Archivio di marzo 2011

Neo-fascismo e fronte Anti-riformista

giovedì, 31 marzo 2011

Bagarre alla Camera dei Deputati e nella piazza antistante.

Ogniqualvolta alla Camera dei Deputati si avvia un nuovo procedimento legislativo riformatore, ecco spuntare come funghi i conservatori ed i provocatori del rinnovato movimento social-nazionalista italiano.

Gli estremi si toccano?

No, si alleano, si fondono.

Il rinnovato spirito nazionalista delle sinistre socialiste incontra il mai sopito social-nazionalismo finiano, per divenire un novello fascismo, dai soliti metodi, però.

Fini in aula abusa del suo potere istituzionale provocando ad arte quella maggioranza di governo che egli stesso ha tradito ripetutamente, alla vigilia di ogni grande rinnovamento, di ogni sforzo verso il cambiamento, di ogni animo e spirito riformista.

Fuori dall’aula, gli alleati del social-nazionalista Fini, attendono ministri (incauti, a dire invero) della maggioranza per aggredirli al suono di termini come “fascisti” e “ladri”.

La sinistra nazionalista e socialista si scatena, rigurgitando il peggio di se stessa.

L’altro attacco, contemporaneo e sovrapposto, parte da quel governatore pugliese naufragato in una marea di scandali nella gestione delle nomine e degli appalti regionali pugliesi.

Anche questo attacco, grossolano e fascista, rientra in una ottica di tambureggiamento delle riforme in itinere, al solo fine di impedirne il varo, la realizzazione.

In tema di riforma della giustizia poi, scintille di attrito potente scoccano ovunque.

Il premier Berlusconi viene sottoposto a continue chiamate in tribunale, mentre, e guarda il caso, la posizione del presidente della Camera Gianfranco Fini rispetto alla indecente vicenda truffaldina della casa di Montecarlo, viene giudicata da quella giustizia oggetto di riforma come “penalmente irrilevante”.

Stessa sorte, e guarda ancora che caso, tocca al governatore pugliese Vendola, attinto da scandali che lo vedevano coinvolto in indagini di concussione nel governo sanitario regionale pugliese, e che ha visto la sua posizione e quella del suo capo di gabinetto, stralciata ed abbandonata dal filone centrale che coinvolge il suo assessore alla sanità Tedesco (all’epoca dei fatti) del Partito Democratico, salvato dapprima in calcio d’angolo dalla “promozione” al ruolo di intoccabile parlamentare e poi, dalle scelte fatte in giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato della Repubbica.

Fini e Vendola (FLI e SEL), sembrano stati arruolati al ruolo di esercito di liberazione nazionale rivoluzionario, esercito molto sfortunato nelle aule parlamentari, ma altrettanto fortunato nelle aule dei tribunali, a quanto pare.

Ma cosa produce, come risultato, l’unione in matrimonio di un comunista come Vendola e di un nazionalista come Fini?

Beh, signore e signori, ecco a voi la nuova visione massimalista italiana del social-nazionalismo.

Come?

Avete già sentito questa definizione?

Beh, può darsi.

Ma era meglio conosciuta con il termine di Fascismo, ovvero, nella versione germanica del nazional-socialismo, era meglio conosciuta come Nazismo.

L’inversione dei termini nazionalista e socialista (comunista, per chi non conosce la storia europea), sviluppa un modello piuttosto di un altro, ma entrambe riscuotono più di un viso stupito ed inorridito ad accoglierli.

Insomma, a seconda che sopra vi sia Fini e Vendola sotto, otteniamo il nazional-socialismo, e nel caso contrario sia Vendola sopra di Fini, otteniamo il social-nazionalismo.

In ambedue i casi, come potete ben vedere, scompare il termine popolo (sovrano).

Si ha come la sensazione che, la casta prepotente della restaurazione conservativa in Italia, abbia fatto un vero e proprio patto con il diavolo per impedire che si varino le riforme necessarie alla sopravvivenza di famiglie ed aziende italiane.

E mentre il Partito Democratico rimpiange la ormai perduta roccaforte napoletana, devastata da una politica immonda e puzzolente, piange l’arresto in flagranza di reato da parte della Polizia di Stato a Palermo (mentre incassava una tangente), del parlamentare regionale PD più suffragato della Sicilia, e mentre tutto il mondo intero cade sulle spalle del Partito Democratico, il suo leader Bersani è costretto ad un ruolo subordinato alla coniugazione neo-fascista Fini-Vendola, ormai proiettata verso una politica antagonista provocatrice e prevaricatrice devastante, che abusa di ogni strumento istituzionale e locale per affermare che è la Lombardia, la regione più mafiosa d’Italia, ovvero che i corrotti sono gli altri.

Che spettacolo squallido, vergognoso ed indecente.

Signore e Signori, questo è il teatrino politico italiano.

Questo, è il possibile ritorno al metodo politico fascista, per raggiungere il potere ed impedire le riforme del paese.

Il prossimo passo?

I tribunali speciali, quelli che condannano gli avversari ed assolvono gli alleati.

Come?

Secondo voi, esistono già?

E allora, ditelo ….

“Avanti o popolo tuona il cannone
rivoluzione, rivoluzione
avanti o popolo tuona il cannone
rivoluzione vogliamo far.
Rivoluzione noi vogliamo far”

Signore e Signori,
benvenuti in Italia.

Welcome, to the real world.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Foera di ball

martedì, 29 marzo 2011

La solita mandria politica ragliante e petulante, con una ipocrisia e con un cinismo inaccettabile, chiede una accoglienza incondizionata degli immigrati clandestini che si stanno riversando a migliaia e decine di migliaia sulle nostre sponde.

Sono asini della stessa razza che chiede che venga attribuita al più presto la residenza e la nazionalità italiana, diritto di voto compreso, a chiunque entri illegalmente nel nostro paese, al solo fine di fare la solita figura di perbuonisti e perbenisti patetici e miserevoli, per riscuotere un facile consenso al prossimo tavolo elettorale.

Queste asinerie volanti non hanno una proposta risolutiva dell’emergenza immigrazione creata da una guerra in Libia che essi stessi hanno voluto e sostenuto, creando così l’ennesimo martire della rivoluzione islamica mondiale.

Sono solo degli immaturi, perfetti, ineguagliabili, inarrivabili.

Campioni della idiozia politica concorrono a non risolvere nemmeno un problema del paese, non perdendo la minima occasione di attaccare chi questi problemi ha il coraggio e la volontà di affrontarli e di risolverli, fra la gente, per la gente, nel popolo e con il popolo sovrano.

I limiti di politiche antagoniste, in ogni caso ed in ogni modo come queste, offrono allo sguardo di un osservatore attento, uno spettacolo impietoso di mezze cartucce politiche che non sanno far altro che parlare a vanvera, percorrere tutte le strade che possano creare problemi a chi governa il presente ed il futuro di questo paese, senza calcolare ovvero, calcolando cinicamente ed opportunisticamente che, quei problemi da loro creati ad arte, ricadranno come macigni sul futuro di quei cittadini italiani che loro hanno giurato di tutelare e garantire.

A loro non interessa tutelare l’ordine pubblico e la sicurezza interna ed esterna di questo paese.

A loro non interessa se per ogni immigrato entrato clandestinamente in Italia, esiste un rischio notevole di offrire manovalanza a basso costo al mondo del lavoro nero ed al mondo delle organizzazioni criminali comuni e mafiose.

A questi asini volanti non importa se questi immigrati clandestini toglieranno lavoro ai figli degli italiani, non importa se il nostro paese si riempirà di persone che non condividono il nostro stile di vita, le nostre libertà, la nostra democrazia, poiché essi non le hanno scelte, ma sono stati costretti ad incontrarle.

Essi, non si sottoporanno mai al dovere civico e civile della nostra repubblica democratica, non osserveranno le nostre regole di vita, non rispetteranno i nostri usi e costumi, non adoreranno il nostro Dio e nemmeno rispetteranno chi lo adora, non ameranno il nostro paese, non lo rispetteranno, non contribuiranno alla sua crescita civile e morale.

