Archivi per la categoria ‘divorzio’

La Questione Meridionale, la Crisi Europea e il Modello Elvetico Europeo

mercoledì, 28 marzo 2012

Nella Svizzera di questi giorni, si dibatte politicamente e pubblicamente di una annessione della Lombardia alla Confederazione Elvetica.

Il che, unito alle medesime ipotesi che riguardano due regioni del sud della Germania (Baviera e Baden-Württemberg), propone una interessante quanto affascinante ipotesi di una Nuova Europa che nasce e si estende basandosi sull’ormai consolidato modello elvetico di coabitazione italo-austro-franco-tedesca.

Quel che mi fa rabbia però, è vedere il sud migliore (per me, sicilia, calabria e campania le può anche inghiottire il mare, non ho alcun interesse al loro destino) che si compiace in idiozie di specie simil-culturali ed in finezze convegnistiche senza senso e senza nesso alcuno, allorquando si ergono sfide storiche di questa grandezza da analizzare e da affrontare.

La questione meridionale esiste e resiste:

non è stata nemmeno analizzata e valorizzata sul nuovo modello europeo che sta nascendo in Svizzera.

Dormite, ironizzate, compiacetevi pure:

vedrete che bel futuro vi attende.

Sarà il futuro che voi vi sarete costruiti.

Niente altro che quello.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Le due italie si allontanano sempre più

sabato, 10 dicembre 2011

il ministro dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti Corrado Passera affonda il dito nella piaga delle due italie e dichiara pubblicamente in sede parlamentare nel corso di un’audizione alla Camera sulle linee programmatiche del suo dicastero, parlando dei fondi comunitari europei per il Sud:

Entro l’anno rischiamo di perdere una quantità di miliardi pazzesca. In un momento di scarsità di risorse questo fatto sarebbe mortificante, colpevole e vergognoso.

Ancora una volta, il dito indice si punta ad indicare il mortificante stato neuro-vegetativo del sud italia, declassato a cassetta per le elemosine del resto del paese, base logistica per le infiltrazioni mafiose al nord, mortificazione continua e deprimente di tutto il paese.

Ma guai a dire che esiste una questione meridionale ovvero una conseguente questione settentrionale, o peggio, guai a dire che esiste una emergenza della monnezza napoletana (ma anche campana, siciliana, calabrese e romana) che non si è praticamente mai estinta negli ultimi decenni:

tali verità eterne verrebbero offerte al giudizio di un tribunale ….

L’insensibilità con cui si muove la classe dirigente meridionale spaventa ancor più delle mafie e del parassitismo fannullone nel sud.

Sempre alla caccia di deresponsabilizzazioni totali, mai nel governo effettivo dei territori che si è candidata a governare, mai all’attacco a tesata bassa dei fenomeni mortali della corruzione politica e burocratica e della invadenza mafiosa.

La questione meridionale?

Non è vero, sono tutte fandonie razziste, calunnie belle e buone dirette a mortificare gratuitamente il meridione.

Al danno di un meridione completamente degradato e fallito, si aggiunge la beffa di un non-governo o di un mal-governo delle classi dominanti meridionali, le uniche responsabili di ciò che accade quotidianamente.

E per carità, guai a parlar di secessione con un capo dello stato napoletano convinto, meridionalista indefesso ed anti-nord affermato.

La cosa peggiore di questa maligna condizione che impone al nord del paese una “convivenza della sudditanza e della schiavitù” è l’ignoranza estrema che la anima, l’arroganza e la presunzione impunita di politici meridionali che, con questi atteggiamenti e comportamenti falso-unitari ed avverso-secessionistici, dimostrano di non capir nulla di politica, di economia e di finanza.

La considerazione che sfugge assolutamente a tanta ignoranza è che, specie in un momento storico congiunturale come questo, sarebbe il meridione italiano a beneficiare maggiormente di una divisione del paese, di una sua separazione consensuale fra nord e sud.

Sarebbe il sud ad attirare ingenti finanziamenti dall’estero e non il nord, a causa dei differenti stili, livelli e costi di vita, che vedono primeggiare il sud sotto il profilo dei più bassi costi economici, finanziari e del lavoro.

