Archivio di marzo 2016

Lo Strapocchio

mercoledì, 9 marzo 2016

C’ERA UNA VOLTA LO STRAPOCCHIO, ANIMALE ORMAI ESTINTO, UNO
STRANO DRAGO CON UN SOLO OCCHIO, CHE VIVEVA SU UN PIANETA
ROSSO, CHIAMATO ROSSOCCHIO.

LO STRAPOCCHIO ERA DI COLORE VERDOCCHIO E VIVEVA IN UNA
FORESTA DI ALBEROCCHI, PIENA DI CAPROCCHI.

LO STRAPOCCHIO SI SENTIVA MOLTO SOLO POICHÉ ERA L’ULTIMO
DELLA SUA SPECIE ED ERA ANCHE MOLTO AFFAMATO A CAUSA DEL
FATTO CHE I CAPROCCHI STAVANO BEN LONTANI DA LUI, PERCHÉ
SAPEVANO DI ESSERE IL SUO PRANZO PREFERITO.

UN BEL GIORNO, LO STRAPOCCHIO, SI TRAVESTÌ DA LUPOCCHIO E SI
AVVICINÒ A UN GRUPPO DI PICCOLI CAPROCCHI CHE GIOCAVANO A
SALTEROCCHIO NEL BEL MEZZO DI UN BOSCOCCHIO DI ALBEROCCHI.

I CAPROCCHI EBBERO PAURA DI LUI PERCHÉ ANCHE IL LUPOCCHIO
MANGIAVA I CAPROCCHI E LORO LO SAPEVANO MOLTO BENE.

MA LO STRAPOCCHIO RASSICURANTE, DISSE LORO:

“NON TEMETE,IL MIO E SOLO UN TRAVESTIMENTO!”

I CAPROCCHI SI AVVICINARONO INCURIOSITI E CHIESERO:

“SE NON SEI UN LUPOCCHIO E NEMMENO UN CAPROCCHIO, ALLORA,
CHI SEI E COSA VUOI DA NOI?”

“IO SONO UNO STRAPOCCHIO E VOGLIO GIOCARE CON VOI AL GIOCO
DEL PRANZOCCHIO” RISPOSE TOGLIENDOSI IL TRAVESTIMENTO.

E COSÌ, LI MANGIÒ TUTTI IN UN SOL BOCCONE.

MORALE:
NON AVER PAURA SOLO DI CIÒ CHE VEDI
MA ANCHE DI QUEL CHE NON VEDI.

Non si tratta con mafiosi e terroristi

venerdì, 4 marzo 2016

Uno stato di diritto, che si autodefinisca democratico, repubblicano, libero e liberale, può scendere a patti e trattative con mafie e terrorismo?

Questa domanda non è retorica:

è invece una accusa ben precisa.

Tralasciando momentaneamente la squallida e vile vicenda della Trattativa stato-mafia che ha svenduto sovranità ed esercizio del potere esecutivo e legislativo alle mafie italiane, concentrerò la mia attenzione nelle vicende che vedono italiani rapiti dalle mafie musulmane e dal terrorismo islamico.

Il 4 febbraio 2005 viene rapita dall’Organizzazione della Jihad islamica Giuliana Sgrena, mentre si trovava a Baghdad.

Per la sua liberazione lo stato italiano paga ai terroristi islamici (questa frase mi da i brividi e un certo senso di profonda nausea) un riscatto per la liberazione della Sgrena di oltre 5 milioni di euro.

L’auto su cui viene trasferita la Sgrena dopo la sua “liberazione” viene bersagliata da soldati americani con non meno di 3-400 colpi:

nel tiro al bersaglio americano perde la vita Nicola Calipari e viene ferito Andrea Carpani, entrambi funzionari del SISMI.

Nei nostri giorni, Fausto Piano e Salvatore Failla, due dei quattro ostaggi italiani in Libia che sarebbero stati dapprima rapiti da una banda mafiosa e poi “ceduti” (leggi venduti) alle bandiere nere di Sabrata, vengono uccisi da unità miliziane fedeli al governo di Tripoli, quello non riconosciuto dalla comunità internazionale.