Anzi, essi non perderanno occasione di imporre le loro regole di vita, le loro regole religiose, il loro stile di vita.

Come è naturale che sia, d’altronde.

Mors tua, vita mea.

Il tuo posto di lavoro è il mio posto di lavoro, la tua casa è la mia casa, la tua società è la mia società.

Ma se il posto di lavoro è quello dei nostri figli, se la casa è la nostra casa, se la società è la nostra società, perchè mi domando, dovremmo arrenderci a queste invasioni?

Per questi stessi motivi, i paesi europei rifiutano di accettare anche un solo profugo entrato clandestinamente in Italia, sapendo benissimo che, una volta accettato, egli sarebbe rimasto insediato per sempre.

Insediato, non integrato.

E così, restiamo soli ed abbandonati a governare l’invasione dei clandestini, soli a recitare la parte dei cattivi, soli a fare il lavoro sporco che altri non vogliono fare od osano addirittura criticare.

Ma anche questa è l’applicazione della regola “mors tua, vita mea”.

I paesi europei ci han lasciati soli a competere con il nostro futuro, a misurarci con vere e proprie invasioni di poveri disgraziati che, alcuni di quegli stessi paesi europei, “bombardano in senso umanitario”.

Basta, sono stufo di questa ipocrisia, di questo cinismo, di questo subdolo opportunismo, son stufo di asini volanti e ciarlatani senza cervello, sono stufo di una europa che serve solo a contare i petali dei nostri fiori e la forma delle nostre zucchine.

Umberto Bossi: “Föeura di ball…”.

Ha ragione, ancora una volta.

Fuori dalle balle tutti, ma proprio tutti, compresi asini volanti nostrani, paesi europei guerrafondai ed affatto solidali e quei flussi migratori clandestini che l’ONU e la UE, si rifiutano di vedere, gestire e governare.

E allora, andate fuori dalle balle, tutti, ma proprio tutti.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Politica filo araba + social nazionalismo = antisemitismo?

lunedì, 28 marzo 2011

Era il tempo del secondo sgoverno Prodi, quando alla tutela degli affari esteri italiani sedeva il vicepresidente del Consiglio e ministro della repubblica Massimo D’alema, l’attuale presidente del COPASIR (Comitato Parlamentare di Controllo sui Servizi Segreti), l’organo di controllo parlamentare sui servizi segreti italiani.

Il ministro degli esteri dell’epoca D’alema sosteneva a spada tratta una impossibile politica filo-araba, sia italiana che europea, convalidando e sostenendo l’azione della forza politica palestinese Hamas (Movimento di Resistenza Islamico”), organizzazione palestinese di ispirazione religiosa islamica a carattere politico e paramilitare il cui statuto, prescrive nientemeno che, la distruzione totale dello stato democratico di Israele.

Contribuiva a sostenere questa politica fallimentare e pericolosa l’allora Presidente della Camera Fausto Bertinotti, il comunista Bertinotti.

Un altro comunista, il neo governatore della regione Puglia Nichi Vendola, si faceva fautore e sostenitore convinto di stati e paesi canaglia del mondo arabo.

Erano gli anni del rinato orgoglio comunista, anni che videro arrivare al Colle del Quirinale, il primo comunista della storia repubblicana, Giorgio Napolitano.

Erano gli anni degli scandali che tuonavano in Calabria su vicende mai veramente chiarite che scuoterono la credibilità del potere statale e misero in evidenza un oscuro potere delle organizzazioni mafiose calabresi, scandali che coinvolsero e travolsero il premier Prodi ed il suo sgoverno del paese.

Il governatore pugliese fu molto attivo nel perseguire questa insana politica filo-araba, portandosi addirittura in visita ufficiale in Siria, a Damasco, per concludere accordi di collaborazione che prevedevano investimenti economici in Siria sostenuti dal danaro pubblico dei cittadini italiani.

Era anche il tempo in cui la sinistra italiana era movimentista, antagonista, antimilitarista, ambientalista estremista, antinuclearista e, soprattutto, pacifista, con vessilli arcobaleno che mostravano festanti la parola PACE al loro centro.

Quella bandiera non sventola più su quei pacifisti negli odierni bombardamenti sulla Libia, niente più vessilli arcobaleno, non più sventolata la parola pace.

E fu proprio la Siria che, sospettata di essere il mandante dell’omicidio del ministro libanese Gemayel leader del partito cristiano maronita, innesco quella catena di violenze che fu alla base dell’ennesima implosione dello stato democratico del Libano e che diede inizio ad un lungo percorso di sangue e di violenze sfociato nella attuale crisi degli stati islamici arabi di questi giorni.

Ancora guerre, guerriglie, insurrezioni armate nel mondo arabo.

E noi, costretti a pagarne le conseguenze che portano migliaia e migliaia di profughi a bussare alle porte di casa nostra.

Ma come al solito, come sempre nella oscura politica italiana, nessuno paga per gli errori commessi, nessuno viene chiamato a rispondere di politiche che non avrebbero mai dovuto esistere.

Ma io penso, con forza e con ragione, che occorra ricordare pubblicamente questi madornali errori.

Esiste la necessità di riflettere sulle conseguenze tragiche e violente che, indirizzi di governo nazionale e regionale del passato, hanno avuto sulla condizione attuale di stati arabi islamici, quasi tutti esplosi od implosi sotto il peso di un pensiero ideologico aberrante a sostegno di dittature feroci e mostruose, violente ed arcaiche, assolutamente contrarie alla libertà dei popoli e alla democrazia degli stati.

Sognatori del potere comunista nel Mediterraneo e nel mondo, riciclati nazionalisti del tricolore.

Un altro pericolo si affaccia al nostro tempo da “questa politica”:

la fusione delle identità socialiste e delle identità nazionaliste.

Il social-nazionalismo della politica filo-araba.

Un bel guazzabuglio, un brodino preriscaldato primordiale, un innesco pericoloso a sentimenti che legano il peggio di quella politica sconfitta dalla storia che risponde al nome di comunismo unita ad un novello sentimento nazionalista che espone il tricolore al contrario e non sa nemmeno quale identità nazionale rivendicare.

Quella repubblicana e democratica?

Quella social-nazionalista di stampo fascista?

Quella nazional-socialista di stampo nazista?

Quella delle violente dittature degli stati etici religiosi che passeranno alla storia come stati-canaglia?

Dimmi da dove vieni.

E saprò chi sei, da dove vieni, e dove conduce la tua strada.

Che non è la mia.

E non lo sarà mai.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Lettera aperta al governatore pugliese Nichi Vendola

venerdì, 25 marzo 2011

“La Lombardia è la regione più mafiosa di Italia”

E’ triste, anzi, tristissimo, per un ex pugliese quale io sono, leggere attonito le dichiarazioni incredibili del governatore della Puglia Nichi Vendola.

E non mi vergogno ad affermare pubblicamente quanto io ami ancora quella terra magnifica che è la Puglia, come non mi vergogno a denunciare altrettanto pubblicamente che ho abbandonato la mia terra, i miei affetti e tutto quello con cui sono cresciuto insieme, per responsabilità di quei pugliesi che, come Vendola, non sanno far altro che sputare lordume e ciarpame sul prossimo suo, invece di lavorare duramente per il benessere comune.

Dalle dichiarazioni del governatore pugliese, bollato come “un miserabile, probabilmente sotto effetto di qualche sostanza” dal governatore lombardo Formigoni, si evince quale etica, quale sporcizia morale e si legge benissimo tutto il sudiciume rabbioso che il governatore pugliese cova dentro la sua miserevole anima.

Formigoni:
“Vendola è un miserabile e sotto effetto di sostanze, dica piuttosto perché non è in galera: ha commesso gli stessi reati del suo ex assessore Tedesco, che non è in prigione perché il Pd lo ha fatto senatore”.