La capacità di intercettazione di momenti importanti dello sviluppo economico di paesi come gli USA, la Cina e l’India nel mondo europeo si sposerebbe alla perfezione con il modello meridionale, piuttosto economico e con dinamiche perfette per investitori che volessero mettere un piede in Europa con finanziamenti davvero interessanti.

Molto probabilmente un sud così, attirerebbe importanti finanziatori anche dal nord Italia come dal nord Europa.

Ma per avviare questo straordinario volano industriale nel sud, bisognerebbe abbandonare il troppo condiviso parassitismo scansafatiche e fannullone, buono solo a spendere, sprecare e ladrocinare i danari che questo sud pretende dal nord, senza fornire in cambio alcunché.

E questa sarebbe la solidarietà meridionale, questa la coesione sociale sulla quale si fonda l’unità nazionale?

Beh, con questi presupposti non si va da nessuna parte e non si difende alcuna dignità nazionale unitaria, ma la si offende invece, opprimendo territori e popoli produttivi e laboriosi in favore di territori e popoli pigri e svogliati, fannulloni e sfaticati.

Molto meglio per i meridionali un bel posto di lavoro pubblico sotto casa che un posto di lavoro in una fabbrica a 40 chilometri di distanza, non è vero?

E certo, perché i settentrionali che lavorano invece a queste condizioni cosa sarebbero:

degli schiavi e dei succubi innocenti della mentalità mafiosa meridionale?

No, non ci siamo.

Siamo ancora molto lontani da una presa d’atto della classe dirigente meridionale del fallimento dello stile di vita meridionale, impagabile da chiunque, specie da un nord con l’acqua della crisi alla gola.

O la classe dirigente meridionale fa un passo indietro ed avvia una seria ed approfondita considerazione dell’analisi offerta in questo post, oppure la spaccatura fra nord e sud emergerà in modo purtroppo assai violento, suffragato dalla disperazione delle famiglie e delle aziende in crisi, oppresse e dissanguate da eserciti di connazionali che impongono un diktat irricevibile:

fratelli d’italia, schiavi del sud, dovrete spezzare la vostra schiena in un lavoro duro e faticoso per produrre quella ricchezza di cui noi abbiamo diritto (questa poi: siamo alle comiche solidaristiche) e che dobbiamo sprecare senza alcun controllo, critica o rivendicazione.

E se non vorrete stare a questo gioco, allora noi vi chiameremo razzisti.

Se non è estorsione questa, se non è oppressione questa …

L’Italia naviga verso un destino atroce, denso di sacrifici che una parte del paese si rifiuta di affrontare in prima persona, mentre la politica non vuole offrire vie d’uscita a questa situazione molto pericolosa, che può essere esemplificata in una pentola a pressione che, avendo raggiunto e superato la soglia massima di pressione sopportabile, venga spinta ugualmente ben oltre il massimo della pressione consentita e venga privata di ogni valvola di sicurezza, di ogni uscita di sicurezza all’aumento indiscriminato e costante della pressione interna.

E allora sarà meglio che affondi questa Italia, che bruci, che si smaterializzi nella povertà d’animo di quei connazionali che si comportano da schiavisti, violenti oppressori, anche se nelle falsi vesti di democratici totali.

Della democrazia questi signori han capito poco e male.

E della questione morale, ancor meno.

Soprattutto male.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

A giocare troppo con la fiamma della Libertà, ci si brucia

mercoledì, 15 giugno 2011

Una intera casta corporativa combatte la battaglia perduta della difesa di privilegi impagabili e di un prepotere impossibile.

Hanno tentato in ogni modo di fermare le riforme del paese, hanno compiuto azioni di terrorismo politico di massa sul popolo sovrano contro la riforma costituzionale della devoluzione, hanno utilizzato il metodo delle “paludi romane” per impedire il federalismo, contrastano con ogni mezzo l’avvento di una normativa anti-corruzione.

Non vogliono cambiare il loro stile di vita e pretendono che tale mantenimento a vita del prepotere corporativo, sia pagato in toto dal popolo.

Essi odiano il popolo, non lo amano ne lo rispettano, odiano ogni manifestazione sociale e culturale che sia “popolare”, avversano con ogni mezzo la possibilità che il popolo viva felice in un benessere diffuso, in un progresso condiviso ed incarnato, in un sistema statuale che sia veramente democratico, sicuro e giusto.

