Archivio di giugno 2012

Herr Muller, Angela Merkel, l’Esm, l’Efsf e la BCE all’italiana

venerdì, 29 giugno 2012

Il pressing italiano per evitare la dichiarazione e conseguentemente l’assoggettamento dell’Italia ad un piano di austerity che pieghi la volontà politica italiana ad un programma di buongoverno e del risanamento del debito e del bilancio pubblico italiano da raggiungere attraverso una drastica riduzione della spesa pubblica che sia ben chiaro e definito negli step finanziamento UE a condizione del rispetto dei patti da parte italiana così come avviene per la Grecia, offre uno spunto di riflessione sulla premeditazione delle richieste italiane che pretendono di essere sganciate da ogni diretta contropartita.

Si parte dalla svendita del Sì italiano alla guerra anglo-franco-americana alla Libia di Gheddafi contro l’insediamento dell’italiano Mario Draghi alla poltrona-chiave della European Central Bank, si passa attraverso la sostituzione della figura del premier Silvio Berlusconi con quella del Premier Mario Monti e si arriva all’odierno attacco concentrico al cancellierato tedesco retto da Angela Merkel.

Il tema è quello dell’abuso proprosto dall’Italia del Fondo Salva Stati da gestire in proprio dalle singole nazioni, nel tentativo di eludere il meccanismo merkeliano del “salvataggio al prezzo della unificazione politica europea sotto la bandiera tedesca”, meccanismo che dovrebbe impedire agli stati in fallimento del sud Europa di continuare e consolidare in questa nuova visione europea comportamenti, modelli e stili di vita che producono un continuo ed incontrollato aumento della spesa pubblica e del coneguente infinito aumento dei relativi debiti pubblici sovrani, che andrebbero saldati e compensati con una continua emorragia del fondo salva stati che diverrebbe così, una strada defintiva per eludere ogni riforma ed ogni liberalizzazione come anche ogni visione di intergrazione europea vera e propria, lasciando intatto il nodo centrale delle crisi e dei fallimenti statali attuali.

Tirando le somme, l’Italia spinge per aiuti finanziari europei che però non debbano essere appellati per tali e, soprattutto, per evitare una dichiarazione di fallimento dello stato italiano che condurrebbe ad una resa dei conti interna piuttosto violenta, poiché l’indebitamento pubblico italiano corrisponde stranamente alla somma delle corruttele politiche e burocratiche.

Sarebbe molto difficile per la classe dirigente italiana, assia corrotta e mafiosa, nascondere i veri motivi che sono alla abse della galoppante spesa pubblica produttiva di un debito che non è affato pubblico, ma partitocratico, di casta e di corporazione mafiosa in abuso del potere pubblico e costituita in danno del popolo sovrano.

Resta inspiegabile al “cittadino X” tedesco, denominato “Herr Muller”, perché il popolo tedesco debba essere costretto a pagare per un debito pubblico costruito in maniera così fraudolenta e delinquente, secondo il metodo mafioso della violenza, dell’abuso del potere pubblico e della omertà.

Il ritratto che se ne trae è infatti esattamente quello di una vera e propria estorsione mafiosa italiana ai danni del popolo tedesco da parte delle caste e delle corporazioni mafiose italiane.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Diritto al lavoro sì. Diritto al posto fisso no.

giovedì, 28 giugno 2012

In un paese democratico moderno, si ha un generale e generico diritto all’accesso, alla salvagurdia, alla difesa e alla tutela al lavoro.

Ma non esiste e non è mai esistito e non esisterà mai più un diritto al posto fisso.

Questo qui pro quo fra il diritto al lavoro e l’accesso ad un privilegio come il posto fisso con carichi di lavoro e produttività inesistenti, ha ucciso la Pubblica Amministrazione italiana, riducendola ad una cloaca a cielo aperto, una latrina piena di sfaticati e fannulloni, di raccomandati e lobbisti dell’abuso nel potere pubblico.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Riflessioni a tastiera aperta – 27 giugno 2012

mercoledì, 27 giugno 2012

Della arroganza e del razzismo degli omosessuali e della loro comune eterofobicità

Non ho capito una cosa nelle discussioni sulla omosessualità:

se non sei favorevole al matrimonio omosessuale, vieni tacciato d’essere un ignorante.