Ma Vendola, non è miserevole con il prossimo suo, anzi, egli dimostra una cattiveria profonda, incarnata nel suo animo che rifiuta ogni senso di normalità umana in quel termine “diverso” con il quale si propose nella sua prima campagna elettorale alla poltrona di governatore pugliese.

Diverso, recitava quel manifesto 6×3 metri.

Nulla diceva invece quel manifesto, della sua capacità di governo della regione Puglia, della sua competenza amministrativa, della sua capacità di condurre una giunta regionale nei solchi di una Puglia, purtroppo ampiamente usurata dall’assalto mafioso.

Ed infatti, la prima giunta Vendola, si infranse spesso e volentieri in scandali temibili messi a nudo da indagini sia della magistratura ordinaria che da quella antimafia.

L’ultimo atto di questa epopea governativa, lo abbiamo visto in quelle indagini della magistratura che hanno coinvolto parti importanti del governo della sanità in Puglia, a partire dagli assessori Tedesco e Loizzo, passando per direttori ed ex direttori di ASL di riferimento, dal capo di gabinetto di Vendola, di responsabili dell’area del personale, funzionari, e imprenditori.

Troppe indagini, troppe figure di rilievo coinvolte, per non pensare che il governo della cosa pubblica sia influenzato, governato e indirizzato da interessi che, con il bene massimo della tutela della salute dei pugliesi, poco o niente hanno a che fare.

Poiché, che si tratti di interferenze massoniche, come dice lo stesso Vendola nelle intercettazioni telefoniche con il suo assessore alla sanità Tedesco, che si tratti di imprenditori con enormi capacità di influenzare le scelte nelle nomine dei direttori delle ASL pugliesi e negli appalti sanitari, ovvero che si tratti di tentativi ipotizzati di occupazione e radicamento nel potere pubblico da parte della politica, o che si tratti delle solite infiltrazioni mafiose nella gestione degli appalti pubblici, questo poco importa ai pugliesi, i quali si vedono ancora una volta negare il diritto ad una sanità che sia unicamente, univocamente ed universalmente orientata a curare la salute dei pugliesi e non ad essere interpretata come strumento per raggiungere il potere per il potere.

Mi domando:

ma in tutto questo, chi è al servizio di chi?

Chi cura gli interessi dei pugliesi?

Chi o cosa governa i pugliesi?

Perchè il ministro dell’interno Roberto Maroni ha innalzato il livello di allerta sulle mafie pugliesi, portandolo allo stesso livello di guardia delle storiche mafia siciliana, ‘ndrangheta calabrese e camorra napoletana?

Ma io, io uomo, io non diverso ma uguale agli altri uomini, io lombardo, io varesino, io, voglio essere miserevole nei confronti del governatore Vendola, non volendo credere che egli, possa essere coinvolto in ambiti e circostanze riferibili ad ambienti mafiosi.

Ma io, non posso nemmeno credere che tutto quanto sia accaduto in Puglia durante il governo vendoliano, non possa essere lontano da quella stanza dei bottoni che muove la politica.

Anche la semplice omissione di azione politica e di governo, può avere conseguenze pesanti sulla sorte dei pugliesi.

Come avrebbero altrimenti potuto verificarsi tutti questi crimini ipotizzati dalla magistratura?

E se questo, sembra essere il destino consegnato al governo della cosa pubblica in Puglia, perchè aizzare ingiustamente l’odio e l’astio dei pugliesi verso i lombardi, quando, quella stanza dei bottoni e quelle leve del comando, le impugnava saldamente proprio il governatore Nichi Vendola?

Qualcuno vuol dividere l’Italia?

Qualcuno vuol mettere gli uni contro gli altri armati?

Sì, questo appare evidente.

Ma appare ancora più evidente che questo qualcuno, non è la Lombardia, regione che ha accolto per decenni i fratelli pugliesi in cerca di un futuro migliore, offrendo loro un lavoro che la mafiosità trasversale pugliese negava, una casa che la politica delle caste negava, un posto dignitoso in una società, quella lombarda, dove il rispetto per la persona e per il cittadino è cosa autentica e consolidata, laddove la tutela e la cura della salute dei lombardi, sono garantite ai massimi livelli mondiali e non è certo paragonabile al quel carrozzone malgovernato che appare invece la sanità pugliese.

E se è anche vero che a livello politico, il federalismo leghista sta ricucendo questo paese mai veramente unito, allora, signor Vendola, qual’è quella forza politica che sta cercando di spaccare il paese a metà, mettendo ingiustamente i pugliesi contro i lombardi?

Chi, si sta assumendo responsabilità incredibili comparando gradi di mafiosità incomparabili?

In Lombardia, c’è il benessere, certo, ancora quel che ne rimane, certo.

Sarà per questo che la Lombardia viene presa d’assalto dalle mafie, nel tentativo di infiltrarne l’economia e corroderne la società dall’interno?

Certo, anzi, sicuro.

Ma, goverantore Vendola, visto che Le piace il gioco al massacro, Le domando:

da dove provengono queste mafie che tentano l’assalto alla capitale morale e finanziaria italiana?

Quali cognomi portano?

Dal sud, da “questo sud”, non sono evidentemente fuggite solo le migliori intenzioni.

E “questo sud”, governatore Vendola, non lo amministra certamente ne il governatore lombardo Formigoni, ne il presidente del consiglio regionale lombardo Davide Boni.

Le consiglio, caro governatore Vendola, appena sarà rientrato abbastanza in se da comprendere il danno che hanno prodotto le sue deliranti invettive mistificatorie contro la Lombardia ed il popolo lombardo, di chiedere scusa a questi due signori, che rappresentano il territorio lombardo, il popolo lombardo, la sanità lombarda e non rappresentano certo le mafie di origine meridionale che tentano sempre più di prevalere sui lombardi.

Ma questo, non accadrà mai.

Poiché è proprio lombardo e varesino, quel ministro dell’interno che sta portando il più grande e grave attacco alle organizzazioni mafiose che la storia della nostra democrazia repubblicana abbia mai conosciuto, quel Roberto Maroni che ha innalzato il livello di attenzione sulle mafie pugliesi, e non quelle lombarde, che non esistono e non sono mai esistite in quanto tali, ma infiltrate ed importate dalle regioni meridionali, nelle quali originano e nelle quali certamente ancora influenzano il voto, la politica e la tutela della salute dei meridionali.

Consiglio di fare una doverosa telefonata di scuse anche al ministro varesino Maroni.

E consiglio anche di darsi una bella calmata.

Qui, in Lombardia, nessuno è fesso come nessuno è mafioso.

C’è un’Italia migliore?

Sì, certamente.

Ma certamente, non è la “sua italia”.

Saluti affatto cordiali.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il federalismo è antitetico al secessionismo?

giovedì, 24 marzo 2011

Premessa

STATUTO DELLA LEGA NORD PER L’INDIPENDENZA DELLA PADANIA
Approvato nel corso del Congresso Federale Ordinario
del 1 – 2 – 3 marzo 2002

Art. 1 – Finalità
Il Movimento politico denominato “Lega Nord per l’Indipendenza della Padania” (in seguito indicato come Movimento oppure Lega Nord o Lega Nord – Padania), costituito da Associazioni Politiche, ha per finalità il conseguimento dell’indipendenza della Padania attraverso metodi democratici e il suo riconoscimento internazionale quale Repubblica Federale indipendente e sovrana.

Finalità
L’Indipendenza della Padania è l’unica finalità per il raggiungimento della quale, la Lega Nord è nata, vive e lotta.

Il Metodo
Il Federalismo è stato individuato come “metodo democratico” per il raggiungimento delle finalità statutarie della Lega Nord.

Strumenti
Ogni altra attività in essere della Lega, è da ritenersi “strumento” per il raggiungimento di questa finalità e di nessuna altra.