La casta corporativa della restaurazione conservativa della prima repubblica ha contrastato con ogni mezzo il cambiamento richiesto dai tempi e da quella parte del paese che produce quella ricchezza di cui tutti si nutrono, imponendo la schiavitù al popolo del nord nei confronti del resto del paese.

Ma il momento storico che viviamo è fortemente scosso dalla indignazione e dalla insoddisfazione popolare, del popolo che lavora e produce lavoro, che si arricchisce e produce ricchezza per altri, generosamente quanto ingenuamente.

Ma questa ingenuità è stata risvegliata da una condizione di lassismo e di rassegnazione del paese di fronte alla corruzione politica e burocratica, di fronte al cancro mafioso, di fronte alla insicurezza ed alla ingiustizia che vive il popolo del nord.

Ebbene, c’è un messaggio per questa casta di mantenuti e viziati a vita, l’ultimo messaggio:

se il federalismo non dovesse essere immediatamente approvato in via definitiva e realizzato in tempi celeri, se le riforme che urgono al paese saranno ancora rinviate sine die, la risposta che potrebbe cadere sulle scrivanie del potere romano potrebbe essere quella di una richiesta ufficiale di secessione del nord o di parti di esso da questo paese assai corrotto e mafioso.

Già taluni imprenditori del nord hanno dichiarato che, stante l’attuale condizione di crisi economica ed il conseguente immobilismo politico, potrebbero seguire la scelta di richiedere ufficialmente la secessione dall’italia per motivi economici.

Ma che sia per motivi economici, politici, culturali o sociali, il messaggio diretto alla casta corporativa della restaurazione conservativa della prima repubblica è chiaro e limpido:

libertà dalle mafie, libertà dalla corruzione, libertà dalla illegalità, libertà da una casta politica indecente, corrotta, sprecona, incapace ed inaffidabile.

Qualunque battaglia si ponga sotto il nome “libertà”, è una battaglia giusta.

Qualunque battaglia si ponga contro il nome “libertà” è una battaglia persa.

Questo racconta la storia dell’umanità.

Questo racconterà la storia di questo paese, in un modo o nell’altro.

Fine dei giochetti e dei teatrini, fine dei bluff e dei tradimenti, fine dei trasversalismi e delle convergenze parallele:

da oggi in poi, si gioca a carte scoperte e chi sbaglia, paga, ed i cocci sono certamente i suoi.

O si cambia strada o si cambia tutto.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il cialis ed il viagra fra una sessualità ritrovata e la saggezza fuggita

martedì, 14 giugno 2011

Dobbiamo farcene una ragione.

Dobbiamo prendere atto che, l’avvento di medicinali terapeutici e “sostenitori” della sessualità perduta negli uomini in età avanzata, ha cambiato il nostro mondo, capovolgendolo, sopraffacendolo.

Tutta la nostra cultura è basata su un rispetto inconscio (ed in parte perduto) di coloro i quali hanno i capelli bianchi.

Questa cultura ha permeato talmente il nostro modo di vedere le cose nel passato, che i padri costituenti ne hanno fatto addirittura un dettato costituzionale, richiedendo per le figure del Capo dello Stato e di senatore, un quoziente minimo elevato di età anagrafica, in considerazione del fatto che, una pace dei sensi acquisita nel periodo della cosìddetta andropausa, fosse un viatico più che sufficiente alla saggezza umana.

Forse era vero, forse no.

Quel che è sicuro invece, è che con l’avvento di farmaci quali il viagra e il cialis, tutto questo non è più vero, per fortuna degli uomini in età avanzata e per sfortuna della loro presunta saggezza.

Gli scandali dei nostri giorni narrano di festini e goliardie sessuali anche di personaggi in fascia di età avanzata o molto avanzata.

Il bunga bunga italiano perlomeno è un fenomeno che prevede il consenso delle donne in tenera età che decidono di incontrare uomini anziani, ma rifatti dalla testa ai piedi e soprattutto, rinvigoriti sessualmente dal “potere della pillola azzurra”.

Il bunga bunga invece del francese Strauss-Kahn, ex direttore del potentissimo Fondo Monetario Internazionale, narra di una violenza sessuale ai danni di una donna-lavoratrice, cosa certamente molto scabrosa, ben più scabrosa degli harem consenzienti berlusconiani.