Può darsi, ma ….

Premesso che gli omosessuali impongano anche agli eterosessuali il pagamento delle spese sanitarie e farmaceutiche per le cure ai danni alla salute pubblica e privata provocati da un modello sessuale sbagliato, non si vede perché l’istituto giuridico e religioso del matrimonio, che è l’unione fra un uomo ed una donna, debba essere abusato in virtù di una invidia piuttosto velenosa che riserva sempre un omosessuale rispetto agli eterosessuali.

Omosessuali?

Siete solo degli arroganti e dei razzisti.

Della crisi italiana

Germania:
negli ultimi due anni, anni di crisi, il gettito fiscale tedesco è aumentato quasi ogni mese.

In italia invece, un popolo truffato nella sua sovrantà viene costretto a pagare un impossibile debito pubblico frutto di ruberie, corruttele politiche e burocratiche, di evasioni ed elusioni fiscali, di usure e di estorsioni mafiose, deve fare i conti con un imminente fallimento che dovrebbero invece pagare mafiosi, politici, burocrati e sindacalisti.

Della sopravvivenza umana

Un clima sempre più caldo incendia il pianeta.

Ma per ridurre significativamente le temperature, bisognerebbe ridurre della metà la popolazione umana nel pianeta.

Chi si vuole occupare di questa emergenza che mette a rischio la sopravvivenza della stessa vita sul pianeta Terra?

Chi ha il coraggio di governare questa emergenza umana e planetaria?

Dell’allargamento della giunta comunale varesina

Se crea una maggioranza con tutti dentro il varesino Professor Mario Monti, allora egli viene additato come il demone personificato dai leghisti varesini.

Se invece crea una maggioranza con tutti dentro un sindaco leghista, allora va tutto bene.

Di più: adesso la lega varesina sostiene con la sua astensione anche le unioni omosessuali.

Evidentemente sono proprio allo stremo, senza una goccia di consenso e a caccia dei voti degli omosessuali.

Dicevano di averlo duro, ma pare che adesso sian molto più disposti a prenderlo duro, pur di mantenere l’oggetto del desiderio omosessuale bene incollato alla cadrega del potere pubblico.

Verrà fuori qualcosa di secessione e di federalismo da questa lega?

La lega nord, quella di un tempo, è finita:

morta e sepolta.

Del Potere Temporale

In questi momenti di drammatica incertezza, io ho raggiunto una mia certezza:

metti una cosa sotto la cura ed il governo di un italiano ed avrai tanto spreco e corruzione, evasione fiscale e mafiosità, inettitudine ed egoismo.

Ben venga allora un papa tedesco a capo del paradiso fiscale del Vaticano, un politico tedesco a capo dell’esecutivo italiano, un poliziotto tedesco, un giudice tedesco, un sindacalista tedesco, un operaio tedesco, e così via, sino alla trasformazione dell’Italia in un paese normale.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Fallisce l’Italia: troppo grande per fallire come per essere salvata

martedì, 26 giugno 2012

Il sud Europa con tutto il bacino del Mediterraneo sta crollando miseramente sotto i colpi di stili e modelli di vita gravemente e seriamente dannosi, impagabili ed ingiustificati, egoisti e corrotti.

Dopo l’Irlanda, il Portogallo, la Grecia e la Spagna, cade anche Cipro, che infine chiede aiuto alla UE per evitare un fallimento duro e doloroso.

L’Unione Europea della Grande Germania non ha alcun problema per un salvataggio cipriota o greco, a patto che questi paesi assolvano onestamente e pienamente alle richieste europee che puntano ad eliminare alla base quei comportamenti che hanno prodotto un tale e devastante risultato.

Ma, queste lezioni, in Italia non sortiscono gli effetti dovuti e voluti dalla comunità internazionale, costretta a salvare l’Italia dal proprio fallimento, a salvare dal fall out un paese che è troppo grande per fallire, troppo grande per non fallire, e troppo grande per essere salvato.