Il Federalismo
Il Federalismo è lo strumento principe attraverso il quale si vuole ripristinare all’interno dello stato italiano un pesantissimo squilibrio territoriale, contributivo e fiscale che rende attualmente il nord, schiavo di un sud nel quale sprechi, parassitismi, organizzazioni mafiose ed un intero “sistema delle illegalità diffuse”, regnavano sovrani e quasi incontrastati.

Il Governo
La presenza della Lega Nord all’interno delle compagini esecutive italiane è anch’esso uno strumento di azione per il raggiungimento delle finalità statutarie.
Avendo scelto la Lega Nord la strada maestra del metodo democratico nella lotta politica, la presenza del movimento nelle maggioranze di governo e nei governi stessi ha lo scopo di incontrare quelle maggioranze parlamentari necessarie alla realizzazione delle sue finalità.

Analisi Storica

Tutto questo è la Lega Nord.

Ed io sostengo e sottoscrivo ogni singola azione posta in essere dal leader come dai vertici federali della Lega Nord.

E questo, significa essere un leghista.

Ed un leghista, deve testimoniare la sua militanza, la sua appartenenza, la sua partecipazione e la sua assoluta fedeltà al movimento.

La Lega non è un partito qualsiasi, come la militanza in esso, non può essere paragonata a nessun’altra fede politica.

La Lega non è un partito ideologico.

La militanza leghista prescinde da ogni pregiudizio, da ogni sotterfugio, e si distanzia dall’ipocrisia di quel “politicamente corretto”, che contraddistingue l’intera casta partitocratica italiana, laddove per politicamente corretto, in un paese sottosopra, corrisponde esattamente il suo contrario.

Una contraddizione in termini?

No, solo la naturale e conseguente manifestazione di un paese, che ha perso totalmente la bussola del buonsenso.

In questo cammino di libertà che i popoli del nord hanno sinora condotto insieme, sta la formula adesiva del movimento stesso.

In questa legislatura e con questa maggioranza di governo, la Lega è riuscita a trovare il consenso necessario a sostenere le decretazioni federaliste.

Precedentemente, lo strumento del Federalismo è stato osteggiato e contrastato, slealmente quanto infedelmente, da quelle forze politiche della conservazione che non vogliono veramente riformare il paese in senso federalista, poichè molto interessate a mantenere una grande e grave irresponsabilità nei confronti delle popolazioni meridionali dalle quali prelevano gran parte del loro consenso, e mantenere altresì il sud come una sorta di “zona franca” dalla legalità, dal merito e dal buongoverno.

Tali forze politiche sono ancor oggi, rappresentate dai loro leader:

Pier Ferdinando Casini e Gianfranco Fini.

Ma i loro sogni restaurativi e conservativi rispetto alla immutabilità del paese, si sono infranti contro la ostinata e considerevole capacità della Lega di tenere duro, di raggiungere gli obiettivi strategici utili al raggiungimento delle proprie finalità.

La devoluzione, benchè fosse stata varata da una maggioranza di governo, fu affossata al referendum del giugno 2006 proprio dalla inazione di quelle forze politiche che volevano mantenere un sistema statale inefficace, improduttivo, sprecone e parassitario che è stato definito proprio dal leader leghista Umberto Bossi come uno “stato criminale”.

Il Federalismo invece, proprio per la sua assoluta antiteticità ad ogni “agire criminale e mafioso” ha convinto e convince molto più della devoluzione e, grazie al “patto di ferro” stretto fra Umberto Bossi e Silvio Berlusconi, il Federalismo è riuscito sinora ad incontrare quella maggioranza parlamentare necessaria alla sua realizzazione nella realtà, nonostante i tradimenti ed i voltafaccia degli inaffidabili.

Purtroppo per loro infatti, le popolazioni meridionali hanno cominciato a capire quali benefici effetti il Federalismo può apportare al sistema che li governa, benefici effetti che sono innegabili e non riproducibili da nessun altro progetto riformatore mai pensato o progettato prima.

E questa maturata consapevolezza, è passata attraverso l’immane contrasto opposto alle organizzazioni mafiose dal ministro dell’interno Roberto Maroni, con la realizzazione di risultati tangibili, mai raggiunti prima nella storia della repubblica italiana, come pure, questa presa di coscienza passa attraverso il più oscuro lavoro di diradamento e di semplificazione normativa che frapponeva una inutile moltitudine di norme al riconoscimento autentico dei diritti dei cittadini compiuta dal ministro Roberto Calderoli.

Ed è il risveglio delle coscienze sopite, degli animi addormentati, dei sogni abbandonati:

tutto quello che ci è stato promesso in dieci lustri di campagne elettorali marchiate dal sistema della democrazia bloccata, del voto di scambio e della capacità di controllo del voto da parte delle mafie, tutte quelle promesse mai mantenute dalla casta partitica italiana, i leghisti lo hanno voluto, lo hanno combattuto e lo hanno realizzato.

Ed è un attimo il rendersi conto che quella montagna di menzogne e di ingiurie contro la Lega ed i leghisti, erano solo il frutto bacato dell’odio, del rancore, della gelosia e della invidia infinita di cui erano ammantati gli adepti di una casta politica meridionale incapace ed arruffona che è tutta da dimenticare.

Ma il futuro del meridione, era e resta nelle mani dei meridionali, i quali, abituati a vedersi cadere “la manna dal cielo del nord” gratis et amore dei, possono essere tratti in inganno dall’agire dei leghisti.

La Lega ha ben altre finalità che quella di salvare il meridione, se non, caso ed incidenza, incontrare il consenso popolare meridionale sulla strada che conduce al federalismo, che è antitetico alle organizzazioni mafiose ed al mondo della cattiva amministrazione.

Il Federalismo quindi, come risoluzione unica sia della questione settentrionale che della questione meridionale, posto che, la prima, è sicuramente figlia dei danni e dei mali provocati dalla non risoluzione della seconda.

Due questioni, due aspetti, due italie della stessa medaglia italiana.

Ecco dove nasce il punto di incontro fra tutela degli interessi delle popolazioni settentrionali e tutela degli interessi delle popolazioni meridionali.

Considerazioni Finali

Una domanda nasce spontanea:

il federalismo è antitetico al secessionismo?

Ovvero il federalismo si può dimostrare una strada che ricongiunga quelle due italie che invece sembrano irrimediabilmente divise, separate in casa?

Su questo tema, si spacca più di un fronte.

In questo tema, si può ricomporre più di un paese.

E’ la soglia di un nuovo cammino.

Il futuro, ci dirà quale strada percorrere, o forse il caso, o forse l’alternanza delle spinte contrapposte.

In questa ottica, il percorso federalista potrebbe unire ciò che non è unito ovvero dividere quel che è già disgregato.

Come ogni scommessa importante della vita umana, solo la provvidenza sa cosa porterà.

La provvidenza e quegli uomini e quelle donne che hanno la capacità di condurre le genti.

La provvidenza dei pastori d’uomini.

Ed un altro capitolo biblico inizia, un’altra parabola della divina commedia umana prende l’avvio.

Una commedia all’italiana….

Come quella commedia all’italiana dell’omonimo genere cinematografico che nacque nella seconda metà degli anni cinquanta del secolo scorso, parafrasando il titolo di uno dei più grandi successi di questo filone cinematografico:
Divorzio all’italiana del regista Pietro Germi.

E siamo di nuovo alla domanda iniziale:

sarà quel sì mai espresso, quel matrimonio mai veramente voluto o sarà un divorzio, una separazione consensuale fra due coniugi che non hanno mai “consumato” la loro unione?

Che facciamo?

Consumiamo?

O mandiamo questo “matrimonio combinato” a ….. escort?

Ai posteri, l’ardua sentenza.

A noi, solo le tribolazioni che questo dilemma impone.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Il nuovo modello politico di riferimento: il leghismo

martedì, 22 marzo 2011

Si afferma, ogni giorno di più, un nuovo modello politico nel nostro paese, come nel mondo intero.