Fatto sta, che dobbiamo fare i conti con questa innovativa distrazione per i vecchi saggi dai capelli bianchi o ritinti, del potere mondiale e nostrano.

Non si comprende più quale differenza passi, in termini di serenità acquisita e derivante dalla “pace dei sensi”, fra una terza età rinvigorita a colpi di farmaci e di stimolanti come la cocaina, e l’ormonale quanto naturale vivacità di uomini in giovane età.

Dopo la parità dei sessi, dovremo pensare anche ad una parità nel sesso maschile fra generazioni diverse.

Dovremmo forse pensare ad un accesso alla politica, quella che conta, di giovani maschi resi fragili ed attaccabili da una sessualità prorompente e di maschi anziani con la stessa medesima fragilità ed attaccabilità.

Non dimentichiamo infatti che, nonostante non si debba fare di tutta un’erba un fascio, non sono poche le donne che ancor oggi gradiscono una vita mondana, comoda e costosa da far pagare al potente di turno, semmai ricattandolo per le sue scappatelle extra-coniugali.

Ed oggi questo rischio è maggiormente elevato, grazie alla restituzione della sessualità ai soggetti maschi in età avanzata.

Dovremmo anche pensare a dare sfogo a questi istinti sessuali in modo civile, come avviene in quei paesi civili laddove la prostituzione è legale e dona libero sfogo ai ricchi come ai poveri, ai potenti come agli impotenti, ai validi come agli invalidi e garantisce libertà e sicurezza sanitaria alle donne che oggi si prostituiscono per le strade e per le piazze italiane, lasciate alle intemperie ed alla violenza gratuita dei mascalzoni e dei papponi, abbandonate dalla società cosìdetta civile al proprio infame destino di donne sfruttate e fottute, senza voler dare a questa ridondanza dei termini usati, alcun valore ironico:

non c’è nulla da ridere nella schiavitù palese della prostituzione italiana, è solo una cosa di cui vergognarsi profondamente, un fenomeno che denuncia un razzismo ed un sessismo indicibile ed ingiustificabile.

Senza contare quanto costa allo stato il contrasto a questa “economia sommersa”, nell’evaso prelievo fiscale e nella mancata contribuzione previdenziale.

Questa è la mia considerazione per questa giornata, una considerazione che passa per goliardica ed ironica, ma che mette in luce motivi interessanti di accesso al potere in questo paese, governato perlopiù da vecchi incipriati, ed ora, anche molto “arrapati e stimolati”.

Anche qui non si deve fare di tutta un’erba un fascio, ma in questa storia, fatta di medicinali, stupefacenti ed erbe da fasciare, la morale c’è:

basta con un potere vecchio e logoro, stanco ed arrapato.

Diamo largo ai giovani, prima che invecchino troppo anche loro.

Perlomeno potremmo contare su maggiore energia e freschezza, non taroccate da stimolanti reperibili solo in quel commercio illegale che fa la ricchezza delle organizzazioni criminali.

E scusate se è poco ….

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

O sterminiamo mafie ed illegalità, o salviamo almeno il nord.

domenica, 8 maggio 2011

L’Italia è ormai definitivamente spaccata in due italie.

In quella del sud, è emergenza continua:

dei rifiuti, sanitaria, mafiosa, del lavoro, dell’amministrazione, della politica e della burocrazia.

In quella del nord, l’emergenza primaria è divenuta l’assalto delle mafie meridionali all’economia, alla finanza e al mondo del lavoro, come ben si legge nelle difficile partita che si sta giocando sull’Expo 2015 a Milano.

Ma intanto, una visione suicida sembra proiettarsi sempre più marcata nell’agire politico.

Si ha la netta sensazione che si spinga nella direzione di una omologazione del nord al sud (e non del sud al nord…) attraverso una allucinante correlazione secondo la quale:

se siamo tutti mafiosi, nessuno è mafioso;

se siamo tutti corrotti, nessuno è corrotto;

se siamo tutti usurai, nessuno è usuraio ….

Il limite del buonsenso pare effettivamente scomparso in questo paese.