Eserciti di mafiosi, politici, sindacalisti e burocrati italiani saranno sottoposti al vaglio della storia, indagati e condannati dalla giustizia, quella vera, quella umana giustizia di un grande cuore tedesco, che sa amare oltre ogni limite, ma che proprio per questo, non accetta il tradimento, la truffa alla napoletana, il fallimento pilotato.

Eserciti di mafiosi che conosceranno anche la giustizia del cuore italiano, un troppo ferito, per essere guarito.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il Governo Globale del Pianeta Terra

lunedì, 18 giugno 2012

Di fronte alle odierne sfide globali leggo un orientamento negativo alla chiusura.

Taluni credono che basterebbe chiudersi nel proprio orticello nazionale, regionale o comunitario per difendersi dalle conseguenze di una globalizzazione della economia e della finanza e per garantirsi un futuro differente da quello che sembra attendere l’umanità terrena.

Vorrei dire a questi tentativi di chiusura che non cambi nulla dal tuo piccolo orticello, poiché l’atmosfera che respiriamo e l’acqua che beviamo, provengono entrambe da tanti altri orticelli coltivati in modo differente dal tuo.

Se non si va urgentemente verso un governo globale che governi la globalizzazione, siamo morti, tutti morti.

Non fa differenza se morti avendo ragione o se morti avendo torto:

saremmo tutti ugualmente condannati a morte, giusti ed erronei.

Per affrontare e contrastare gli effetti della globalizzazione economica e finanziaria, occorre avere un governo globale che indirizzi tutto il pianeta verso una sopravvivenza in senso globale.

Urge un governo globale.

Se non saremo in grado di governare globalmente le risorse, le emissioni in atmosfera, l’incremento demografico, i flussi migratori, la produzione egli alimenti, gli stili ed i modelli di vita, saremmo tutti condannati a morte.

Urge un governo globale che affronti le esigenze globali della vita sul pianeta e governi in maniera globale il pianeta, ormai prossimo ad un collasso globale.

Spero di esser stato chiaro nella esposizione della cronaca di una morte globale annunciata e mai sventata.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Mai più consenso per una democrazia corrotta e mafiosa

lunedì, 18 giugno 2012
Capitale corrotta Nazione infetta

Capitale corrotta Nazione infetta

Un titolo de l’Espresso del 1956:

«Capitale corrotta, nazione infetta»

Un titolo de La Repubblica del 2012:

«Politica corrotta, economia infetta»

Dalla nascita della repubblica Italiana ad oggi, nulla è cambiato.

L’Italia si è mostrata come un paese profondamente mafioso e troppo corrotto, un paese che non merita affatto di salvarsi dal presente e latente fallimento socio-economico-politico-burocratico-finanziario.

Siamo andati a votare per decenni con il cuore e la mente colmi di speranze, cambiando il nostro voto o lasciandolo immutato al fine di sperare in un cambiamento che non è mai arrivato.

Ma chi di speranza vive, disperato muore.

Il risultato è che abbiamo concorso e cotribuito (anche se involontariamente e perché tratti costantemente in inganno) con il nostro voto alla creazione di uno stato canaglia, criminale e criminogeno, assai corrotto e mafioso.

Andare a sostenere un sistema così corrotto e mafioso continuando a delegare la nostra sovranità è un autentico suicidio.

Mai più al voto e per nessuno:

se con il nostro voto non siamo riusciti a salvar nulla, questo significa che questo stato di fatto e di diritto non è mutabile attraverso le elezioni, e se non possiamo fermare queste caste mafiose, queste corporazioni mafiose e queste organizzazioni mafiose, almeno possiamo rifiutare di essere loro complici consegnando loro la nostra sovranità.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Euro Bound-Light, Euro Bills, Euro Estorsione

domenica, 17 giugno 2012

L’ultima invenzione salva stati del sud Europa si chiama euro bound light.

Ma per allontanare l’idea dell’euro bound dalla testa della Cancelliera Tedesca Angela Merkel, è stato addirittura inventato un nuovissimo nome incantatore:

euro bills.