Un modello che poggia, senza alcun pregiudizio, sulle solide basi di “scelte ragionate” e non dettate da adesioni faziose e di parte.

L’esempio della posizione leghista sulla questione libica, ne è un esempio lampante.

I detrattori di questo modello politico, desideravano in cuor loro, vedere una Lega all’attacco a testa bassa e senza alcun discernimento dell’accoglienza dei profughi libici.

Ed ecco invece, l’intelligente politica maroniana che punta ad impedire che il nostro paese venga preso d’assalto da un numero impossibile di profughi cui non abbiamo ne un lavoro ne un futuro da offrire, attraverso politiche di dialogo con quei paesi dai quali questi profughi partono, anche con la Tunisia, dove si recherà il ministro dell’interno prossimamente per “tessere” quella ottima tela di dialogo politico che venne già concordata con la Libia, prima che quel paese fosse oggetto delle attenzioni francesi, attenzioni che, sollevano più di un dubbio sulla effettiva volontà francese di essere d’aiuto alla popolazione civile libica, piuttosto che essere attratti da ben altre prospettive interessate.

Ancora il ministro Maroni sbatte i pugni sui tavoli europei a chiedere che, la solidarietà italiana nei confronti dei profughi dai paesi arabi in piena crisi di identità, sia seguita e collaborata da una autentica solidarietà europea a questa ennesima emergenza umanitaria.

Ma, al piano di ripartizione italiano del ministro Maroni, che prevede la ripartizione fra tutte le regioni italiane di profughi sino alla soglia dei cinquantamila, non corrisponde un analogo “piano di ripartizione” con gli altri paesi europei, primi fra tutti, quella Francia e quella Gran Bretagna che questa fuga in massa la stanno provocando con bombardamenti che valicano il senso ed il contenuto della risoluzione ONU 1973 e che rifiutano un coordinamento NATO alle loro azioni militari in territorio libico.

Evidentemente, tali paesi belligeranti, desiderano ricevere dalla questione libica solo conseguenze positive, come il futuro godimento delle risorse energetiche libiche, mentre rifiutano ogni richiamo alla solidarietà nei confronti del popolo libico e dell’Italia, lasciata sola ad accogliere le moltitudini in fuga di massa dalla Libia, come dalla Tunisia.

Va sottolineato come l’Italia, paghi anche un prezzo maggiore di tutti i paesi europei derivante dalla notevole vicinanza delle sue coste con quelle libiche, e non solo sotto l’aspetto dell’arrivo in massa dei profughi, fra i quali si nascondono certamente elementi riconducibii al terrorismo islamico ovvero soggetti pregiudicati semmai fuggiti dal carcere, ma anche in tema di potenziali pericoli bellici derivanti dai bombardamenti franco-britannici in atto.

Da canto suo, l’America, fa un passo indietro e lascia il comando delle operazioni militari in Libia a Francia e Gran Bretagna, pur utilizzando esse le basi militari italiane, sia nel comando che nella logistica dei rifornimenti per questa operazione.

Ma è ancora il modello padano che offre nelle parole del suo leader Umberto Bossi, momenti di riflessione convinti e sempre più condivisi sia all’interno del paese che all’estero, trovando riscontri in quell’ampia area di paesi che, o rifiutano sec et simpliciter l’azione militare in Libia, ovvero si dimostrano più disponibili ad accogliere la posizione di neutralità della Germania e di quella parte del governo italiano che corrisponde al movimento leghista.

Il silenzio, ovvero un appoggio incondizionato ai bombardamenti franco-britannici, proviene invece dall’area politica italiana che fa riferimento alla sinistra ed alle opposizioni, se si eccettua il movimento dell’Italia dei Valori di Di Pietro, allineato anch’esso sui dubbi espressi dalla Lega Nord.

Quei “grandi pacifisti” (a parole e mai con i fatti) che sventolavano bandiere arcobaleno con la scritta pace (ma dove sono queste bandiere, non si vedono più), o sono in un imbarazzante silenzio, oppure sostengono decisamente i bombardamenti in Libia.

Dall’interno della maggioranza di governo sono i ministri Bossi, Maroni e Calderoli a tessere un dialogo politico squisitamente pacifista e non interventista, delineando un alto profilo di intervento sulle linee guida di politica estera del nostro paese e, manifestando un nuovo corso, un nuovo modello politico tutto da imitare, che pone al centro gli interessi del popolo italiano, ma che non tralascia, sia pure nei margini del mantenimento della sicurezza interna ed esterna dello stato italiano, un autentico sentimento di solidarietà nei confronti dei profughi in fuga dai paesi arabi.

Ed è un autentico stupor mundi (proprio nel suo più profondo significato di termine associato ad eventi militari) quello che accoglie questo nuovo modello padano, che vede affermarsi sempre più, una politica fatta con la testa, piuttosto che fatta con le emozioni, sfatando anche quel mito negativo che le era stato incollato addosso della “politica di pancia”, dimostrando che è con la forza della ragione e del quotidiano lavoro di tessitura politica che, la Lega, sta conquistando sempre maggiori consensi, all’interno come all’esterno del nostro paese.

Della politica di pancia, non restano che i dolorosissimi crampi da cui vengono colpiti tutti i detrattori della Lega Nord, convinti di poter abbattere o fermare con le sole parole, con le delazioni, con gli insulti e con le minacce, la migliore azione politica italiana espressa sin dalla nascita della repubblica italiana.

Già, poichè ad essere colpiti da questo genere di bassezze umane, sono proprio i leghisti, e non altri.

Tanti nemici, tanto onore.

Al momento, iscriviamo al consenso delle formule leghiste quello del Capo dello Stato, venuto sin nella capitale del leghismo, a Varese, per dire che il Federalismo è la giusta medicina per gli sprechi ed il parassitismo e che il processo federalista non deve essere fermato, certo che, se esiste un solo movimento politico italiano che sia in grado di devastare le organizzazioni mafiose e di risolvere definitivamente la questione meridionale e la questione settentrionale in un solo colpo (due facce della stessa medaglia), e quel movimento è, la Lega Nord.

Leghisti a tutto campo, per l’affermazione di un nuovo modello politico, quello padano.

Un modello politico che parla di pace e di lavoro, di sicurezza e di legalità, di efficienza e di buonsenso nel buongoverno.

Un modello politico che inizia a parlare molti dialetti italiani e molte lingue straniere, molte più di quante ne possa sopportare l’invidia e la gelosia degli irosi e dei rabbiosi di ogni genere e grado, di ogni tempo, di ogni specie.

Ma i leghisti vanno avanti, sempre avanti, dimostrando come la politica dei fatti sia l’unica politica possibile, e testimoniando che, esiste un nuovo modello politico di riferimento nel mondo, un modello che è prima umano e poi politico.

Tutti Pazzi per la Lega.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Errare humanum est, perseverare autem diabolicum

domenica, 20 marzo 2011

L’Occidente di questi giorni e quell’orrido luogo della spartizione del potere mondiale che è divenuto l’ONU, appaiono sempre più come un bivacco di paesi piuttosto violenti e portati facilmente al ricorso alla violenza, alla forza armata, in una ottica delicata e generosa che porta il nome di “intervento umanitario”.

Il mondo si divide.

Giusto intervenire?

Sbagliato intervenire?

Beh, la storia dell’umanità racconta bene quali prezzi paga l’Occidente, ogniqualvolta decide di intervenire militarmente, in prima persona o per delega.

Da dove partiamo?

Era la vigilia di natale dell’anno 1979, quando l’Unione Sovietica, l’allora U.R.S.S., invase militarmente l’Afghanistan.

Nei due anni precedenti, manifestazioni e sollevazioni popolari si erano riprodotte in Afghanistan per chiedere un miglioramento della vita sociale e civile del popolo afgano, sino all’insurrezione armata, sorretta dalla gran parte dell’esercito regolare.

Dopo furibonde e sanguinose lotte intestine al paese, il governo rivoluzionario, guidato da Nur Mohammad Taraki, prese la guida del paese, dando vita alla Repubblica Democratica Afghana.