Oggi, apprendiamo che gli altri due ostaggi italiani (Filippo Calcagno e Gino Pollicardo) in mano alle mafie musulmane e al terrorismo islamico sono stati rilasciati.

L’intera operazione pare sia costata 12 milioni di euro, forse inizialmente versati per sbaglio e in parte al loro autista (complice dei mafiosi che li rapirono, ma non dei terroristi ai quali furono venduti).

Il 1º agosto 2014 intanto, venivano rapite Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, sequestro di persona a scopo di estorsione avvenuto ad Aleppo in Siria, durante la guerra civile siriana e nel territorio controllato dai ribelli siriani, alleati dell’ISIS.
Greta Ramelli e Vanessa Marzullo è stato un caso di sequestro di persona a scopo di estorsione avvenuto ad Aleppo, nel nord della Siria, la notte fra il 31 luglio e il 1º agosto 2014, dove da tempo combatte l’Esercito siriano libero, nella fase più cruenta della Guerra civile siriana; vittime del rapimento sono state le due cooperanti italiane Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, entrambe ventenni[1]. Le due ragazze sono state liberate il 15 gennaio 2015 a seguito di una lunga trattativa fra con il Fronte al-Nusra e, anche se non confermato ufficialmente, dietro il pagamento di un riscatto.
Vengono “liberate” il 15 gennaio 2015 a seguito di una lunga trattativa fra con il Fronte al-Nusra dietro il pagamento di un riscatto di 12 milioni di euro (talune fonti musulmane citano 20 milioni).

Cosa possiamo dedurre da queste vicende?

1)
lo stato italiano paga il riscatto a mafiosi musulmani e terroristi islamici per liberare cittadini italiani sequestrati proprio a scopo di riscatto;

2)
il costo unitario pagato dallo stato italiano è di 6 milioni di euro per un singolo rapito e 12 milioni per due rapiti;

3)
esiste quindi un consolidato rapporto tra le istituzioni italiane con i mafiosi musulmani che sono legati alle mafie che inondano l’Italia di clandestini (pagano singolarmente circa 4 mila euro il viaggio verso l’Italia), e tale rapporto è consolidato e continuo, con tanto di catalogo prezzi, qualunque siano le sigle e in qualunque parte del mondo arabo e musulmano avvengano queste trattative.

Sorge spontanea la domanda:

che stato di diritto è questo?

Uno stato che tratta e svende la sovranità popolare a mafie interne ed esterne e terrorismo interno ed esterno?

Non dimentichiamo infatti, che il terrorismo islamico agisce nel nostro paese e gli allarmi lanciati dagli organismi antiterrorismo confermano l’altissimo rischio che vive l’Italia.

Ma, lo stato, non dovrebbe difendere la Sicurezza Interna ed Esterna del paese (nazione, patria)?

E invece, cosa fa?

Scende a patti e compromessi con i nemici della sicurezza interna ed esterna italiana?

Finanzia le mafie e il terrorismo?

Non meraviglia se, di fronte a tale vile pronazione al terrore i soldati americani e le milizie anti-ISIS bersaglino il frutto di un tale tradimento.

Attenzione a questo passaggio:

in un teatro di guerra al terrore globalizzato, ogni finanziamento al terrorismo islamico può essere visto e punito come un tradimento.

E, per dirla proprio tutta, anch’io penso che sia un tradimento del popolo, del territorio e del giuramento di fedeltà allo stato italiano finanziare e scendere a compromessi, patti e trattative con i suoi principali nemici:

così son bravi tutti a governare e lo sarebbe persino un bimbo di due o tre anni.

Sapete qual’è il problema della casta politica italiana?

Il problema è che NON HANNO LE PALLE, per vivere come per governare e difendere la vita altrui.

E questo è un fatto grave e serio.

Questo è un gravissimo atto di tradimento ed andrebbe perseguito e inibito.

Gustavo Gesualdo
spacciatore di palle
cacciatore di pallisti