Sembra quasi una “resa politica” dello stato all’antistato, quasi una presa d’atto della assoluta incapacità delle popolazioni meridionali, della classe dirigente meridionale e soprattutto della classe politico-burocratica meridionale di autogovernarsi e di imporre la legalità sulla illegalità, la legge sul crimine, il bene sul male.

E visto che il sud è ormai perso, l’unico modo di tenere unita l’Italia è adeguare lo stile di vita del nord a quello del sud, mafiosizzando il nord in tempi brevi.

Una colonizzazione mafiosa del nord per salvare il sud, ecco il quadro che appare trasparire da una certa prospettiva odierna.

Ma il nord, non potrebbe mai accettare una sorte simile, almeno coscientemente.

E lo sforzo di valorosi uomini del nord, come quello del ministro dell’Interno Maroni nel contrasto alle organizzazioni mafiose, racconta proprio di questa impossibilità di arrendersi del nord a questa condizione di continua emergenza del sud.

Siamo costretti ad utilizzare le forze armate per ripristinare condizioni minime di vivibilità e di salubrità nel sud, al costo della incapacità delle popolazioni meridionali di governare e gestire i propri rifiuti.

In particolare, la città di Napoli appare sempre più fuori da ogni identità di civiltà europea ed occidentale.

Una città perduta, un popolo dissolto, una classe dirigente inesistente.

Un vero e proprio disastro morale e civile che rischia di inghiottire con se tutto il meridione ed anche il settentrione del paese.

Arrivati a questo punto, l’orizzonte è chiaro:

o risolviamo definitivamente la questione mafiosa e della illegalità nel sud, ovvero salviamo almeno il nord da questo massacro quotidiano.

Altra scelta non c’è, altra strada da percorrere non esiste.

L’unità di questo paese, nei fatti e nella sostanza, non esiste più, se pure è mai esistita nella sua pur breve storia.

L’Italia stessa non esiste più, la democrazia stessa non esiste più, la libertà del suo popolo non esiste più.

Senza alcun timore reverenziale verso nessun potere di questo stato di diritto che si dimostra incapace di governare questo stato di fatto, bisogna oggi darsi risposte importanti a domande fondamentali.

Se le organizzazioni mafiose puntano ad eliminare lo stato di diritto ed attentare alla libertà del popolo, dobbiamo avere la forza ed il coraggio di scegliere:

1 – sterminiamo fisicamente tutti i mafiosi, i corrotti e gli usurai applicando la pena di morte nei confronti di questi fenomeni inaccettabili ed ormai totalmente invasivi della nostra vita quotidiana;

2 – salviamo almeno il salvabile, staccando il nord del paese da un sud totalmente collassato e prossimo al decesso.

Altra via non c’è e non c’è mai stata.

Chi percorre altre strade, sbaglia, sapendo di sbagliare.

Non condurranno da nessuna parte, tranne consentire alle mafie il tempo necessario ad invadere definitivamente il nord, infettarlo in modo incurabile e “omologare ed unire” in questo modo il sud al nord.

E’ giunta l’ora, dinanzi alla storia di questo paese, di assumersi le proprie responsabilità rispetto a scelte che potranno salvare il salvabile o distruggere anche quel poco di buono che vi è rimasto.

Bisogna schierarsi, occorre assumersi le proprie responsabilità storiche, senza sotterfugi e senza perdite di tempo.

Non abbiamo più tempo.

Ma, soprattutto, non abbiamo più pazienza.

Ed ora, potete anche festeggiare i vostri 150 anni di vergogne, di tradimenti e di mafiosità.

Questa eredità storica, così pesante, così dolorosa, non può ne deve mai più condizionare il futuro di nessuno che non l’abbia scelta.

Ed io, scelgo di non sceglierla e desidero di non volerla.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il federalismo è antitetico al secessionismo?

giovedì, 24 marzo 2011

Premessa

STATUTO DELLA LEGA NORD PER L’INDIPENDENZA DELLA PADANIA
Approvato nel corso del Congresso Federale Ordinario
del 1 – 2 – 3 marzo 2002

Art. 1 – Finalità
Il Movimento politico denominato “Lega Nord per l’Indipendenza della Padania” (in seguito indicato come Movimento oppure Lega Nord o Lega Nord – Padania), costituito da Associazioni Politiche, ha per finalità il conseguimento dell’indipendenza della Padania attraverso metodi democratici e il suo riconoscimento internazionale quale Repubblica Federale indipendente e sovrana.