Il programma del nuovo governo socialista, prevedeva una riforma agraria, nella quale il governo redistribuiva le terre a duecentomila contadini, aboliva “la decima” (ushur) dovuta in precedenza dai braccianti ai latifondisti, abrogava l’usura, creava un paniere che calmierasse i prezzi dei beni primari, statalizzava i servizi sociali offrendoli a tutti, legalizzava i sindacati, conferiva il diritto di voto alle donne.

Si svecchiò la legislazione afgana, sradicando le leggi arcaiche tradizionali e religiose, furono messi al bando i tribunali religiosi islamici, fu imposto agli uomini di tagliarsi la barba, venne messo al bando l’obbligo del burqua per le donne, e si mise finalmente fine alla mercificazione umana delle bambine, oggetto di scambio economico nei matrimoni combinati, consentendo alle stesse bambine afgane, di accedere alla scuola, sinora per loro proibita dalla legge islamica.

Vennero costruite scuole ed ospedali, avviata una alfabetizzazione di massa nelle zone rurali.

Tale processo di civilizzazione e di laicizzazione di massa, si scontrò con le autorità religiose, le quali cominciarono ad incitare la jihad dei mujaheddin contro il regime dei senza dio, degli atei, contro quel governo comunista che rispose con un pesante intervento militare, cui seguì l’espulsione dal paese di molti mujaheddin.

Da canto suo, L’Unione Sovietica, collaborò con rapporti commerciali a sostegno della modernizzazione del paese e delle sue infrastrutture, appalti per costruire strade, scuole, ospedali, pozzi per la preziosa acqua, oltre ad addestrare ed equipaggiare il nuovo esercito afgano.

Questa nuova condizione di sviluppo civile e sociale in Afghanistan però, preoccupava e non poco la volontà egemonica americana nell’area afgana.

Così, la presidenza Carter (quello delle noccioline), avviò una azione di contrasto che prevedeva il sostegno (udite udite) con aiuti bellici ed economici segreti ai Mujaheddin afghani, e cioè, finanziò ed armò l’estremismo islamico nel tentativo di fermare l’avanzata sovietica nello scacchiere dei paesi arabi.

Questo sprovveduto venditore di arachidi non sapeva quanto sarebbe costato al futuro americano quell’atto di pura follia politica.

Base dell’operazione, il Pakistan, su consiglio del quale paese, fu posto a capo della guerriglia Gulbuddin Hekmatyar, noto per i suoi atti di crudeltà e di violenza gratuita contro le donne, cui soleva sfigurare il volto con l’acido, in caso di non osservanza dei precetti islamici.

L’operazione, venne finanziata in gran parte con i proventi del commercio clandestino dell’oppio afgano, commercio fiorente e redditizio, che consentì alle milizie dei mujaheddin di divenire rapidamente una forza militare ben armata, ma che purtroppo, soleva distinguersi per atti di inumanità atroci, come il lento scuoiamento dei nemici ancor vivi, e l’amputazione dei loro genitali, come delle orecchie, dei nasi e delle dita.

Inizia così, l’operazione Cyclone, che vedeva mujaheddin sostenuti da Pakistan e USA, operazione che avviò una guerra nella quale il governo afgano, chiese ed ottenne l’intervento armato della URSS, dando inizio alla cosidetta “invasione sovietica dell’Afghanistan”.

Intanto, Jmmy Carter, tornò a produrre le sue arachidi ed il suo posto fu preso dall’attore Ronald Reagan, che alzò il livello di scontro in Afghanistan, contrabbandando le milizie dei mujaheddin come “combattenti per la libertà”.

Fra i finanziatori delle milizie dei mujaheddin (quelle di sangue arabo, però, non quelle afgane …), incontriamo un tal Osama Bin Laden.

Sì, lui, proprio lui, colui il quale, abbandonò il MAK, l’Ufficio d’Ordine che finanziava e inviava combattenti mussulmani da tutto il mondo per combattere in Afghanistan, per fondare, con i miliziani più attivi, il gruppo Al-Qaida, con l’obiettivo dichiarato di trasformare la guerriglia dei mujaheddin in un movimento fondamentalista islamico mondiale.

Tutto questo avvenne sotto la responsabilità interventista americana dell’epoca.

La storia successiva di queste vicende, la conosciamo già, purtroppo, ed è marcata a con il sangue degli uomini e delle donne che persero la vita l’11 settembre 2001 e nelle successive e precedenti stragi terroristiche provocate da Osama Bin Laden.

La prima e la seconda guerra del Golfo, ovvero le guerre dell’Iraq.

Facciamo ancora un passo indietro.

Saddam Hussein, per anni era stato il maggior e miglior alleato nell’area degli Stati Uniti d’America, che lo avevavo utilizzato nel tempo per arginare l’altro versante a loro ostile dell’area medio-orientale: l’Iran.

Una sanguinosa e costosa guerra (dal 1980 al 1988) aveva tenuto impegnato l’Iran distraendolo dall’altra guerra in atto, quella sul versante afgano.

L’Iraq, aveva servito bene il suo alleato americano, anche al costo della morte di centinaia di migliaia di cittadini iracheni.

Aveva allora chiesto, alla ambasciatrice americana in Iraq, se una eventuale invasione del Kuwait da parte dell’Iraq, potesse essere accolta favorevolmente dall’alleato americano.

Qui la storia si divide: non si è mai saputo se l’ambasciatrice americana diede un sostanziale ok alla invasione o se invece, per una incomprensione interpretativa, Saddam Hussein abbia compreso male la posizione USA, ovvero abbia voluto non comprenderla.

Comunque sia, questo episodio porterà ad un intervento armato che distruggerà l’ennesima creatura malefica coltivata nel seno materno americano.

Un dubbio sulla posizione americana nella guerra fra Iran e Iraq, si esprime nel famigerato scandalo “Irangate” o “Iran-Contras”, allorqunado membri dell’amministrazione americana, vennero accusati di aver venduto armi all’Iran nel 1986. L’introito di questa vendita, fu utilizzato poi per finanziare un’altra guerra in un altro scacchiere, il sud-america, finanziando i “contras” (guerriglieri anti-sandinisti) nella sanguinosissima guerra civile in Nicaragua.

Basta, fermiamoci qui, è sufficiente.

Ora, alla luce di quanto siano stati “invasivi” e devastanti gli interventi più o meno diretti nelle guerre rivoluzionarie di mezzo mondo, possiamo infine porci qualche domanda intelligente:

quali interessi muovono effettivamente l’intervento armato dei paesi occidentali in Libia?

Perchè si è intervenuti in Libia e non in altri paesi arabi che pur vivono disastrose guerre civili e insurrezioni popolari?

Perchè non si è, per una volta, abbracciata una politica più attendista, che prevenisse i danni peggiori di un interveno “umanitario” armato, invocata in occidente dal governo tedesco e da quella parte del governo italiano che corrisponde al movimento politico della Lega Nord?

AAA cercasi risposte esaustive a domande intelligenti, molto più intelligenti di quei missili “putativamente intelligenti” che non fanno certo tanto caso alla presenza di popolazione civile quando esplodono.

Buona riflessione.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

La Terza Via: la fine del pregiudizio, l’inizio di un nuovo Amore

domenica, 20 marzo 2011

Le questioni libiche contemporanee, aprono ancora una volta la mia mente a considerazioni antiche, riflessioni che partono dal 9 novembre 1989, giorno in cui, si diede fine con la caduta del muro di Berlino, a quella Cortina di ferro che spaccava in due l’Europa, che impediva una completa maturità ai paesi europei, da sempre succubi di una malnata e malfinita guerra mondiale e di una divisione ossessivamente ideologizzata, all’interno della quale, non vi era spazio per una via di mezzo, per una terza via oltre l’essere comunisti o libertari.