Insomma, i paesi dell’Europa meridionale ad ispirazione cattolica che sono responsabili di un fall out dell’intera Unione Europea e forse, dell’intero sistema occidentale, le inventano proprio tutte per non pagare o per essere costretti a diminuire drasticamente i loro enormi ed ingiustificati debiti pubblici.

La mancanza di rispetto nei confronti delle legittime richieste tedesche (euro bound emessi solo a seguito di una effettiva unione fiscale e politica europea) è incredibile e supera ogni educazione civica e civile.

Pretendere che il popolo tedesco paghi per le mancanze ed il malgoverno cattolico e sud europeo rappresenta ben più di una semplice mancanza di rispetto nei confronti del popolo tedesco e ravvisa un vero e proprio tentativo di estorsione praticato ai danni di chi non ha alcuna responsabilità nella costruzione di debiti pubblici sovrani distruttivi dell’intera Unione Europea e dell’intero mondo occidentale, così come oggi lo conosciamo.

Una estorsione che il sottoscritto non rinuncia a chiamare con i vocaboli più giusti ed adatti:

una estorsione mafiosa travestita da richiesta imposta di solidarietà e di carità cristiana.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Questa è Mafia

sabato, 16 giugno 2012

Breve Lezione di Educazione Civica

Perché voti Tizio?

Perché mi ha dato una casa popolare gratis quando non avevo i requisiti per ottenerla, ed ora, ne darà una a ciascuno dei miei figli che portano al partito di Tizio tanti voti.

Perché voti Caio?

Perché mi ha dato un lavoro pubblico gratis, dove non svolgo alcun impegno e nessuno mi controlla, dove ho un telefono a disposizione e potere pubblico da abusare per ricattare ed estorcere danari e/o favori e prebende sottobanco ai fruitori del servizio che dovrei offrire gratuitamente.
E se sono troppo vile per ricattare ed estorcere, posso sempre partecipare al ricatto e alla estorsione dei colleghi, in cambio del mio silenzio.

Perché voti Sempronio?

Perché mi assegna appalti, consulenze ed incarichi pubblici abusando del potere pubblico che esercita, ed io corrispondo con i voti miei, dei miei amici, dei miei famigliari, e dei miei dipendenti e dei loro famigliari.
Poi, lo aiuto anche in campagna elettorale con qualche finanziamento in nero, tanto per non far capire che siamo in Società.

Tizio, Caio e Sempronio ed i loro associati a delinquere che ricevono posti di lavoro pubblici ovvero appalti pubblici, incarichi e consulenze pubblici, sono dei mafiosi.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La mafia politica foggiana mandante dell’occupazione abusiva e violenta di alloggi popolari a Foggia

sabato, 16 giugno 2012

A Foggia, occupati abusivamente e violentemnete 16 alloggi popolari destinati a legittimi assegnatari.

Una comunità che accetti e subisca bovinamente ancora questa prassi violenta e mafiosa dell’occupazione di alloggi (il mandante è sempre certa politica mafiosa in questi casi) da destinare a famiglie bisognose ed il relativo silenzio istituzionale in cui cade questa notizia, fanno coprendere che:

A – nessuno mai metterà alla porta i mafiosi che hanno violato la legge occupando gli alloggi indebitamente;

B – questa città è omertosa e complice delle mafie in modo ormai irrecuperabile. Una comunità che accetti e si sottometta in silenzio a prassi sociali fondate sulla violenza e sulla sopraffazione, in ogni caso in violazione della legge, dell’etica e della morale, non può in nessun modo accedere al mondo civile e urbano.

Un degrado così abnorme e violento rispetto al disagio sociale di chi ha bisogno di aiuto ed ha le carte in regola per riceverlo,
fa pensare che non vi sia una via d’uscita democratica da questo stato di fatto a Foggia.

E se quegli alloggi venissero lasciati nelle indebite mani che li hanno occupati con l’uso della forza, allora il pensiero razionale arriva alla conclusione che non vi sia effettivamente alcuna via d’uscita da questo degrado e da questo disagio senza il ricorso alla sospensione del sistema democratico e ad una “cura sociale” offerta a base di olio di ricino e manganelli, oltre che di plotoni di esecuzione e di ghigliottine.

