere (non solo politico) ma non riceve la dignità dovuta della cronaca.

Allorquando il padre dell’ex premier Renzi viene coinvolto nello scandalo giudiziario Consip (aggiungendo il suo nome a quello del figlio Matteo nell’inchiesta), Renzi fa una telefonata a Emiliano, giudice che governa la Puglia ed è esponente come Renzi, del Partito democratico.

Dopo pochi giorni, veniamo a conoscenza (con estrema difficoltà e nessuna eco mediatica) del fatto che anche Emiliano compare in quella inchiesta, essendo venuto in contatto con Lotti, quello che pare essere il perno centrale di una inchiesta che resta giudiziaria e non diviene mai giornalistica.

Questi episodi e queste vicende parlano una lingua che è antitetica alla democrazia compiuta che il Partito Democratico pretende di incarnare.

E rinforza ancor più il sospetto della esistenza di un partito trasversale e (neanche tanto) occulto all’interno dei poteri statali.

E se i poteri statali risultano in qualche modo abusati, se l’esistenza di una trattativa tra stato e mafia esiste, queste evidenze pongono pesanti e doverosi interrogativi:

ma chi governa in Italia?

Un partito trasversale occulto, democratico nel nome e anti-democratico nell’azione?

Una casta di corrotti sull’orlo di una crisi di nervi?

Direttamente le mafie?

Traballa e trema ogni sistema politico nel mondo delle libere democrazie, ma quel che preoccupa maggiormente è la poca libertà e autonomia che dimostrano di avere certi giudici e certi giornalisti rispetto al potere politico.

E questo, è certamente un attentato alla democrazia, considerando anche la maligna volontà di impedire a tutti i costi il ricorso al “liberi voto”, per lasciare alla sovranità popolare di esprimersi, invece di tirare a campare per cristallizzare una maggioranza politica che non esiste più nella realtà, ma che fa evidentemente molto comodo a poteri occulti e anti-democratici, che sopravvivono proprio grazie agli abusi e alle infedeltà di quei poteri di controllo del potere politico, quei poteri che pare abbiano dismesso i panni dell’arbitro e abbiano indossato la casacca di una sola squadra, sempre la stessa, in Italia come in tutto il mondo occidentale.

Gli interrogativi sono inquietanti, la realtà è devastante, la democrazia è impedita.

E più che un attentato, appare una organizzata associazione a delinquere globale.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X