Dopo quel giorno che ha squarciato il velo delle ideologie è emerso un intero assetto mondiale posato sulla contrapposizione artificiosa fra est ed ovest.

Questo assetto, ha vissuto un periodo di crisi profonda, muovendosi alla ricerca di risposte alle domande:
chi siamo, e da dove veniamo?
chi sono i nostri simili e chi governa il nostro presente senza il nostro assenso?

Ed è il risveglio delle coscienze, dei popoli, dei territori, di quegli stili di vita comuni che sembravano sopiti, addormentati e narcotizzati dalla divisione del mondo fra est ed ovest.

Ora, quella divisione non esiste più.

Nuovi pericoli si affacciano al nostro presente, nuove sfide che necessitano di ben altre cifre di lettura che questa.

Il cartello delle potenze che sono uscite vincitrici dalla seconda guerra mondiale, e che hanno pesato in maniera importante sulle scelte del nostro mondo, subisce continui riequilibri interni e riassetti esterni.

Analizziamoli insieme.

I . Il ritorno delle potenze economiche precedenti la nascita degli Stati Uniti d’America.

Nei secoli immediatamente precedenti la nascita degli USA infatti, si erano alternate nel primato economico mondiale, le economie della Cina prima e dell’India poi.

La fiorente economia indiana, sottomessa al colonialismo britannico, ha fatto la fortuna degli inglesi, divenuti ricchi e potenti, più di quanto lasciasse ragionevolmente pensare il regno di quel “benessere comune” (Commonwealth) che faceva sì la fortuna ed il benessere degli inglesi, ma non altrettanto la fortuna di quei paesi sottomessi che producevano enormi ricchezze di cui non godevano.

La nascita degli USA, la prima e la seconda guerra mondiale hanno attraversato la storia come un fulmine, trasformando velocemente quanto violentemente, il corso naturale della economia mondiale.

Oggi, quella economia, risulta essere un po più libera di crescere in maniera autonoma, grazie all’interscambio notevole di informazioni ed alla crescita complessiva di quel “sapere come” (Know-how) fare le cose, costruire industrie, coltivare un benessere ben più diffuso e comune di quanto non sia mai avvenuto nel passato.

La Cina, l’India e la Russia, tornano così alla ribalta mondiale come soggetti non più ideologicamente od economicamente asserviti, ma come soggetti autori di una autentica rivoluzione primaria della economia mondiale, sviluppando e generando quel villaggio globale economico, tanto avversato nella visione anti-globalizzatrice dei mercati, non affiancata da una pari crescita sociale e delle garanzie dei popoli.

Ma è sempre stato così:

la crescita tumultuosa delle economie emergenti, qualunque esse siano, pagano questo prezzo da sempre.

Il riconoscimento sociale derivante da una formidabile crescita economica, tarda sempre un po a manifestarsi, ma si manifesta e vince, anche se in ritardo.

Ora, gli assetti globali sono mutati, ora le scelte di adesione a visioni comuni del benessere, della sua ricerca e della sua produzione, risultano più spontanei, maggiormente omogenei, soprattutto più liberi, con quel che ne consegue nelle variazioni di leadership militari ed economiche globali.

Già, perchè il vecchio vizietto di dividere gli altri per imperare da soli, attraverso il coadiuvare e fomentare divisioni e idiosincrasie all’interno di altri paesi, resta l’immutevole prezzo da pagare a quelle super potenze che hanno bisogno continuamente di “esternalizzare” le proprie crisi ed idiosincrasie, attraverso manovre di politica estera che possiamo definire ciniche ed azzardate, che ancor oggi operano, depistano, violentano.

Un nuovo mondo però si affaccia a noi, una terza via è possibile oggi.

II . La Terza Via

Il sommovimento degli equilibri mondiali apre la strada a nuove scelte, dimentiche della sudditanza ideologica del passato, relative ad indici di comune benessere, di difesa del territorio, di stili di vita, di pensiero, di azione.

E’ quella che è stata denominata come “la Terza Via”, spesso percorsa da audaci italiani, colpiti senza pietà da un tradimento mafioso, alleato con poteri esterni che curavano sviluppi di benessere preordinati, ricalcati, costretti, coercitivi, manovrati e stabilizzati o destabilizzati a seconda della convenienza.

Ma non della nostra convenienza, purtroppo.

Riemerge dal nostro passato una sottile linea di continuità che ha combattuto per un benessere maggiore, per una sana concorrenza negli scenari economici, non influenzata da “dogmi ideologici” eretti da muri che non ci sono più, che non dividono più.

Ecco un percorso comune più libero apparire nel mondo, impervio certo, non facile, ma audace, certamente più produttivo, più fattivo, meno caratterizzato da immagini e divisioni storiche e che pesavano come eredità mutuabili in un eterno versamento compensativo di quelle pur orribili colpe guerriere, di quelle impossibili separazioni (apartheid), di quei pesanti pregiudizi storici duri a morire, così come sono invece stati facili a fiorire, purtroppo.

Ma dal passato, dobbiamo avere la capacità esperienziale di raccogliere quanto di buono è stato seminato e di escludere tutto il resto ignominioso attore di una follia che ora sappiamo come tenere a bada, come stringere d’assedio, come scarnificare dal bene, poichè nessuno oggi, vuol interpretare “quel passato”, mai più.

Ed è la vittoria dell’umanità in quanto tale, questa, capace di riconoscere il bene ed il male, di sostenere il proprio benessere al di la del bene e del male fatto o ricevuto.

E questa, è la storia moderna di una “terza via”, il cui cammino ha tentato di emergere e più volte nel nostro passato, impedito dal pregiudizio, stroncato dalla violenza prevaricatrice, sventrato da un sistema sovrastrutturale che si dimostra antitetico e forse anche, pericoloso, per il nostro benessere comune.

Io, non mi vergogno oggi a dichiarare apertamente, che gli stili di vita, la comunione di intenti, la solidarietà profonda che muovono il mio animo, sono rappresentate da due popoli che sento molto vicini, molto incarnati al mio presente, atavicamente intrisi di un dover essere umile e potente, sonoramente bastonato dalla storia civile e militare di questo pianeta, ma mai piegato completamente, mai domo, assolutamente.

E per me, uomo del terzo millennio, è venuto il momento di poter dire con limpida serenità, con rinnovata certezza ed assoluta limpidezza che, mi sento vicino e fratello al popolo tedesco, come al popolo giapponese.

Strano.

Le pareti della mia stanza non hanno tremato a questa dichiarazione di amore e di fratellanza.

Forse perchè, gli avvenimenti contemporanei, dimostrano ben altra “fratellanza” e ben diverso “amore”, di un ben altro tremore di stanze e di palazzi, provocato da azioni che definire “amorevoli”, risulta essere un azzardo notevole, un paradosso eccessivo.

E non può essere un sentimento d’amore e di fratellanza influenzato dalla vergogna, poichè io non mi vergogno affatto di tali sentimenti, non mi deludo affatto di queste emozioni positive, poichè esse stesse sono propriamente amorevoli, fraterne.

Certo, anche altri popoli martoriati dalla storia e dalle vicende umane, attraggono la mia amorevole attenzione, dispongono della mia naturale solidarietà.

Ma quella unione di intenti, quella fratellanza con il popolo tedesco e giapponese, muovono il mio Io a dichiarare il proprio amore, la propria vicinanza, la propria fratellanza.

E non è forse l’amore, senza mentite spoglie, scevro da interessi di piccola bottega, a sorreggere questa umanità, a condurre questo sentimento che è quello più antico e forte della libertà di scegliere con chi stare, con chi subire torti ed ingiustizie, nella continua ricerca della perfezione umana?

E se questa “terza via” non è amore, mi domando, che cos’è?

Condividere il pianto del popolo giapponese, condividere la terza via dell’amore e non della guerra del popolo tedesco, cosa è se non amore allo stato puro?

Come quell’amore che si affida alla persona amata, compagna di vita, a quei figli per cui si donerebbe volentieri la vita, questo amore richiede uguale sostanza, medesima ragion d’essere.