In considerazione di queste acontinue aberrazioni mafiose e violente, bene fa chi in Europa ritiene di disintegrare il centro-sud italiano dalla unione europea:

questi incivili ed i loro complici silenziosi ed omertosi non meritano di appartenervi.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La Nuova Unione Europea senza Centro e Sud Italia

venerdì, 15 giugno 2012

L’autorevole organo di informazione finanziaria, economica e politica, il Financial Times, lancia l’idea condivisa da molti autorevoli leader politici, economici e finanziari europei di una Nuova Unione Europea che sia sganciata dal malgoverno e dalla inciviltà che rendono incompatibili taluni stili e modelli di vita soprattutto sud europei e mediterranei.

Il nuovo modello europeo, definito “modello ideale”, prevede l’integrazione delle sole Francia, Germania, Benelux e Nord Italia, così come riportato nel disegno.

La Nuova integrazioe Europea include solo Francia, Germania ed i Paesi del Benelux

Nessuna integrazione prevista per Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda e Centro-Sud Italia.

A ben osservare, sono proprio gli stili di vita ed i modelli socio-politico-economici del sud Europa e del Mediterraneo ad essere estromessi da questa Europa ideale, e sono proprio quelle regioni europee cadute sotto la scure della crisi a soccombere a causa del malgoverno, della corruzione e dei livelli di vita incompatibili con le proprie economie mantenuti in essere da un indebitamento insostenibile.

In più, si osserva che tutti i paesi estromessi da questa futuribile Unione Europea, sono paesi marcatamente cattolici.

Evidentemente vi deve essere un nesso ed una relazione fra il malgoverno, la corruzione, l’inefficacia, l’inefficienza politica e burocratica e l’ispirazione cattolica in quei paesi che sono miseramente falliti.

Deve esserci una certa incompatibilità fra il verbo della Chiesa ed il verbo della civiltà umana avanzata, come se l’avanzamento civile dell’uomo chiedesse un nuovo adeguamento alla condizione umana moderna alla Chiesa Cattolica, quasi un Nuovissimo Testamento che i figli di San Pietro rifiutano evidentemente a causa della verticale perdita di potere temporale richiesta da un tale passo di adeguamento ed aggiornamento religioso alla vita civile e democratica.

Per quanto riguarda le cose italiane, il nuovo modello ideale di una Europa Unita esclude il Centro ed il Sud Italia, integrando solo la ricca e maggiormente civilizzata regione padana.

Si percepisce in questa scelta la volontà di alienare dalla Unione Europea l’inciviltà conclamata di regioni dedite alla adorazione egoistica del dio danaro, nella quali mafia, usura, corruzione, evasione fiscale ed abusi, frodi organizzate e truffe in associazione del potere pubblico la fanno da padrone, pretendendo di godere di un benessere ed una ricchezza che non si è mai prodotta in quelle stesse regioni, ma in altre ad esse asservite con la violenza di una integrazione coercitiva ed oppressiva.

E tutto questo fermento disintegrativo del presente modello europeo sembra prendere forma dal giorno in cui, la più grande organizzazione criminale europea, l’organizzazione mafiosa ‘ndrangheta italiana, ardì commettere una strage denominata Strage di Duisburg o Strage di Ferragosto, evento criminale avvenuto in Germania e messo in atto da esponenti della ‘Ndrangheta, davanti ad un ristorante italiano.

Da allora, non si contano più i continui richiami della “Europa che conta” a riordinare e riformare non solo i conti ed i bilanci statali, ma anche la penosa politica italiana, incapace di assicurare uno stato democratico efficiente e moderno al popolo italiano, ed in particolare, al popolo meridionale italiano.

La strage mafiosa italiana commessa nel cuore dell’Europa ha avuto una risposta netta e decisa:

non si accettano provocazioni mafiose, non si accettano mafie in Europa, non si accettano mafiosi e corrotti nella Unione Europea.