Finalità
L’Indipendenza della Padania è l’unica finalità per il raggiungimento della quale, la Lega Nord è nata, vive e lotta.

Il Metodo
Il Federalismo è stato individuato come “metodo democratico” per il raggiungimento delle finalità statutarie della Lega Nord.

Strumenti
Ogni altra attività in essere della Lega, è da ritenersi “strumento” per il raggiungimento di questa finalità e di nessuna altra.

Il Federalismo
Il Federalismo è lo strumento principe attraverso il quale si vuole ripristinare all’interno dello stato italiano un pesantissimo squilibrio territoriale, contributivo e fiscale che rende attualmente il nord, schiavo di un sud nel quale sprechi, parassitismi, organizzazioni mafiose ed un intero “sistema delle illegalità diffuse”, regnavano sovrani e quasi incontrastati.

Il Governo
La presenza della Lega Nord all’interno delle compagini esecutive italiane è anch’esso uno strumento di azione per il raggiungimento delle finalità statutarie.
Avendo scelto la Lega Nord la strada maestra del metodo democratico nella lotta politica, la presenza del movimento nelle maggioranze di governo e nei governi stessi ha lo scopo di incontrare quelle maggioranze parlamentari necessarie alla realizzazione delle sue finalità.

Analisi Storica

Tutto questo è la Lega Nord.

Ed io sostengo e sottoscrivo ogni singola azione posta in essere dal leader come dai vertici federali della Lega Nord.

E questo, significa essere un leghista.

Ed un leghista, deve testimoniare la sua militanza, la sua appartenenza, la sua partecipazione e la sua assoluta fedeltà al movimento.

La Lega non è un partito qualsiasi, come la militanza in esso, non può essere paragonata a nessun’altra fede politica.

La Lega non è un partito ideologico.

La militanza leghista prescinde da ogni pregiudizio, da ogni sotterfugio, e si distanzia dall’ipocrisia di quel “politicamente corretto”, che contraddistingue l’intera casta partitocratica italiana, laddove per politicamente corretto, in un paese sottosopra, corrisponde esattamente il suo contrario.

Una contraddizione in termini?

No, solo la naturale e conseguente manifestazione di un paese, che ha perso totalmente la bussola del buonsenso.

In questo cammino di libertà che i popoli del nord hanno sinora condotto insieme, sta la formula adesiva del movimento stesso.

In questa legislatura e con questa maggioranza di governo, la Lega è riuscita a trovare il consenso necessario a sostenere le decretazioni federaliste.

Precedentemente, lo strumento del Federalismo è stato osteggiato e contrastato, slealmente quanto infedelmente, da quelle forze politiche della conservazione che non vogliono veramente riformare il paese in senso federalista, poichè molto interessate a mantenere una grande e grave irresponsabilità nei confronti delle popolazioni meridionali dalle quali prelevano gran parte del loro consenso, e mantenere altresì il sud come una sorta di “zona franca” dalla legalità, dal merito e dal buongoverno.

Tali forze politiche sono ancor oggi, rappresentate dai loro leader:

Pier Ferdinando Casini e Gianfranco Fini.

Ma i loro sogni restaurativi e conservativi rispetto alla immutabilità del paese, si sono infranti contro la ostinata e considerevole capacità della Lega di tenere duro, di raggiungere gli obiettivi strategici utili al raggiungimento delle proprie finalità.

La devoluzione, benchè fosse stata varata da una maggioranza di governo, fu affossata al referendum del giugno 2006 proprio dalla inazione di quelle forze politiche che volevano mantenere un sistema statale inefficace, improduttivo, sprecone e parassitario che è stato definito proprio dal leader leghista Umberto Bossi come uno “stato criminale”.

Il Federalismo invece, proprio per la sua assoluta antiteticità ad ogni “agire criminale e mafioso” ha convinto e convince molto più della devoluzione e, grazie al “patto di ferro” stretto fra Umberto Bossi e Silvio Berlusconi, il Federalismo è riuscito sinora ad incontrare quella maggioranza parlamentare necessaria alla sua realizzazione nella realtà, nonostante i tradimenti ed i voltafaccia degli inaffidabili.