E se questa Terza Via si presenta piuttosto come un calvario, se questa nuova via assume il dovere della non interposizione nelle faccende altrui, assume il diritto di amare a piacimento e condividerne il dolore con un medesimo e profondo “piacere”, che non ha nulla a che vedere con il piacere del vedere altri in difficoltà, e non se stessi, ma assume quel piacere di chi è disposto a qualunque sacrificio, a qualunque condivisione, per raggiungere una unione che da sola, appaga, riconosce, soddisfa.

Per così poco, per tanto sacrificio ….

Se non è amore questo.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Libia: il giorno della vendetta

domenica, 20 marzo 2011

Sicuramente, alle spalle dell’intervento occidentale sotto il cappello ONU e NATO di questi giorni sul territorio libico, esistono motivi di riequilibrio nel settore strategico delle fonti energetiche fossili (petrolio e gas metano), come certamente esitono volontà di appropriazione indebita su queste risorse.

Certamente, non possiamo nasconderci queste realtà.

Se la Libia non possedesse tali risorse di idrocarburi, probabilmente l’Occidente lascerebbe liberamente massacrarsi le parti in causa come è avvenuto ed avviene in altri paesi arabi, in piena crisi di identità.

Io voglio però ricordare come questa guerra ha risvolti vendicativi antichi, mai sopiti, mai dimenticati.

E parlo dell’attentato terroristico avvenuto in Lockerbie (Scozia-GB) del volo Pan Am 103 esploso in volo causando la morte delle 259 persone a bordo dell’aereo e di 11 persone a terra, colpite dai rottami dell’aereo.

Come parlo della famigerata strage di Ustica, dell’abbattimento di un aereo di linea italiano, un Douglas-DC9 della Itavia, avvenuto il 27 giugno 1980. 23 giorni dopo, un MIG militare libico fu, ritrovato abbattuto sul suolo italiano.

Oggi è il giorno della vendetta anche per 81 italiani caduti per colpa della follia libica.

Quella follia da sempre frammista all’insofferenza ed all’intolleranza che gli stati etici arabi estremisti, che le folli dittature religiose islamiche, nutrono nei confronti del diavolo, di quegli infedeli che a causa della loro non-islamicità, debbono morire o arrendersi e sottomettersi all’Islam.

Il diavolo siamo noi, tutti gli infedeli alla religione islamica, massacrati dagli attentati dell’11 settembre 2001, quegli attacchi suicidi da parte di terroristi islamici contro obiettivi civili e militari nel territorio degli Stati Uniti d’America, contro la libertà dell’Occidente, contro ogni libertà individuale e collettiva riconosciuta dal mondo delle libere democrazie.

Ebbene, io non condivido tutto questo, io non mi sottometto all’Islam.

Sarà anche barbaro ed incivile l’uso della forza a fini di vendetta, ma ricordo a me stesso ed a tutto il mondo libero occidentale come, quale pericolo assumono tali follie per la nostra stessa sopravvivenza.

Non so se questa azione militare possa essere definita una vendetta, ovvero un’azione a difesa e tutela della nostra libertà.

Lascio ad ognuno di noi, la libera scelta di quale posizione e/o opinione esprimere su questi fatti odierni, ma sono certo e convinto che quanto accade oggi in Libia, non è un male in quanto tale, una violenza gratuita, una ingerenza inaccettabile, ma una azione che sento vicina, non lontana dagli interessi del nostro stile di vita, della nostra storia, della nostra cultura, dei nostri morti ammazzati dal terrorismo islamico, che essi fossero a New York, che essi fossero a Lockerbie, che fossero ad Ustica.

La difesa di un sentimento di appartenenza comune, non conosce limiti, non conosce distinzioni, non conosce storie differenti.

O l’Occidente si salva tutto, o la sua storia, la sua cultura, la sua religione, il suo stile di vita e la sua innata propensione alla difesa del nostro comune stile di vita, non potranno sopravvivere al confronto delle barbarie e delle violenze odierne.

E non è una questione di bandiere, di ideali, ma di territorialità, di stili di vita, di lotta per la sopravvivenza della libertà dei primi e della mera soprravvivenza dei secondi.

O noi, o loro.

E’ la legge della natura, è la legge della sopravvivenza.

Gustavo Gesualdo
alias
Il Cittadino X

Giustizia: è scontro fra poteri istituzionali

sabato, 19 marzo 2011

In tema di giustizia, lo scontro fra poteri che si verifica in Italia da molti anni, fa pensare sempre più ad uno scontro politico in atto, trasversale ed orizzontale ai sistemi istituzionali.

Che la giustizia in Italia non funzioni, questo è un dato che emerge quotidianamente nella nostra vita, rendendo assolutamente incerto ogni ricorso alla giustizia, rendendo incerta ogni verità che vede passare anni ed anni, sino ad arrivare e valicare il limite dei dieci anni, il tempo necessario per ottenere una sentenza che risolva una lite giudiziaria ovvero che affidi alla punizione della legge, un soggetto che abbia commesso un crimine, un delitto.

Questo fatto, oltre a rendere impossibile la vita democratica, civica e civile in questo paese, inibisce l’ingresso di finanziatori e di imprese dall’estero nel nostro paese, spaventati a morte dalla certezza di non poter risolvere alcuna eventuale questione giudiziaria in tempi certi e brevi.

Amnesty Intenrnational, nei suoi rapporti sullo stato della giustizia nel mondo e, singolarmente, in ogni paese del mondo, denuncia da tempo l’impossibilità di ottenere giustizia in Italia, a causa dei notevoli ritardi che l’amministrazione della giustizia accusa ormai da sempre nella realizzazione di un processo.

Queste sono le considerazioni dalle quali si dovrebbe partire per realizzare una urgente riforma della giustizia in Italia.

Tutto il resto, sono vuote enunciazioni, pensieri senza alcun senso, giri di valzer che creano solo confusione, fumi che impediscono di vedere la realtà, volutamente quanto arbitrariamente.

La realtà è, che in questo paese, non esiste la giustizia.

Amara, dolorosa, sanguinosa, perdente verità.

Chi ha il coraggio e l’arroganza di difendere questa realtà?

Perchè si vuol impedire a tutti i costi una impellente quanto irrinunciabile riforma della giustizia?

E perchè, i detrattori di questa riforma della giustizia presentata dall’attuale governo, non ne hanno mai realizzata una sinora?

Cui Prodest?

Non certo al Popolo Sovrano.

Allora, a chi giova non avere garanzie di giustizia in questo paese, e perchè?

Questa è la giusta domanda da porsi, certamente.

Per sciogliere questo rebus, per rendere giustizia agli italiani, per avere uno stato democratico ancora più forte e certo, bisogna comprendere i motivi che sono alla base del contrasto alla riforma della giustizia.

Occorre accogliere le giuste istanze e respingere le pretese corporative, per ottenere un consenso quanto più ampio possibile in favore di una riforma che gli italiani, attendono da sempre, rivendicano da sempre, invocano ogni volta che subiscono un torto, una ingiustizia, sapendo benissimo che, nelle lungaggini procedurali e processuali, vincerà chi ha una notevole capacità economico-finanziaria per sostenere un eventuale danno ricevuto, per attendere ad anni e anni di spese legali e di ricerca delle prove, e non vincerà certamente, chi pur avendo pienamente ragione, non ha i mezzi e la forza per sostenere questo golgota infinito, questo calvario assurdo, che fa maledire ogni giorno di più, il giorno in cui si è nati in un paese senza giustizia forte e certa, equa e scrupolosa, equilibrata e serena, ma soprattutto, veloce e tempestiva.

Questa è la sfida del presente.

Non raccoglierla, significa non costruire il futuro, significa cacciare dal paese le migliori menti, le migliori gambe, le migliori braccia, in fuga precipitosa ed in cerca di un futuro che qui, non c’è.

Gustavo Gesualdo

alias

Il Cittadino X