Archive del 12 febbraio 2010

Reminiscenze – Serate romane

venerdì, 12 febbraio 2010

mercoledì, 6 giugno 2007
John va a cena da Silvio.

Ciao John, come va?
Bene Silvio, caro amico mio, bene. Buona questa … come la chiamate? Mortatela?

Mortadella, John, mortadella, è fatta con la carne di maiale, quella vietata ai musulmani.

Oh, che gente. Non sanno quello che si perdono: è buonissima!

Hai mica visto o sentiito Romano, oggi, John?

Chi? Cosa?

Er mortadella, John, il mortadella.

Buona quella Silvio, buona.

Sì, va beh.

Dicevo il faccia di mortadella …

Chi?

Oh, sì, va beh, vah.

Vuoi assaggiare il prosciutto, John?

Come è fatto il prosciutto, Silvio?

Con il porco John, come la mortadella.

Ah, adesso ho capito, Silvio!

Il porco …

Veramente parlavo della mortadella …

Contempraneamente, nella stessa città in un altro luogo …

Vincenzo, te l’avevo detto di andarci piano, li hai fatti incazzare!

Oh, Romano, quelli avevano il fiato sul collo di Massimo. Se arrivano a lui, per noi c’è l’esilio, magari in Tunisia, come è successo a Bettino.

Massimo, cosa c’entra Massimo adesso.

Sai, quelle inchieste … Quella società off shore …

Porco mondo! Ma come hanno fatto a …

Eh, come hanno fatto … non lo sai il detto?

No, quale?

Scherza con i santi, ma lascia in pace i fanti?

I fanti, ma quali fanti?

Quelli della Finanza, Romano, quelli della Finanza …

Porco …

Il cittadino X

Per non dimenticare il caso Visco-Speciale, per non dimenticare le storture di una casta che si spera, sia morta e sepolta.

Reminiscenze – Incubi ricorrenti

venerdì, 12 febbraio 2010

martedì, 23 ottobre 2007
Incubi ricorrenti

Caro Mastella, io sottoscritto, Romano Prodi, presidente del consiglio dei ministri italiano, ti rinnovo la mia fiducia per il delicato incarico di ministro della giustizia che svolgi per mia delega, nel mio governo, nonostante tu, abbia intenzionalmente fermato il magistrato che indaga su di me e compromesso seriamente le indagini che mi vedono indagato.

Senza parole …

Il cittadino X

Gustavo Gesualdo

Scritto nel momento storico nel quale il premier Prodi confermava la propria fiducia e quella del governo da lui guidato al guardasigilli Mastella, responsabile dell’insabbiamento e di un contrasto acerrimo e violento alle indagini della magistratura che vedevano coinvolto Romano Prodi.
Con la sepoltura delle indagini Why Not e Poseidon, spariscono anhe i motivi di tale coinvolgimento.
Non sapremo mai la verità su questi inquietanti episodi, su questi incubi ricorrenti.