Se le intuizioni su riportate avessero un che di verità, la situazione presente e futura delle popolazioni del centro-sud Italia muterebbe diametralmente:

un fallimento totale, civile, sociale, statale, politico, economico e finanziario che trascinerebbe le popolazioni meridionali in condizioni di povertà dure e pesanti, premessa di azioni violente a tutela dalla aggressività mafiosa presente in quelle regioni.

Insomma, una guerra civile.

Domanda:

è questo il futuro desiderato dalla popolazioni centro-meridionali italiane?

A giudicare dal comportamento e dall’indirizzo politico-burocratico sinora tenuto dalle classi dirigenti centro-meridionali, sembra non vi sia alternativa al fallimento e ad una probabile esclusione dalla futura ed ideale Unione Europea.

A giudicare dal comportamento delle popolazioni centro-meridionali, sembra non vi sia alcuna spinta popolare sufficiente ad ottenere un cambio di direzione delle classi dirigenti.

Insomma, sembra che con il metodo democratico, non si possa ottenere un cambio di direzione utile e necessario alla salvezza e alla continuità di una Italia unita, veramente unita, veramente solidale, veramente forte.

Forse solo un periodo pluriennale di quarantena in cui vigesse la pena di morte per reati quali il comportamento e l’associazione mafiosa e la dilagante ed imperante corruzione politica e burocratica, unito alla liberalizzazione del mondo del lavoro ed una riforma completa e realizzata del sistema democratico adattato alle peculiari esigenze derivanti dalla caratteristica infiltrazione mafiosa degli apparati del potere pubblico statale, forse solo una serie di misure energetiche che liberino il centro-sud Italia dalla mafiosità e dalla illegalità imperante potranno in un certo periodo riequilibrare storture decennali di democrazia bloccata e ricattata.

D’altronde, non si conosce autovettura rièarabile durante il suo ciclo di trasporto:

per curare un malato grave, occorre trasferirlo in ospedale e sottrarlo ai consueti impegni, così come, per riparare il motore di un’auto, occore fermare quell’auto in una officina.

Come potrebbe essere riparata in essere una democrazia così aggravata, bloccata, ingiusta e disgraziata?

In effetti, queste misure o misure similari, le avrebbero dovute già richiedere a gran voce i procuratori della repubblica, i questori, i prefetti, i sindaci, i presidenti di province e regioni del centro-sud Italia, a tutela degli interessi di famiglie ed aziende.

Ma ciò, non è mai avvenuto.

Forse si riscontra un peso eccessivo della caste mafiose politica e burocratica nella selezione dei concorsi pubblici, come pure degli appalti pubblici.

Tale selezione, ha introdotto nella Pubblica Amministrazione solo omertosi e inattivi, nella certezza che costoro nulla avrebbero mai cambiato e nulla avrebbero modificato nella conduzione forzatamente rallentata ed inefficiente dei servizi al cittadino, alle aziende e alle famiglie:

una vera e propria estorsione mafiosa nella quale, chi si dovesse ribellare, verrebbe contrastato con il potere pubblico.

Geniale l’infiltrazione mafiosa, non c’è che dire:

l’isolamento, estromissione ed il mobbing istituzionale come atto criminoso di intimidazione e repressione dei cittadini partecipativi ed attivi, in favore dei più “controllabili” pigri ed indolenti, che anche dinanzi ad un atto grave e criminoso commesso in loro presenza, non mostrerebbero alcuna reazione.

Così, nella Pubblica Amministrazione italiana si sono commessi e si commettono ancora, delitti e crimini in quantità, coperti sicuramente dalla omertà, dalla complicità o dalla semplice sottomissione di sudditanza, del ricatto e del silenzio dei deboli e dei pigri.

Tutto nel silenzio omertoso delle istituzioni collaborazioniste delle mafie e di una informazione vile completamente sottomessa ed asservita anch’essa alle caste mafiose imperanti.

Il quadro è chiaro, come è ancor più chiaro perché, oltre al nord Italia, il centro sud Italia non lo vorrebbe nemmeno la Nuova Unione Europea.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X