Purtroppo per loro infatti, le popolazioni meridionali hanno cominciato a capire quali benefici effetti il Federalismo può apportare al sistema che li governa, benefici effetti che sono innegabili e non riproducibili da nessun altro progetto riformatore mai pensato o progettato prima.

E questa maturata consapevolezza, è passata attraverso l’immane contrasto opposto alle organizzazioni mafiose dal ministro dell’interno Roberto Maroni, con la realizzazione di risultati tangibili, mai raggiunti prima nella storia della repubblica italiana, come pure, questa presa di coscienza passa attraverso il più oscuro lavoro di diradamento e di semplificazione normativa che frapponeva una inutile moltitudine di norme al riconoscimento autentico dei diritti dei cittadini compiuta dal ministro Roberto Calderoli.

Ed è il risveglio delle coscienze sopite, degli animi addormentati, dei sogni abbandonati:

tutto quello che ci è stato promesso in dieci lustri di campagne elettorali marchiate dal sistema della democrazia bloccata, del voto di scambio e della capacità di controllo del voto da parte delle mafie, tutte quelle promesse mai mantenute dalla casta partitica italiana, i leghisti lo hanno voluto, lo hanno combattuto e lo hanno realizzato.

Ed è un attimo il rendersi conto che quella montagna di menzogne e di ingiurie contro la Lega ed i leghisti, erano solo il frutto bacato dell’odio, del rancore, della gelosia e della invidia infinita di cui erano ammantati gli adepti di una casta politica meridionale incapace ed arruffona che è tutta da dimenticare.

Ma il futuro del meridione, era e resta nelle mani dei meridionali, i quali, abituati a vedersi cadere “la manna dal cielo del nord” gratis et amore dei, possono essere tratti in inganno dall’agire dei leghisti.

La Lega ha ben altre finalità che quella di salvare il meridione, se non, caso ed incidenza, incontrare il consenso popolare meridionale sulla strada che conduce al federalismo, che è antitetico alle organizzazioni mafiose ed al mondo della cattiva amministrazione.

Il Federalismo quindi, come risoluzione unica sia della questione settentrionale che della questione meridionale, posto che, la prima, è sicuramente figlia dei danni e dei mali provocati dalla non risoluzione della seconda.

Due questioni, due aspetti, due italie della stessa medaglia italiana.

Ecco dove nasce il punto di incontro fra tutela degli interessi delle popolazioni settentrionali e tutela degli interessi delle popolazioni meridionali.

Considerazioni Finali

Una domanda nasce spontanea:

il federalismo è antitetico al secessionismo?

Ovvero il federalismo si può dimostrare una strada che ricongiunga quelle due italie che invece sembrano irrimediabilmente divise, separate in casa?

Su questo tema, si spacca più di un fronte.

In questo tema, si può ricomporre più di un paese.

E’ la soglia di un nuovo cammino.

Il futuro, ci dirà quale strada percorrere, o forse il caso, o forse l’alternanza delle spinte contrapposte.

In questa ottica, il percorso federalista potrebbe unire ciò che non è unito ovvero dividere quel che è già disgregato.

Come ogni scommessa importante della vita umana, solo la provvidenza sa cosa porterà.

La provvidenza e quegli uomini e quelle donne che hanno la capacità di condurre le genti.

La provvidenza dei pastori d’uomini.

Ed un altro capitolo biblico inizia, un’altra parabola della divina commedia umana prende l’avvio.

Una commedia all’italiana….

Come quella commedia all’italiana dell’omonimo genere cinematografico che nacque nella seconda metà degli anni cinquanta del secolo scorso, parafrasando il titolo di uno dei più grandi successi di questo filone cinematografico:
Divorzio all’italiana del regista Pietro Germi.

E siamo di nuovo alla domanda iniziale:

sarà quel sì mai espresso, quel matrimonio mai veramente voluto o sarà un divorzio, una separazione consensuale fra due coniugi che non hanno mai “consumato” la loro unione?

Che facciamo?

Consumiamo?

O mandiamo questo “matrimonio combinato” a ….. escort?

Ai posteri, l’ardua sentenza.

A noi, solo le tribolazioni che questo dilemma impone.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X